Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 26-05-2002, 11.56.29   #1
Luca
Ospite abituale
 
L'avatar di Luca
 
Data registrazione: 24-05-2002
Messaggi: 71
???

Volevo fare una domanda. Secondo voi se esisstesse veramente in questo momento una guida spirituale illuminata cosa potrebbe fare per aiutare il mondo e far aumentare il livello di consapevolezza delle persone? Parlare? Trasmettere una disciplina molto evoluta? Guarire persone malate? Fare miracoli strabilianti? Grazie in anticipo per le vostre risposte
Ciao
Luca is offline  
Vecchio 26-05-2002, 12.41.46   #2
Pie'oh'pah
 
Messaggi: n/a
Assolutamente no, secondo me è assurdo e anche un po' stupido sperare e credere che arrivi una persona illuminata che si faccia il c.ulo da sola per salvare il nostro...

Troppo comodo e troppo ipocrita...e se invece ci proviamo un po' tutti a diventare degli illuminati senza aspettare che ci arrivi la pappa pronta dall'alto? Di strade ce ne sono tante, le regole più o meno sono le stesse, basta sceglierne una e partire...no?


Pie
 
Vecchio 26-05-2002, 15.35.52   #3
uto
Ospite
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 4
INFATTI

ASSOLUTAMENTE DACCORDO CON PIE'.
SIAMO NOI GLI ELETTI A CAMBIARE TUTTO IL MARCIO CHE A NOI NON VA.
COMINCIAMO SUBITO, MAGARI CON DEL VOLOMNTARIATO,O FORSE SEMPLICEMENTE RISPETTANDO LE IDEE ALTRUI, E CON TANTO AMORE.
retorico, banale, smielato ma vero.
U
T
O
uto is offline  
Vecchio 26-05-2002, 19.58.58   #4
Morfeo
 
Messaggi: n/a
Uto... del volontariato?

Per aiutare gli altri? Oki questo va bene...

Ma chi aiuta noi?

Molti se la tirano col fatto del volontariato, a volte è un modo come un altro per tenere la coscienza pulita...

Un po' come la confessione ai pretacci...

Anche i ricchi annoiati ogni tanto vanno a fare volontariato...

Per non parlare della beneficenza...

Da dentro si deve partire il resto verrà da solo come effetto collaterale.
 
Vecchio 26-05-2002, 23.14.27   #5
mario
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 11-05-2002
Messaggi: 1
la differenza fra carità e solidarietà

La questione , Morfeo, sta nella differenza fra solidarietà ( che è quella che deve spingerci al fare, al costruire) e carità che è un lavaggio della coscienza.

Siamo noi gli illuminati, sono convinto anch'io che sia così... non possiamo nasconderci dietro la necessità di un leader. Che ognuno sia leader di se stesso, gli altri seguiranno...

Cia Mario:o
mario is offline  
Vecchio 27-05-2002, 00.00.36   #6
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Accidenti! Immagino già il gran casino che ne verrà fuori
visechi is offline  
Vecchio 27-05-2002, 00.42.30   #7
Luca
Ospite abituale
 
L'avatar di Luca
 
Data registrazione: 24-05-2002
Messaggi: 71
Si sono convinto anch'io che comunque ognuno deve farsi la sua strada e purtroppo una bella faticaccia per arrivare dove vuole. Pero', pensavo (si lo so, sembra strano ma anch'io ogni tanto penso) una persona che dopo essersi fatta un c..o cosi' e magari gia' di per se nata con doti particolari, arriva ad una meta cosi' alta, non puo' che aiutare gli altri ad arrivarci; penso sia una cosa ovvia. Io in prima persona se scopro una cosa meravigliosa, che fa benissimo, e che puo' rendere felici, cerco subito di condividerla con tutti i miei amici istintivamente e penso che sia piu' o meno la stessa cosa. Il punto e', in che modo? Io penso che parlando non si possa risolvere un tubo, forse attraverso una disciplina, anche non particolarmente dura ma molto efficace e soprattutto che possano sperimentare in molti? Non trovate? Be forse sto' dicendo delle eresie ma secondo me se esistesse non sarebbe come tutti possono pensare una persona che guidandoti ti toglie la possibilita' di fare quello che desideri; anzi secondo me e' proprio l'opposto, una persona che attraverso la piu' assoluta liberta' di espressione cerca di tirare fuori il megglio di una persona. Non pensate?
Volevo ringraziarvi per le risposte, a presto.

