Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 23-10-2007, 09.51.28   #11
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Why not e De Magistris

Citazione:
Originalmente inviato da La_viandante
de magistris rimosso dall'indagine all'indomani dell'iscrizione nel registro indagati del ministro di "giustizia"
queste le ultime novità ... tra l'altro il magistrato, vittima già di minacce, pallottole inviategli per posta rischia, rischia la vita, non ha la scorta perchè la macchina glie la lasciano senza benzina ..
non voglio essere catastrofista, voglio suscitare una indignazione generale che porti ad una reazione fattiva.

se hai visto la trasmissione report di domenica lo spiega molto bene tutto il meccanismo che sta dietro...qui ce il link con il testo integrale se vuoi
ciao
http://www.report.rai.it/R2_popup_ar...075041,00.html
acquario69 is offline  
Vecchio 23-10-2007, 13.38.43   #12
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
Riferimento: Why not e De Magistris

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
se hai visto la trasmissione report di domenica lo spiega molto bene tutto il meccanismo che sta dietro...qui ce il link con il testo integrale se vuoi
ciao
http://www.report.rai.it/R2_popup_ar...075041,00.html
ma è video? non posso vederlo non ho l'adsl, puoi riassumerlo a brevi linee?
un po' l'ho visto report, non so a cosa ti riferisci in particolare
La_viandante is offline  
Vecchio 25-10-2007, 10.55.32   #13
Eretiko
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-10-2007
Messaggi: 663
Riferimento: Why not e De Magistris

Colgo degli aspetti veramente preoccupanti in questa vicenda:

1) un PM che non si fida del suo capo (il capo della procura) e ciò lo porta a non informarlo della sua indagine. Vero, gli errori formali sono stati utlizzati spesso per annullare sentenze storiche (vedi il famoso Carnevale); ma anche il formalismo è indispensabile in un paese garantista. Ma quello che spaventa è la sfiducia tra gli stessi uomini che debbono garantire il magistero della legge.

2) Il potere politico tenta di esercitare un controllo su quello giudiziario (e questo grazie alla pessima legge voluta da Castelli che ha dato poteri abominevoli al ministro). Sia che Mastella lo abbia fatto in buona fede o no, ha esercitato un (legittimo, per legge) diritto di controllo assolutamente immorale (anche perchè lui era uno di quelli contrari alla legge Castelli). E proprio per questo spaventa.

3) Ci siamo forse illusi che dopo "mani pulite" e le leggi sui finanziamenti pubblici dei partiti si fosse riusciti nell'intento di "moralizzare" il potere politico; invece nulla è cambiato, anzi. Il "furto" continua, il finanziamento illecito e a "nero" dei partiti prospera (e nessuno è immune). Peggio di quando c'era la "concertazione" DC-PSI-PCI.

4) Il sospetto; il sospetto che De Magistris abbia avuto scopi suoi personali (non nell'indagine, ma nella mancata comunicazione al suo capo); il sospetto che Mastella abbia chiesto il trasferimento per insabbiare l'inchiesta; il sospetto di protagonismo nella continua esposizione mediatica dei personaggi coinvolti; il sospetto che non ci si possa fidare di nessuno.
Eretiko is offline  
Vecchio 25-10-2007, 11.54.26   #14
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
Riferimento: Why not e De Magistris

credo che la puntata di stasera di annozero avrà di nuovo questo come tema.
ieri invece su la7 ho assistito a qualcosa di terrificante.
magistrari come Woodcock e De Magistris tacciati di essere degli showmen in cerca solo di notorietà mediatica ...
La_viandante is offline  
Vecchio 25-10-2007, 14.17.16   #15
lunadanzante
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-12-2006
Messaggi: 62
Riferimento: Why not e De Magistris

