Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 02-06-2007, 19.19.07   #11
Mati
Ospite
 
Data registrazione: 22-01-2006
Messaggi: 35
Riferimento: Cinema. La critica è scomparsa: facciamola noi

Io consiglio i cineforum!
Superconveniente e i film sono sempre tra i più belli.
Meno commerciali (solitamente significa anche più belli).
Questa stagione partecipando a due cineforum della mia città ho visto 45 film E almeno la metà sono tra i più belli che ho mai visto.
Mati is offline  
Vecchio 02-06-2007, 23.03.37   #12
IISNT
Ospite abituale
 
Data registrazione: 07-11-2006
Messaggi: 46
Riferimento: Cinema. La critica è scomparsa: facciamola noi

Ciao belli, finalmente un thread sul cinema, il settore su cui ho sempre concentrato maggiormente i miei studi (ancora in corso)
La critica c'è ragazzi bisogna solo consultare le giuste fonti
Allora, il film più bello di quest'anno è probabilmente blood diamond, che consiglio a tutti... Attualmente al cinema c'è un film che promette davvero bene: Zodiac... Dal regista di seven e fight club... un grande della cinematografia che ancora non ha sbagliato un colpo... e questo suo nuovo film ha tutte le carte in regola per essere un buon prodotto Io devo ancora vederlo ma ve lo consiglierei basandomi sul trailer e sulla stima che nutro per Fincher
Ah.. riguardo mio fratello è figlio unico: è guardabile, ma non è un gran film... un film italiano decente, con pregi e difetti tipici del genere... cmq bravissimo germano e ammirevoli alcune scelte registiche per un film non facile
Un altra cosa.. quando si parla di film è bene avvisare di tutti i possibili spoiler, onde evitare di rovinare il film a chi ancora non l'ha visto
IISNT is offline  
Vecchio 09-07-2007, 23.08.07   #13
katerpillar
Ogni tanto siate gentili.
 
L'avatar di katerpillar
 
Data registrazione: 14-03-2007
Messaggi: 665
Riferimento: Cinema. La critica è scomparsa: facciamola noi

Ieri sono andato a vedere Consulenti Matrimoniali. Un film estivo ma con un idea originale, sopratutto per il luogo in cui si svolge e la trama. Come spesso accade le idee originali le hanno sempre i giovani, che non le sanno sfruttare fino in fondo. Da vedere. Ciao e buona visione Ciak si gira.
katerpillar is offline  
Vecchio 11-07-2007, 21.57.01   #14
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Riferimento: Cinema. La critica è scomparsa: facciamola noi

Uno dei film che mi piace tantissimo di cui ho rivisto ieri il dvd, purtroppo non recente (andrà bene ugualmente Katerpillar?) è

L'attimo fuggente (1989)

"Sono salito sulla cattedra per ricordare a me stesso che dobbiamo sempre guardare le cose da angolazioni diverse. E il mondo appare diverso da quassù. Non vi ho convinti? Venite a veder voi stessi. Coraggio! È proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da un'altra prospettiva."

Non è il miglior film di Peter Weir, sfortunatamente è utopico, ma che scene toccanti, commoventi e che tifo si fa contro il perbenismo che uccide la vita dentro di noi!

Qualcuno l'ha visto certamente, non è grandioso???
Patri15 is offline  
Vecchio 11-07-2007, 23.46.14   #15
katerpillar
Ogni tanto siate gentili.
 
L'avatar di katerpillar
 
Data registrazione: 14-03-2007
Messaggi: 665
Riferimento: Cinema. La critica è scomparsa: facciamola noi

Patri15
Citazione:
Non è il miglior film di Peter Weir, sfortunatamente è utopico, ma che scene toccanti, commoventi e che tifo si fa contro il perbenismo che uccide la vita dentro di noi!
Qualcuno l'ha visto certamente, non è grandioso???
katerpillar

Cara Patrizia, siamo talmente abituati alle prepotenze dei potenti della terra, che quando ascoltiamo qualche verità la riteniamo utopica. Shophenauer, dall'alto del suo genio filosofico, affermava che un pensiero filosofico non doveva nascere dentro le università ma al difuori, perché li dentro avrebbe ricalcato le idee dei potenti di turno. Per cui anche lui si rendeva conto di questa verità.

