Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Storia
 Storia - Fatti e personaggi, passato e attualità.
Vecchio 12-02-2007, 14.32.28   #1
Ish459
Unidentified
 
L'avatar di Ish459
 
Data registrazione: 20-02-2006
Messaggi: 403
Foibe

In questi giorni ho imparato una nuova parola da aggiungere al mio lessico da straniera titubante ma diligente e il cui significato va al di là di un semplice concetto.. e stentavo a crederci che fossero pochi gli italiani fino a poco tempo fa a conoscere in profondità il suo significato. Questa vecchia discussione me lo conferma:

https://www.riflessioni.it/forum/show...hlig ht=foibe

È tanto terribile ammettere di aver commesso un atto del genere come chiudere gli occhi e voltarne le spalle.
Il valore principale della storia è quello di non dimenticare, anche se è soltanto un concetto, una parola, che poi, come una cascata ci rovescerà addosso tutto quello che essa contiene. Tutto. TUTTO.
Come la consapevolezza che la Storia può essere fatta e contraffatta, studiata e dimenticata, sentita e ignorata, nascosta e manipolata...

Ho imparato questa nuova parola "Foiba" che può insegnare tanto.. non solo le atrocità e la vergogna che nascondeva ma anche il fatto che la Storia non deve essere "ascoltata" in modo passivo. Abbiamo più che mai i mezzi per non dare eco soltanto ad una voce, per conoscere e scoprire nuovi raggi rivelatori.. Per evitare tutte le "foibe" di un passato tanto complicato, tante volte ignorato e tristemente dimenticato..
Ish459 is offline  
Vecchio 12-02-2007, 17.37.47   #2
hadonis
Ospite abituale
 
Data registrazione: 26-10-2006
Messaggi: 41
Riferimento: Foibe

ho letto che sei straniera.
hai imparato una parola che moltissimi italiani non conoscono.
non per ignoranza, ma perchè nessuno glielo ha mai insegnato.
perchè le l'italie, quella storica, politica, didattica, quella dello stato civile, nei confusissimi anni della guerra hanno preferito sollevare il tappeto e buttare sotto le sporcizie.
io gioco in casa, ad una delle più grandi foibe, ci arrivo a piedi, in un ambiente di ampi prati e muri a secco.
è uno di quei posti permeati di troppe cose, uno di quei posti dove senti il respiro del mare e ne vedi il bagliore, dove il verde dell'erba è cosi verde da sembrare liquido, uno spicchio di mondo dove ti fermeresti per stenderti al sole, leggere un po', dormire accarezzato dal vento che accarezza sempre quella terra.
uno di quei posti che non c'entra nulla con l'orrore.
un luogo che non vorresti che fosse mai esisito.
perchè lì si è consumata una delle più odiose pulizie etniche che la repubblica abbia mai insabbiato.
i titini eliminarono i fascisti, i fascisti fecero sparire i partigiani, gli istriani infoibarono i collaborazionisti, i tedeschi buttarono dentro un po' tutti.
una terra di mezzo, impastata di etnie, una striscia di italia che anche oggi conserva radici e ricordi atavici non poteva che essere contraddittoria in tutto il suo orgoglio e tutti i suoi eccessi.
ora è un monumento ai caduti, a uomini e donne le cui urla echeggeranno per mille anni.
credo che la natura, indirettamente, abbia fornito uno strumento di morte orrendo, nulla genera tanto sgomento che essere fagocitati per centinaia di metri da un BUCO. ma si sa che la natura è sovraordinata ai nostri effimeri drammi, infatti a pochi chilometri da questo crogiolo di percezioni, esiste una meraviglia, una delle più grandi cavità d'europa, la "grotta gigante".
si sente una angoscia, una stretta al petto difficile da discernere.
i rovesci di questi territori, di questi spazi, sono facce opposte di una moneta sottilissima, forse inesisente.
un soldo, che vale tutte quelle vite inghiottite.
hadonis is offline  
Vecchio 13-02-2007, 09.21.11   #3
Ish459
Unidentified
 
