Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Storia
 Storia - Fatti e personaggi, passato e attualità.


Vecchio 14-11-2002, 14.58.36   #1
crazy
M'illumino d'immenso.
 
L'avatar di crazy
 
Data registrazione: 08-11-2002
Messaggi: 36
kamikaze

Il dizionario lo descrive come "aviatore giapponese che, durante la seconda guerra mondiale, si gettava sul nemico col suo apparecchio carico di bombe, affrontando la morte" ma stando a vedere cosa sta succendendo di questi tempi, il kamikaze non è più una figura propria del giappone.

Può essere interpretato da diversi punti di vista... come grande protettore della patria, come terrorista, come una persona che crede alle proprie idee e per questo morirne e portare purtoppo con se vittime innocenti.

C'è da chiedersi:

in base a cosa un kamikaze sceglie il luogo ove morire per le proprie idologie?

Muore solo x una questione di fanatismo?
crazy is offline  
Vecchio 14-11-2002, 15.24.58   #2
kri
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-06-2002
Messaggi: 1,297
Immagina un mondo dove sin da bambino ti hanno detto che la via è quella e che l'unico modo di raggiugere Dio è il sacrificio nel suo nome!
Immagina un mondo dove i bambini vengono insegnati alla guerra all'odio verso tutto ciò che non è della loro cultura e dove non c'è altra lettura del corano. Immagina un mondo dove nessuno o pochi sanno leggere ... ecco che la manipolazione delle menti avviene su terreno fertile. Immagina un mondo dove le madri sono fiere dei loro figli suicidi/assassini!

Ignoranza, niente di meglio per manipolare le menti.

Se pensi al nostro medioevo, la cultura in taluni casi era considerata peccaminosa ... e la gente ci credeva ... ma non sapeva di cosa parlasse quel libro peccaminoso ... lo aveva solo sentito dire.
kri is offline  
Vecchio 14-11-2002, 18.33.07   #3
tammy
Nuovo iscritto
 
L'avatar di tammy
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 1,287
grazie kri

della tua riflessione.
Inavvertitamente o volontariamente scatenerai delle reazioni a dir poco infelici e tutte atte al "volersi bene" al "viva il mondo unito" "tutto il mondo in pace" ecc.ecc.
E' pura utopia. Personalmente nn ci credo, al momento nn ne vedo gli elementi.
Oggi dire Kamikaze equivale a dire Islam.
Islam = Musulmani = Corano = Integralisti islamici
La Cattedrale (cristiana) che sorge sulla grotta di Bethlemme (luogo presunto o certo della nascita di Gesù) viene chiusa ogni sera, e la chiave conservata da un musulmano, i cristiani possono accedervi durante il giorno e far rientro alle loro case nella serata "gli infedeli"o"cristiani" nn sono graditi.
Tutti gli atti terroristici degli integralisti islamici per mezzo di kamikaze sembrerebbero di natura "guerra santa" non metto in dubbio che ci credano, visto che le loro fertili menti vengono plagiate sin dalla loro tenera età, ma appunto per questo più pericolosi, perchè è il loro Paese a non essere Aperto ad altre culture, giustamente ne hanno una loro, OK vero. Allora perchè devono invadere la Mia Terra? Perchè devono propinarmi la loro religione tutti i giorni? Possiamo dirci "fortunati" di non sentire tutto il santo giorno il ...come azz. si chiama???? mojaidin (quello che sta sulle torri a recitare i passi del Corano cinque volte al giorno....che palle!) Perchè propinarmi anche le loro macellerie? Perchè se un occidentale và in questi Paesi , NON PER MOTIVI TURISTICI, vi assicuro si deve assoggettare al loro modo di vivere (per ogni Paese le proprie regole e osservanze del Corando, intendiamoci, nn per tutti vale il Chador il Burka o il camminare dietro all'uomo o il non lavorare con o senza l'autorizzazione del tutore: padre o marito) ma comunque certe regole vanno osservate perchè stranieri occidendali, perchè? Allora mi chiedo, quale Paese che ospita la Città del Vaticano residenza del Papa massima autorità Cattolica, siamo i più disponibili ad accettare forme diverse di cultura?, forse siamo solo più abituati alle immigrazioni di altri popoli e culture, ma la mia perplessità rimane la stessa perchè dovermi IO cittadina d'Italia più o meno credente assoggettarmi ad una cultura Islamica che pare tanto evidente quanto prepotente?
IO se vado nel loro paese devo "assoggettarmi" ma a "casa mia" vorrei continuare a vivere come ho sempre fatto. Pare nn sia possibile. Sarebbe bello scambiarsi il modo di vivere e le varie culture, ma serve così tanto dare forza ad un "modo di pensare" piuttosto che ad un altro? A quanto pare per qualcuno è fondamentale, la loro razza, supremazia su un'altra. Le nascite in occidente sono inferiori di quelle dei Paesi Islamici e detengono il primato di quelle degli immigrati in Europa in genere, quando saranno milioni di milioni avranno sicuramente la meglio. Inneggiando alla "Guerra Santa" non faranno altro che produrre da una religione altra religione = guerra.
Personalmente qualche dubbio ce l'ho. Che ognuno osservi la propria religione, ma che non mi rompa i co...., mi rimangono i dubbi.
tammy is offline  
Vecchio 14-11-2002, 19.28.16   #4
Orange
Ospite
 