Nieztche, invece, affermava che prima di scrivere un pensiero filosofico, non bisognava leggere libri di altri filosofi famosi, per non venire influenzati. Io nel mio libro li ho contestati tutte e due per ragioni che sarebbe troppo lungo ora elencare.

Questi episodi, tanto per sottolineare come noi: uomini e donne, dopo millenni di prepotenze perpetrate da questa gente, siamo condizionati al punto tanto da farcele sembrare normali.

In fin dei conti, se vogliamo, Peter weir, tramite quel mostro sacro di Robin Williams, ha affermato che vi sono diverse angolazioni per guardare il mondo, e non mi sembra poi così utopistico.

Ma sono convinto che siamo talmente impregnati nella nostra sudditanza (tutti compresi), che quando tu reagisci nel forum in difesa di questo o di quello, ti scambio per una pantera arrabbiata a cui hanno toccato i cuccioli.
Vedi come sono impregnato di sudditanza anch'io? Le tue sono risposte normalissime, ma io le vedo in quel modo; ovvero: da un'altra angolazione.

La domanda che ti pongo invece è un'altra: ma perchè di film come quello e come tanti altri non se ne fanno più? Mi ricordo ancora dei film di quando ero ragazzino, come il Ferroviere, di Germi, la Strada di Fellini, una Giornata particolare, di Scola e tanti altri film belli, sia italiani sia americani.
Questa si che è una bella domanda. Un abbraccio. Giancarlo.
katerpillar is offline  
Vecchio 12-07-2007, 08.46.07   #16
Mati
Ospite
 
Data registrazione: 22-01-2006
Messaggi: 35
Riferimento: Cinema. La critica è scomparsa: facciamola noi

La domanda che ti pongo invece è un'altra: ma perchè di film come quello e come tanti altri non se ne fanno più? Mi ricordo ancora dei film di quando ero ragazzino, come il Ferroviere, di Germi, la Strada di Fellini, una Giornata particolare, di Scola e tanti altri film belli, sia italiani sia americani.
Questa si che è una bella domanda. Un abbraccio. Giancarlo.[/quote]



Ci sono in giro dei fantastici film, forse ancora più belli di quelli che hai citato, lo stesso attimo fuggente, molto bello ma in fondo è la solita americanata... sai già come va a finire dai titoli di testa. Non fermatevi a guardare le uscite da botteghino, curiosate nelle sale più piccole e come ho già detto, nei cineforum.
Bye
Mati is offline  
Vecchio 12-07-2007, 10.47.01   #17
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Riferimento: Cinema. La critica è scomparsa: facciamola noi

Citazione:
Originalmente inviato da Mati
Ci sono in giro dei fantastici film, forse ancora più belli di quelli che hai citato, lo stesso attimo fuggente, molto bello ma in fondo è la solita americanata... sai già come va a finire dai titoli di testa. Non fermatevi a guardare le uscite da botteghino, curiosate nelle sale più piccole e come ho già detto, nei cineforum.
Bye

Non sono per niente d'accordo. Peter Weir è un registra fra i più grandi. Innanzitutto è AUSTRALIANO.

Forse non hai visto "Picnic A Hanging Rock"

Non è solo una bellissima, insuperata pietra miliare della storia del cinema, è un film fuori dal tempo, o, ancora meglio, uno spaccato di cinema fuori da ogni contesto spazio-temporale.

Credo che nessun film sia riuscito a creare nello spettatore così tanta apprensione, tensione e angoscia.

Non ci sarà nessuno che spiegherà come sono andati i fatti, il senso di straniamento è assoluto, nessuna via di scampo.
La natura, nel bene o nel male, ha prevalso nella sua lotta al razionalismo e al progresso.

