Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 27-05-2003, 00.07.11   #1
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
differenze di età

Cosa ne pensate dei rapporti tra persone con una grossa differenza di età?
Per grossa intendo dai dieci anni in su.

Sono tendenzialmente scettica verso tutto ciò, ma mi sta capitando di vedere coppie in cui uno dei due è molto più piccolo dell'altro ma questo non influisce sulla validità dello scambio che avviene.

Non riesco a capire se sto cambiando io verso l'argomento o se, essendoci liberati, come società, di qualche preconcetto questo tipo di rapporto ha più modo di esistere senza che sia esso stesso condizionato in maniera negativa.
C'e qualcuno a cui va di parlarne?

Rodi
rodi is offline  
Vecchio 27-05-2003, 00.35.55   #2
salice
Ospite abituale
 
L'avatar di salice
 
Data registrazione: 31-03-2002
Messaggi: 164
Una proposta interessante sarebbe quella di avere da giovane un/una compagna molto più “grande”. Invece arrivati alla matura età – prendere un/una compagna giovane.
La situazione porta dei vantaggi notevoli considerando l’ esperienza di vita, ridotti stress economici …
salice is offline  
Vecchio 28-05-2003, 19.40.25   #3
osho
iscrizione annullata
 
L'avatar di osho
 
Data registrazione: 09-03-2003
Messaggi: 246
Superficialmente conta molto sopratttuttto se si dà peso
all'opinione altrui. Per il resto non conta niente, si può sempre
imparare uno dall'altro. Forse quando vedi(Rodi) qualcuno con
evidente differenza di età fisica magari hanno la stessa consapevolezza. Di solito il maggiore è un pò più "ritardato" o
non riesce a trovarsi bene con i coetanei.
Ma l'importante è non farsi problemi, poi se uno non fa del male
a nessuno può fare ciò che vuole.
Caio
osho is offline  
Vecchio 29-05-2003, 17.10.48   #4
rain
Ospite abituale
 
L'avatar di rain
 
Data registrazione: 08-05-2003
Messaggi: 187
Credo che sia molto soggettivo, cioè dipende dalla persona che trovi: ci possono essere persone più giovani ma molto mature di altre più anziane e viceversa. Inoltre credo che funzioni comunqeu meglio tra persone di una certa età, ad esempio 30-40 o 40-50, meno bene tra persone più giovani: 20-30 ecc.

Un bacio,
Rain
rain is offline  
Vecchio 30-05-2003, 16.13.39   #5
Giorgio
 
Messaggi: n/a
ma quale differenza considerate "grossa"?
10, 15, 20 anni?
 
Vecchio 30-05-2003, 22.17.28   #6
Laurablu
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-01-2003
Messaggi: 84
10 anni in piu' o in meno non li reputo una grossa differenza d'età, ma qua non si è parlato di genere sessuale, normalmente non è considerata grossa, anche di piu', quando è a favore dell'uomo, ben diversa è la situazione contraria, ancora oggi, conosco qualche coppia cosi, con lei piu' grande di una decina d'anni, che a livello magari solo psicologico il problema se lo crea. Per quanto riguarda il maschio, la differenza problematica dei 10 e piu' anni, neppure esiste. Se la pone, forse dai 20 in su. Personalmente sono contraria, in entrambi i sessi, ad una grande differenza d'età, secondo me nasconde sempre qualcosa che non va, anche se non ammesso, ricerca del padre, della madre. Il gap generazionale è piu' importante di quello che sembra. Però, ammetto che adesso, che sono vicina ai 40 sono attratta, da tutti i punti di vista, dagli uomini un po' piu' giovani di me, non tantissimo, ma certo li preferisco ai coetanei o a quelli piu' vecchi.
Laurablu is offline  
Vecchio 30-05-2003, 22.26.56   #7
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Ciao blu, ogni tanto riappari..... ...allora, io sono l'esatto contrario di te... non ho mai "cercato" uomini coetanei...
Oserei direi... sempre, molto più grandi...questo perchè quando ero ragazzina, i coetaei mi parevano "vuoti"...ora, a 31 anni è cambiato tutto il "panorama", nel senso che, cambiando la mia età..cambiano le esigenze, il valore che si conferisce ad alcuni aspetti, di solito, non esteriori.... no so, magari sbaglio... ma preferisco avere anche solo conversazioni... con persone molto più grandi...ma non disdegno le persone più giovani...questione di affinità...credo...

