Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 27-02-2007, 09.39.49   #11
MAGDA
Ospite abituale
 
L'avatar di MAGDA
 
Data registrazione: 25-09-2006
Messaggi: 46
Riferimento: Stato sociale <-> liberalizzazioni

Chiedo scusa.... ma in che modo si può superare l' entropia burocratica?
In passato abbiamo potuto constatare che alcuni servizi, hanno sofferto della lentezza e della difficoltà di innovazione degli apparati statali.... legate alle
vicende politiche dei vari governi che si sono succeduti; come si può
svincolare lo Stato dalla politica? Io riflettevo sulla soluzione che si potrebbe
unire la dinamicità aziendale al controllo statale dell' interesse pubblico, attraverso una compartecipazione ed un organo di controllo superiore.
Chiedevo se ciò era possibile.... a tuo parere Van Lag... e cosa ne pensi a riguardo. Inoltre nutro profonda stima e ammirazione per l' efficienza dei servizi
dei Paesi Scandinavi e del Nord Europa in generale, tu sai perchè per noi ....
italiani è così impossibile ?.......
MAGDA is offline  
Vecchio 27-02-2007, 13.20.45   #12
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Stato sociale <-> liberalizzazioni

Citazione:
Originalmente inviato da MAGDA
Io riflettevo sulla soluzione che si potrebbe unire la dinamicità aziendale al controllo statale dell' interesse pubblico, attraverso una compartecipazione ed un organo di controllo superiore.
Chiedevo se ciò era possibile.... a tuo parere Van Lag... e cosa ne pensi a riguardo. Inoltre nutro profonda stima e ammirazione per l' efficienza dei servizi dei Paesi Scandinavi e del Nord Europa in generale, tu sai perchè per noi ....
italiani è così impossibile ?.......
Ma l’azienda privata non è necessariamente più funzionante degli apparati statali. Qualche decennio fa era così, certo perché qualche decennio fa, il bene materiale aveva un grande valore, in quanto era difficile da produrre e, per produrre beni duraturi, ci volevano progettisti seri e professionali, manager seri e professionali, operai seri e professionali etc…. Quindi la serietà e la funzionalità erano fattori vitali per quel tipo di società. Oggi, grazie all’industrializzazione ed alla tecnologia abbiamo una capacità produttiva esuberante ed infatti oggi quello che ha valore è vendere e non più produrre e per vendere è necessario curare l’immagine ed indurre il bisogno nelle persone manipolando le coscienze.

Questo spiega perché oggi si tende a dare poco valore a peculiarità come responsabilità, serietà, coerenza, onestà, impegno etc, mentre peculiarità come la creatività, l’eloquenza, ma anche l’aggressività, la mancanza di scrupoli e il culto dell’immagine, etc trovano maggiore favore.

Questo è un fatto culturale che spiega in parte il degrado progressivo che si sviluppa un po’ a tutti i livelli della società inclusa la politica. Per quanto riguarda quest’ultima, a complicare il panorama italiano c’è, secondo me, l’anomalia tutta italiana che nel nostro paese si mischiano i valori morali propri delle singole coscienze, (valori della religione), con i valori politici e sociali, questo in virtù della pretesa assolutista della chiesa che pretende di essere l’unica depositaria della verità. Questo, più di tutto, è ciò che ci rende diversi dalle altre democrazie europee.

La strada per uscire come sempre esiste ma passa attraverso una capacità critica che ci permetta di mettere in discussione la nostra cultura ed i valori su cui si fonda per capire dove stiamo sbagliando e cosa possiamo fare per andare meglio, ma questo, ancora una volta trova il veto della cultura cattolica che per definizione appoggia le sue fondamenta sulla verità e che quindi, dal punto di vista cattolico, è impossibile che sia sbagliata e non si può ne discutere ne rivedere.

VanLag is offline  
Vecchio 27-02-2007, 23.11.06   #13
MAGDA
Ospite abituale
 
L'avatar di MAGDA
 
Data registrazione: 25-09-2006
Messaggi: 46
Riferimento: Stato sociale <-> liberalizzazioni

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
La strada per uscire come sempre esiste ma passa attraverso una capacità critica che ci permetta di mettere in discussione la nostra cultura ed i valori su cui si fonda per capire dove stiamo sbagliando e cosa possiamo fare per andare meglio, ma questo, ancora una volta trova il veto della cultura cattolica che per definizione appoggia le sue fondamenta sulla verità e che quindi, dal punto di vista cattolico, è impossibile che sia sbagliata e non si può ne discutere ne rivedere.


La verità su cui si fonda la cultura cattolica è una verità di fede, dove valori
come la solidarietà,il rispetto della vita, l' amore verso il prossimo, l' attenzione
verso i più poveri, l' uguaglianza, la difesa dei valori civili e della dignità umana, non possono contrastare i princìpi di uno stato sociale, ma ne costituiscono il fondamento . Quindi il problema è nella classe politica che deve imparare a prendere decisioni importanti nell' interesse della collettività,
distaccandosi dall' idea di coltivare il proprio orticello e.... guardare all' Italia
e agli italiani, come una nazione, con notevoli risorse che può e deve competere con le grandi democrazie europee. Grazie per la spiegazione.
MAGDA is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it