Home Page Riflessioni.it

Non credenteReligioni?
Il mondo di NonCredo

di Paolo Bancale   indice articoli

 

Sacro? Concetto umano e laico da de-divinizzare

Febbraio 2018

 

Umano, troppo umano” ci ammonisce Nietzsche e questa umanizzazione è l’operazione semantica che mentalmente ci avvicina alla cose e al senso della vita, laddove, al suo opposto, la divinificazione, santificazione, l’aldilà-izzazione, la religionizzazione le rende solo partecipi di un mondo fittizio, abusivo, illusorio, mistificante, ingannante.
Tutto è e può essere, basta pensarlo, mentre prima di pensarlo non c’era. Ma essere non vuol dire esistere, che ci è dato dalla sensazione, concetto fondante della psicologia buddhista, dalla percezione sensoria che ci proietta e ci ricostruisce nella mente l’ente “sentito”. Non so se Berkeley la intendesse così ma a me tale appare il suo “Esse est percipi”.
Sacro è per convenzione e accezione un termine bellissimo, pregnante, inambiguo che esprime una alterità di grande rango morale, un che di sur-reale nel nostro quotidiano realissimo mondo. Sacro è ciò che non si discute perché apoditticamente ed iconicamente già lo si “sente”, pertiene ad un magistero di illuminazione interiore.
Sacro è un termine non scomponibile, la decostruzione significativa non gli si attiene: è un tutto integrale e solido consolidato in quello che di vibrante ci comunica: imbarattabile, affascinante, estaticizzante nella sua bellezza allo stato nascente: la madre, la patria, la vita, la morte, l’amore diadico fusionale, il lato vincolante della sofferenza sono solo esempi.
Sacro è pertanto un significante estremamente laico per un significato estremamente spirituale ed etico: se così non fosse, lo si declasserebbe ad una parola-amuleto o ad un orpello della fumosità liturgica ovvero a modesto contrafforte dell’enfasi oratoria.
Relativizzare si impone, nella complessa e composita realtà, per sfuggire alla pietrificazione del pensiero derivante da approcci dogmatici, per dar corpo alla valenza del dubbio, per non negare gli esiti rivelatori della scienza moderna, ma relativizzare non è il temuto nichilismo dei valori, anzi, proprio il relativizzare fa emergere l’”altro” che è insito nel sacro, nella sua commistione di amore, dolore, mistero della vita e della morte.
Il sacro si nutre di sacro, è una umanissima vicissitudine della condizione umana, allo stato puro, senza l’impostura di adulterazioni o attribuzioni metafisiche, divine, religiose, mistiche. Anche il sacro è “umano, troppo umano”.
Sacro è anche lo smarrimento e l’anelito della Coscienza che “cerca” e non si arrende a dover “credere”.

 

Paolo Bancale
Dalla rivista NonCredo

 

----------------


Oltre 300 articoli come questo, ma inediti, in 600 pagine all’anno, a casa tua, con l’abbonamento a NonCredo, per meno di un caffè al mese:
Pdf € 17,00 e cartaceo € 32,90.

 

Religioni? Il mondo di NonCredo NonCredo rappresenta l'unica pubblicazione culturale italiana totalmente dedicata alla informazione e documentazione dei NonCredenti, cioè di quei cittadini che, nel primato della laicità dello Stato, per qualsivoglia motivo NON SI RICONOSCONO IN ALCUNA RELIGIONE, ma soltanto nel rispetto delle leggi, di un'etica condivisa e nella solidarietà, optando in termini culturali per la cultura del dubbio contro ogni dogmatismo, per una consapevole autonomia della coscienza e per la più totale libertà della conoscenza e del pensiero.

 

 

Altri articoli di questa rubrica

 

I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2018

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...