Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  17° ANNO

TESTI Canzoni - Classici Country - Indice

Testi canzoni originali con traduzione in italiano di Ermanno Tassi

 

Coal Miner's Daughter
- Loretta Lynn

Di Loretta Lynn

 

Testo della canzone (lingua originale)

 

Coal Miner's Daughter

 

Well, I was born a coal miner's daughter
In a cabin on a hill in Butcher Holler
We were poor but we had love
That's the one thing that daddy made sure of
He shoveled coal to make a poor man's dollar
My daddy worked all night in the Van Leer coal mine
And all day long in the field a' hoeing corn
Momma rocked the babies at night and read the Bible by the coal oil light
And everything would start all over come break of morn'
Daddy loved and raised eight kids on a miner's pay
Mommy scrubbed our clothes on a washboard every day
Well, I seen her fingers bleed, to complain there was no need,
She'd smile in mommy's understanding way
In the summertime we didn't have shoes to wear
But in the wintertime we'd all get a brand new pair
From a mail order catalog, money made from selling a hog
Daddy always managed to get the money somewhere
Yeah, I'm proud to be a coal miner's daughter
I remember well the well where I drew water
The work we done was hard, at night we'd sleep 'cause we were tired
I never thought of ever leaving Butcher Holler
Well, a lot of things have changed since way back then
And it's so good to be back home again
Not much left but the floors, nothing lives here anymore
Except the memories of a coal miner's daughter



Testo della canzone (Traduzione in italiano)

Traduzione a cura di Ermanno Tassi

 


La Figlia Del Minatore

 

Già, sono nata figlia di un minatore
In una casupola su una collina a Butcher Holler
Eravamo poveri ma avevamo l’amore
Che è la cosa di cui papà era sicuro
Scavava carbone per guadagnarsi un dollaro da uomo povero
Mio padre lavorava tutta la notte nella miniera di carbone di Van Leer
E per tutto il giorno a zappare  il campo di grano turco
Mamma cullava i piccoli di notte e leggeva la Bibbia
Alla luce della lucerna
Ed ogni cosa iniziava col sorgere del giorno
Papà amò e crebbe otto bambini con la paga di un minatore
La mamma strofinava i nostri vestiti sull’asse da lavare ogni giorno
Già, ho visto le sue dita sanguinare, non c’era bisogno di protestare
Lei sorrideva con indulgenza
In estate non avevamo scarpe da mettere
Ma in inverno tutti ne avevamo un paio nuovo
Acquistate su di un catalogo dopo la vendita del maiale
Papà s’adoperava in modo d’aver comunque il denaro
Eh si, io sono fiera di essere la figlia di un minatore
Ricordo bene il pozzo dal quale cavavamo acqua
Il lavoro che facemmo fu duro, di notte dormivano perché eravamo stanchi
Non ho mai pensato di lasciare Butcher Holler
Sicuro, un sacco di cose sono cambiate da allora
Ed è bello ritornare di nuovo a casa
Non è rimasto niente se non i fiori, qui non vive più nulla
Salvo i ricordi di una figlia di un minatore.

 

 

NOTE
- E’ una canzone country autobiografica scritta ed interpretata da Loretta Lynn, considerate la regina del country, nel 1961 e lanciata nel 1970, divenne la canzone firma della cantante e autrice, che pose le basi per la sua autobiografia e per il film col titolo italiano La Ragazza di Nashville che narra la sua vita.
- A titolo del tutto personale devo dire che Loretta Lynn non mi fa impazzire, è molto meglio Patsy Cline, o altre cantanti dello stesso genere, ma in omaggio alla critica favorevole, è doveroso  dedicare anche  a lei un po’ di  spazio.

Utenti connessi


Cerca nel sito


Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook



I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2017

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...