Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 08-10-2002, 19.51.02   #11
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Caro Horla...senza troppe polemiche.... se non sbaglio...noi italiani siamo andati a rompere i coglioni a tutto il mondo...ovunque tu vada trovi italiani...allora cosa dovrebbero fare gli altri paesi???? far fuori tutti gli immmigrati italiani?
Ma hai una vaga idea di cosa puoi ottenere con la violenza?
Solo altra violenza.....
Questo non significa che accetti passivamente l'entrata in italia di tutti coloro che lo vogliono.... chiaro, ci vogliono leggi che regolino le varie invasioni, ma addirittura parlare di difesa..ti pone già in partenza nei panni di un guerriero....

lasciamo perdere gli antenati...per favore...pace all'anima loro...sono defunti da mo'......


Poi parliamo di pace nel mondo....finche ci saranno odii raziali ecc..la pace non si otterrà mai....VOGLIAMO CACCIARCELO NELLA TESTOLINA????

Baci Bacetti
deirdre is offline  
Vecchio 08-10-2002, 21.52.50   #12
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Ciao Horla... è un piacere parlare con te!

Si Horla, hai ragione, non sono stati i tuoi antenati a portare la delinquenza… naturalmente tu sei un veneto puro sangue… vero?
Sono stati i siculi, i partenopei, i sardi… i sudici popoli del Sud… quante e quante volte ce l’avete fatto notare… <ingresso vietato ai cani e ai sardi!> (un revival di <vietato ai cani e agli italiani> che ancora si legge in Svizzera… la bella, limpida, pulita e putrida Svizzera)… si, hai ragione, si sente ancora il puzzo di terra… che schifo… lavorano anche! Tu puoi urlare e reclamare contro le migrazioni, contro la marea nera… sempre le solite mani sporche di terra! Tu devi lottare, devi ottenere la divisione dello stivale… a voi il gambaletto, a noi la pianta del piede? Un giorno, io, tu e Bossi (fagli lavare i capelli, prima… e fallo – che emozione – smettere di sputacchiare), stabiliremo dove cazzo deve essere collocata questa benedetta linea di demarcazione; una sola cosa… le vacanze estive… fuori dai coglioni… niente Sardegna… qui sparano… a te no… sarai il benvenuto… (tranquillo, non farti spaventare da me… sono piccolo e negro! Quindi).
Condivido tutto… non più quel puttanaio chiamato Italia… unito per forza (la forza del Nord che lo volle)… al nord, il Nabucco (povero Verdi – ricordi? Viva V.E.R.D.I. – Vittorio Emanuele Re D’Italia – mica lo gridavo io… alla Scala di Milano… si parlava e combatteva per un’Italia unita… INTERA… poveri idioti… veneti, emiliani, piemontesi, sardi, garibaldini…), al Sud, sceglieremo con calma e in santa pace.
Tutto a posto, tutto perfetto… Ci riapproprieremo della nostra cultura; ciascuno la propria; la propria? Un giorno mi spighi, la tua e quella lombarda? La tua e quella emiliana? La tua e quella friulana, trentina, ligure e toscana… la mia e quella sicula, pugliese, campana, lucana (il Lazio dove?… Nord o Sud… ci farai sapere)… un giorno ci spieghi.
D’accordo, d’accordo, ma questo che c’entra? <Ognuno la sua>… venti linee di demarcazione, venti regioni (poi a bossi lo spieghi tu che Campania e Calabria… insomma, ricordi?). Tutto a posto, tutto perfetto!
Un attimo solo! Horla ma che c’entra la mia atavica e genetica cultura con quella di Cagliari, di Nuoro ed Oristano? <Ognuno la sua… ciascuno difenda la propria>… su Horla, ti prego, aiutami un po’… ste cazzo di linee, in Sardegna, tracciamole insieme… aiutaci Bossi, ti prego… <ognuno la propria… terrun>… Ah! Ora ho capito… altri cento confini.
Che bella l’Italia, mi piace davvero. Ciascuno una legge… ciascuno un suo esercito pronto a difendere… nessuno potrà violare i confini… il filo spinato? Un muro d’acciaio? Non so… voglio essere tranquillo e sereno!
Un attimo ancora… qui nella mia città… si spaccia, si ruba, si rapina, si scippa e alle volte si uccide… che fare? Su dimmi, ho proprio paura… aiutami dai, quei confini non servono… non son proprio sereno… O grazie, mi piace, mi barrico in casa… nessuno mi assale… accendo il computer e il mondo ce l’ho!
Bene! La pace interiore! Forse! No!
Qualcuno m’insulta, la chat mi distrugge, il forum m’assale… non riesco a resistere… Che fare?
M’iberno…

… Ora vivo sereno… son già 1.000 anni ibernato e sereno, non riesco, però, a capire come, quando e dove vivrò!

