Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 31-08-2007, 12.59.50   #21
renzananda
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 22-08-2007
Messaggi: 152
Riferimento: Si può vedere qualche cosa che non sia soggettivo?

Citazione:
Originalmente inviato da illusion
Per me i vostri discorsi sono tutti quanti corretti e piacevoli da leggere, ma quì la filosofia deve farsi da parte e lasciar posto alla psicologia, perchè per quanto ci si sforzi, bisogna pur sempre avere umiltà ed ammettere che (non me ne vogliate) pur tirando in ballo filosofi del calibro di Nietzsche o Schopenhauer l'oggetività alla vista di un ogetto è per forza di cose dipendente dalla psicologia dell'uomo. Appurato ciò la mia domanda è: Se voi affermate l'oggetto di per se è oggettivo perchè noi vediamo in maniera soggettiva?

Già, la psicologia, Ma il buon Freud affermando che "l'io non è padrone a casa propria" ed il Lacan de "l'inconscio è strutturato come un linguaggio in cui parla l'Altro (l'inconscio)" non fanno che ripetere il ritonello della volontà schopenaueriana o nietzschiana. Il soggetto manca, non vede mai quel che vede...
renzananda is offline  
Vecchio 31-08-2007, 13.01.53   #22
aspic
Ospite
 
Data registrazione: 12-07-2007
Messaggi: 5
Riferimento: Si può vedere qualche cosa che non sia soggettivo?

@ Crono80: grazie per aver letto il mio commento, era un po' lungo e noioso, mi rendo conto
e grazie per la risposta! si anche a me piace aver modo di disquisire di queste cose, grazie a questo forum per l'occasione!
mmhh si, la 'rossità' non è confrontabile in sé, ma il fatto che ad alcuni piacciono certi colori e ad altri no mi piace imputarla a fattori diversi, esperienze passate e tessitura psicologica dei vissuti personali di ognuno.

per quanto riguarda la confrontabilità di proprietà fisiche misurabili, verissimo, ma siamo sempre chiusi nel recinto delle parole e dei numeri, la 'rossità' ne resta sempre fuori come qualcosa di inattingibile- inarrivabile oltre "l'intrrascendibile orizzonte del linguaggio" che ci irretisce come dice bene renzananda (che linguaggio difficile però faccio fatica a seguirti eheh )

mmhh @ Illusion: ma che confine e che differenze poni tra filosofia e psicologia?? per me sono due sfumature di sapore di uno stesso cibo, faccio sempre fatica a identificare con chiarezza manichea le distinzioni tra le cose... è un po' un mio difetto (che considero però anche un pregio spesso, forse per auto-rivalutarmi eheh). per cercare di risponderti, beh, l'oggetto di per sé e a sé stante è oggettività pura, ma assolutamente inerte se non viene a interagire con qualcos'altro- e nel momento in cui si pone l'interazione, scaturisce anche la soggettività. Ancora, tendo a cancellare la divisione netta tra oggettività e soggettività: tutte le divisioni rigide creano il problema della loro soluzione e messa in comunicazione (se l'oggetto è oggettivo, perché io lo percepisco solo soggettivamente? come passo insomma dalla sfera dell'oggettività a quella della soggettività??) -
beh , la soggettività è una faccia imprescindibile dell'oggettività a mio avviso, ossia: non c'è oggetto senza soggetto, l'essere è molteplicità e comunicazione, interazione, e l'interazione è soggettività e ricezione dell'altrui oggettività sotto le spoglie delle mie strutture ricettive- ahah non riesco bene a spiegarlo (tanto più che stamane ho un mal di testa... la soggettività insomma è la ricezione dell'oggetto da parte di un altro oggetto, ovvero comunicazione tra oggettività che avviene sotto determinate condizioni (oggettive).
ok per ora passo la palla
aspic is offline  
Vecchio 31-08-2007, 18.29.26   #23
illusion
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-01-2007
Messaggi: 53
Riferimento: Si può vedere qualche cosa che non sia soggettivo?

Diciamo che sono due sfumature di uno stesso piatto fintanto che si parla di Io super-io ed es, ma quando vanno ad incrociarsi - come in questo caso - la filosofia deve lasciare posto alla psicologia. Perchè quì non si tratta di ricercare l'essenza dell'interazione tra (appunto) i due oggetti ma quanto di capire COME FUNZIONA il cervello quando ad esempio ho di fronte il colore rosso. Va bene la ricerca dell'essenza (le due sfumature), ma concretamente dentro la mia testa cosa accade quando vedo il colore rosso?? Perchè due persone alla vista del colore rosso provano o (potrebbero) provare sensazioni diametralmente opposte?
illusion is offline  
Vecchio 01-09-2007, 01.11.35   #24
ozner
novizio
 
L'avatar di ozner
 
Data registrazione: 10-10-2006
Messaggi: 371
Riferimento: Si può vedere qualche cosa che non sia soggettivo?

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Ci sono due scuole di pensiero.
Una che ritiene che ciò che vediamo sia oggettivo e quindi dotato di una realtà intrinseca, che entra in contatto con noi, ed una che invece asserisce che non si può vedere altro che le nostre proiezioni, cioè che una realtà esterna, non esiste o comunque non è esperibile.

Non so se esiste una terza scuola di pensiero, in caso la fondo io, che dice che la realtà esterna è oggettiva, che noi la rivestiamo quasi in toto con le nostre proiezioni, ma che possiamo rinunciare a quelle proiezioni e quindi possiamo entrare in contatto con quella realtà.

Mi piacerebbe conoscere il vostro parere e le vostre idee, convinzioni ed esperienze, su questo discorso.

Scusa mi si è interrotta la comunicazione, stavo dicendo che si, ciò che dici mi sembra plausibile, penso che per verificarlo bisognerebbe cominciare a guardarsi allo specchio, infatti guardarsi allo specchio è una peculiarità solo dell'essere umano, e puo proiettarci senza illusioni fuori di noi.
ozner is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it