Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 14-02-2004, 09.38.18   #1
CHIARA
Navigatrice saltuaria...
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 99
Chi mi aiuta?

Ciao a tutti, volevo chiedere un vostro parere e –se le cose stanno come mi è stato detto- anche il vostro aiuto.
In genere sono una persona che AMA la pace, ama stare con gli altri ma stare “in serenità” con gli altri e cerco sempre di lasciar stare per non litigare perché penso che dietro il comportamento di una persona, c’è sempre un valido motivo (giusto o sbagliato che sia).

Ora, quello che vi chiedo riguarda una discussione alla quale ho partecipato e in cui sono stata accusata di trattare un’altra persona come una subalterna. Di sotto vi allego il mio intervento e l’altro e vi chiedo di dirmi se anche secondo voi ho avuto questo comportamento (ovviamente non era mia intenzione trattare la tale persona da subalterna. Credo di essere rispettosa verso gli altri). Vorrei saperlo con tutta onestà, non abbiate paura di ferirmi, ma al tempo stesso vi chiedo di spiegarmi bene la vostra opinione.

Se davvero –senza volere- ho trattato un’altra persona da subalterna… mi sembra una cosa davvero grave per me, per me che odio atteggiarmi da quella che sta sul piedistallo e fa la maestrina (al di fuori del contesto scolastico)! Ma se l’ho fatto senza accorgermene… sono irrecuperabile! Cioè, se non mi accorgo nemmeno dei miei errori e comportamenti…
Va beh, tutti i miei auto-rimproveri ve li risparmio. Però è davvero importante sapere cosa ne pensate e se mi date un mano.
Grazie a tutti!




MIO
Xxx… allora non sono stata l’unica ad avere la sensazione che “ce l’avessi col mondo intero”!?! (A proposito, come mai non mi hai risposto?)
Mi è sembrato che tu fossi un po’ acida (da come rispondi ai messaggi) e che –come dice xxx- tu abbia un “desiderio di vendetta o ferire chi hai di fronte”…
Certo questo non fa piacere a nessuno… (lo avrai constatato da te!)

Penso che se una persona è “arrabbiata col mondo intero”, forse qualcuno del mondo gli ha fatto del male… e adesso tenta di vendicarsi…
Leggendo le tue risposte, i toni che usi, i modi, le espressioni, ecc. mi sono fatta questa idea di te (sta a te dirmi se mi sono sbagliata o se mi sono avvicinata…)
Sai, quando i miei alunni (sono dei ragazzini) si arrabbiano/si sfogano/picchiano… ho imparato che l’unica cosa sensata che posso fare in quel momento è ABBRACCIARLI, fargli sentire il mio affetto, il mio calore e prendere su di me la loro rabbia. Questa è una cosa che riesce a calmarli…
Mando anche a te un abbraccio caloroso!
A presto,
Chiara*

PS: Quando scrivevo che non c’è niente di male se uno non risponde esattamente al tema che hai proposto, intendevo dire che ci sono persone che magari vogliono solo fare la tua conoscenza e non prenderti in giro o farti irritare o altro. Pensaci…



SUO
CHIARA, l'ho già detto a xxx, poi a xxx, ma sembra che a te il messaggio non sia passato, quindi cercherò di essere anche io più chiara, una volta per tutto: lascia perdere l'atteggiamento materno!
Una donna arrabbiata non è per forza un'idiota in cerca di affetto, una donna arrabbiata può essere arrabbiata quanto lo può essere un uomo, una donna arrabbiata può avere i suoi validi motivi per esserlo, una donna arrabbiata può arrabbiarsi ancora di più quando non viene prese in considerazioni la vera ragione del suo comportamento e si cerca di ridurre il tutto a infantilismo...
A parte il fatto che mi piacerebbe conoscere il vero motivo per il quale tu ti senti nel diritto di trattarmi come una subalterna, vorrei sapere se tu pensi di trovare une soluzione per tutti problemi del mondo con l'affetto, se questo di dà un senso di soddisfazione e di sicurezza.
Penso che le donne usino troppo spesso il loro istinto materno come un'arma a doppio taglio. L'ho già detto un'altra volta in un altro posto anche se in un altro modo: Coccoliamo il più possibile i nostri figli, ma con gli adulti usiamo il rispetto.
CHIARA is offline  
Vecchio 14-02-2004, 09.41.39   #2
Il Re
Ospite abituale
 
L'avatar di Il Re
 
Data registrazione: 29-01-2004
Messaggi: 120
Dante

Cara Chiara, è un falso problema...
come disse un tempo il mio collega l'Alighieri.......
non ti curar di loro, ma guarda e passa.......
tranqui.....
Il Re is offline  
Vecchio 14-02-2004, 09.42.01   #3
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Dolce Chiara, per quanto possiamo avere idee dissimili se non in completa antitesi, rispetto il tuo pensiero ed ammiro la tua buona volontà. Sei una persona pacifica che non ha fatto nulla di errato, il tuo intervento non è per nulla offensivo, anzi, hai teso una mano che è stata rifutata... non sentirti in colpa di nulla. Prosegui sulla tua via partecipando come hai sempre fatto e come tutti noi stiamo provando a fare...
un abbraccio
deirdre is offline  
Vecchio 14-02-2004, 14.20.05   #4
Cli
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-02-2004
Messaggi: 44
Chiara, stai facendo la domanda giusta alle persone sbagliate.
Provaci tu a rispondere, sono certa che non troverai da altri una risposta migliore, un interlocutore più in gamba.
Cli is offline  
Vecchio 14-02-2004, 20.27.30   #5
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Smile .