L'avatar di Orange
 
Data registrazione: 09-08-2002
Messaggi: 9
Dunque partiamo dall'inizio, il termine kami kaze significa "vento divino" e non è un termine nato durante la seconda guerra mondiale, ma ha origni molto più remote nel tempo. Già nell'epoca shokugawa (1200 d.c. circa) si narra di guerrieri devoti all'imperatore che compiendo atti considerati "eroici" venivano fregiati col nome di kami kaze. Per interpretare correttamente il significato di "vento divino" bisogna conoscere almeno un po quella che era la cultura storica del giappone, che ha resistito fino alla metà degli anni sessanta e cioè fino a quando c'è stata una forte se non fortissima americanizzazione (il made/born in U.S.A. tanto per capirci). Il giappone era rimasto fino all'inizio del secolo scorso una nazione fortemente nazionalista, davvero poco incline a inglobare nella propria cultura influenze esterne e in più aveva una tradizione millenaria di una idea di "uomo/onore/guerriero" così forte e idealizzata, in trermini di altezza di azioni morali, di apprezzamento della vita e della natura in ogni sua forma, che aveva sorretto tutte le decisioni e le idee della popolazione. Un kami kaze era dunque un guerriero dalle idee fondate sull'impegno e sull'onore, non avrebbe mai compiuto atti considerati lesivi per la figura che rappresentava e alla quale aveva dedicato la sua vita (ad esempio compiere stragi di innocenti o altre nefandezze che avrebbero macchiato la sua nomea). Kami kaze non va dunque interpretato come azione voluta dal divino (anche perche in giappone non è mai esisitita un idea di Dio come ce la abbiamo noi che siamo nati e cresciuti in paesi a religione cristiana/ebraica o musulmana, nei quali la figura di Dio non aveva di per se una rappresentazione reale ma puramente spirituale e nei cui confrinti esistevano ed esistono obblighi e doveri), ma come azione "avente" la forza del divino che in giappone è sempre stata identificata con la forza della natura, tanto per fare un paio di esempi citerei che il Giappone sorge su una delle faglie pacifiche + instabili e che le sue coste vengono puntualmente spazzate dagli tsunami.
La moltitudine di templi che esistono in Giappone non sono dedicati a dei ultraterreni, ma a rappresentazioni divinizzate degli aspetti della natura tipo sole ,monti ,fiumi ,foreste ecc... ed è comunque superfluo ricordare che il Giappone con la Cina sono la patria delle filosofie Shintoiste e Zen che ben poco in comune hanno con le religioni.
Per concludere dico che confondere i kami kaze con i terroristi fanatici è un errore madornale,e non solo dal punto di vista etimologico del termine, ma anche perchè le finalità e le motivazioni delle loro azioni non si avvicinano nemmeno un po a ciò anzi a chi viene considerato un kami kaze al giorno d'oggi.
Ecco questo è quanto, spero di essere stato esauriente e se ci sono dubbi o perplessità sarà mio piacere poterle esaurire.

P.S. Ragazzi sono tornato dalle vacanze, il sud america è bellissimo e già mi manca tantissimo, anche perchè qua piove e fa un freddo bioa azz......

Ci rivediamo su questi schermi ciao a tutti
Orange is offline  
Vecchio 14-11-2002, 21.48.23   #5
schieppwaters
 
Messaggi: n/a
Citazione:
Messaggio originale inviato da kri
Immagina un mondo dove sin da bambino ti hanno detto che la via è quella e che l'unico modo di raggiugere Dio è il sacrificio nel suo nome!
Immagina un mondo dove i bambini vengono insegnati alla guerra all'odio verso tutto ciò che non è della loro cultura e dove non c'è altra lettura del corano. Immagina un mondo dove nessuno o pochi sanno leggere ... ecco che la manipolazione delle menti avviene su terreno fertile. Immagina un mondo dove le madri sono fiere dei loro figli suicidi/assassini!

