Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Storia
 Storia - Fatti e personaggi, passato e attualità.
Vecchio 12-06-2005, 22.17.57   #11
kantaishi
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2004
Messaggi: 1,885
Cambia nome ma non sostanza.

Come cambiano i nomi:

nel 4000 a.C.si chiamavano Sumeri e Accadi.
nel2000a.C si chiamavano Babilonesi ed Ebrei.
nel 1500 a.C si chiamavano Ittiti ed Egiziani.
nel 800 si chiamavano merovingi e Carolingi.
nel 1200 si chiamavano Guelfi e Ghibellini.
A Verona si chiamavano Montechi e Capuleti.
Nel 1800 si chiamavano Bonapartisti e Repubblicani .
Nel 1930 si chiamavano fascisti e comunisti.
Nel 1960 si chiamavano comunisti e democristiani e
finalmente si chiamano Polo delle Libertà e Coalizione.

e....................sono sempre quelli.

W napoleone!

Kantai.
kantaishi is offline  
Vecchio 12-06-2005, 22.22.17   #12
Rothbard
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 129
Quindi anche i sumeri mangiavano pane e cicoria....?
Rothbard is offline  
Vecchio 01-10-2005, 16.53.31   #13
Guccia
ad maiora
 
L'avatar di Guccia
 
Data registrazione: 02-01-2005
Messaggi: 275
Vico: I corsi e i ricorsi della storia.
Guccia is offline  
Vecchio 12-10-2005, 18.13.17   #14
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
il discorso è che ognuno ha bisogno di combattere contro un nemico, perché deve soddisfare il proprio ego.
Anche Hitler, prima di togliersi la vita, rendendosi conto di avere i minuti contatti, disse ai suoi fedelissimi che non capiva come avesse fatto la Germania a rivoltarglisi contro, dopo tutto quello che aveva fatto per lei. Si sentiva solo e abbandonato, credendo di non meritarlo.

Kantai... e i russi e gli americani con la guerra fredda? E Iraqeni e Iraniani? Dove li mettiamo?
Mr. Bean is offline  
Vecchio 18-11-2005, 02.08.02   #15
Saffo
Ospite
 
Data registrazione: 17-11-2005
Messaggi: 4
"La storia degli uomini è governata da leggi che restano le stesse"

Mi ricorda Tucidide per definire il compito dello storico...dovrebbe essere pressapoco così "Come il medico riesce a capire la malattia dai sintomi, così lo storico deve capire i sintomi del passato"


In effetti secondo lui poichè gli uomini rispondono a certe regole di natura, i posteri riusciranno a capire certi comportamenti degli uomini che appunto si ripetono...storia"magistre vita"

Sicuramente si può parlare di ciclicità della storia...solo che più che ritorni di certi personaggi...dobbiamo intenderla come un possibile ritorno di certe forme costituzionali al massimo...
...quindi in effetti...
Saffo is offline  
Vecchio 22-11-2005, 20.21.48   #16
alessiob
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 749
Beccatevi questa frase meravigliosa:

LA STORIA INSEGNA; MA NON HA SCOLARI.


Come vi sembra
alessiob is offline  
Vecchio 11-12-2005, 23.26.47   #17
RAVERED
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 08-12-2005
Messaggi: 1
Ciao a tutti,
la questione posta dal nostro amico riguardo "la presunta innovazione tecnologica come conseguenza delle guerre" è sicuramente errata, ma nella forma e non nel merito. Le maggiori innovazioni sono in effetti frutto della ricerca scientifa volta all'ottenimento dei migliori sistemi di difesa ed attacco possibili, quindi è corretto asserire che la preparazione alla guerra abbia giovato al progresso ma non le guerre stesse. La maggior parte delle guerre ,non tutte si badi, sono stragi di innocenti e diseredati che combattono con ogni mezzo, proprio a causa delle condizioni di estema indigenza in cui vertono, per ideali che credono di condividere ma di cui nulla comprendono. Queste stragi non giovano in alcun modo al progredire dell'umanità ma esclusivamente alle tasche di pochi. Vi sono poi guerre di altra natura, sono le guerre combattute dai dominatori per sancire la propria supremazia e scoraggiare chiunque pensi di poter sfuggire all'influenza dell' impero. Queste guerre sempre ci sono state e sempre ci saranno, nessuno è disposto a perdere il proprio status quo e combatterà finché non sarà sconfitto da un nuovo dominatore. Queste guerre oggi si combattono raramente sui campi di battaglia, hanno sempre più natura strettamente economica, ma non per questo sono meno pericolose.
RAVERED is offline  
Vecchio 03-04-2007, 20.23.55   #18
NiceferoFoca
Ospite
 
Data registrazione: 30-03-2007
Messaggi: 3
Riferimento: La Storia si ripete

ERRARE E UMANO MA PERSEVERARE….

