Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 26-03-2006, 17.48.29   #1
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
Mutus Liber




http://www.esonet.org/pinacoteca/Alc...iber/index.htm
La_viandante is offline  
Vecchio 27-03-2006, 11.09.58   #2
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Bellissimo il libro muto.
Direi che si potrebbe seguire tavola per tavola, partendo dalla prima: il Sogno di Giacobbe.
Tutta la mia ricerca inizio' con un sogno molto simile.



"Ed ecco una scala rizzata in terra, la cui cima giungeva al cielo; e gli angioli di Dio salivano e scendevano per essa. Ed ecco il Signore si presentava a lui e diceva: .....Io sono teco, e ti guarderò dovunque tu andrai, e ti ricondurrò in questo paese..."




Yam is offline  
Vecchio 27-03-2006, 11.20.28   #3
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
osservandoli tutti ( è la prima volta che le vedo)
mi pare che la prima rimandi al
"rendere l'alto come il basso e viceversa"
la terza mostra bene invece come
"l'infinitamente grande sia identico all'infinitamente piccolo" (e viene mostrato anche nelle successive figure metaforicamente)
poi un paio mostrano "l'unione degli apparenti opposti"
(quello con sole e luna laterali)

ciao
turaz is offline  
Vecchio 27-03-2006, 11.31.12   #4
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
A me colpiscono i rami di rose, il nodo che lega i due rami, il sonno di Giacobbe che poggia le guance su una pietra, la scala (quanti pioli ha?) le trombe....
Yam is offline  
Vecchio 27-03-2006, 11.43.40   #5
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
pioli?
così senza sapere ti direi 22...(lettere ebraiche)...
rose ne vedo due una che rappresenta il buio (quella rovesciata), una la luce.
Il "nodo" significa per me l'"unione degli opposti".
cmq la "rosa" secondo la kabbalah... è aleph...(io sono l'alfa e l'omega)

le "trombe" così osservando mi da l'idea rappresentino la "voce" angelica (tra l'altro l'uomo raffigurato dorme)

Ultima modifica di turaz : 27-03-2006 alle ore 11.47.36.
turaz is offline  
Vecchio 27-03-2006, 12.22.32   #6
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Interessante davvero. Rilevo quanto sia facile dedurre da un’immagine un significato, uno qualsiasi, e renderlo omologo o coincidente con uno scritto, uno qualsiasi. E’ già semplice prodursi in questo gioco d’ermeneutica quando ci si confronta con le parole, ma allorquando si tratta di un’immagine, l’artificio è reso ancor più agevole.

Ho osservato la figura, la prima, e ne ho tratto le seguenti interpretazioni:
<si tratta del sogno di un viandante che, stanco, riposa accostato ad una roccia. Il sogno rappresenta un suo pio desiderio – è l’inconscio che agisce -, egli brama un ristoro che allevi la sua vita, il suo incedere sugli erti sentieri dell’esistere. I vestiti lisi del viandante tradiscono il peso del suo vivere, del suo eterno camminare, e in quest’attimo di riposo, che non è solo del corpo, ma anche dell’anima, egli dà corpo – surreale – alla sua brama di ascensione, di leggerezza che lo sgravino dal fardello che chiunque viva si trascina appresso. S’intuisce così che la sua ‘corsa’ verso una qualsiasi meta – la sua meta – è stata sempre vana, tanto che solo il sonno e il sogno lo proiettano in una nuova dimensione. Ma il gioco è crudele, perché nell’immagine non s’intravede quel Dio cui egli aspira, anche in quest’idilliaca dimensione Egli non mostra il proprio volto, affidando agli ‘angioli di Dio’, che paiono discendere la scala, il compito di trasmettere un messaggio raffigurato dalle trombe: svegliati, smetti di sognare, riprendi il tuo inesausto cammino, non vi è meta da raggiungere, Dio non si mostra neppure in sogno, di fronte a te, davanti ai tuoi occhi si dischiude un orizzonte terreno, e vi è ancora tanta strada da percorrere. Le trombe sono lo strumento che annunciano il messaggio, e gli angeli, seppur surreali, i messaggeri della sua coscienza che, ancorché assopita, pescando nel profondo intimo del viandante, segnala a questi l’inganno di una vita. I due rami di rose che nel basso sono uniti in un nodo – nel basso non a caso – raffigurano l’inscindibile legame esistente fra gravame della vita e illusione d’ascensione>.

