Home Page Riflessioni.it
TESTI Canzoni - Classici Country con traduzione

TESTI Canzoni
Classici Country - Indice

Testi canzoni originali con traduzione in italiano di Ermanno Tassi

 

Long Black Veil - Johnny Cash

di Danny Dill e Marijohn Wilkin


Testo della canzone (lingua originale)


Long Black Veil

Ten years ago, on a cold dark night
Someone was killed, 'neath the town hall light
There were few at the scene, but they all agreed
That the slayer who ran, looked a lot like me
She walks these hills in a long black veil
She visits my grave when the night winds wail
Nobody knows, nobody sees
Nobody knows but me

The scaffold is high and eternity's near
She stood in the crowd and shed not a tear
But sometimes at night, when the cold wind moans
In a long black veil, she cries ov're my bones
She walks these hills in a long black veil
She visits my grave when the night winds wail
Nobody knows, nobody sees
Nobody knows but me

The judge said son, what is your alibi?
If you were somewhere else, then you won't have to die
I spoke not a word, thou it meant my life
I'd been in the arms of my best friend's wife
In a long black veil, she cries ov're my bones
She walks these hills in a long black veil
She visits my grave when the night winds wail
Nobody knows, nobody sees
Nobody knows but me



Testo della canzone (Traduzione in italiano)

Traduzione a cura di Ermanno Tassi


Il Velo Nero Lungo


Dieci anni or sono, in una fredda e tetra notte
Qualcuno fu ucciso, sotto la luce del municipio
C’erano poche persone sulla scena, ma tutti concordarono
Che l’uccisore che fuggì mi assomigliava molto
Lei percorre queste colline con un lungo velo nero
Visita la mia tomba quando i venti notturni sibilano
Nessuno sa, nessuno vede
Nessuno sa eccetto me

La forca è alta e l’eternità vicina
Lei era tra la folla senza versare una lacrima
Ma alle volte di notte, quando il vento freddo sibila
Con un lungo velo nero lei piange sopra le mie ossa
Percorre queste colline con un lungo velo nero
Visita la mia tomba quando i venti notturni sibilano
Nessuno sa, nessuno vede
Nessuno sa eccetto me

Il giudice disse figliolo, qual è il tuo alibi?
Se tu eri altrove, allora non dovrai morire
Non proferii parola, sebbene significasse la mia vita
Ero stato fra le braccia della moglie del mio migliore amico
Con un lungo velo nero, lei piange sopra le mie ossa
Percorre queste colline con un lungo velo nero
Visita la mia tomba quando i venti notturni sibilano
Nessuno sa, nessuno vede
Nessuno sa eccetto me


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - copyright©2000-2021

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT - Dove il Web Riflette! - Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo