Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 11-02-2003, 15.24.58   #1
chievo
Ospite abituale
 
L'avatar di chievo
 
Data registrazione: 05-02-2003
Messaggi: 53
La mancanza di bene è male ?

Forse sarà banale, forse l' avrete già chiarito, ma potete spiegarmi se è giusto ... la mancanza di bene è il male.
Se è esatto perche' Dio lo permette, perchè permette che ci tanta sofferenza !!!
chievo is offline  
Vecchio 11-02-2003, 15.44.11   #2
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Bah,penso che Dio,se esiste(aah...devo ancora abituarmi,sento ancora i retaggi di quando ero nichilista convinto)sia comunque qualcosa di scollegato da questa Terra.Dio è il bene,è la luce dentro di noi...è la speranza che dissipa le tenebre,è la fiducia...
e se non ci fosse il male,e tutto fosse luce,non ci sarebbe bisogno di speranza,e quindi tanto meno di Dio...e comunque l'uomo non sarebbe libero di scegliere da che parte stare,se con le tenebre o con la luce...Dio è la parte buona dell'animo umano che affiora e che contrasta l'aridità e il male di questo mondo...e,guarda,c'è proprio bisogno di positività...senza di quella non si può concludere nulla di buono...
sisrahtac is offline  
Vecchio 11-02-2003, 15.53.50   #3
chievo
Ospite abituale
 
L'avatar di chievo
 
Data registrazione: 05-02-2003
Messaggi: 53
e come si puo' passare da uno stato di depressione in cui tutto è nero, tutto è inutile, ad uno stato mentale in cui si riesca a trovare ancora uno scopo nella vita, il piacere di vivere ?
chievo is offline  
Vecchio 11-02-2003, 16.54.32   #4
neverforever
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 70
Come si fa a ritrovare uno scopo nella vita? come si fa ad uscire da uno stato depressivo? Credo che il primo ed importante passo sia VOLERLO. E di conseguenza, muovere i primi passi per aiutare se stessi, e cioè nn avere paura di chiedere un aiuto, cercare di nn chiudersi in casa e cmq cercare di mantenersi il + attivi possibile, ecc.
Tu parli di stato di depressione. Io nn so esattamente come ti senta tu in questo periodo. So solo che se ti accorgi che la tua volontà non è sufficiente x uscirne allora hai bisogno di farti aiutare.
Dopo ciò che accadde a G., mi informai molto sugli stati depressivi, che possono essere causati da shock e traumi soprattutto affettivi. Alcune persone poi sono anche + predisposte (se x esempio qualche familiare ne ha sofferto in passato).
In alcuni casi, questi stati depressivi possono trasformarsi in una vera e propria malattia, per sconfiggere la quale (E SCONFIGGERE SI PUO') spesso la propria volontà non è sufficiente.
Mi auguro nn sia il tuo caso, nn credo dato che cmq qualcosa x uscire da questo stato lo stai già facendo, scrivendoci di te.
Ma, ti ripeto, se dovessi renderti conto che da solo ti risulta quasi impossibile uscirne, non pensare che nn ci sia + nulla da fare, ma cerca l'aiuto di una persona competente.
Ti sono vicina,