Ciao Horla… non ti offendere, sai io sono un lurido sardo!
Cavolo, se insistiamo facciamo incazzare la Lady... vedrai che viene a graffiare... prima o poi!
visechi is offline  
Vecchio 09-10-2002, 00.10.38   #13
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
anch'io ho provato quella sensazione e mi sono posto la domanda.
Una parte di questione, molto facile, l'ho compresa.

Il capire che gli immigranti vengono da paesi poveri, dove si muore, c'è la guerra...che anche noi, in fondo, siamo un popolo che è andato un pò ovunque, e ha portato con sè anche, a volte, mafia e criminalità...che in certe condizioni anch'io, mi ritrovassi padre e in precarie condizioni, andrei a rubare....
ci porta a troppo perbenismo, a giustificare, a compatire e a coccolare anche i propri assassini, strupatori e ladri.
ALT
non dico siano tutti criminali..ci mancherebbe.
Il perbenismo e il razzismo sono estremi da cui ci si deve guardare, perchè, facendo di tutta l'erba un fascio, sono ingiusti.
Anche il perbenismo.

Anch'io spesso mi trovo a preoccuparmi, se sono alle 1 di notte al bancomat, al pensiero che qualcuno possa anche amazzarmi (magro affare suo, grave mio), ma: pensate che nel mio immaginario quest'uomo è di colore.
Ovvero, l'UOMO NERO delle favole per bambini.
Che insieme a ...se continui così vengono gli ZINGARI a rapirti, contribuiscono a formarci, noi, i nuovi cittadini del mondo.

Il diavolo poi era rappresentato come un uomo nero.

Questi sono eccessi...(sai visechi, sui sardi girano solo barzellette con le capre



Così come i veronesi iè tuti mati, e i vicentini i magna i gati, polentoni e via dicendo.

Trovo bello che ogni paese difenda e sia orgoglioso della sua cultura, diversa e ricca rispetto alle altre;
Sono fiero della mia follia, della mia polenta.
Non trovo corretto insultare gli altri popoli, o regioni o ecc...

Non insulto i vicentini perchè mangiano i gatti. Che li mangino, ne sapranno trovare il buono che io non trovo.(spero di non aver disgustato nessuno, ovviamente il mangiare gatti è un'esempio non bello..prendetelo come esemplificazione generale)

Sull'immigrazione non ho soluzioni, solo penso che il sentimento di diffidenza sia naturale; e negarlo per essere più umani e bravi, lascia emergere morti ed omicidi e delinquenza in più.
ALT di nuovo...non tutti sono così.

Ma se umanamente siamo dotati di questa diffidenza, un motivo ci sarà, e forse non è solo l'educazione.
Uno, perchè è sensibile e fraterno con il prossimo, va sulla strada e accoglie in casa il primo immigrato che trova, per dargli da mangiare. Ecco che quelo si accorge del bonismo e se ne aprofitta, e magari, oltre alla mano, si prende tutto il braccio.
E questo può succedere anche se si va sulla strada e si porta a casa propria un'italiano.

Perchè è risaputo: non accettare le caramelle dagli sconosciuti.
E' giusto.
Può essere chissachì quello sconosciuto.

E possono essere chissàchì quelli SCONOSCIUTI che vengono in Italia.
Questo è il problema. Non il razzismo.
Non è che, perchè più disagiati, sono tutti buoni.
Ci sono anche i furbi.

Soluzioni non ne ho.