Un pm che non si fida del suo capo…De Magistris ha affermato che ha agito come da regolamento, se poi effettivamente non si fida del suo capo avrà avuto sentore che la sua battaglia dovrà combatterla da solo, del resto anche Falcone e Borsellino non è che avessero la folla intorno a loro, per i motivi ben noti.
È in ogni caso difficile credere che un ministro della Giustizia sia in buona fede nel momento in cui chiede il trasferimento di un magistrato che sta indagando su di lui, viceversa dava prova di correttezza e professionalità evitando di usare il suo potere per togliersi d’impaccio. Quali scopi personali avrebbe potuto avere De Magistris nel non comunicare al suo capo che iscriveva il ministro della Giustizia nel registro degli indagati? Neanche Mastella è riuscito a trovare motivazione migliore di quella di “voler diventare un eroe”…per l'iscrizione e non per la mancata comunicazione. E se invece il pm si è visto crescere a dismisura la terra bruciata intorno a se?
Non vorrei che ora, a trovarsi in difetto, fosse De Magistris e non il ministro della giustizia, indagato e con un comportamento niente affatto irreprensibile, e che, tuttavia, rimane al suo posto.
Ricordo che Mastella è scuola “vecchia” DC, con tutti gli annessi e connessi, quindi… è giusto dire, “quando c’era la DC”?
lunadanzante is offline  
Vecchio 25-10-2007, 14.58.40   #16
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Why not e De Magistris

Citazione:
Originalmente inviato da Eretiko
Colgo degli aspetti veramente preoccupanti in questa vicenda:

1) un PM che non si fida del suo capo (il capo della procura) e ciò lo porta a non informarlo della sua indagine. Vero, gli errori formali sono stati utlizzati spesso per annullare sentenze storiche (vedi il famoso Carnevale); ma anche il formalismo è indispensabile in un paese garantista. Ma quello che spaventa è la sfiducia tra gli stessi uomini che debbono garantire il magistero della legge.

2) Il potere politico tenta di esercitare un controllo su quello giudiziario (e questo grazie alla pessima legge voluta da Castelli che ha dato poteri abominevoli al ministro). Sia che Mastella lo abbia fatto in buona fede o no, ha esercitato un (legittimo, per legge) diritto di controllo assolutamente immorale (anche perchè lui era uno di quelli contrari alla legge Castelli). E proprio per questo spaventa.

3) Ci siamo forse illusi che dopo "mani pulite" e le leggi sui finanziamenti pubblici dei partiti si fosse riusciti nell'intento di "moralizzare" il potere politico; invece nulla è cambiato, anzi. Il "furto" continua, il finanziamento illecito e a "nero" dei partiti prospera (e nessuno è immune). Peggio di quando c'era la "concertazione" DC-PSI-PCI.

4) Il sospetto; il sospetto che De Magistris abbia avuto scopi suoi personali (non nell'indagine, ma nella mancata comunicazione al suo capo); il sospetto che Mastella abbia chiesto il trasferimento per insabbiare l'inchiesta; il sospetto di protagonismo nella continua esposizione mediatica dei personaggi coinvolti; il sospetto che non ci si possa fidare di nessuno.

sul quarto punto mi piacerebbe dire la mia e porre un ulteriore domanda...
non sara' mica che il sospetto e il fatto di non potersi fidare di nessuno viene fuori proprio fuori dal fatto che qualcuno vuole mischiare le carte,anzi rivoltarle completamente per confondere ulterormente le idee all'opinione pubblica,cosi da ribaltare la verita che sta dietro a tutto questo,contribuendo a metterci una bella pezza sopra?
acquario69 is offline  
Vecchio 25-10-2007, 17.33.01   #17
Eretiko
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-10-2007
Messaggi: 663
Riferimento: Why not e De Magistris

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
sul quarto punto mi piacerebbe dire la mia e porre un ulteriore domanda...
non sara' mica che il sospetto e il fatto di non potersi fidare di nessuno viene fuori proprio fuori dal fatto che qualcuno vuole mischiare le carte,anzi rivoltarle completamente per confondere ulterormente le idee all'opinione pubblica,cosi da ribaltare la verita che sta dietro a tutto questo,contribuendo a metterci una bella pezza sopra?