neverforever is offline  
Vecchio 11-02-2003, 17.17.06   #5
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Ciao chievo !
È solo attraverso la sofferenza o il cosí detto male, che uno può crescere e diventare più umano. La facoltà della copassione è dunque prodotto della sofferenza sperimentata attraverso tantissime vite fisiche. In realtà la sofferenza è un bene.
È un "bene spiacevole".
Ciao.
Rolando is offline  
Vecchio 11-02-2003, 17.21.50   #6
neverforever
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 70
Un'altra cosa chievo: vedo che + di una volta hai accennato a Dio. Anch'io sono credente, e da credente ti rispondo che secondo me Dio, tra mille altri doni, ci ha donato il libero arbitrio, e cioè ci ha dato la possibilità di scegliere tra il bene e il male. Di scegliere tra l'amore e l'egoismo, tra coraggio e paura.
Ti racconto un po' la mia esperienza. In seguito a ciò che sai (scusa, pronunciare quella parola nn ci riesco..), mi allontanai molto da Dio, cominciai a disprezzare tutto ciò che mi era stato raccontato su di Lui da quando ero piccola, pensai anche che forse veramente la storia di Gesù era tutta una grande favola inventata dall'uomo x sopravvivere in una vita di sofferenza.
Arrivai al punto di pensare di voler morire, io.. che avevo sempre amato la vita, che ero sempre stata curiosa e un po' incosciente, io, che avevo sempre sentito dentro di me quella "beata incoscienza" descritta in un bel libro di Paolo Mosca.
E ho cominciato a chiudermi in casa, e il futuro x me era buio, e confuso, e ne avevo una gran paura. Quell'esperienza mi aveva strappata dalla mia vita tranquilla e spensierata e gettata nella vita.. che io ora definisco.. VERA. Ora so che la vita può cambiare da un momento all'altro, e che è vero.. le cose + belle, quelle che abbiamo tutti i giorni e che solo x questo nn apprezziamo veramente, non ci sono dovute solo xché le abbiamo sempre avute sino ad oggi, nulla ci è dovuto. Tutto ciò che abbiamo, ho poi compreso, sono doni di Dio, e sta a noi decidere se, e come, prendercene cura.
Una volta che ho iniziato a capire questo, e molte altre cose, mi sono detta "Stefy, ma nn capisci? è facile chiudersi in casa ed autocommiserarsi, e darsi mille colpe, e pensare di meritare di dover morire x i piccoli o grandi errori commessi! Tira fuori le palle e ributtati nella vita, che è la fuori ed aspetta che tu rischi ancora, che ancora una volta ti rimetti in discussione, che rischi ancora di soffrire e di far soffrire." In quei mesi, mesi di riflessioni e nn sai quanta tristezza dentro di me, mi accorgevo che nella mia vita qualcosa mi indicava la strada, piccoli segni, all'apparenza insignificanti, ma io volevo uscirne, e quei segni ti giuro me l'hanno indicata veramente la strada. Ho voluto riappropriarmi di quel mio amore per la vita, che altro non è che l'amore per Dio, ed anche amore per se stessi.
Io sento che, nonostante tu stia così male, in Dio ci credi ancora e nn ce l'hai veramente con Lui, come me nei mesi passati, in cui qualcosa, dentro di me, mi diceva che non era vero, che era troppo facile dare la colpa di tutto a Lui.
Rimani attaccato alla tua fede, o meglio.. se desideri staccartene ben venga anche questo: alle volte la nostra fede viene messa a dura prova nel corso della vita, ma se poi, una volta persa, la ritroviamo, non potrà che essere ancora + forte. Come noi.
Coraggio!

neverforever is offline  
Vecchio 11-02-2003, 17.44.13   #7
chievo
Ospite abituale
 
L'avatar di chievo
 
Data registrazione: 05-02-2003
Messaggi: 53
Smile

Grazie Stefy, i tuoi msg sanno sempre cogliere ciò che ho bisogno di sentirmi dire.... sono contento per Te che sei riuscita a venirne fuori bene !
chievo is offline  
Vecchio 12-02-2003, 02.32.01   #8
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
per Chievo

Difficile dare consigli senza sapere quale sia la causa della tua depressione , caro amico. Quello che posso dirti é che io oscillo continuamente tra attimi di depressione e di serenità, la gioia é qualcosa di frequente ma ... che si nota molto meno del dolore, e si ricorda meno facilmente.
Quando ci si sente depressi si ha assolutamente bisogno di aiuto. Inutile illudersi che si possa venir fuori dalla propria depressione senza prima rimuovere le cause che l'hanno generata. A questo serve l'aiuto.


Ciao...
Mistico is offline  
Vecchio 12-02-2003, 15.47.25   #9
falcorum
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-01-2003
Messaggi: 66
caro amico,

è una domanda a mio avviso tutt'altro che banale. Anzi in essa e nella sua risposta è deposta parte della vera causa per la quale esistiamo.
Avendo risposto in modo, penso, abbastanza esaustivo nel nuovo argomento da me aperto, ti invito a leggerlo e se ne avrai voglia a commentarlo insieme.
Un caro saluto,
falcorum
falcorum is offline  
Vecchio 12-02-2003, 17.16.58   #10
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Ciao Chievo, credo che male e bene coesistano, non vi può essere il primo se non vi è il secondo che ne conferma l'esistenza, sono due aspetti, io amo definirli, proiezioni di ciò che identifico con il termine Dio...
Eliminando uno dei due fattori, automaticamente perderebbe di significato anche il secondo.
Certo, mancando il bene nella vita di una persona.... mancherebbe una parte molto importante... ma ricordiamo che se non avessimo il nostro lato oscuro, non potremmo definirci esseri umani.
deirdre is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it