E non dimenticare il flauto di pan, colonna sonora eccezionale.

Uno dei tratti fondamentali delle opere di Weir è il rapporto dei protagonisti con l'ambiente naturale, spesso ostile e selvaggio:

la foresta tropicale in cui il pazzo Ford (Harrison) decide di far vivere la sua famiglia, le montagne dove si perdono le collegiali di Picnic ad Hanging Rock , la campagna americana in cui vivono isolati gli Amish in Witness (1985), la serra nella commedia Green card (1990) e il mondo fintamente vero in cui è prigioniero Truman ne The Truman Show (1998)

Non trovo proprio alcuna <americanata>.

Scusa l'ardore della mia risposta, ma il cinema alle volte è un'arte suprema e bisogna accostarsi umilmente, attentamente ai capolavori, per capirli.

Ciao, con simpatia
Patri15 is offline  
Vecchio 12-07-2007, 22.25.52   #18
katerpillar
Ogni tanto siate gentili.
 
L'avatar di katerpillar
 
Data registrazione: 14-03-2007
Messaggi: 665
Riferimento: Cinema. La critica è scomparsa: facciamola noi

katerpillar
Citazione:
La domanda che ti pongo invece è un'altra: ma perchè di film come quello e come tanti altri non se ne fanno più? Mi ricordo ancora dei film di quando ero ragazzino, come il Ferroviere, di Germi, la Strada di Fellini, una Giornata particolare, di Scola e tanti altri film belli, sia italiani sia americani.
Questa si che è una bella domanda. Un abbraccio. Giancarlo.

Mati
Citazione:
Ci sono in giro dei fantastici film, forse ancora più belli di quelli che hai citato, lo stesso attimo fuggente, molto bello ma in fondo è la solita americanata... sai già come va a finire dai titoli di testa. Non fermatevi a guardare le uscite da botteghino, curiosate nelle sale più piccole e come ho già detto, nei cineforum.
Bye
katerpillar

L'attimo fuggente, pur essendo stato un bellissimo film, non lo ritengo affatto superiore ai film da me citati, la sola complessità della trama era nettamente superiore; senza parlare del premio Oscar conferito alla Strada di Fellini...Non vogliamo mica scherzare.
Non voglio avere ragione a tutti i costi Mati, ma se un film è bello è bello, se invece è una americanata è una americanata, decidi tù. Inoltre andrebbe ricordato che nei cineforum proiettano film che già sono stati proiettati nelle sale normali, mica esiste una produzione apposita per i cineforum..o sbaglio?

katerpillar is offline  
Vecchio 13-07-2007, 06.14.06   #19
Lord Kellian
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2005
Messaggi: 348
Riferimento: Cinema. La critica è scomparsa: facciamola noi

Non credo che la critica sia scomparsa. Anche se però è vero che sui giornali nazionali da critiche spietatissime s'è passati a più miti consigli, come dice Kater... Potenza del denaro? Mi sa di si.

Il mio critico preferito è paradossalmente, in questo mondo globalizzato, quello di un "giornale" gratis, di quelli che vanno di moda adesso, cioè quelli praticamente senza giornalisti. Alessio Guzzano, di City.

Poi ho sempre con me il mitico Mereghetti, il dizionario indispensabile per gli amanti del grande schermo.

Ebbene dopo tutta questa presentazione in versione "critica" il film che ho visto è... Transformers! Beh, a me è piaciuto, ma voi non andate a vederlo: vi farà schifo. E' solo il film con la più maestosa grafica 3d che si sia visto ultimamente in giro. (E io faccio il grafico 3d di mestiere .) Fino a 38 ore di calcolo per un singolo fotogramma (fotagrammi che sono 24 per secondo).

La storia ovviamente non conta, ma le sottotrame non ti fanno annoiare. La repentinità con cui succedono le cose è strabiliante ed è il film con più esplosioni che io abbia mai visto. Stop.