Ignoranza, niente di meglio per manipolare le menti.

Se pensi al nostro medioevo, la cultura in taluni casi era considerata peccaminosa ... e la gente ci credeva ... ma non sapeva di cosa parlasse quel libro peccaminoso ... lo aveva solo sentito dire.


immagina un mondo dove le multinazionali governano, un mondo dove 1/4 della popolazione(forse meno) vive bene e il resto muore di fame o riesce a tirare avnti facendosi un culo cosi...immagina un mondo dove una nazione e' cosi potente da controllare tutto il mercato mondiale, quella stessa nazione che cerca di tenere sotto gli avversari bloccandone ogni velleità di libertà...ecco un mondo dove tu,per attirare l'attenzione, o ti fai espoldere o prendi in ostaggio migliaia di persone in un teatro oppure tiri giu' delle torri con degli aerei per farti sentire...perche' ne hai i coglioni pieni degli embargi e delle occupazioni e dei bombardamenti a tappeto da migliaia di metri di altezza e di......


giusto per dare un diverso punto di vista
 
Vecchio 15-11-2002, 09.45.54   #6
Willow
Ospite abituale
 
L'avatar di Willow
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 211
A Tammy

La differenza risiede secondo me, nella'andare o meno in un paese che non sia sostenuto da un governo laico, ma da uno religioso. L'Italia è ufficialmente un paese laico, dove un uomo o una donna possono scegliere se manifestare il prorpio credo attraverso simboli (velo o crocefissi) o meno. Andare in paese sorretto invece da uno stato religioso, significa adeguarsi ai loro costumi. Sono regole che possiamo trovare giuste o meno, ma alle quali ci dobbiamo attenere se vogliamo essere in quel posto. Un po' come per alcuni è d'obbligo indossare giacca e cravatta. Del resto anche visitare il Vaticano ha le sue regole: sono proibiti i pantalincini (anche a luglio) e le donne devono coprirsi le spalle. Questo perchè il Vaticano è uno stato religioso e se vuoi starci devi attenerti alle sua regole. Se no sei liberissimo di non starci. Ogni gioco ha le sue regole. Se ci vogliamo giocare dobbiamo attenerci. Se siamo dentro e non ci piacciono possiamo modificarle. Ma prima dobbiamo parteciparvi.

Un abbraccio
Willow is offline  
Vecchio 15-11-2002, 12.20.29   #7
kri
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-06-2002
Messaggi: 1,297
Citazione:
Messaggio originale inviato da schieppwaters



immagina un mondo dove le multinazionali governano, un mondo dove 1/4 della popolazione(forse meno) vive bene e il resto muore di fame o riesce a tirare avnti facendosi un culo cosi...immagina un mondo dove una nazione e' cosi potente da controllare tutto il mercato mondiale, quella stessa nazione che cerca di tenere sotto gli avversari bloccandone ogni velleità di libertà...ecco un mondo dove tu,per attirare l'attenzione, o ti fai espoldere o prendi in ostaggio migliaia di persone in un teatro oppure tiri giu' delle torri con degli aerei per farti sentire...perche' ne hai i coglioni pieni degli embargi e delle occupazioni e dei bombardamenti a tappeto da migliaia di metri di altezza e di......


giusto per dare un diverso punto di vista


Scusa schieppolo, ma ti rendi conto di quel che si capisce leggendo il tuo post? Spero che sia stato un getto d'impulso, perchè io non mi sento di giustificare milioni e milioni di morti perchè uno si è rotto i coglioni. E poi non è il popolo che si è rotto ma uno o due che manipolano.

Io sono d'accordo sul tuo discorso quando lasci intendere che anche noi tutti, pure tu, siamo a nostro modo manipolati, ma vedi tu come ti ribelli ... perchè secondo te puoi avere una diversa veduta ed esprimerla??? Semplicemente perchè hai accesso all'informazione e alla cultura. Per quanto anche l'informazione sia manipolata puoi comunque avere un'idea di ciò che vedi e senti ... loro non vedono e non sentono altro. Questo era il senso del mio discorso. Non è un popolo stanco dall'oppressione occidentale, ma è un popolo manipolato da dittature interne.

Chiaramente questo è un punto di vista ...

