Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Storia
 Storia - Fatti e personaggi, passato e attualità.


Vecchio 13-12-2006, 14.38.47   #1
aurora
.
 
L'avatar di aurora
 
Data registrazione: 03-07-2006
Messaggi: 250
democrazia, regime obsoleto

io penso che ormai la democrazia abbia fatto il suo tempo.
La storia insegna che hanno sempre avuto ragione le minoranze e non le maggioranze (meditate gente meditate), marx, giovane italia, garibaldi, rivoluzionari, desaparicidos etc...
non sarebbe l'ora di trovare altre forme di governo?
questa democrazia e' un nome vuoto, e' marcia, il sistema non funziona,
dovrebbe nascere un altro rousseau , un marx, un keynes.....ma dove sono?
aurora is offline  
Vecchio 14-12-2006, 10.45.55   #2
Catone
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-01-2006
Messaggi: 193
Riferimento: democrazia, regime obsoleto

La risposta la copio da Massimo Fini (mai spaccerei per mie le conclusioni degli altri): la democrazia ha come unica qualità la quantità (il numero dei voti). Tutto comprende per tutto castrare e rendere inefficace. Più che un contenitore è un tritacarne: ci butti dentro una marea di idee che poi vengono triturate e gettate (la metafora è mia però ). Alla fine guardi dentro e non trovi nulla.
Ed è il regime giusto per un'economia e una morale basati su di un unico valore: il denaro! La cui unica qualità sta, per l'appunto, nella quantità.
Catone is offline  
Vecchio 14-12-2006, 13.36.01   #3
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: democrazia, regime obsoleto

Per avere una democrazia non basta la superiorità numerica. Democrazia significa, trovare con la dialettica la ragione e da quella ragione fare nascere la legge ed il diritto.

La ragione infatti è qualche cosa di oggettivo e non può essere presa con la forza, indipendentemente se questa forza è esercitata tramite la superiorità numerica, o tramite la superiorità delle proprie armi.

VanLag is offline  
Vecchio 14-12-2006, 14.28.52   #4
Catone
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-01-2006
Messaggi: 193
Riferimento: democrazia, regime obsoleto

La democrazia è un regime come gli altri: intollerante, fazioso, pronto a soffocare le forme di dissenso. A questo somma tutta una serie di difetti che, insieme all'ipocrisia che gli appartiene, la rendono nauseabonda.
La democrazia principale, gli USA, è armata fino ai denti e pronta a utilizzarle appena lo reputa necessario. E ha la pretesa di affermarsi in ogni luogo rendendo tutto uguale a sè e non riconoscendo legittimo ciò che va al di fuori di sè.
E per imporsi la democrazia ha sempre prodotto il suo buon numeo di morti. Basti pensare a quanti fascisti sono stati uccisi subito dopo la guerra. Una vendetta che nemmeno Hitler usò contro i suoi avversari dopo essersi insediato al potere.
Catone is offline  
Vecchio 14-12-2006, 15.43.41   #5
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: democrazia, regime obsoleto

Citazione:
Originalmente inviato da Catone
E per imporsi la democrazia ha sempre prodotto il suo buon numeo di morti. Basti pensare a quanti fascisti sono stati uccisi subito dopo la guerra. Una vendetta che nemmeno Hitler usò contro i suoi avversari dopo essersi insediato al potere.
Questi sono luoghi comuni e non verità storiche.
Se parliamo del nostro paese....la democrazia cristiana, che è subentrata al fascismo dopo la guerra, ha ripristinato la legalità e se ci sono stati casi di vendetta non sono certo da scriversi alla democrazia bensì a quelli, (magari anche tra i fascisti), che si erano visti uccidere figli, amici e parenti dalla barbarie fascista. D'altro canto vista la barbarie che hanno mostrato verso il dissenso, una volta perso il potere, i fascisti, non potevano aspettarsi mazzi di fiori e pacche sulle spalle. Non tutta la gente dimentica ed è disposta a perdonare.
Non dimentichiamo che i fascisti, se non eri d’accordo con le loro idee, venivano a prenderti a casa e ti imbottivano di olio di ricino e di botte. Non dimentichiamo che il fascismo ci ha trascinati in una guerra fallimentare e rovinosa, coprendo il nostro paese di sangue, di miseria e di morte. Non ha caso è stato dichiarato illegale.
Con la democrazia, almeno, ciascuno di noi può parlare liberamente, assentire o criticare, senza la paura di essere perseguitato per le sue idee.