L'avatar di Ish459
 
Data registrazione: 20-02-2006
Messaggi: 403
Riferimento: Foibe

Citazione:
Originalmente inviato da hadonis
ho letto che sei straniera.
hai imparato una parola che moltissimi italiani non conoscono.
non per ignoranza, ma perchè nessuno glielo ha mai insegnato.
perchè le l'italie, quella storica, politica, didattica, quella dello stato civile, nei confusissimi anni della guerra hanno preferito sollevare il tappeto e buttare sotto le sporcizie.
io gioco in casa, ad una delle più grandi foibe, ci arrivo a piedi, in un ambiente di ampi prati e muri a secco.
è uno di quei posti permeati di troppe cose, uno di quei posti dove senti il respiro del mare e ne vedi il bagliore, dove il verde dell'erba è cosi verde da sembrare liquido, uno spicchio di mondo dove ti fermeresti per stenderti al sole, leggere un po', dormire accarezzato dal vento che accarezza sempre quella terra.
uno di quei posti che non c'entra nulla con l'orrore.
un luogo che non vorresti che fosse mai esisito.
perchè lì si è consumata una delle più odiose pulizie etniche che la repubblica abbia mai insabbiato.
i titini eliminarono i fascisti, i fascisti fecero sparire i partigiani, gli istriani infoibarono i collaborazionisti, i tedeschi buttarono dentro un po' tutti.
una terra di mezzo, impastata di etnie, una striscia di italia che anche oggi conserva radici e ricordi atavici non poteva che essere contraddittoria in tutto il suo orgoglio e tutti i suoi eccessi.
ora è un monumento ai caduti, a uomini e donne le cui urla echeggeranno per mille anni.
credo che la natura, indirettamente, abbia fornito uno strumento di morte orrendo, nulla genera tanto sgomento che essere fagocitati per centinaia di metri da un BUCO. ma si sa che la natura è sovraordinata ai nostri effimeri drammi, infatti a pochi chilometri da questo crogiolo di percezioni, esiste una meraviglia, una delle più grandi cavità d'europa, la "grotta gigante".
si sente una angoscia, una stretta al petto difficile da discernere.
i rovesci di questi territori, di questi spazi, sono facce opposte di una moneta sottilissima, forse inesisente.
un soldo, che vale tutte quelle vite inghiottite.


Molto toccante il tuo intervento, Hadonis e ho la sensazione che potresti dire molto di più. Non mi interessano tanto i dettagli truci quanto il contesto politico-storico del momento, segnato da interessi ed equilibri effimeri nell'Europa del dopo-guerra. Io arrivo da un paese che da un certo punto di vista guardava questi eventi un po' in disparte, un paese debilitato da una guerra fratricida e dimenticato di chi doveva supportarlo. Ma questa è un'altra storia. La Natura non è colpevole di offrire all'uomo angoli dove esprimere il suo spirito più spietato, ma il solo fatto di affacciarsi a quelle caverne scavate nei secoli dal Carso deve essere un'esperienza angosciante e doverosa, soprattutto per chi ignaro degli eventi storici si gode l'aspetto più mondano e leggero dell'Istria di questi tempi. Io non potrei farne a meno e tengo presente le tue indicazioni, caso mai un giorno abbia la possibilità di affacciarmi a quelle fauci della terra che l'uomo ha riempito di sangue, vergogna ed echi di urla tristemente soffocate...
Ish459 is offline  
Vecchio 13-02-2007, 14.41.45   #4
hadonis
Ospite abituale
 
