Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 20-04-2008, 10.39.04   #1
=burba=
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 19-04-2008
Messaggi: 2
Cosa ne pensate? [domande filosofiche]

Ciao, ho 17 anni e a volte mi diverto a scrivere i miei pensieri... Non ho mai consultato libri o persone esperte in materia di filosofia, sinceramente non pensavo che quello che scrivevo potesse esserlo stato e ancora non ne sono convinto, me lo hanno detto quelli che hanno letto...
Volevo sapere da voi se i ragionamenti e le connessioni logiche sono sensate o se faccio solo un gran casino... grazie.

"Esiste la verità?
Perchè dovrei aver bisogno di certezze? E' una via malata di essere curiosi! Il punto di domanda è il mio migliore amico. Quando lo uso apro le strade della conoscenza. Non mi interessa più sapere dove finiscono, ma piuttosto aprirne tante e avere un'idea generale di quello che mi offre la vita, senza per forza sceglierne una, girare su una rotatoria che diventa sempre più grande, sempre più strade.
Che abbia senso tutto questo?
Sembra una domanda che può far cadere il resto del discorso, può farti pensare che le strade non servono a niente, senza un obbiettivo, senza una fine, ma dall'altra parte questa non è che un'altra strada aperta.
Se anche l'affermazione che contrasta il mio pensiero lo accresce, ho trovato la verità? troppa presunzione? coraggio?
E chi lo sa...
Se terminassi qui mi arrenderei, se continuassi ad aprire nuove strade starei provando a trovare la verità...
Che fare?
Continuare all'infinito ad ingrandire la rotatoria? Ma chi dice che sia infinito? Potrebbe essere che la nostra testa sia come un circuito elettronico con un grande ma limitato numero di possibilità di ragionamento. Nessuno può dirlo, perchè nessuno ci è mai arrivato, alla verità. Anche un'affermazione inconfutabile non è verità. Perchè?? Ovvio, perchè chi è sicuro che la nostra umana visione delle cose sia quella giusta, quella vera? Io credo che chi è sicuro di qualcosa sia un perdente. Ne sono sicuro."
=burba= is offline  
Vecchio 20-04-2008, 16.36.28   #2
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Cosa ne pensate? [domande filosofiche]

Citazione:
Originalmente inviato da =burba=
"Esiste la verità?
Perchè dovrei aver bisogno di certezze? E' una via malata di essere curiosi! Il punto di domanda è il mio migliore amico. Quando lo uso apro le strade della conoscenza. Non mi interessa più sapere dove finiscono, ma piuttosto aprirne tante e avere un'idea generale di quello che mi offre la vita, senza per forza sceglierne una, girare su una rotatoria che diventa sempre più grande, sempre più strade.
Che abbia senso tutto questo?
Sembra una domanda che può far cadere il resto del discorso, può farti pensare che le strade non servono a niente, senza un obbiettivo, senza una fine, ma dall'altra parte questa non è che un'altra strada aperta.
Se anche l'affermazione che contrasta il mio pensiero lo accresce, ho trovato la verità? troppa presunzione? coraggio?
E chi lo sa...
Se terminassi qui mi arrenderei, se continuassi ad aprire nuove strade starei provando a trovare la verità...
Che fare?
Continuare all'infinito ad ingrandire la rotatoria? Ma chi dice che sia infinito? Potrebbe essere che la nostra testa sia come un circuito elettronico con un grande ma limitato numero di possibilità di ragionamento. Nessuno può dirlo, perchè nessuno ci è mai arrivato, alla verità. Anche un'affermazione inconfutabile non è verità. Perchè?? Ovvio, perchè chi è sicuro che la nostra umana visione delle cose sia quella giusta, quella vera? Io credo che chi è sicuro di qualcosa sia un perdente. Ne sono sicuro."
L’atteggiamento di perenne scetticismo e di eterna ricerca è senza dubbio un indicatore di apertura mentale che quanto meno ti permette di non cadere nell’errore di appoggiarti a false certezze.
In quanto alla verità, per quanto ne so io, non è una formula verbale, o un teorema logico, o ogni altra forma racchiudibile nelle anguste pareti di una mente. In un certo senso è la verità che contiene la mente e quindi una mente non potrà mai contenere la verità. Azzardando una definizione per descriverla direi che è più simile ad “uno stato dell’essere” che ad un’idea.
Cioè si può essere la verità, ma non si può pensarla, ne descriverla, ne etichettarla e tanto meno strumentalizzarla per una nostra crociata.

Non so se ti ho risposto.... Spero un po' si.

VanLag is offline  
Vecchio 20-04-2008, 17.19.41   #3
Koli
Moderatore
 
Data registrazione: 17-11-2007
Messaggi: 405
Riferimento: Cosa ne pensate? [domande filosofiche]

L'atteggiamento scettico va benissimo ma bisognerebbe non tramutarlo in un ingenuo nichilismo.
Non tutto rientra nell'ambito del soggettivo.

Ciao.
Koli is offline  
Vecchio 20-04-2008, 21.57.00   #4
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Cosa ne pensate? [domande filosofiche]

Citazione da Burba:

"Esiste la verità?
Perchè dovrei aver bisogno di certezze? E' una via malata di essere curiosi! Il punto di domanda è il mio migliore amico. Quando lo uso apro le strade della conoscenza. Non mi interessa più sapere dove finiscono, ma piuttosto aprirne tante e avere un'idea generale di quello che mi offre la vita, senza per forza sceglierne una, girare su una rotatoria che diventa sempre più grande, sempre più strade.