Non ho avvertito nessuna 'superiorità'. Forse l'altro/a l'ha letta così perché hai tirato in ballo la 'maestra' e per di più 'affettuosamente insegnante', cioè una che sa, anche se con le buone, amministrare i suoi 'allievi' (=subalterni ; forse è questo paragone che ha fatto l'altra persona, forse toccata nel vissuto dal modo in cui hai esposto le cose).
Sté-detonator is offline  
Vecchio 14-02-2004, 20.41.48   #6
dana
Ospite abituale
 
L'avatar di dana
 
Data registrazione: 18-10-2003
Messaggi: 0
Ciao Chiara, stai tranquilla: anch'io non ho avvertito nessuna superiorità nelle tue parole.
Tra l'altro è bellissima l'immagine dell'insegnante che abbraccia i ragazzini arrabbiati per farli calmare.

Forse la frase che ha dato fastidio è stata "a proposito come mai non mi hai risposto?" Volendo cercare il pelo nell'uovo, l'altra persona potrebbe aver avuto mille motivi o problemi per non farlo, del resto nessuno è obbligato a rispondere, magari non può o non vuole. Ma non so se sia questo.

Si sente che sei una persona che ama la pace, perciò stai tranquilla.

dana is offline  
Vecchio 14-02-2004, 23.41.45   #7
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Stai tranquilla, non è colpa tua. Avevi buone intenzioni, ma non sempre le buone intenzioni sono riconosciute ed accolte. E soprattutto cerca di non prendertela. Non ne vale la pena, Chiara.

ciao

Fragola is offline  
Vecchio 15-02-2004, 00.49.50   #8
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
Sai Chiara non sempre il fatto che l'altro ci comprenda o meno dipende da come esponiamo noi, ma anche da come recepisce lui.
E quando le persone sono molto arrabbiate o insoddisfatte capita che prendano come accuse cose che proprio non lo sono.
Lascia perdere...
non ti far venire problemi inutili: quello che desideravi esprimere l'hai espresso.
non ti arrabbiare con l'altra persona perchè di solito chi reagisce così lo fa perchè da qualche parte ha una ferita che brucia.

Hai fatto quello che potevi fare... non basta che tu abbia voglia di farlo o che usi le parole giuste... è necessario che l'altra persona abbia voglia di recepire.


rodi is offline  
Vecchio 15-02-2004, 19.24.31   #9
CHIARA
Navigatrice saltuaria...
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 99
Ciao a tutti...

e davvero grazie a tutti!

Avevo bisogno di sapere se veramente -senza volere- avevo fatto una cosa sbagliata. Sembrerebbe di no...
Vorrei precisare che non me la sono presa nè mi sono arrabbiata, solo ho cercato di mettermi in discussione perchè mi è già successo -su questo sito- di venire fraintesa. Allora mi sono chiesta se mi esprimo in modo sbagliato...

Ho chiesto anche ad altri amici -al di fuori del forum- di darmi il loro parere, che -fortunatamente- concorda con il vostro.
L'unico dubbio me lo ha fatto venire in mente Dana: forse non ho capito quali miei parole abbiano fatto sentire l'altro un subalterno...

Per questo vorrei chiedergli se me lo spiega...
Grazie.Chiara*
CHIARA is offline  
Vecchio 15-02-2004, 20.39.25   #10
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Smile Palestra o trincea ?

x Chiara

Forse andrò controcorrente, ma questo "buonismo" mi sembra esagerato.
Sono daccordo per il rispetto sostanziale della "netiquette", del rispetto dei pareri altrui, ma sentirsi offesi, messi in discussione per qualche contraddittorio, forse, sopra le righe, non mi sembra così grave, per minare la propria autostima, o la considerazione di sé e degli altri, soprattutto in un forum di spiritualità.
Per me, mettersi in discussione, esporsi al gioco degli smascheramenti benevoli o provocatori, penso sia il requisito preliminare per cominciare un serio discorso di autoconoscenza. E' l' ABC della spiritualità, intesa come percorso di crescita, e non come mero scambio di opinioni intorno a certi temi, cosiddetti spirituali.
In fondo, aldilà di certe schermaglie e dispute, io non ho mai percepito del malanimo. Tutto mi pare nell'ordine delle cose.
Questo forum potrebbe essere vissuto come una "palestra", per vedere e misurare il nostro grado di identificazione, rispetto al fittizio personaggio che riteniamo di essere. Un buon specchio.
Certo, la base deve essere un sufficiente grado di fiducia nei confronti del nostro prossimo, indipendentemente dal modo con cui si confronta e rapporta con noi.
Da parte mia preferisco, piuttosto, subire attacchi "forti" che indifferenza, essere snobbato.
In ogni caso ringrazio l'interlocutore, perché mi ha offerto l'opportunità di vedere cosa succede in me quando subisco certi "trattamenti".
Anche qusto mi aiuta a scoprire dei lati del mio carattere, che altrimenti resterebbero inconsci.
Va detto che questo resta un mio modo di vivermi le cose, che rispetta, comunque, la tua sensibiltà, la tua diversità di percezione e considerazione.

Mirror is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it