Prometto che il prossimo film che vedrò sarà d'autore

Per quanto riguarda Mio fratello è figlio unico, devo dire che mi ha un po' deluso, soprattutto la sceneggiatura: anziché parlare i due fratelli fanno a botte tutto il tempo. Noiosi. Bravo il nazicomunista, e anche il nazicomunista-bambino. In realtà neppure la regia mi ha entusiasmato.

Altro argomento, correlato. Assurdo dire che un film bello è bello e un'americanata è un'americanata. Che discorso è? Kat, ti sembra una... riflessione? Nelle mie precedenti succinte micro-analisi ho appena "dimostrato" il contrario. Tutto dipende da "cosa" tu guardi in un film. A me della trama frega ben poco. Dopo la Bibbia e l'Iliade le storie son tutte uguali. Il mio prof alla scuola del fumetto diceva che le trame sono tutte una variante al massimo di una decina di storie.

L'unico film per cui ultimamente mi è sfuggito l'aggettivo "originale" è stato Borat, l'avete visto? L'irriverenza e il politcally incorrect più estremo degli ultimi anni. Una carica umoristica incredibile: persino le scene più trash risultano apprezzabili, non so come sia possibile, ma è così...

Ah io per l'attimo fuggente mi sono commosso.

Mmm... mi viene in mente anche che mi è piaciuta molto la sceneggiatura di Transamerica (2005), una commedia brillante e toccante sul viaggio di un uomo, un travestito, che vuole diventare donna - col nome di Bree - tramite un'operazione. Per caso incontra il figlio che non sapeva di avere. Figlio che crede che lui sia una lei e quindi la madre (mentre in realtà è il padre). Insieme attraversano l'America senza che Bree abbia il coraggio di rivelare la verità al figlio... L'attrice che fa Bree ha avuto una nomination per gli Oscar.
Lord Kellian is offline  
Vecchio 13-07-2007, 13.44.48   #20
katerpillar
Ogni tanto siate gentili.
 
L'avatar di katerpillar
 
Data registrazione: 14-03-2007
Messaggi: 665
Riferimento: Cinema. La critica è scomparsa: facciamola noi

X Lord Kellian.

Mati
Citazione:
Ci sono in giro dei fantastici film, forse ancora più belli di quelli che hai citato, lo stesso attimo fuggente, molto bello ma in fondo è la solita americanata... sai già come va a finire dai titoli di testa. Non fermatevi a guardare le uscite da botteghino, curiosate nelle sale più piccole e come ho già detto, nei cineforum.
Bye
katerpillar
Citazione:
Non voglio avere ragione a tutti i costi Mati, ma se un film è bello è bello, se invece è una americanata è una americanata, decidi tù.
Lord Kellian
Citazione:
Altro argomento, correlato. Assurdo dire che un film bello è bello e un'americanata è un'americanata. Che discorso è? Kat, ti sembra una... riflessione? Nelle mie precedenti succinte micro-analisi ho appena "dimostrato" il contrario. Tutto dipende da "cosa" tu guardi in un film.
katerpillar

Ti ho riportato il trafiletto originale così potrai comprendere meglio il significato
del mio intervento su Mati. Qui a Roma quando si vuol indicare un film senza contenuti ma molto scenografico, si afferma che è un'americanata, quindi non bello, mentre Mati ha affermato che: si il film era bello pero era un'americanata.

Ecco il perchè della mia precisazione. OK?

Per quanto riguarda BORAT, oltre a farmi schifo in alcune scene(mettere un culo di un ciccione da centoquaranta chili in primo piano, con tutti gli annessi e connessi, non lo trovo affatto dissacrante, fa solo schifo e basta), inoltre l'ho trovato un film apertamente razzista contro tutti coloro che non risultano ebrei, ed in particolar modo dei Cristiani; ed io dopo certi fatti sono orgoglioso di non essere ebreo, come vuole esserlo lui.

Il proseguimento di quel razzismo, sempre dallo stesso attore, l'ho notato su MOVIE, altra rapina effettuata al botteghino e, per di più, razzista.

GIAK di gira: avanti il prossimo.
katerpillar is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it