La democrazia cristiana è degenerata soprattutto a causa di mancanza di riciclo della classe politica, in quanto, per paura del comunismo, in Italia, non c’è mai stata alternanza. Ma la democrazia cristiana all’inizio ha traghettato in modo egregio il paese fuori dalla crisi che la guerra aveva provocato e questo credo sia parte ormai assodata della nostra storia recente.

Ho il sospetto che la democrazia, non piaccia soprattutto ai clericali che vorrebbero un governo che imponesse le loro idee o le loro ideologie..... Ma se dovesse venire una dittatura non è detto che sia di quel segno.


Ultima modifica di VanLag : 14-12-2006 alle ore 16.11.11.
VanLag is offline  
Vecchio 15-12-2006, 08.08.58   #6
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: democrazia, regime obsoleto

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Questi sono luoghi comuni e non verità storiche.
Se parliamo del nostro paese....la democrazia cristiana, che è subentrata al fascismo dopo la guerra, ha ripristinato la legalità e se ci sono stati casi di vendetta non sono certo da scriversi alla democrazia bensì a quelli, (magari anche tra i fascisti), che si erano visti uccidere figli, amici e parenti dalla barbarie fascista. D'altro canto vista la barbarie che hanno mostrato verso il dissenso, una volta perso il potere, i fascisti, non potevano aspettarsi mazzi di fiori e pacche sulle spalle. Non tutta la gente dimentica ed è disposta a perdonare.
Non dimentichiamo che i fascisti, se non eri d’accordo con le loro idee, venivano a prenderti a casa e ti imbottivano di olio di ricino e di botte. Non dimentichiamo che il fascismo ci ha trascinati in una guerra fallimentare e rovinosa, coprendo il nostro paese di sangue, di miseria e di morte. Non ha caso è stato dichiarato illegale.
Con la democrazia, almeno, ciascuno di noi può parlare liberamente, assentire o criticare, senza la paura di essere perseguitato per le sue idee.

La democrazia cristiana è degenerata soprattutto a causa di mancanza di riciclo della classe politica, in quanto, per paura del comunismo, in Italia, non c’è mai stata alternanza. Ma la democrazia cristiana all’inizio ha traghettato in modo egregio il paese fuori dalla crisi che la guerra aveva provocato e questo credo sia parte ormai assodata della nostra storia recente.

Ho il sospetto che la democrazia, non piaccia soprattutto ai clericali che vorrebbero un governo che imponesse le loro idee o le loro ideologie..... Ma se dovesse venire una dittatura non è detto che sia di quel segno.


a mio avviso il nostro non e' mai stato un paese democratico,finita la guerra e' diventato semplicemente un paese a liberta condizionata,dagli stati uniti naturalmente che hanno appoggiato anche con il sangue(anni di piompo,stragi,attentati,sin da subito-vedi pure portella della ginestra,placido rizzotto...) i partiti moderati,in primis e per piu di 50 anni la democrazia cristiana..una legalita ripristinata col sangue..
acquario69 is offline  
Vecchio 15-12-2006, 09.43.21   #7
Catone
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-01-2006
Messaggi: 193
Riferimento: democrazia, regime obsoleto

Veramente non volevo entrare in una polemica di tipo spicciol. Forse i toni da me usati non hanno certo invitato alla discussione. Nè, soprattutto, voglio riabilitare gli avversari storici della democrazia: io ho idee di tipo premoderno.
Siccome riporterei riflessioni non mie, invito chiunque ne abbia voglia a leggersi il bellissimo panphlet di MAssimo Fini "Sudditi, il manifesto dell'antidemocrazia". Davvero illuminante sulla reale natura dei regimi democratici.
Catone is offline  
Vecchio 15-12-2006, 09.56.04   #8
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: democrazia, regime obsoleto

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
a mio avviso il nostro non e' mai stato un paese democratico,finita la guerra e' diventato semplicemente un paese a liberta condizionata,dagli stati uniti naturalmente che hanno appoggiato anche con il sangue(anni di piompo,stragi,attentati,sin da subito-vedi pure portella della ginestra,placido rizzotto...) i partiti moderati,in primis e per piu di 50 anni la democrazia cristiana..una legalita ripristinata col sangue..
Si c’è del vero in ciò che dici ed in effetti siamo molto, ma molto indietro rispetto ad altre democrazie europee.

