Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 11-07-2006, 17.18.16   #21
Ish459
Unidentified
 
L'avatar di Ish459
 
Data registrazione: 20-02-2006
Messaggi: 403
Re: Re: INTERPRETAZIONE

Ho letto tutti gli interventi e ammetto che le mie perplessità coincidono con quelle di Monica. Nel mio intervento in una delle discussioni de Antonio, ho fatto un riassunto su uno dei problemi che riguardano "lo spirito" che il cittadino italiano dovrebbe superare e ho fatto delle domande dirette ad Antonio, anche chiarimenti su una sua presunta demagogia e ammetto che NON ho avuto risposte da parte sua esaurienti. A volte, Antonio, mi sembra che fai una sorta di "copia-incolla" e ci dai "da bere" la solita raffica sull'inefficienza (che tra l'altro è evidente) di un sistema e dei pericoli che la società italiana rischia.
Inoltre, che significa quello di soluzioni "da emigrato". Ti ripeto che i problemi vanno risolti DA DENTRO.
Sai, io sono anche emigrata, nel senso che arrivo da un altro paese e questa ambivalenza (quando sono là e quando sono qua) non fa che rendere più forte quell'idea che non è da fuori che si devono trovare le soluzioni... Quando sono nel mio paese mi "allontano" in tutti i sensi dell'Italia e mi immedesimo nei problemi che non mi affettano quando sono qua, perché vedere un paese da una lente che corrisponde ad un'altra realtà diversa. Ogni schema, anche vissuto in queste diverse realtà (tu, a quanto ho capito, quella francese) deve per forza essere riadattata alle esigenze della società dove si pretende impiantare... Credo, Antonio, che guardi da un ottica sbagliata nonostante gli errore che segnali siano quelli giusti.
Quali sono le tue idee illuminanti? Come si può cambiare la mentalità del comune cittadino che si è abituato a subire?
Sono scettica. Moltissimo.
Inoltre, ho fatto caso all'intervento di Weyl sul "senso della vergogna" ancora intatto nello spirito dell'italiano.. davvero è questo un aspetto da ammirare? Io non lo credo, perché questo senso di "vergogna" a sua volta fa "ristagnare in se stessi", impedisce di "osare", di "alzare la voce"... No, Weyl, la vergogna va ridimensionata, eccome!
Sentiamo cosa a da proporre Antonio... basta di "copia-incolla" con la solita catinella dell'emigrato illuminato... illuminaci a tutti quanti, italiani e non!
Ish459 is offline  
Vecchio 11-07-2006, 17.24.13   #22
Ish459
Unidentified
 
L'avatar di Ish459
 
Data registrazione: 20-02-2006
Messaggi: 403
Re: APRO UNA DISCUSSIONE

Citazione:
Messaggio originale inviato da antonio greco

Quando hai la rabbia in corpo, é umano mostrare di sapere in faccia di chi non capisce per trascuratezza....

L' Emigrato

Una risposta molto umana, Antonio...

Quindi il problema è di chi "ci rappresenta"?
Hanno scelta i cittadini italiani (le scelte sono valide)?
Chi ci rappresenta non è in realtà uno specchio di chi Sceglie i propri rappresentanti?
Trascuratezza? Credi veramente che si tratti semplicemente di "trascuratezza"?
Ish459 is offline  
Vecchio 11-07-2006, 19.11.54   #23
antonio greco
L' Emigrato
 
Data registrazione: 26-05-2004
Messaggi: 637
CHI CI RAPPRESENTA

Cara Ish,

scusa se non ti ho risposto, non ricordo. Ti garantisco che se mi invii le domande a casa (angrema@wanadoo.fr) o qui al forum ti daro' la risposta. Se ce la ho.

Chi ci rappresenta ? Quegli stessi che noi abbiamo mandato al Parlamento perché parlavano bene. Noi gli abbiamo creduto..

Quegli stessi da cui bisogna guardarsi perché hanno fatto la cinghia di trasmissione per 50 anni, della corruzione , dal potere al Paese.


LETTERA DI UN EMIGRATO

Miei cari Italiani rimasti,

dedico qualche pensierino a voi che siete rimasti nello Stivale, il Paese della Confusione.

Siete rimasti perché avete avuto fiducia nello Stellone, il quale avrebbe dovuto sistemare tutto. Lui, sistemare tutto, ....... agli Italiani pigri.

Il numero di quelli che non credevano nello Stellone, anzi sbuffavano per l’ immobilismo della società, sembra aumentare. Immobilismo di una società che vede i problemi e non li risolve, che non capisce cosa i cittadini vorrebbero.

Credevate, nell’ eleggere il vostro deputato, di averne un ritorno in futuro. Che egli vi risolvesse qualche problema sociale, migliorasse qualcosa nel Paese, o che vi trovasse un posticino a vostra moglie o cugina. Credevate male, in fondo. E tanti hanno fatto lo stesso discorso. Ed hanno eletto i rappresentanti in base a un: “lo conosco” oppure a un: “parla bene”. Trascurando il fatto che , perché un deputato risolva i problemi, non é importante che parli bene, ma piuttosto che sia un professionista di esperienza.

