Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 03-11-2006, 09.20.04   #11
Lord Kellian
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2005
Messaggi: 348
Riferimento: Adoperare l'esercito per la criminalità di Napoli?

Mah, tanto Prodi ha già detto che non invia nemmeno l'esercito, figurarsi applicare la legge marziale. Io personalmente sarei favorevole all'invio di militari. Almeno, si usa la medicina quando non si sono prese le precauzioni adatte prima.

Comunque invito a riflettere sul fatto che nei primi sei mesi dell'anno erano avvenuti meno omici della media, quindi, per la legge dei numeri, è naturale che adesso ci sia stata un'impennata. Credo che la media sia sempre la stessa di sempre. I media e l'emozione naturale naturalemente appaiono eccitati. Il che non è un male, dato che almeno si parle del problema.

Che poi qualcuno riesca a risolverlo non credo proprio...
Lord Kellian is offline  
Vecchio 03-11-2006, 09.36.55   #12
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: Adoperare l'esercito per la criminalità di Napoli?

la criminalità non c'è solo a napoli,c'è anche nelle città più ricche e più "civili".Gli uomini sono tutti uguali...
E comunque credo che in Italia la mafia ci sarà sempre finchè ci saranno certi personaggi...
dany83 is offline  
Vecchio 03-11-2006, 10.46.45   #13
Alessandro D'Angelo
dnamercurio
 
L'avatar di Alessandro D'Angelo
 
Data registrazione: 14-11-2004
Messaggi: 563
Riferimento: Adoperare l'esercito per la criminalità di Napoli?

Citazione:
Originalmente inviato da bomber
E perchè non bombardare la citta ????
#######################
Presumo che sia un pò eccessivo ma di certo assai interessante la tua idea ... ammmetto che secondo me quache militare un po zelante ci avrà sicuramente già pensato ... ma in tal senso questo dovrebbe essere fatto da un esercito straniero per avere i maggiori risultati ...
##################
Gentile amico,
parlardo con un collega napoletano che si interessa di giustizia gli ho chiesto:"Che pensi di Napoli?"
Risposta: "Napoli è l'Italia... Che voi fareee.... Napoli è l'Italia" questo mi ha detto. Ieri poi ho fatto una riflessione su un fatto accaduto a Roma:

da settembre ci sono stati già cinque episodi di violenza aizzando i cani contro alcune guardie municipali. il 29 ottobre 2006, in una notte romana, in via della Conciliazione, come se non bastasse, altri sei vigili sono stati presi a bastonate da 30 ambulanti. Il sindacato della polizia metropolitana ha affermato: “Veltroni intervenga immediatamente e la smetta di sfidarci o bloccheremo Roma: niente più vigili di notte e nei servizi esterni se non sono armati”. Il fatto ci ricorda gli avvenimenti di Napoli. E’ notevole la differenza di pericolosità fra le due città?
Bisognerà attendere solo qualche giorno per dare la risposta?
Con i vigili armati, istigati a sparare, è già presente lo Stato di polizia ? “Ringraziamo” ed “Inchiniamoci” di fronte ai buonisti stupidi che hanno un cuore duro e il prosciutto sugli occhi. Tesi a pensare solo ai propri interessi e distratti da meschini intrallazzi, continuano a ripetere che la presenza di ogni straniero è ricchezza per l'Italia.
Non sanno, ma gli andrebbe suggerito, che le cose si stanno mettendo male anche per loro, ma come non immaginano.

Saluti a Tutti
Alessandro D'Angelo is offline  
Vecchio 03-11-2006, 12.32.07   #14
Weyl
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 728
Gallina che canta...

Citazione:
Originalmente inviato da Alessandro D'Angelo
##################
Gentile amico,
parlardo con un collega napoletano che si interessa di giustizia gli ho chiesto:"Che pensi di Napoli?"
Risposta: "Napoli è l'Italia... Che voi fareee.... Napoli è l'Italia" questo mi ha detto. Ieri poi ho fatto una riflessione su un fatto accaduto a Roma:

da settembre ci sono stati già cinque episodi di violenza aizzando i cani contro alcune guardie municipali. il 29 ottobre 2006, in una notte romana, in via della Conciliazione, come se non bastasse, altri sei vigili sono stati presi a bastonate da 30 ambulanti. Il sindacato della polizia metropolitana ha affermato: “Veltroni intervenga immediatamente e la smetta di sfidarci o bloccheremo Roma: niente più vigili di notte e nei servizi esterni se non sono armati”. Il fatto ci ricorda gli avvenimenti di Napoli. E’ notevole la differenza di pericolosità fra le due città?
Bisognerà attendere solo qualche giorno per dare la risposta?
Con i vigili armati, istigati a sparare, è già presente lo Stato di polizia ? “Ringraziamo” ed “Inchiniamoci” di fronte ai buonisti stupidi che hanno un cuore duro e il prosciutto sugli occhi. Tesi a pensare solo ai propri interessi e distratti da meschini intrallazzi, continuano a ripetere che la presenza di ogni straniero è ricchezza per l'Italia.
Non sanno, ma gli andrebbe suggerito, che le cose si stanno mettendo male anche per loro, ma come non immaginano.