L’America finché è durato il comunismo, cioè fino a Gorbaciov ed alla caduta del muro di Berlino, in nome dell’anti comunismo, ha applicato il detto che il “fine giustifica i mezzi” non fermandosi neppure davanti alla morte di innocenti, pur di non permettere al comunismo di conquistare le menti ed i cuori di altri popoli. Un po’ che quello che ora fa con l’Islam…. (Si vede che, per giustificare le schifezze che fa a livello planetario, trova funzionale indicare un nemico come “ecco il male” e poter dire di se stessi: - noi siamo il bene –)

Ma per tornare a noi, è anche vero che subito dopo la guerra gli animi erano profondamente accesi, perché nei decenni precedenti, non era esistito un dialogo tra le parti politiche. I comunisti erano dalla parte dei vincitori della guerra e dopo tanti anni di vessazioni e di soprusi da parte del fascismo si aspettavano qualche cosa, invece si vedevano esautorati dalle funzioni di potere e condannati a quel ruolo di opposizione che sarebbe durato mezzo secolo.

Il merito della democrazia cristiana è stato quello di non permettere che l’Italia si incendiasse gettando le basi del dialogo politico e parlamentare. Il suo demerito principale, invece è stato quello di condannare il paese ad una politica clericale, (io direi talebana), perdendo l’aggancio con le democrazie più mature.
Questo ultimo fatto, unito alla mancanza di alternanza spiega il degrado morale e culturale, che pervade il nostro paese.

Citazione:
Originalmente inviato da Catone
Veramente non volevo entrare in una polemica di tipo spicciol.
Nessuna polemica..... Ci si confronta ed ognuno esprime il suo pensiero.

VanLag is offline  
Vecchio 15-12-2006, 15.17.56   #9
aurora
.
 
L'avatar di aurora
 
Data registrazione: 03-07-2006
Messaggi: 250
Riferimento: democrazia, regime obsoleto

se posso dire la mia, io penso che la democrazia voglia dire rappresentanza ed alternanza. bene allora io penso che in italia non ci sia piu' democrazia ma oligarchia, sempre gli stessi , lontanissimi dalla classe media (maggioranza), tutti ormai miliardari, compresi i cosi'detti comunisti e che usano la legge come l'antica nobilta', per farsi le leggi a loro favore.
non c'è uno stato dove la democrazia funzioni,neanche in un territorio piccolo come un comune.
e perche' questo? perche' per decidere le persone dovrebbero SAPERE, ma come possiamo scegliere nostri rappresentanti se non possiamo aver conoscenza di quello che dicono e fanno ?
per cui e' proprio il sistema democratico che non puo' funzionare, liberta' di pensiero e' una cosa, decidere chi deve fare le leggi, spendere il nostro denaro, fare giustizia e' tutta un altra cosa.
Per cui bisogna INVENTARE un nuovo sistema sociale
aurora is offline  
Vecchio 15-12-2006, 21.39.29   #10
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: democrazia, regime obsoleto

Citazione:
Originalmente inviato da aurora
…. tutti ormai miliardari, compresi i cosi'detti comunisti e che usano la legge come l'antica nobilta', per farsi le leggi a loro favore.
Questo non è vero. Berlusconi era miliardario prima di entrare in politica e la barca di Dalema non basta a fare ascrivere lo stesso al club dei miliardari.

Citazione:
Originalmente inviato da aurora
Per cui bisogna INVENTARE un nuovo sistema sociale
Magari questo modello che Timothy Leary, il profeta della beat generation, proponeva in questo libro dal titolo “Neuropolitica”.

Il modello politico dovrebbe basarsi sul sistema nervoso: 140 miliardi (nota mia cioè il numero dei cittadini americani), di neuroni, tutti connessi a una rete elettrica. La comunicazione elettronica rende possibile la democrazia a partecipazione diretta. Tutti i cittadini hanno una scheda di voto da inserire in macchine referendarie e dei computer centrali registrano ed armonizzano i messaggi di ciascuna parte componente. La politica neurologica elimina i Partiti, i politici, le campagne elettorali e le relative spese. Il cittadino vota così come un neurone si attiva quando c’è un segnale da comunicare. Le voci della cittadinanza informano continuamente i tecnici del servizio civile che eseguono la volontà non della maggioranza (un’evoluzione perfida e suicida della mediocrazia) bensì di ciascun cittadino.

VanLag is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it