Per decenni gli Italiani hanno eletto il parlamento senza il criterio “professionalità, esperienza”. Risultato: nel parlamento oggi si vedono tre tipi di politici: a) quelli che sanno parlare (ma non fare); b) quelli che sono immersi nelle lotte di potere, di cordata, di clan, di congrega, di ghenga; c) quelli che sono incaricati di fare gli interessi di qualcuno (di un padrino, di una categoria). Tutti guardinghi, furbastri, manovratori e negoziatori di ogni tipo, agitatori di richieste o di ricatti. E poi, qualche eccezione di persona seria. Ma son troppo pochi.....

Con tale tipo di gente, incapace di risolvere i problemi, per decenni, gli unici contenitori esistenti nel parlamento, il cui contenuto aumenta e trabocca, sono quelli delle “Decisioni non prese” e dei “provvedimenti che non risolvono”.

- Sapete che in tanti Paesi U.E. i candidati politici sono scelti per capacità, preparazione professionale, esperienze di lavoro. Mentre in Italia i loro comportamenti si basano sull' equivoco: per fare i politici basta avere l' istinto politico ?
- Vi é sembrato che uno dei più grossi contributi alla diffusione della corruzione in Italia (la quale é uno dei maggiori ostacoli allo sviluppo) é quello ditanti politici degli ultimi trenta anni ?
- E' chiaro agli Italiani di buon senso che l' economia non puo' fiorire in una società che non funziona, che ha eliminato i Valori (e in particolare non conosce l' organizzazione) ?
- Sapete che il Bel Paese é forse l' unica nazione U.E. ove la costituzione e le leggi si applicano o non si applicano, dipendentemente dalla fortuna (o dal referente) della persona in questione ? Che ci sono due categorie di cittadini: quelli che fanno i mazzi; e quelli che si fanno mettere nel mazzo ?

La conseguenza, nella vita sociale italiana: gli inghippi, le non risposte, i problemi irrisolvibili, i contrasti, le lotte, le sopraffazioni, tendono sempre ad aumentare. In una società cosiffatta, cosa puo’ succedere ?

- qualcuno, e sono sempre più, é vittima di sopraffazioni;
- gli imprenditori si trovano di fronte ad aumenti vertiginosi dei costi; di conseguenza la competitività tende a calare, gli sprechi invece no, quelli aumentano.

Finché al parlamento siederanno tristi figuri simili a quelli che abbiamo eletto, finché gli Italiani non saranno capaci di trovare di meglio, .................. non esiste nessuna speranza che la società italiana inizi a funzionare. Almeno finché sono i partiti a scegliere i candidati...

E finché la società italiana continua a non funzionare............. nessuna speranza che l’ economia, di un Paese che pur fu competitivo, possa prendere lo slancio che gli imprenditori (e chi cerca lavoro) vorrebbero.....

Se l’ Italia fosse una democrazia, e se gli Italiani fossero maturi e capaci di attuarla, ci sarebbero anche evoluzioni richieste dal basso. Ma non ce ne sono. Come si puo’ credere che l’ Italia sia una democrazia ? Queste valutazioni, che certo voi conoscete, si vedono anche dall’ Europa. Anzi vorrei dirvi che:

- se non vi europeizzate, se non divenite capaci di gestire una società efficiente (con tanti bastoni e tante carote), se non imparate la buona gestione, ..... allora state rassegnati........
... la povertà, quella del sottosviluppo, arriva da sola, in punta di piedi...
- se invece volete europeizzarvi, ebbene, ...... la volontà non basta. Poiché ormai le capacità di gestione efficiente, corretta, sembrano scomparse......... Allora, bisogna reimparare molte cose, in ambito sociale. Impararle in U.E......

Per reimparare, il metodo sicuro, che mi sento di consigliarvi, é di rivolgervi agli emigrati. Quelli che vivono in Paesi normali, ove la chiarezza, la coerenza, l’ efficienza, l’ onestà, la dirittura, il rigore, la responsabilità, il realismo, il valore, il merito e l’ impegno, sono ....... ........aria che si respira.


Antonio Greco
angrema@wanadoo.fr
(disponibile ad una presentazione delle cause del degrado)

P.S. Visto che non é consigliabile dar fiducia a tanti politici, sarebbe vostro interesse associarvi (o usare un’ associazione esistente) per tirarvi fuori dai guai. Una cosa possibile, se volete partire col piede buono, sarebbe chiedere a persona competente in sviluppo (anche il sottoscritto) di presentarvi:
- le cause del degrado;
- le condizioni sociali necessarie per permettere lo sviluppo economico.

Volete una presentazione, delle trenta cause del sottosviluppo italiano ? Che devono, assolutamente, essere svelate per poter ambire ad un Paese normalizzato. Organizzatela in un contesto sociale, non politico. Mi invitate, verrei apposta in Italia.
antonio greco is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it