Saluti a Tutti

Ti do pienamente ragione: anch'io penso che il prodismo stia cominciando a sviluppare anticorpi nel tessuto sociale e che si stia preparando una fase di "rigetto".
Del resto, prova ne è l'insistenza con cui lui e i suoi compagni di cordata si accaniscano a dichiarare come la legge sull'indulto non c'entri nulla con queste ondate di criminalità, anzi...
Poco ci manca che si sostenga qualche tesi paradossale, di quelle tipiche del centro-sinistra, tipo: è Berlusconi che istiga gli scarcerati a delinquere, al fine di screditare l'operato della maggioranza, è lui l'untore, dagli all'untore, o altre consimili amenità.
Il fatto è che tre delitti su cinque sono commessi da "graziati" dalla famosa Legge con cui il centro-sinistra ha aperto le ostilità contro la società civile e produttiva del Paese.
E, come è noto, "excusatio non petita, accusatio manifesta", come dicevano saggiamente gli antichi.
O, per chi non conosce il latino: "gallina che canta ha fatto l'uovo".
La gallina in questione, solidale il grullaio, pardon, il "governo", canta con toni così accorati, con tanta vischiosa pensosità, con tali sudaticcie doglianze...
E il coro dietro, in un tremar di penne.
Weyl is offline  
Vecchio 03-11-2006, 13.16.03   #15
Alessandro D'Angelo
dnamercurio
 
L'avatar di Alessandro D'Angelo
 
Data registrazione: 14-11-2004
Messaggi: 563
Riferimento: Adoperare l'esercito per la criminalità di Napoli?

Citazione:
Originalmente inviato da dany83
la criminalità non c'è solo a napoli,c'è anche nelle città più ricche e più "civili".Gli uomini sono tutti uguali...
E comunque credo che in Italia la mafia ci sarà sempre finchè ci saranno certi personaggi...
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

leggo da un giornale on Line che a "A Napoli servono lavoro e ricchezze invece vogliono mandare i soldati" Il testo prosegue:

"I governi della destra storica, nella seconda metà dell’ottocento, di fronte al fenomeno del brigantaggio che rendeva insicuro il Mezzogiorno d’Italia, trovarono una sola strategia: i carabinieri, l’esercito. Furono spediti al Sud 120.000 uomini armati, fu varata una legge speciale (la legge Pica), che sospendeva i diritti, in pochi anni ci furono più morti di tutti i morti nelle tre guerre del Risorgimento. Mezzo secolo dopo, più o meno, toccò a Mussolini intervenire in Sicilia dove il fenomeno mafioso si stava allargando, e metteva a repentaglio l’autorità dello Stato. Inviò un prefetto che si chiamava Cesare Mori, polso di ferro ed enormi capacità organizzative, lealissimo allo Stato (tanto era stato leale che nel ’22, a Ferrara, aveva sbarrato il passo alle squadracce fasciste di Balbo e aveva impedito loro di entrare in città...): Mori usò le sue doti di soldato, e la forza militare che gli era stata messa a disposizione, per dare un colpo alle cosche.

Produsse buoni risultati la via militare, nell’ottocento, e poi durante il fascismo? Dipende da come si vedono le cose. Non si fece nessun progresso nella lotta contro l’arretratezza del Mezzogiorno d’Italia. Le distanze tra il Nord e il Sud via via si allargarono. Ricasoli e Rattazzi (e più tardi Mussolini) erano convinti di avere avuto un buon successo, ma semplicemente resero più difficile il problema del rapporto tra Nord e Mezzogiorno.

E’ incredibile come 150 anni dopo, il riflesso condizionato del mondo politico - e dei giornali - sia sempre lo stesso. Se ti avvertono che a Napoli la situazione sociale sta precipitando, che la città è dentro una crisi gravissima, che produce violenza, scontri, rotture, perdita di generazioni intere, criminalità e morti, l’unica risposta che viene fuori è quella lì: “mando i soldati”. L’idea che la politica, e l’arte del governo, siano qualcosa di molto più complesso dell’uso della “forza della legge”, non riesce a far breccia nel ceto politico italiano. Per fortuna ieri Prodi, dopo un momento di incertezza, pare che abbia deciso di rinunciare all’invio dell’esercito.

Saluti a Tutti
Alessandro D'Angelo is offline  
Vecchio 03-11-2006, 17.03.06   #16
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Riferimento: Gallina che canta...

