Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 01-10-2007, 12.16.54   #21
oldbad
Ospite
 
Data registrazione: 22-09-2007
Messaggi: 5
Riferimento: l'uomo al di fuori della selezione naturale?

questa è comunque selezione naturale, non è detto che deve agire solo in maniera ''fisica'' sul corpo, ma scorre anche nel comportamento e nell'evoluzione psicologica.
oldbad is offline  
Vecchio 08-10-2007, 11.22.04   #22
emmeci
Ospite abituale
 
L'avatar di emmeci
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 1,272
Riferimento: l'uomo al di fuori della selezione naturale?

Credo proprio d’aver indovinato quando ho ricordato, nel mio ultimo intervento, che la domanda essenziale era “se si dovesse ritenere che l’uomo sia ormai in grado di influire direttamente sulla propria evoluzione anche con una riprogrammazione del proprio genoma”. Detto fatto: voi tutti avrete letto sui giornali che lo scienziato americano Craig Venter ha annunciato di aver prodotto la prima forma di vita artificiale sottraendo al genoma di un bacillo parte dei cromosomi e completando il corredo con altri di produzione sintetica, creando così una specie che non esiste in natura: una tecnica che potrebbe essere impiagata anche su cromosomi umani. Gli addetti ai lavori aspettano ora che il procedimento sia illustrato su una rivista scientifica, ma l’obiettivo evidentemente c’è, e anche se in questo caso non convincesse sarà senz’altro realizzato. “Apprezziamo la possibilità che questa tecnica permetta applicazioni terapeutiche - dice il giornale cattolico Avvenire - ma non ci piace il tono di Venter quando dice di impersonare la parte di Dio”. Certo le parole di Venter mostrano che ha un concetto di Dio non proprio eccelso, ma comunque è questo, io credo, il vero punto di superamento della teoria evoluzionistica che tante critiche ha subito da parte delle religioni (non solo da quella cattolica). Ed è un po’ curioso dover constatare che la teoria di Darwin, che sembrava insuperabile e definitiva, viene forse corretta o messa in pensione non dalla fede cui si appellano i religiosi, ma dalla scienza stessa, che costituiva per Darwin la via regia per arrivare alla verità.
emmeci is offline  
Vecchio 08-10-2007, 20.54.10   #23
TheDruid
Ospite abituale
 
L'avatar di TheDruid
 
Data registrazione: 27-06-2007
Messaggi: 105
Riferimento: l'uomo al di fuori della selezione naturale?

Scusa emmeci, sarò di parte ma questa proprio non la capisco.
Perchè il darwinismo si sarebbe liquidato davanti a Venter? Darwin analizza lo sviluppo naturale delle cose, ovvio che se noi prendiamo le parti della natura la teoria sballa, ma essa rimane ancora ben salda considerano la metodologia darwiniana in un ambiente estraneo a perversioni creazioniste.
Mi si obbietterà che magari darwin avrebbe dovuto calcolare il fatto che l'uomo un giorno avrebbe avuto il potere di poter influire in modo decisivo sul ciclo naturale delle cose...ma stiamo parlando di uno scienziato.. mica dell'oracolo di Delfi...
TheDruid is offline  
Vecchio 09-10-2007, 08.52.41   #24
emmeci
Ospite abituale
 
L'avatar di emmeci
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 1,272
Riferimento: l'uomo al di fuori della selezione naturale?

Beh, non gli diamo certo il benservito a Darwin, o meglio, certo gli diamo il ben servito cioè lo ringraziamo di averci consegnato una teoria d’importanza epocale: ma mi pare che tutti o quasi tutti i partecipanti di questo forum siano pronti ad affermare che il relativismo è sangue vivo per la scienza, anzi che nessuno, filosofo o scienziato, è in possesso della verità assoluta, anche se nell’euforia della scoperta lo crede. E che si sta dicendo qui? Proprio questo, cioè che anche una teoria d’importanza epocale può essere corretta – e in maniera profonda, visto che la protagonista di questa vicenda non è la natura fecondata dal caso ma quella piccola, tardiva parte della natura che è la specie-uomo alla sua terza edizione, fecondata dalla sua intelligenza.
Ammetterai che c’è una bella differenza se ad agire è il caso oppure una logica umana che coglie, utilizza, progetta e sogna non solo di poter dirigere uno sviluppo che sembrava basato su un cieco adattamento alla realtà, ma di poter costruire una nuova specie, cioè mutare il progetto naturale. E tuttavia è proprio qui il punto critico, perché progettare significa non solo conoscere ma stabilire degli obiettivi che non sembra siano stati discussi o che siano andati al di là di ipotetiche applicazioni terapeutiche - quindi eventualmente solo nei limiti di una finalità biologica - fuori da ogni considerazione morale, che porrebbe dei problemi che non si risolvono con strumenti scientifici e con la sicumera che sembra Venter abbia mostrato nell’assumersi esplicitamente il ruolo del Creatore (su cui probabilmente aveva ironizzato fino a ieri).
Ma è, io suppongo, l’intero sapere occidentale che viene chiamato a giustificarsi - non dai soli credenti o dai benpensanti ma da ognuno di noi - cioè quel sapere onnivoro che sembra porti l’avallo di Socrate e di Platone (“la virtù è insegnabile” afferma il Socrate del Protagora cioè il Socrate di Platone, che non si ricredette neppure quando, nei suoi viaggi in Sicilia, il suo tentativo di illuminare il tiranno fallì e rischiò egli stesso la vita).
emmeci is offline  
Vecchio 09-10-2007, 10.54.00   #25
TheDruid
Ospite abituale
 
L'avatar di TheDruid
 
Data registrazione: 27-06-2007
Messaggi: 105
Riferimento: l'uomo al di fuori della selezione naturale?