<si tratta sempre di un viandante, stavolta giunto alla conclusione della sua vita. Solo in questo momento, cioè alla fine, le sue brame, i suoi desideri e la sua fede in una meta conseguibile, prendono corpo in una dimensione eterea, e gli mostrano la scala che conduce là dove si può solo presumere o intuire giaccia o Regni colui che sulla terra è sempre stato miraggio. L’immagine può essere suddivisa in due corpi pittorici ben distinti, anche se confinanti e intrecciati fra loro: la Morte che si appropria del corpo del viandante, che pervade la terra e intride la Vita – tant’è che il viandante riposa esanime con il capo appoggiato alla dura roccia -, e il mondo del dopo, ancora una volta solo intuibile, giacché la figura verticale (la scala con gli ‘angioli di Dio’), non approda a qualcosa di ben definito in cui sia imperante il volto magnificante di Dio. Le trombe, da cui ci s’immagina scaturisca uno squillo, richiamano l’Anima del viandante, lo esortano ad intraprendere un ultimo viaggio, la cui meta è solo immaginata da chiunque osservi con attenzione la figura, senza pre-giudizi o pre-concetti. Dio non appare, mentre sono nitidi i suoi messaggeri angelici – quelli della dissoluzione completa della materia -. L’apice della scala appare poggiata su un mondo oscuro, immerso in un cielo buio, appena rischiarato da astri comunque sempre ben visibili anche dalla terra. Un mondo ancor più oscuro di quello sottostante, come a significare che il mondo del ‘poi’ sarà ancor meno definito e più occulto di quello del ‘prima’, senza Lumi. La scala introduce in una dimensione di oblio, di dimenticanza, e la scala, i cui laterali appaiono convergenti, quindi via via che si sale, sempre più stretti – fatto ascrivibile, sì al gioco di prospettive, ma probabilmente più che altro alla necessità simbolica di indurre la sensazione di un progressivo vanire e venir meno della possibilità di ascensione che sia, nell’epilogo, approdo alla visione di Dio -, è così indicatrice di una perdita di consistenza della Speranza e della promessa escatologica insita nel messaggio di Gesù Cristo. L’intera immagine sembra quasi indicare che dopo la Morte, vi è anche il progressivo (progressione rappresentata dai pioli della scala) vanire della promessa soteriologia che sfocia in una dimensione surreale sempre più oscura, ove le uniche luci sono rappresentate dagli astri ben visibili in vita anche dalla terra>.

Ciao, sempre disponibile a produrmi in altre variopinte interpretazioni.
visechi is offline  
Vecchio 27-03-2006, 12.33.33   #7
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
anzi ora che li riguardo anche più di 22 (considerando quelli nascosti da figure)
turaz is offline  
Vecchio 27-03-2006, 12.37.40   #8
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da turaz
anzi ora che li riguardo anche più di 22 (considerando quelli nascosti da figure)

Sai che hai ragione, di visibili ce ne sono 12, ma contando quelli nascosti sembrano essere 22.
Yam is offline  
Vecchio 27-03-2006, 12.44.41   #9
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
poi se guardi un angelo sale uno scende.
ciò potrebbe significare l"incontro" a metà strada tra dio che si avvicina e l'IO che risale sino al punto di DAAT.
il "nodo" da sciogliere (intreccio in basso) per me significa "unione degli opposti" in malkuth (rappresentato bene dalle due rose una capovolta )
la rosa è aleph in kabbalah (alfa e omega) e mostra molto bene l'apparente contraddizione tra le spine del gambo e la bellezza del fiore (che tra l'altro ha molti petali intersecati molto bene uno dentro l'altro)
"la via dell'IO è lastricata di spine"...

per me il messaggio di questo dipinto è
"rendere l'alto come il basso e viceversa" (vangelo di tommaso)
cmq quello che scrivo è solo frutto di mia interpretazione (pertanto può essere errato)

ciao

Ultima modifica di turaz : 27-03-2006 alle ore 12.47.06.
turaz is offline  
Vecchio 27-03-2006, 13.00.11   #10
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Direi che anche io ci ho visto il canale centrale e i due laterali, cioe' la stessa struttura dell'Albero delle Sephiroth e delle Nadi (canali) Ida, Pingala e Sukshuma dello Yoga del corpo sottile.
Effettivamente concorda con cio' che hai detto, la visione tantrica.
Il fuoco di Chandali (Kundalini) scalda in alto......e dall'alto qualcosa inizia a sciogliersi e a gocciolare in basso alimentando il fuoco....
Pero' Turaz dovremmo cercare di essere piu' con i piedi per terra, aspettiamo qualche alchimista e vediamo cosa dice.
Yam is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it