Citazione:
Originalmente inviato da Weyl
Ti do pienamente ragione: anch'io penso che il prodismo stia cominciando a sviluppare anticorpi nel tessuto sociale e che si stia preparando una fase di "rigetto".
Del resto, prova ne è l'insistenza con cui lui e i suoi compagni di cordata si accaniscano a dichiarare come la legge sull'indulto non c'entri nulla con queste ondate di criminalità, anzi...
Poco ci manca che si sostenga qualche tesi paradossale, di quelle tipiche del centro-sinistra, tipo: è Berlusconi che istiga gli scarcerati a delinquere, al fine di screditare l'operato della maggioranza, è lui l'untore, dagli all'untore, o altre consimili amenità.
Il fatto è che tre delitti su cinque sono commessi da "graziati" dalla famosa Legge con cui il centro-sinistra ha aperto le ostilità contro la società civile e produttiva del Paese.
E, come è noto, "excusatio non petita, accusatio manifesta", come dicevano saggiamente gli antichi.
O, per chi non conosce il latino: "gallina che canta ha fatto l'uovo".
La gallina in questione, solidale il grullaio, pardon, il "governo", canta con toni così accorati, con tanta vischiosa pensosità, con tali sudaticcie doglianze...
E il coro dietro, in un tremar di penne.


Beh quello che mi sorprende è come mai il governo a Difendere l'indulto dato che poi i voti sono arrivati come da Dx da SX ...
Per scusarsi avrebe potutto dire noi politici del parlamento a parte la frange estermiste abbiamo votato unanimi un indulto che a noi faceva comodo così non andiamo in prigione e se succedono queste cose non è colpa dell'indulto ma solo delle parti civili che hanno detto indulto per tutti o nulla ... e noi che l'averemmo fatto solo per amici e collaboroatori lori si che ci si poteva fidare ...
bomber is offline  
Vecchio 03-11-2006, 17.50.22   #17
S.B.
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-04-2006
Messaggi: 486
Riferimento: Gallina che canta...

Citazione:
Originalmente inviato da bomber
Beh quello che mi sorprende è come mai il governo a Difendere l'indulto dato che poi i voti sono arrivati come da Dx da SX ...
Per scusarsi avrebe potutto dire noi politici del parlamento a parte la frange estermiste abbiamo votato unanimi un indulto che a noi faceva comodo così non andiamo in prigione e se succedono queste cose non è colpa dell'indulto ma solo delle parti civili che hanno detto indulto per tutti o nulla ... e noi che l'averemmo fatto solo per amici e collaboroatori lori si che ci si poteva fidare ...

Che l'indulto abbia aggravato la situazione sicuramente è vero, ma non è la causa principale, la criminalità è presente comunque, con o senza indulto e nonostante sia presente in ogni città d'Italia il caso di Napoli e di altre città del sud è particolarmente grave vista l'organizzazione capillare e diffusa di questa criminalità, che spesso di fatto sostituisce lo stato nel monopolio della forza legittima.
Il problema criminalità\legalità è presente in tutta Italia, ma occorre iniziare a operare dove è più grave e radicato a mio avviso, Napoli, senza offesa, è il simbolo di questa criminalità.
S.B. is offline  
Vecchio 03-11-2006, 20.25.32   #18
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Riferimento: Gallina che canta...

Citazione:
Originalmente inviato da S.B.
Che l'indulto abbia aggravato la situazione sicuramente è vero, ma non è la causa principale, la criminalità è presente comunque, con o senza indulto e nonostante sia presente in ogni città d'Italia il caso di Napoli e di altre città del sud è particolarmente grave vista l'organizzazione capillare e diffusa di questa criminalità, che spesso di fatto sostituisce lo stato nel monopolio della forza legittima.
Il problema criminalità\legalità è presente in tutta Italia, ma occorre iniziare a operare dove è più grave e radicato a mio avviso, Napoli, senza offesa, è il simbolo di questa criminalità.

Sono completamente d'accordo con S.B.

Certo che l'indulto ha peggiorato la situazione, ma Napoli è sempre stata una città molto particolare sia come criminalità, sia come rapporto con lo Stato italiano.

Se il governo, o meglio i governi che si sono succeduti in questi anni, avessero controllato l'evasione fiscale a Napoli, si sarebbe già coperto il debito pubblico.

Ma non solo l'evasione fiscale, da più voci ho saputo che diversi napoletani non pagano neppure le bollette, in particolare quella dell'acqua che è sì un bene comune, ma al Nord e al Centro viene però pagata.
Ne deduco (non è una scoperta)che l'Amministrazione comunale e gli Enti locali siano in pieno caos.
E, a proposito di caos, i vigili urbani sono figure rarissime a Napoli - quei pochi che ci sono io li ho visti chiacchierare troppo spesso nei giardini pubblici.