Sono ben d'accordo con il relativismo che muove il forum, anzi potrei dire di esserne un estremista, lungi da me il credere che Darwin abbia scritto una nuova Bibbia.
L'effetto che la scoperta Venter avrà sul darwinismo non è facilmente descrivibile, da una parte questo nuovo potere potrebbe fornire dati di studio che potrebbero andare a rafforzare la teoria evoluzionistica, e da un altra parte relegarlo al passato dove il creatore, caos cosmo caso, era per l'ambiente di studio di allora la più forte forza rivoluzionatrice.
Più che la scoperta di venter, le sue possibili applicazioni future, cambieranno "l'ambiente di studio", cambieranno il mondo, e in un modo così radicalmente rivoltato, chi resisterà? Religione, Filosofia, Economia, Morale...?
Più il caso, o destino dir si voglia, si assottiglia più i mari sconosciuti verranno profanati, e la magia del mistero dove finirà?L'inconosciuto è sempre stato un ottimo appiglio per regalare idee al mondo...Chissà....per ora la scienza è solo una stampella dell'uomo...
TheDruid is offline  
Vecchio 09-10-2007, 17.47.48   #26
fealoro
Ospite abituale
 
L'avatar di fealoro
 
Data registrazione: 19-03-2007
Messaggi: 216
Riferimento: l'uomo al di fuori della selezione naturale?

scusa emmeci, ma devo assolutamente appoggiare TheDruid. Questa scoperta non inficia per nulla la teoria dell'evoluzione. La teoria, con le sue ipotesi e le sue tesi continua ad essere valida. Non capsico proprio come possa essere superata da questa nuova tecnica
fealoro is offline  
Vecchio 10-10-2007, 14.29.25   #27
emmeci
Ospite abituale
 
L'avatar di emmeci
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 1,272
Riferimento: l'uomo al di fuori della selezione naturale?

Fealoro, basta rileggere l’ultimo pezzo che ho mandato e vedrai che non ho affermato che la teoria evoluzionistica è superata ma che si possono avere dei dubbi su come si svilupperà, soprattutto di fronte al fatto che il caso, che in quella teoria svolge un ruolo determinante per promuovere l’adattamento, viene sostituito da un progetto elaborato e guidato dall’uomo, che potrà entrare prepotentemente tra i fattori correttivi per non dire determinanti. Il che mi sembra un’affermazione ancora meno drastica di quella che sembra sottintesa nella domanda che è in testa a questa discussione. Del resto, l’intera storia della scienza si basi sulla ricerca di quei punti ove la verità scoperta non è sufficiente a spiegare nuovi fatti sperimentalmente accertati….o no?
emmeci is offline  
Vecchio 11-10-2007, 08.42.20   #28
cielosereno52
Ospite abituale
 
L'avatar di cielosereno52
 
Data registrazione: 21-05-2006
Messaggi: 211
Riferimento: l'uomo al di fuori della selezione naturale?

Citazione:
Originalmente inviato da emmeci
Fealoro, basta rileggere l’ultimo pezzo che ho mandato e vedrai che non ho affermato che la teoria evoluzionistica è superata ma che si possono avere dei dubbi su come si svilupperà, soprattutto di fronte al fatto che il caso, che in quella teoria svolge un ruolo determinante per promuovere l’adattamento, viene sostituito da un progetto elaborato e guidato dall’uomo, che potrà entrare prepotentemente tra i fattori correttivi per non dire determinanti. Il che mi sembra un’affermazione ancora meno drastica di quella che sembra sottintesa nella domanda che è in testa a questa discussione. Del resto, l’intera storia della scienza si basi sulla ricerca di quei punti ove la verità scoperta non è sufficiente a spiegare nuovi fatti sperimentalmente accertati….o no?


Progetto elaborato e guidato dall'uomo.. mi sembra eccessivo..scusate l'intromissione..
Del resto..pensare che l'evoluzione è solo selezione del più forte e del più adatto.. dimostra carenza nel capire come cellule mononucleari a un certo punto si sono aggregate dando origine a organismi complessi.
Credo che la vera spinta evoluzionistica venga da una programmazione
diversa.. capace ad un certo punto di aggregare anche sotto l'aspetto diciamo..spirituale dando il nome di amore a questo stimolo.. a questa spiritualità.
Credo di non avere risposte chiare.. e..mi trovate scoperto nel linguaggio scientifico stante la mia bassa formazione scolastica.. dunque mi astengo da altre eventuali figure peregrine...
cielosereno52 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it