r.rubin is offline  
Vecchio 09-10-2002, 00.55.34   #14
salice
Ospite abituale
 
L'avatar di salice
 
Data registrazione: 31-03-2002
Messaggi: 164
Ciao Valina. Oggi hai vent’ anni e quando avrai cinquanta potrai raccontare a tuoi figli (o ai nipotini) una storia curiosa: “Trent’anni fa, in una giornata afosa stavo con le mie amichette al bar quando sono entrati tre (erano tre?) nordafricani e hanno cominciato ad infastidirci… Oggi nipotini miei, è difficile trovare un bar che non sia di proprietà di immigrati e sapete perché? Loro gestiscono i bar a gestione familiare, ventiquattro ore al giorno (cosa che Italiani non vogliono più fare) e se in una grande cita vedevi un uomo di colore certe volte e soprattutto in certi quartieri- oggi, ogni tanto vedi un Italiano…” Cara Valina se tu e le tue amichette continuerete a fare 1.2 figli a testa (come tua mamma) il futuro che ci aspetta è questo. Da altra parte, anche se cominciate fare otto figli a testa è una battaglia persa. Conosci il processo di osmosi (si chiama ancora cosi?), è un processo inevitabile, ci conviene di conoscerli per non avere paura di loro, punire i delinquenti e vivere accanto a tutte le persone oneste.
salice is offline  
Vecchio 09-10-2002, 11.37.23   #15
Alberto
Ospite
 
Data registrazione: 09-04-2002
Messaggi: 16
non t'arabbiare, magari non è il tuo vero pensiero...ma ciò che hai scritto è davvero pensante....

Bha...il mondo è bello perchè vario.... ognuno ha sue opinioni...
ma questa non la condivido proprio....


Il mio maestro scrisse:"I deboli e i malriusciti devono soccombere...".
non e` certo il mio esatto pensiero, ma naturalmente (ovvero seguendo le leggi della natura) potrebbe essere una necessita`...proprio come il fatto che gli extracomunitari diventino dei delinquenti...ora, io non la penso cosi` o forse si`, sinceramente sono uscito dal gioco dei 'giudizi e delle critiche per poi giudicare di nuovo', ma la cosa certa e` che non si puo` guardare in maniera globale un fatto, un problema (vero o immaginario che esso sia) se non si guarda a tutte le sfaccettature che esso puo` assumere...
Alberto is offline  
Vecchio 09-10-2002, 13.14.44   #16
Catharsis
 
Messaggi: n/a
Immagino che la frase dovrebbe averla detta Nietzsche(a proposito,quando si fanno citazioni è buona norma indicare Autore e Opera,per evitare di mettere in bocca a persone parole strane che magari non hanno mai detto.)
Cmq. conoscendo lo spirito machiavellico di Nietz mi aspetto questo e altro,quindi...
...volevo solo precisare che lui non ha mai parlato di razze inferiori o superiori!Quindi non bisogna identificare i neri con gli inferiori(forse ancora ancora criminali,ma deboli ho i miei dubbi...).N. dice che a soccombere saranno i denutriti di vita,coloro in cui la volontà di potenza si è indebolita....e in questa categoria,cari miei,siamo noi bianchi evoluti e ben pensanti a rientrare in pieno,avvezzi al vizio e alla pigrizia.La nostra civiltà si è a tal punto affievolita, che,come diceva il buon Salice(a proposito...l'osmosi,che è una proprietà colligativa,che c'azzecca????),stiamo addirittura smettendoi di procreare!Sono i neri,rimasti nel corso dei secoli più vicini agli schemi naturali,che domineranno su di noi,perchè in loro è ancora forza e vitalità.Noi invece siamo sempre più divorati dal nichilismo di questa società,e sembriamo avere le fette di salame sugli occhi...stiamo agonizzando e non ce ne accorgiamo nemmeno....finchè la morte non ci avrà avvolto del tutto...rincoglioniti come siamo da televisione,lavoro,automobil,c ibi transgenici,musica techno e provette per la fecondazione artificiale....Spero solo in una rinascita,ma questa mi sembra più una fantasia da film come "odissea nello spazio"....ma poi non è detto che la futura civiltà di colore sarà peggio della nostra,magari sarà proprio questa l'artefice della "rinascita"dell'umanità.......
Cmq io mi trovo abbastanza d'accordo con Horla...è giusto salvaguardare la propria cultura!Non possiamo farci uccidere così senza una minima difesa....Noi abbiamo dalla nostra tecnologia e potere...loro semplicemente fertilità.....mah...Non dico di fare guerra all'Africa o cose simili,basterebbe regolamentare un'attimo l'immigrazione,porre un numero massimo di immigrati...che so,non sono mica un politico!Capisco che loro in patria siano pieni di casini,però fuggendo non concludono nulla!Piuttosto noi occidentali cerchiamo di dare loro una mano,così se risolviamo il problema all'origine magari.........
 
Vecchio 09-10-2002, 15.14.50   #17
Giorgio
 
Messaggi: n/a
Bella discussione!!!