Alle volte sono arrivata a pensare che potesse avere ragione Bossi nel dire che il meridione d'Italia pesa sulle nostre tasche.
Certo, ci saranno cittadini onesti: è credibile e auspicabile.

Ma la camorra svolge a Napoli la funzione che NON svolge lo Stato.
E la visita di Prodi a chi o a cosa sarebbe servita? A lasciare tutto com'è.
Questa almeno è la mia opinione.

Ciao a tutti
Patri15 is offline  
Vecchio 04-11-2006, 00.49.20   #19
cannella
Ospite abituale
 
L'avatar di cannella
 
Data registrazione: 21-09-2003
Messaggi: 611
Riferimento: Gallina che canta...

Ieri sera ho sentito anch'io in televisione le dichiarazioni di Prodi: "Le forze militari a Napoli non sono necessarie.." "Napoli è una città meravigliosa con mille risorse.." .. mancava solo un sottofondo musicale con mandolino e una pizza in dissolvenza.

A volte le immagini possono più delle parole e ho pensato che male si accordava il sorriso molliccio di Prodi con la tragedia di un ragazzo riverso sull'asfalto coperto da un lenzuolo, un altro, l'ennesimo.

Perchè è vero che la camorra pare un male ormai alla metastasi (da anni!) e che persino il termine è mutato con "sistema", ma è anche vero che si uccide con una facilità impressionante, come si fosse a San Paolo do Brasil, e non solo per soldi, ma per gelosia o per uno sfregio all'auto.

Anche in altre città succede? Sì ma a Napoli l'omicidio sembra anche una risultanza pedagogica: se l'amico mi ruba la ragazza l'uccido, se voglio rubare un motorino e quello non lo molla, anche.

Una coazione a ripetere?

A cosa serve uno Stato se non riesce a garantire a un cittadino nemmeno il diritto fondamentale di uscire di casa senza avere paura?
cannella is offline  
Vecchio 05-11-2006, 17.06.03   #20
justinian
Avanti è la vita
 
Data registrazione: 06-04-2006
Messaggi: 129
Riferimento: Adoperare l'esercito per la criminalità di Napoli?

Il problema di Napoli e del Sud in generale non è esercito si o esercito no ma è la visone distorta che si ha dello stato.La gente del sud ,infatti,non si rende conto che sono prima di tutto dei cittadini e che quindi devono intervenire loro in prima persona per cercare di migliorare le cose ma invece molti pensano di essere ancora dei sudditi e che quindi si deve "fregare" il padrone come e quando si può.Si cerca quindi il vantaggio immediato magari chiedendo dei favori ad amici degli amici senza rendersi conto che poi per ogni favore si richiede indirettamente un prezzo molto più elevato come ad esempio è il caso di taranto.
L'esercito sarebbe solo un rimedio peggiore del male in quanto non avrebbe i poteri per potere agire direttamente e si correrebbe il rischio di danngiare ancore di più l'immagine dello stato ad esempio se ci dovesse essere un arresto in un quartiere degradato con conseguente lancio di sassi contro le forze dell'ordine,come a volte accade, l'esercito cosa potrebbe fare sparare sulla gente?Fare Bava Beccarias 2?Onestamente non credo.
Io credo che ogni cosa ha un suo ruolo per mantenere l'ordine ci sono le forze dell'ordine non l'esercito se si vogliono recupere uomini a questo punto sarebbe più sensato non mandare i carabinieri all'estero lasciando quindi le missioni fuori solo all'esercito e già avremmo molti uomini in più.
Comunque il problema torno a ripetere non sono quanti uomini mandiamo a napoli ma la mentalità del posto e la mancanza di punizione certe e immediate per chi commette i reati.Ci vogliono leggi certe e processi brevi nell'immediato e una seria educazione alla legalità nel futuro solo così si risolverebbe la situzione.In breve si vorrebbe soprattutto un pò di quel tanto biasimato giustizialismo.
Una precisazione l'esercito fu usato come già detto altre due volte seriamente contro fenomini che lo stato non riusciva a controllare:la mafia e il brigantaggio.In tutte e due questi casi si ottennero comunque degli ottimi risultati in quanto il brigantaggio sparì mentre se a Mori fosse stato permesso di andare fino in fondo anche la mafia sarebbe stato un brutto ricordo con o senza successivi aiuti americani.In questi 2 casi però l'esercito ebbe sempre carta bianca e si sospesero tutte le garanzie costituzionali:sarebbe possibile o anche auspicabile questo oggi?
ciao
P.S. comunque non si deve dimenticare che la maggioranza delle persone del Sud sono brava gente ma è molto facile dipingere tutto il meridione per malavitosi nullafacenti come è facile all'estero dipingere tutti gli italiani per mafiosi truffatori mangi spaghetti.A volte la stampa marcia molto sugli steriotipi per far notizia e per semplificare le cose.
justinian is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it