“…e poi la gente , perché è la gente che fa la storia
quando si tratta di scegliere , di andare
te la ritrovi tutta con gli occhi aperti
che sanno benissimo cosa fare ,
quelli che hanno scritti milioni di libri
insieme a quelli che non sanno nemmeno parlare
è per questo che la storia da i brividi
perché nessuno la può cambiare…”

Secondo Giambattista Vico l’uomo è al contempo artefice e prodotto della storia . Quindi in quanto artefice può creare contesti storici differenti , ma simili , nel corso della stessa epoca o in epoche diverse ; in quanto prodotto può essere vittima di errori simili conseguenti a disparati contesti storici .
L’unicità dell’uomo garantisce una varietà del processo storico , d’altra parte ciò non esclude che eventi storici si siano ripetuti in epoche diverse . Il pensiero vichiano sancisce l’esistenza dell’evoluzione e dell’involuzione delle civiltà secondo ricorsi storici , secondo tale affermazione il crollo di una civiltà conserva in se i germi che fungeranno da base per la civiltà successiva , come una sorta di “memoria storica” . Ogni civiltà impara dagli errori di quella precedente . Quindi essendo l’uomo il fondatore della società in cui vive starà al lui il compito di superare i limiti che hanno portato al collasso della civiltà precedente .
Non sempre il concetto assoluto di “historia magistra vitae “ può essere considerato tale .
Infatti a breve vedremo come contesti storici molto differenti fra di loro possono avere come epilogo lo stesso tragico errore .

Carlo XII di Svezia , Napoleone Bonaparte , Adolf Hitler
Secondo voi cosa avranno in comune questi tre personaggi protagonisti di tre epoche distanti circa un secolo l’una dall’altra?

Beh tutti e tre si sono inoltrati nella vastissima pianura russa nel tentativo di conquistarla ma sono tutti e tre caduti vittima della stessa strategia militare : fare terra bruciata!!!
NiceferoFoca is offline  
Vecchio 25-04-2007, 13.45.20   #19
hetman
Credente Bahá'í
 
L'avatar di hetman
 
Data registrazione: 26-02-2007
Messaggi: 447
Riferimento: La Storia si ripete

Citazione:
Originalmente inviato da Rothbard
buona teoria.. ma su questa non concordo

talvolta fanno le guerre anche pur sapendo di perderle.... io, razionalmente, non andrei a far pugni con Tyson... so che con una sberla mi manderebbe in orbita... invece sul piano politico militare ci sono stati che pur di non accettare condizioni a giudizio loro inacettabili, preferiscono la guerra pur sapendo di soccombere già da prima.............. il caso, per rimanerse sul recente, del regime Talebano, il quale, consegnando agli americani Osama Ben Laden si sarebbe evitato la capitolazione.... o credi che speravano di vincere contro la corrazzata americana??

Sperano di vincere così come con la corazzata sovietica.
Si tratta di puro fanatismo, mi sembra che anche i giapponesi della II guerra mondiale pensavano di vincere la corazzata americana.
Famosa frase dell'Amg Hiamamoto dopo il fallito attacco di Pearl Harbor:
<< Abbiamo svegliato un gigante dormiente.>>
hetman is offline  
Vecchio 26-04-2007, 19.06.42   #20
NiceferoFoca
Ospite
 
Data registrazione: 30-03-2007
Messaggi: 3
Riferimento: La Storia si ripete

Si credo che sotto questo aspetto hai ragione , ma certo non si può dire che gli americani contro i terroristi abbiano vinto ..... è vero hanno occupato l'Afghanistan , l'Iraq , ma continuano a morire soldati americani a volonta x il semplice fatto che i loro avversari non combattono una guerra con le misure convenzionali ma con attacchi suicidi , auto-bomba ecc ... nonostante la potenza militare americana queste aree sono meno stabili di prima e sicuramente questa occupazione non ha fatto in modo da scongiurare possibbili attentati futuri . E poi approposito di ricorsi storici già i sovietici avevano provato ad occupare l'Iraq ma grazie all'utilizzo delle armi alleate da parte degli iracheni e a causa dell'aspro territorio non riuscirono nell'impresa e sicuramente non possiamo dire che gli americani abbiano riuscito totalmente a mettere sotto controllo l'area , a testimonianza di ciò vi è la data del ritiro delle truppe e delle elezioni governative che sono state rinviate in una continuazione e ancora oggi ci sono truppe , quella che era partita come una guerra lampo si è trasformata in una operazione stabile!!!!
NiceferoFoca is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it