Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Arte
Arte - Commenti, recensioni, raccolte di...
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Riflessioni sull'Arte
Vecchio 18-07-2005, 23.39.23   #51
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da Angel of the night
Ti dirò la prima poesia che mi colpì. Età.... otto-nove anni... fu la Pioggia nel Pineto di D'Annunzio e il motivo per cui mi colpì era la musica che sentivo dietro le parole e mi piaceva da matti recitarla davanti allo specchio ad alta voce. Accanto a questa, stesso risultato, il V canto dell'Inferno di Dante, ogni tanto mi metto a decantarlo...

Allora prova a leggere Pascoli. Lo so che non è un poeta molto amato perchè a scuola ci fanno leggere solo la cose strappalacrime, ma ha una musicalità eccezionale!

Ecco, sei il primo, fino ad ora, che forse sente come me il legame tra musica e poesia. Una volta le poesie si cantavano!!!! Poi a poco a poco il legame si è sciolto e la musica viene solo evocata. Ma c'è. Certo, difficilino scrivere una canzone su Mattino di Ungaretti. Troppo corta per la nostra idea di canzone. Ma la musica c'è. Quando non c'è, secondo me manca qualcosa di fondamentale.

Grazie!
Fragola is offline  
Vecchio 19-07-2005, 20.47.13   #52
Angel of the night
Angelo al contrario
 
L'avatar di Angel of the night
 
Data registrazione: 18-04-2004
Messaggi: 115
Sì. Un tempo i trovatori se ne andavano in giro a dileziare gentil donzelle e baldi cavalieri. Ora poesia e musica si sono distaccate prendendo strade diverse ma sotto sotto ancora intrecciate. Cito Fabrizio De Andrè, uno dei migliori cantautori-poeti che abbiamo mai avuto in Italia.

Di Pascoli non ho mai letto moltissimo. Ho solo i Canti di Castelvecchio. (Mai letto!) Credo che rimedierò alla lacuna.
Angel of the night is offline  
Vecchio 25-08-2005, 00.45.48   #53
hypocras
Ospite
 
Data registrazione: 23-08-2005
Messaggi: 8
Per me la poesia, come la musica e come le opere d'arte crea incantamento, diventa un elemento unificante, di congiunzione di tutto ciò che vibra, apre la facoltà di vibrare e consuonare con la natura ed io credo che, pur con la differente sensiiblità di ciascuno, diventi strumento di spirito universale.
Penso agli antichi rituali e vedo la poesia nascere con il canto, con il ritmo, come momento collettivo, e quindi connesso anche alla danza.
La poesia si differenzia dalla prosa perchè è una sorta di recinto sacro, di spazio chiuso dove gli elementi si articolano e ritornano, dove vi è simmetria, armonia oppure asimmetria e disarmonia che si ricompongono in altra simmetria, alla Goethe.
Anche se è scritta dal poeta per descrivere un proprio stato d'animo è evocativa come un rituale, crea risonanza nella mente e nella coscienza, come nel sogno... penso poeti simbolisti.
hypocras is offline  
Vecchio 14-09-2005, 12.28.44   #54
freigeist
Ospite
 
L'avatar di freigeist
 
Data registrazione: 14-09-2005
Messaggi: 0
Messaggio originale inviato da Fragola

"Domanda: che cosa rende un testo degno di essere chiamato poesia? "

E' la capacità evocativa del testo a qualificarlo come poesia.
E' la capacità di generare ricordi.
Lascia pascolare i ricordi, lasciali brucare l'erba del vago,
dell'indefinito: immaginazione e sogno fanno l'amore con calendari e
clessidre, freddi strumenti per misurare il tempo, e generano il levigato e
sfuggente ricordo, l'avvolgente ed effimero abbraccio di una realtà che ti
lega a doppio filo al mondo.
Fai correre i ricordi e sorridi al loro venirti incontro.
Sorriderai a te stessa perchè la memoria non è altro che te.
La memoria è il dispiegarsi della tua anima alle domande dell'esterno.
Una parola sentita, un'immagine intravista, un suono percepito all'improvviso
sono le porte del presente che tu apri al passato: sono il tuo adesso che ti
collega, per un'inspiegabile magia, al tuo allora. Sei tu che riscopri te stessa in modi del tutto imprevisti e con risultati
del tutto diversi ogni volta che apri la porta.
Lo diceva anche il buon Platone, la conoscenza e, a maggior ragione, la
conoscenza di sè stessi non è altro che il dolce frutto della memoria.
Quando la poesia si lega allamemoria è vera poesia
freigeist is offline  
Vecchio 27-12-2005, 16.57.44   #55
nicola185
al di là della Porta
 
L'avatar di nicola185
 
Data registrazione: 15-02-2004
Messaggi: 0
altre interpretazioni

http://www.filosofico.net/schlegnovalis5.htm
nicola185 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it