Purtroppo, non posso dar ragione ne ai "difensori" dell'immigrazione ne ai suoi "nemici".

Delinquenza? Ma quella e' IL PIU MINIMO danno che porti l'immigrazione! Vi preoccupate per cosa: per una sacca rubata o per il tipo antropologico perso?! Non vi viene a testa che ogni popolo ed ogni razza rappresenta quello che rappresenta SOLO PER LE SUE PROPRIETA ESTERIORI ED INTERIORI?! Togli quelle proprieta -razza NON ESISTE! Ma CHI ha il diritto di annientare LA CREATURA DIVINA?! Chi ha ricevuto quel diritto?! Da dove?! Quando?! Forse io facevo allora il sogno e non avevo visto il processo di consegna di quel diritto?! Da dove deriva quella superbia?!

Criminali italiani? Si c'erano! Non solo italiani, ma anche gli abitanti di TUTTI i paesi meridionali. Sono famose le mafie molte: corsa, greca, basca, cecena, romena, albanese... Anch'io non sono un postero di professori e musicanti. Ebbene! Dobbiamo pentirci infinitamente? Inoltre, mediterranei facevano la sua cosa (nostra? ha-ha), ma non minacciavano mai la situazione demografica nei paesi del Nord. C'e qualche differenza tra due quelle situazioni. Poi, ogni deve preoccuparsi per PROPRI problemi. Nessuno puo pensare di tutta l'umanita.
Poi, se qualcheduno vuole darmi di “razzista”, posso risponderlo che non mi interessa troppo il colore di straniero. Meridionali abbiamo le nostre usanze originali(di questo ha raccontato Svetlana), difficili da comprendere per uno straniero. Uno mio amico, per esempio, ha ucciso il suo amico perche quello voleva corteggiare la sua sorella e lo faceva in forma indebita e senza permesso del fratello (cioe, del mio amico). Per uno straniero questo e’ una barbarie, ma noi viviamo cosi. Voglio dire che uno negro che dice: “come ti chiami, quanti anni hai, ma che bella gonna, ma guarda che f*ga" ed uno svedese che vuole far conoscenza con una “ragazza di famiglia” a me sono uguali.

Beh...
 
Vecchio 10-10-2002, 11.34.59   #18
Alberto
Ospite
 
Data registrazione: 09-04-2002
Messaggi: 16
Si` scusa: Nietzsche- Anticristo, aforisma 2-
cmq nemmeno io mi riferivo a razze e conosco bene cio' che intendeva il Filosofo...pero` non posso fare a meno di pensare che persone che non hanno la forza di sopravvivere da soli e devono PENDERE dall'economia e dalla potenza dei paesi piu` sviluppati certo non sono un'espressione di vita (se poi penso che queste persone riescono a muovere la pieta` dei cristiani mi viene anche schifo-per la pieta` non per le persone)!...certo il mondo ormai si e` sviluppato in una certa direzione, se ne sono ormai perse le origini e da qui il rincoglionimento da bambagia in cui ci ritroviamo oggi, quindi non posso che essere d'accordo con te nell'affermare che una reale espressione di vita ci potra`, in un futuro prossimo o remoto che sia, spazzare via come cenere annichilita quale siamo...eppure non posso che rimanere affascinato e silenzioso nel guardare la necessita` (materialistica)degli eventi che che si sta muovendo sotto i miei occhi.

cambiando discorso, io che studio biotecnologie ho avuto uno stridio all'orecchio quando hai accennato ai cibi transgenici: forse che il conoscere tutti i segreti del DNA e il saper sfruttare le magiche capacita` della molecola della vita non sta aumentando a dismisura la potenza nell'uomo? Altrimenti perche, se no, il Vaticano, smantellatore del senso di potenza e imprimitore del senso di debolezza par excellence, si opporrebbe tanto agli esperimenti con materiale transgenico...ma forse sto andando fuori tema...
Alberto is offline  
Vecchio 10-10-2002, 13.15.29   #19
Catharsis
 
Messaggi: n/a
Hai ragione.L'esempio dei cibi transgenici forse è poco azzeccato...volevo solo dare l'idea di qualcosa di futuribile,nichilistico,di qualcosa che potrebbe portare all'estinzione l'uomo(che ne so,magari sballando l'ecosistema...)Cmq io sono a favore del progresso.Se ci si fa fermare da stupide paure come si fa a proseguire lungo la strada della conoscenza? I rischi(sempre che ce ne siano)vanno affrontati non evitati,se no se diamo ascolto alle schiere di preti ci ritroveremo fra altri 2000 anni a essere ad un livello di conoscenza pari a quello di oggi(che a sua volta per colpa loro è prossimo a quello di 2000 anni fa....).Infatti quando nel messaggio precedente ho detto "dalla nostra abbiamo tecnologia e potere" mi riferivo proprio a queste tecnologie,che come dici giustamente tu aumentano a dismisura la potenza dell'uomo...