Tutto ok? è un po' che non ti si vede...

Ultima modifica di deirdre : 30-05-2003 alle ore 22.29.30.
deirdre is offline  
Vecchio 30-05-2003, 22.42.39   #8
irene
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-11-2002
Messaggi: 474
Anche io non ho mai avuto interesse di alcun genere per i miei coetanei.Diciamo che frequentare uomini con (almeno) dieci anni più di me è sempre stata la norma.
Ora però qualcosa sta cambiando,e mi accorgo che quelli più giovani di me non mi dispiacciono affatto,anche se la mia inclinazione per i più "maturi" non è mai venuta meno.
E il disinteresse per i coetanei persiste...salvo alcune felici eccezioni...Chissà cosa nasconde questa scarsa affinità/complementarità con chi è nato nel mio stesso anno,o giù di lì...
irene is offline  
Vecchio 30-05-2003, 23.51.58   #9
bostonian
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 16-05-2003
Messaggi: 2
ciao a tutti...

differenze di età? premetto che per me sostanzialmente l'età anagrafica conta abbastanza poco, l'età giusta è quella che ognuno ha nella testa... quindi di quale differenza di età parliamo?

L'età anagrafica serve solo per (1) scopi riproduttivi (2) convenzione sociale. Per quanto riguarda (1) mi pare poco rilevante, in quanto l'attività riproduttiva occupa pochi minuti in una vita che dura circa 80 anni... Vogliamo condizionare i rapporti sociali e sentimentali delle persone solo per soddisfare quella che (per molti) è una normale -ma banale- ansia alla propagazione della specie? Su (2) non mi dilungo.

Allora, l'età che conta è l'età della nostra mente. Dico che si può avere una bellissima relazione di scambio a qualsiasi livello (affettivo, amoroso, intellettuale, di amicizia) tra persone anche di età molto diversa. Io ho quasi 43 anni, ho rapporti che definirei globalmente "sentimentali" con persone di entrambi i sessi comprese tra i 20 e oltre 80 anni (escluse sorelle e nonni, che non contano)... in qualche caso conosco persone di meno di venti anni con le quali vale la pena di spendere mezz'ora al telefono o anche più...

Forse il discorso cambia se ci si sposta sul piano delle relazioni fisiche? Boh... in questo caso la mia esperienza è assai più limitata (pur se non nulla). Tenderei a dire che è lo stesso, e che anche tra ventenni e quarantenni (in entrambe le direzioni e con tutti i tipi di incrocio sessuale) possono scattare sentimenti e rapporti fisici conseguenti in grado di resistere naturalmente a qualsiasi obiezione...

E' solo un problema di maturità, su tutti i fronti. In effetti, la maturazione della persona è il vero limite: se uno matura a 16 anni puo avere tranquillamente rapporti con "adulti", mentre ci sono adulti che non maturano neanche a 50 anni e con i quali è noioso e fastidioso anche fermarsi a prendere un caffè...

E a proposito della maturazione, voglio aggiungere una cosa. Conoscete persone (voi stessi inclusi) che siano "maturate" in breve tempo? Cioè, una persona che incontrate dopo un mese, o un anno, di assenza, e che trovate di colpo cambiata, più intensa, più interessante? Mi viene in mente un paragone con le piante grasse. Loro crescono tipicamente così. Se ne stanno immobili, tra la vita e la morte, per anni. Poi, di colpo, arriva una estate e cominciano a crescere a dismisura, centimetri al giorno... in un mese vi trovate in casa una specie di mostro spinoso... Anche noi cresciamo cosi' rapidamente, a volte? Magari per colpa di, o grazie a, un evento improvviso e inatteso? E diventiamo improvvisamente interessanti... per gli altri? E anche per noi stessi...??? Dei nuovi "io"...

baci a tutti e a tutte,
F.
bostonian is offline  
Vecchio 31-05-2003, 00.20.19   #10
irene
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-11-2002
Messaggi: 474
Bostonian,ma che cos'è la maturità?
E' la capacità di prendere le cose con una "saggia" profondità,o con una "disincantata" leggerezza?
Io personalmente sono affascinata dalle personalità per così dire "mozartiane":lievi e gioiose in superficie,ma con un'attitudine nascosta e profondissima a decifrare i mille perchè del nostro esistere.
E questa è una meravigliosa dote che ha poco a che fare sia con l'anagrafe,che con la quantità di libri letti,studiati etc etc.
irene is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it