Data registrazione: 26-10-2006
Messaggi: 41
Riferimento: Foibe

hai visto ish459?nemmeno a farlo apposta.
mesic, avversario di tudman durante la guerra, abile scansatore di mine politiche, avverso all'interventismo in Iraq, nonchè presidente della croazia, se n'è uscito dando dei razzisti/fascisti agli italiani.il tutto attraverso le parole di napolitano, parole oggettive, generiche, ed ageduatamente equilibrate.
parole di un presidente, che nonostante sia uomo di una sinistra mai sdognata del tutto dal suo retaggio storico, ha chinato il capo ed ha mosso rispetto quel quelle morti e quei tanti errori perpetrati da tutte le parti.
mi chiedo cosa scateni un odio cosi ancestrale.
eppure i balcani li conosco un bel po', li conosco ma non li capisco.
ma credo che nessuno che non ha sangue slavo dentro li possa comprendere.
l'italia ha osteggiato l'ingresso nella UE della croazia, perchè zagabria non toglie il vincolo sui beni degli esuli italiani, ma nel contempo ha favorito il processo di adesione con un accorta politica.
stipe mesic, se ne esce con una gaffe politica che imbarazza le diplomazie, ed irrigidisce i governi, e tutto per cosa?
per una cosa che noi, non-slavi,fatichiamo a capire.
l'orgoglio primitivo di appartenere ad un popolo, ad una RAZZA.
hadonis is offline  
Vecchio 13-02-2007, 14.48.48   #5
Greuze
Utente bannato
 
Data registrazione: 04-01-2007
Messaggi: 47
Unhappy Riferimento: Foibe

I nostri italiani avevano il diritto di continuare a vivere nel territorio in questione,invece furono cacciati via dalla politica degli alleati che si definiva pacifica!!

Gli uomini di Tito fecero il resto e quei poveretti furono abbandonati da tutti....la politica di allora non avrebbe dovuto commettere questo delitto immane e doveva cercare di far dimenticare la guerra invece di attizzarla come la benzina fa con il fuoco........
Greuze is offline  
Vecchio 15-02-2007, 12.57.27   #6
hadonis
Ospite abituale
 
Data registrazione: 26-10-2006
Messaggi: 41
Riferimento: Foibe

Citazione:
Originalmente inviato da Greuze
I nostri italiani avevano il diritto di continuare a vivere nel territorio in questione,invece furono cacciati via dalla politica degli alleati che si definiva pacifica!!

Gli uomini di Tito fecero il resto e quei poveretti furono abbandonati da tutti....la politica di allora non avrebbe dovuto commettere questo delitto immane e doveva cercare di far dimenticare la guerra invece di attizzarla come la benzina fa con il fuoco........

sei troppo acuto/a per liquidare cosi la faccenda...
ti do qualche dettaglio significativo in più.
in quel territorio vivevano/vivono italiani, sloveni, istriani, bilingue, eredi diretti degli asburgo, ebrei (lo sai che a trieste c'era l'unica fornace della bassa europa, pronta ad iniziare il proprio dovere?è la risiera di san saba.)
gli alleati c'entrano fino ad un certo punto, le scelte di un governo non hanno nulla a che vedere con un titino che spinge in una buca uno che gli sta sulle scatole.
l'orrore ingiustificabile sta nell'arbitrio del gesto.
se si parla con un minimo di senso critico della guerra la si deve accettare in toto, solo che qui, mi pareva almeno, si era fatto un passetto in più, andando a percepire quanto di terrificante abbiano fatto le persone, i vicini di casa(non è cattivo gusto con quello che abbiamo velocemente dimenticato dalla cronaca nera).
la confusione dentro o dietro ad una guerra, scatenano quanto di più tremendo alberghi nelle zone più oscure degli animi umani.
ricorda cosa è successo 10 anni fa in bosnia, o fai un salto indietro a quello che fecero le truppe marocchine a cassino, o i cosacchi nell'altro friuli.
l'elenco è cosi lungo che non vale la pena nemmeno farlo.
l'opinione pubblica dimenticherà presto anche le foibe, del resto sul carso ci si passa per andare in vacanza, in croazia.
una terra talmente complicata che la cosa migliore da fare, è di stendere un bell'asciugamano e prendere il sole.
hadonis is offline  
Vecchio 11-09-2007, 17.56.04   #7
mastino_napoletano
Frà Diavolo
 