Luca is offline  
Vecchio 27-05-2002, 00.51.23   #8
Morfeo
 
Messaggi: n/a
Mario io la intendevo in un altro modo, ma fa niente...

Luca quello che dici esiste da SEMPRE in oriente, dove il maestro è una persona che ti fa tirare fuori quello che hai dentro, in occidente invece si è messa la religione a rompere il caz.zo a tutti noi e finché non decidono che è ora di tirar fuori i cosidetti c'è poco da fare per la massa...

La disciplina sarebbe parte integrante della vita di ognuno...

In occidente si parla a ragione di religioni, mentre per l'oriente non si può parlare di religioni ma di filosofie di vita, solo gli ignoranti le chiamano religioni...


Ma sono parole le mie e non so quanto potere abbiano...
 
Vecchio 27-05-2002, 01.02.55   #9
Luca
Ospite abituale
 
L'avatar di Luca
 
Data registrazione: 24-05-2002
Messaggi: 71
Si be poi esiste molta confusione sull'oriente. Pensa che ci sono persone, io penso anche molte, e soprattuttto molti cattolici, che vedono le varie filosofie orientali come dei pazzi che parlano di fantasie che impongono alle donne il burca e dicono di ammazzare o sette che compiono sacrifici! La confusione piu' totale (forse anche ignoranza). Io sono insegnante di yoga e lo so per esperienza. Cmq sia io sono portato a vedere qualsiasi religione come qualsiasi filosofia dannosa all'uomo; penso che solo una disciplina pura come puo' essere lo yoga depurato da tutto quello che ci hanno messo sopra (filosofie, vegetarianesimo, pensieri filosofici,religioni, ecc.) solo come pratica e tecnica possa servire veramente. Poi ognuno fa la sua strada. Non credi?

Ultima modifica di Luca : 27-05-2002 alle ore 01.07.12.
Luca is offline  
Vecchio 28-05-2002, 10.02.34   #10
kayten
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-05-2002
Messaggi: 57
secondo il mio pensiero

Mi riaggancio a cio' che ha scritto Luca ossia :"se io venissi a conoscenza di qualcosa di meraviglioso vorrei condividerlo con gli altri....". negli anni di insegnamento ho potuto notare alcune cose
basilari. Se una persona sta male dentro di se e gli offri un aiuto, ti scambia per una zattera nell' oceano e pretende che tu faccia le cose per lei. Altro caso,quando una persona (che aveva sempre dei problemi) inizia a stare meglio, non rafforza questo benessere ma parte a tutta velocita' a scassarsi la testa da qualche altra parte,Togliere il tutto e' subito e' il problema!! non esiste piu' la maturazione, il lavoro ossia, esiste per pochi,e' estremamente difficile che una persona possa cambiare malgrado l' aiuto ricevuto,nel nostro linguaggio diciamo:"quella persona reca dei segni" il che vuol dire che malgrado l' impegno e buona volonta'
dovrai lasciare che percorra la sua propria strada anche se porta allo sfascio,poiche' non non otterrai nulla, anzi! il contrario.
Come agire quindi?, noi agiamo come le ombre,aiutando il prossimo da fantasmi e mai in prima persona,cerchiamo di farlo ragionare di portarlo alla conoscenza di se stesso,non sara' molto,ma si fara' e fara' meno male di prima.Ma l' errore piu' grosso a mio avviso e' pretendere di riuscire a cambiare subito le cose, il miracolato correrebbe ancora piu' veloce verso un quasi certo sfacelo.
ciao a tutti!
Adr
kayten is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it