Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  17° ANNO

Testi per riflettere

Testi per Riflettere

Indice

 

Indiani d'America

- Saggezza

 

Inoltre Discorsi - Canti e poesie - Indiani d'America - Indiani del nord America - religioni indiane

 

Vedi anche la rubrica: Riflessioni sui Nativi Americani di Alessandro Martire

  • L'uomo

  • Voi uomini bianchi pretendete che...

  • Quattro strade

  • Nelle città dell'uomo bianco

  • Perché

  • Nascere uomo

  • L'amore

 

L'UOMO

Oren Lyons, Onondaga

da: "Il Grande Spirito parla al nostro cuore" Ed. Red

 

L'uomo talvolta crede di essere stato creato per dominare, per dirigere.
Ma si sbaglia. Egli è solamente parte del tutto.
La sua funzione non è quella di sfruttare, bensì è quella di sorvegliare, di essere un amministratore.
L'uomo non ha né potere, né privilegi.
Ha solamente responsabilità.

 

 

VOI UOMINI BIANCHI PRETENDETE CHE...

Smohalla

da: "Sai che gli alberi parlano?" Ed. Il Punto d'Incontro

 

Voi uomini bianchi pretendete che noi ariamo la terra, che tagliamo l'erba,
che da questa otteniamo del fieno e lo vendiamo, affinché diventiamo ricchi.
Voi uomini bianchi conoscete solo il lavoro.
Io non voglio che i miei giovani uomini diventino uguali a voi.
Gli uomini che lavorano sempre non hanno tempo per sognare, e solo chi ha tempo per sognare trova la saggezza.

 

 

QUATTRO STRADE

Diablo, Apache della Montagna Bianca

da: "Il Grande Spirito parla al nostro cuore" Ed. Red

 

Ci sono quattro strade che possono portarti dove vuoi andare.
La prima ti conduce dove ti manda il tuo primo pensiero.
Non è la strada giusta. Rifletti un poco.
Affronti allora la seconda.
Rifletti nuovamente ma non scegli ancora.
Finalmente, alla quarta riflessione tu sarai sulla strada giusta.
Così non rischierai più nulla.
Qualche volta, lascia passare una giornata prima di risolvere il tuo problema.

 

 

NELLE CITTA' DELL'UOMO BIANCO

Capo Seattle

da: "Leggende degli Indiani d'America" Ed. Demetra

 

Non c'è tranquillità nelle città dell'uomo bianco.
Non si ode il fruscio delle foglie che si aprono in primavera né il frullare delle ali degli insetti... e cos'è la vita se un uomo non può sentire il richiamo del caprimulgo o il gracidare delle rane di notte, attorno allo stagno?...
Ciò che accade alla terra, accade ai figli della terra.
Se l'uomo sputa sul suolo, sputa su se stesso.
Questo sappiamo... non e la terra che appartiene all'uomo ma l'uomo alla terra.
Tutte le cose sono unite tra loro come il sangue che lega una famiglia.
Ciò che accade alla terra accade ai figli della terra.
Non è l'uomo che ha tessuto la ragnatela della vita; lui ne è solo un figlio.
Ciò che fa alla ragnatela lo fa a se stesso.

 

 

PERCHE'

Soge Track, Taos Pueblo

da: "Il Grande Spirito parla al nostro cuore" Ed. Red

 

Sino ad oggi, io non ho mai domandato a mia nonna e a mio nonno, né a nessun altro «perché?».
Questo avrebbe voluto dire che non avevo imparato nulla, che ero un idiota.
Ma nella società occidentale, se tu non chiedi «perché», pensano che tu sia stupido.
Così essendo stato allevato non per domandare il perché delle cose ma per ascoltare, per acquistare consapevolezza, mi sembra scontato che le persone abbiano qualche conoscenza di se stesse e anche di me stesso.
Questa è una convinzione radicata. Inoltre, quando conosciamo noi stessi, possiamo unire i nostri pensieri e condividere questa conoscenza.

 

 

NASCERE UOMO

Audrey Shenandoah, Onondaga

da: "Il Grande Spirito parla al nostro cuore" Ed. Red

 

Nascere uomo su questa terra è un incarico sacro.
Noi abbiamo una responsabilità sacra, dovuta a questo dono eccezionale che ci è stato fatto, ben al di sopra del dono meraviglioso che è la vita delle piante, dei pesci, dei boschi, degli uccelli, e di tutte le creature che vivono sulla terra.
Noi siamo in grado di prenderci cura di loro.

 

 

L'AMORE

Capo Dan George

da: "Il Grande Spirito parla al nostro cuore" Ed. Red

 

Amici miei, quando disperatamente abbiamo bisogno di essere amati e di amare. Quando Cristo disse che l'uomo non vive di solo pane, parlava di una fame. Questa fame non era quella del corpo. Non era la fame di pane. Parlava di una fame che ha origine nel profondo del nostro essere. Parlava di un bisogno necessario come l'aria che respiriamo parlava del bisogno d'amore.
L'amore è qualcosa che tu ed io dobbiamo avere. Dobbiamo averlo perché il nostro spirito si nutre di esso.
Noi dobbiamo averlo perché senza di esso noi perdiamo le nostre forze e ci indeboliamo. Senza amore la nostra autostima viene meno. Senza di esso il nostro coraggio viene a mancare.
Senza amore non sappiamo affrontare con sicurezza il mondo.
Ci ripieghiamo su noi stessi e cominciamo a trovare nutrimento nelle nostre stesse personalità.
E così, poco a poco, ci distruggiamo. Grazie ad esso siamo creativi. Grazie ad esso procediamo infaticabilmente.
Grazie ad esso, e solamente grazie ad esso, siamo capaci di sacrificarci per gli altri.


 

Inoltre Discorsi - Canti e poesie - Indiani d'America - Indiani del nord America - religioni indiane

Vedi anche la rubrica: Riflessioni sui Nativi Americani di Alessandro Martire

 

Indice Testi per Riflettere

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook



I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2017

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...