Data registrazione: 09-09-2007
Messaggi: 24
Riferimento: Foibe

i titini eliminarono i fascisti, i fascisti fecero sparire i partigiani, gli istriani infoibarono i collaborazionisti, i tedeschi buttarono dentro un po' tutti.
una terra di mezzo, impastata di etnie, una striscia di italia che anche oggi conserva radici e ricordi atavici non poteva che essere contraddittoria in tutto il suo orgoglio e tutti i suoi eccessi.
ora è un monumento ai caduti, a uomini e donne le cui urla echeggeranno per mille anni.
************
Complimenti per i Suoi scritti, ho notato con un certo disappunto, però, che tra tutti quelli che si sono macchiati di atrocità, mancano quei "galantuomini" dei partigiani della brigata Garibaldi è una dimenticanza, un'omissione o perchè forse sono erroneamente informato ?
Gradirei un Suo commento...
Grazie
Giuseppe
mastino_napoletano is offline  
Vecchio 11-09-2007, 19.15.19   #8
Leni
Ma dov'è l'universo...
 
L'avatar di Leni
 
Data registrazione: 11-09-2007
Messaggi: 8
Riferimento: Foibe

Mio nonno è morto in foiba (forse). Lo presero da casa e lo portarono via, e da allora non si è saputo mai più nulla. Non scappò perchè, disse allora alla moglie, non aveva nulla di cui preoccpuarsi, che era innocente, quindi nessuno poteva avere delle motivazioni a desiderarlo morto. In realtà sono state deportate molte, moltissime persone che erano completamente "pulite".
Non abbiamo mai saputo cosa sia successo davvero, dato che la ormai ex-Yogoslavia aveva da allora segretato tutte le documentazioni delle deportazioni (che -mi sembra- la Slovenia sia sul punto di riaprire (??)).

A me è stato detto che la disgrazia delle foibe in italia, a guerra conclusa, è avvenuta in risposta alle angherie che le stesse truppe italiane avevano fatto alla popolazione yugoslava. E' corretto questo?
A scuola mi è stato detto pochissimo, forse la questione è stata solo menzionata
Leni is offline  
Vecchio 11-09-2007, 20.45.21   #9
Bamboo
Ospite
 
L'avatar di Bamboo
 
Data registrazione: 28-08-2007
Messaggi: 32
Riferimento: Foibe

per uno straniero deve essere uno sforzo enorme capire il perchè qualche italiano ancora tenti di giustificare le Foibe. Che,ricordiamolo,era una forma di pulizia etnica delle più terribili: uomini,donne e bambini,gettati spesso ancora vivi,in grotte a strapiombo. Persone "colpevoli" solo di essere italiani,in territorio italiano. Ciò che rende disgustoso ed ancora imperdonabile,è il fatto che fra gli assassini spesso,e volentieri,vi erano italiani.
Italiani solo di nome,ma in realtà traditori pronti a consegnare la propria Patria in mano allo straniero. Per un pezzo di pane,non tanto per ideologia.
Lo so,è difficile da comprendere per uno straniero. Anch'io ancora stento a crederlo.
Per voltare pagina e consegnare questi fatti alla memoria storica,basterebbe un "mea culpa" di qualcuno. O perlomeno un dignitoso silenzio. Invece c'è ancora qualcuno che giustifica. Questo atteggiamento non fa che dividere ancor più un popolo diviso in tutto e per tutto.
Bamboo is offline  
Vecchio 12-09-2007, 08.57.15   #10
Valerio2
Ospite abituale
 
L'avatar di Valerio2
 
Data registrazione: 05-09-2007
Messaggi: 113
Riferimento: Foibe

Mea culpa?

A cosa servirebbe? A sdoganare e dare per chiuso un episodio di pulizia etnica?
No, meglio che certe belve continuino a cercare di nascondere e negare fatti di una ferocia almeno pari alla ferocia nazista.

Che si autoassolvano; tanto la Storia non li assolverà. Gli sciocchi zelanti, figli e nipoti dell'apparato, non capiscono che continuare a nascondere questi fatti atroci non fa altro che perpetuare l'orrore, la vergogna, il biasimo, l'odio.

Così non ci sarà mai purificazione e, di conseguenza, pace. Quella pace che non meritano, ma che cercano a scopo commerciale (sfruttamento dell'industria del turismo). D'altronde cosa vi aspettate da dei 'senza Dio'?
Valerio2 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it