Non è il modo certo di farsi sentire quello di abbattere grattaceli.
Voglio farti incaxxare. e rovesciare la medaglia ...
secondo te è giusto o no che gli israeliano abbiano reagito e messo sotto assedio i territori palestinesi dopo che loro (i palestinesi) hanno attaccato e sventrato pulman pieni di bambini che andavano a scuola ... dimmi dovevano porgere l'altra guancia???? NON E' QUELLO IL MODO DI FAR VALERE I LORO DIRITTI , (per quanto penso che ne abbiano tutte le ragioni, e arrivo a dire che ascoltando le parole di bin ... a volte le trovo sensate ... nella filosofia non nel mezzo utilizzato sia chiaro).

Spero comunque di aver capito malissimo e di aver frainteso il tuo messaggio ... in tal caso ti chiedo scusa!
kri is offline  
Vecchio 15-11-2002, 12.46.23   #8
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Secondo me ha ragione Schiep.Se il vecchio e ricco occidente andasse incontro a quei paesi,aiutandoli e non facendogli la guerra si risolverebbe tutto.Ovviamente non dovrebbe essere un'aiuto mirato a creare un rapporto di dipendenza-sudditanza,ma un aiuto attivo,per fargli imparare a camminare sulle loro gambe.Ma interessi economici vietano tutto ciò!Perchè rendere più forti i propri nemici?E' più facile distruggerli.Ma l'oppressione porta solo a violente esplosioni di sentimenti repressi...ma finchè non lo si capirà,ci saranno guerre inutili e scen di violenza puramente gratuite...
Poi è una questione di valori,come dicevo nell'altro post,per loro uccidere non è un peccato ma è quasi una virtù...Non è che noi abbiamo ragione,nessuno ha ragione.Non esiste il bene e il male,il demonio BinLaden e il Dio Bush....cerchiamo di avere una visone meno unilaterale...
sisrahtac is offline  
Vecchio 15-11-2002, 12.57.09   #9
kri
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-06-2002
Messaggi: 1,297
Se schiepp intende questo non posso che essere d'accordo!
kri is offline  
Vecchio 15-11-2002, 20.18.10   #10
schieppwaters
 
Messaggi: n/a
volevo dare una differente intrerpretazione perche' il post di kri era troppo di parte...si parla sempre degli errori e della cattiveria altrui ma non si riesce a capire che se certe cose succedono e se esiste tale odio verso l'occidente qualche motivo ci deve essere per forza ...e non e' solo questione di essere invasati....abbiamo come potenti uno stato come quello americano che sta approfittando alla grande dei propri morti per legittimare il prorpio desiderio di conquista....si parla di guerre preventive e di guerre per la pace...ma sono solo cazzate per nascondere i veri motivi di tali guerre...l'ampliamento economico....di la' hanno il petrolio tutto qua e poter mettere un governo filoamericano in iraq oppure da altre parti e' solo un modo per vendere piu' nike.....


mi parli di palestina e di israele....il paese israeliano sottomette i palestinesi da decenni con le armi e israele e' nostro alleato....ora israele e' nostro alleato perche' e' giusto cosi o solo eprche' conviene in qualche modo??? israele e' ricco e forte averlo contro e' peggio che averlo come amico....

sai kri...ogni volta che sento condannare i palestinesi perche' terroristi mi incazzo come una bestia...lo sai il perche' si fanno esplodere nelle piazze?? perche' non hanno altro modo...l'esercito non ce l'hanno...ai paesi occidentali fa ribrezzo la parola terrorismo mentre nessuno dice nulla su quanto sia vile e vigliacco attaccare un paese sparando bombe da 10000 piedi di altezza, senza rischiare mai il culo e mettendo a repentaglio la vita di innocenti, considerate solo come "pedine sacrificabili"....bombardare dall'alto come fanno gli americani lo trovo molto piu' vile di chi si fa esplodere in una piazza per un ideale, qualunque esso sia....e le bombe intelligenti sono solo cazzate inventate per tenere buoni i boccaloni coglioni che ci credono



e soiprattutto....vi fa schifo il terrorismo palestinese?? riforniteli di missili scud...cosi non avremo piu' esplosioni negli autobus ma bombardamenti a tappeto....meglio no??? cosi e' molto meno da vigliacchi giusto??

comunque tutti i paesi che volevano l'indipendenza se l'hanno ottenuta e' stato solo a forza di cannonate e bombe ...con cio' non giustifico nessuno...ma smettiamola di vedere il mondo dall'alto dei nostri privilegi del cazzo...se avessi uno stato che mi tiene sotto e non mi fa respirare le bombe le userei anche io....
 

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it