Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 16-02-2008, 18.59.46   #31
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Satori o stato di grazia

Citazione:
Originalmente inviato da Mary
E puoi farlo solo in prima persona. Non ha senso leggerlo, sentirne parlare. Occorre bagnarsi, tuffarsi, lottare e arrendersi.
Concordo: tutto è esperienza che "arriva"..
però ,osservo come a volte,una parola,una frase che indica..
può essere l'Inizio..
ma di sicuro perchè è arrivato il Momento,
così smettiamo di lottare e ci arrendiamo.. a "quel Momento"..
Noor is offline  
Vecchio 17-02-2008, 09.54.39   #32
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Satori o stato di grazia

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Concordo: tutto è esperienza che "arriva"..
però ,osservo come a volte,una parola,una frase che indica..
può essere l'Inizio..
ma di sicuro perchè è arrivato il Momento,
così smettiamo di lottare e ci arrendiamo.. a "quel Momento"..


Certamente. A volte una frase, un pensiero, una voce, una sensazione, una indicazione sono simili ad una immensa distesa d'acqua davanti a noi.

Tu vedi la distesa d'acqua, ne senti il mormorio o l'urlo tempestoso, ma qualcosa ti separa. Una barriera possente o infinitesimale ma resta una barriera. Puoi pensare, immaginare, credere, sperare puoi fare tutto quello che vuoi.
Puoi fantasticare, puoi giocarci per quanto vuoi ma nulla è fino a quando tu non entri in acqua, fino a quando tu non ne fai la diretta esperienza. E allora non c'è fantasia, immaginazione, discussione che regga.

Posso descriverti quel che io provo lasciandomi sostenere "un corpo immerso in un liquido riceve una spinta dal basso verso l'alto pari al peso del volume del liquido spostato" dal liquido in cui sono immersa.

Tu puoi immaginarlo, possiamo anche discutere del teorema di Archimede
possiamo fare una infinità di cose, ma nel momento in cui tu entri in acqua insieme a me non abbiamo più bisogno di parole: sappiamo quel che non si può descrivere con le parole.

Tutto questo nostro scrivere, leggere, discutere, animarci, sostenerci non è altro che un parlare del mare pur restando da qualche altra parte, sulla cima di una montagna, in fondo ad un burrone, nelle viscere di una caverna, su di uno scoglio, persino sulla sabbia. Con lo scopo che qualcuno prima o poi entri in acqua e impari a nuotare e poi si lasci andare alla corrente.

E quando impari nuotare vorresti che tutti imparassero a farlo, ma non puoi spingerli a gettarsi in acqua con il rischio di farli affogare. Devi cercare di descrivere con parole quel che è indescrivibile affinchè qualcuno vincendo paura e pigrizia si avvicini alla spiaggia e accarezzi una piccolissima onda.

Con la consapevolezza che tu non hai che sfiorato gli abissi insondabili, e che tu stessa conosci un niente dell'oceano che hai sfiorato.
Ho parlato come se fossi io quella che spinge a gettarsi in acqua ma ci sono tanti e tanti altri che sanno nuotare meglio di me, io sto solo a galla .

Per dire che chi è andato in avanscoperta incita gli altri a seguirlo ma non può prenderli in spalla e fare il cammino al loro posto. Non avrebbe senso.

Come non ha senso farsi portare con un elicottero sulla cima di una montagna
Sulla cima ci si arriva con una scalata e con tutti i rischi che comporta l'arrampicata.
Mary is offline  
Vecchio 17-02-2008, 11.15.44   #33
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Satori o stato di grazia

Citazione:
Originalmente inviato da Mary
Devi cercare di descrivere con parole quel che è indescrivibile affinchè qualcuno vincendo paura e pigrizia si avvicini alla spiaggia e accarezzi una piccolissima onda.
Sì...ed è come descrivere un'inversione di rotta..non è semplice per la mente comprenderlo (perchè non si fida e non gli piace accettare l'Ignoto che non capisce)
Perchè è una nuova Modalità che sconosciamo, perchè certe paure l'hanno rimossa (anche se in fondo la conosciamo da sempre..)confondendola ,appannandola con la pigrizia..
Ma un giorni osi..e "assaggi" l'acqua col piedino e poi ti lasci andare..
e lasci pure il salvagente..capisci che non ti serve più..
neanche il saper nuotare
e andando giù scopri che non è diverso che risalir su..
è sempre la stessa Corrente..
E ci fidiamo perchè sappiamo che è l'unica..
E' quella giusta..
Noor is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it