E' molto probabile che sia così. Ma chi lo sta facendo non credo lo faccia solo per il proprio sedere. Altrimenti succede come per l'indulto: voto trasversale con ampia maggioranza e poi tutti ad additare l'unico colpevole, secondo l'italica usanza. Nella storia in Calabria ci sono coinvolti un pò tutti, quindi se quell'inchiesta si insabbia sono tutti contenti.
Eretiko is offline  
Vecchio 26-10-2007, 10.17.00   #18
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
Riferimento: Why not e De Magistris

l'ultima novità è che si è trovato il sostituto di De Magistris, questo è stato in passato l'accusa di casi come Ustica e strage di Bologna, di cui guarda caso non si è trovato il colpevole
La_viandante is offline  
Vecchio 29-10-2007, 16.00.07   #19
Eretiko
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-10-2007
Messaggi: 663
Riferimento: Why not e De Magistris

Riflettevo sul fatto che Mastella (non certo da solo...) è riuscito a fare in poco tempo quello che nemmeno Berlusconi aveva fatto: indulto, schiamazzi con le procure, richiesta di trasferimento di un PM...
All'opposizione si stanno fregando le mani, un regalo così non se lo aspettavano nemmeno loro.
Una notizia impressionante è che "qualcuno" tempo indietro ha avuto l'indecenza di presentare una modifica del codice penale per dimezzare le pene per i reati di bancarotta fraudolenta, con il bel risultato che la prescrizione di questi reati sarebbe stata di 7,5 anni invece di 19 anni.
Pensate a quanto sarebbe stato contento Tanzi...

All'ultimo hanno avuto il buon senso di ritirare la proposta... ma, dimenticata in qualche cassetto, prima o poi verrà rispolverata e magari presentata in un parlamento "pieno" casualmente di defezioni e col solito voto trasversale...
Eretiko is offline  
Vecchio 29-10-2007, 19.03.00   #20
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Why not e De Magistris

Citazione:
Originalmente inviato da Eretiko
Riflettevo sul fatto che Mastella (non certo da solo...) è riuscito a fare in poco tempo quello che nemmeno Berlusconi aveva fatto: indulto, schiamazzi con le procure, richiesta di trasferimento di un PM...
All'opposizione si stanno fregando le mani, un regalo così non se lo aspettavano nemmeno loro.
Una notizia impressionante è che "qualcuno" tempo indietro ha avuto l'indecenza di presentare una modifica del codice penale per dimezzare le pene per i reati di bancarotta fraudolenta, con il bel risultato che la prescrizione di questi reati sarebbe stata di 7,5 anni invece di 19 anni.
Pensate a quanto sarebbe stato contento Tanzi...

All'ultimo hanno avuto il buon senso di ritirare la proposta... ma, dimenticata in qualche cassetto, prima o poi verrà rispolverata e magari presentata in un parlamento "pieno" casualmente di defezioni e col solito voto trasversale...

La "sinistra" (virgoletto perchè non esiste più una vera sinitra ) sta lavorando alacremente per se stessa e per la "destra" (virgoletto per lo stesso motivo). Quando salirà, alle prossime elezioni; la "destra" lavorerà alacremente per la "sinistra".

Vogliamo capirlo o no? non esiste che una sola ed unica casta di intoccabili

Vogliamo guradare in faccia la realtà? lo so sche spaventa, fa paura a chi non sta ai "piani alti". Ma non voler vedere peggiora solo la realtà.

Borsellino e Falcone erano soli, e non poteva essere diversamente circondati come siamo sempre di più dalla piovra sempre meno travestita e sempre più sfacciata. Quasi ormai la sua strafottenza e potere siano un diritto indiscutibile.

Non per noi, ma almeno per i nostri figli e i figli dei nostri figli, dovremmo ribellarci.

Possono, in ogni caso, gloriarsi di essere riusciti dove il famigerato berluscau aveva fallito.
Mary is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it