A quando il viaggio a Rocken?
 
Vecchio 11-10-2002, 01.30.50   #20
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Completamente non-d'accordo.

Le razze non-occidentali:non-rincretinite da Tv, hamburgher, poltrone, chiacchere ecc... sono più vive.
Sono più vive.
Sono d'accordo.

Chi si sporca le mani è più vivo.
Chi suda, chi lavora 12ore al giorno, chi vive per strada, tra la sporcizia: è più vivo.
Il lavoro nobilita l'uomo. E amen.
Chi non è sporco di vita non vive.

Noi abbiamo Potere-Tecnologia-Ricerca-Intelligenza Aritificiale.
Noi abbiamo dalla nostra l'Intelligenza Artificiale (da intendersi non nel senso proprio del termine, ma come un'intelligenza più evoluta e per questo più distante dalla vita)

Lo scienziato colto, erudito, la cui intelligenza affronta i problemi più critici del tempo, e li risolve...
..soccombe contro la violenza della vita che s'impone.
Soccombe alla violenza il più colto.
ViolenzaDellaVita vs. Cultura 3-0
ViolenzaDellaVita vs. Tecnologia 3-0
(Vincesse anche la tecnologia, lo squallore sarebbe garantito)

Ed è giusto che accada, se così accade.

Se la vita è così forte
Se la nostra vita è forse più debole,
la colpa non è della vita
nemmeno nostra in fondo.

Ma difendere la nostra cultura da cosa?
Che diritto abbiamo di difenderci annullando qualcos'altro?
Perchè è un'invasione?

Dipende da noi che sia "invasione" o sia "collaborazione"
Non è facile

Non è facile.

Ma "affondare navi" (le nostre fantasie non nascono da sole) perchè ci sentiamo minacciati, non è la soluzione giusta.

Se ci sentiamo minacciati, vuol dire che siamo coscienti di essere a rischio.
Rimuovere questa coscienza e difenderla negando ciò che ci causa ansia, non è la soluzione corretta.

Provare a capire perchè ci sentiamo a rischio, e modificarci di conseguenza, è la soluzione a cui ci chiama la vita.
Non seguendola, siamo sconfitti in partenza..
ma dalla vita!
Non dal nemico clandestino!

Non dico siamo migliori, peggiori di loro, non dico lo siano loro di noi.
Nessuno lo è.
Siamo tutti umani, o meglio, siamo tutti vivi.
Non è la razza ad essere superiore all'altra, e nemmeno la vita ad esser superiore alla razza, ma sono le razze umane ad essere umane, e la vita ad essere umana.

Dunque non facciamo da ignoranti a nascondere la nostra debolezza dietro la paura, prima, e alla guerra, poi.

Se la vita chiama ad uccidere si uccide.
Ma se colui che la vita chiama ad uccidere, minaccia di uccidermi, sarò portato a difendermi, e ad ucciderlo.
Ma la vita e io non siamo diversi.
Se la vita chiama quel tale ad uccidere, cercherò cosa lo porta a farlo, e per quanto possibile, cambierò la vita che è in me per evitare che accada.
Se ciò nonostante accade, accade.

...Alberto...
esistono individui inferiori?
o solo diversi?
diversi da noi.
La diversità è ricchezza.
Banale, ma vero.

C'è chi è più forte e chi meno.
in qualcos'altro
questo è più forte del primo.

una mia opinione modestissima.

La chiesa non è così stolta.
Se cerca di "impedire" qualcosa, non lo fa venalmente.

La conoscenza dell'uomo procede a volte troppo in fretta,
l'uomo, a volte, non può sopportare la conoscenza che da lui proviene.
L'uomo arriva a volte a sapere cose che non conosce.
E non può utilizzarle correttamente.

Comunque
In sostanza dico che sentirci minacciati è affar nostro, non colpa di altri.

...ho fatto un discorso molto pomposo, più di quello che sono in grado di fare; in realtà, oltre che circondare il tutto da falsa luce, di altro non son capace.
r.rubin is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it