Carissimo,nonchè riflessivissimo Burba.Innanzi tutto benvenuto!
La tua domanda io mi sento di trasformarla in affermazione:Si la VERITA' esiste,e tu,a mio avviso,se agisci come sopra ti esprimi,stai percorrendo la via che ti avvicina a Lei,ma non sperare mai di raggiungerla perchè la verità assoluta è nella perfezione quindi sarebbe la fine,verrebbe meno ogni stimolo di ricerca portando la vita alla nullità.
Continua a girare nella tua rotatoria e ti accorgerai che col tempo riuscirai a scegliere tra le tante,la strada più equa che ti porta verso la felicità,quella felicità della quale tutta l'umanità va in cerca,Sarai riuscito allora a dare un concreto senso alla vita e sarai sempre più incentivato a proseguire verso quella meta che,nonostante sia irraggiungibile,sul suo percorso troverai tante soddisfazioni. Io sono su quella strada e ti assicuro,vivo felice in beatitudine.
Ciao carissimo Burba un amichevole saluto da espert37
espert37 is offline  
Vecchio 20-04-2008, 22.47.15   #5
Dasein
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2007
Messaggi: 192
Riferimento: Cosa ne pensate? [domande filosofiche]

Citazione:
Originalmente inviato da Koli
L'atteggiamento scettico va benissimo ma bisognerebbe non tramutarlo in un ingenuo nichilismo.
Non tutto rientra nell'ambito del soggettivo.

Ciao.


esatto, e nietzsche insegna. Lo scetticismo ingenuo si confuta da solo.
Dasein is offline  
Vecchio 21-04-2008, 08.32.13   #6
emmeci
Ospite abituale
 
L'avatar di emmeci
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 1,272
Riferimento: Cosa ne pensate? [domande filosofiche]

"Esiste la verità? Perchè dovrei aver bisogno di certezze? E' una via malata di essere curiosi! Il punto di domanda è il mio migliore amico. Quando lo uso apro le strade della conoscenza. Non mi interessa più sapere dove finiscono, ma piuttosto aprirne tante e avere un'idea generale di quello che mi offre la vita, senza per forza sceglierne una, girare su una rotatoria che diventa sempre più grande, sempre più strade. Che abbia senso tutto questo?....”
Mi pare = burba = che questa domanda sia al fondo di ciò che pensano o hanno pensato tutti coloro che entrano in questo forum, anche se hanno più anni di te e se la domanda può assumere il piglio dello scettico o il tono elegante del taoista che chiede: perché dobbiamo arrovellarci a cercare la verità visto che possiamo stenderci sulla riva del fiume e farci cullare dal fruscio delle onde?
La prima risposta è che dopo un po’ di tempo quella posizione diventa scomoda, e che ci pare di dover sgranchire i muscoli e procurarci da mangiare almeno per questo giorno…e se non sappiamo dove cercarlo? Se non sappiamo neppure se è meglio mettere in bocca un sasso o una mela? Dunque sembra che conoscere la verità sia necessario per vivere, e perfino per rinunciare alla vita. Ma forse = burba = tu ti domandavi perché andare al di là del sapere comune, quello che ci fa distinguere una mela da un sasso che potrebbe risultare indigesto….Ebbene, non credo che sia questa la ragione che ci spinge alla filosofia, cioè la paura di ciò che ci può capitare e il desiderio di sapere che cosa può salvarci la vita. Forse, come si suol dire, la meraviglia davanti allo spettacolo di ciò che si manifesta davanti a noi? Direi che è qualcosa di più misterioso e privo di stringenti motivi, cioè il bisogno – piccolo e immenso - di sapere qual è l’assoluta verità a prescindere da ogni riferimento ai nostri interessi e perfino alla nostra salvezza: la semplice ma inconfutabile forza dell’assoluto. Ma perché, insisti, questo bisogno di andare in cerca dell’assoluto? Credo che la risposta sta nella logica stessa dell’assoluto, che non richiede spiegazioni perché è l’assoluto e basta. Forse l’interpretazione più consona sembra essere che l’assoluto è quello stesso che gli uomini intendono come divino, però per lasciare a questo intatta l’assolutezza, lo metterei un po’ più in alto del dio delle religioni (che è sempre un dio relativo), lo penserei come qualcosa che supera ogni religione e non richiede altro che il pensiero di sé. Io, come forse tu o qualunque frequentatore del forum, non abbiamo altro dio che questo: ma è sufficiente a spiegare perché lo cerchiamo: perché è l’assoluto, e la logica dell’assoluto non richiede una razionalità relativa. Forse per questo la si può anche chiamare fede.
emmeci is offline  
Vecchio 21-04-2008, 16.43.23   #7
=burba=
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 19-04-2008
Messaggi: 2
Riferimento: Cosa ne pensate? [domande filosofiche]

Sono rimasto così: Molte delle cose che ho letto qui sopra mi hanno aperto gli occhi e fatto venir voglia di esplorare ancora di più! Più che altro perchè mi avete mostrato in anteprima strade che vedo più come mulattiere impervie... Mi chiedo come facciano molti miei coetanei ad adagiarsi sulla riva del fiume...
grazie di cuore...
=burba= is offline  
Vecchio 03-05-2008, 21.53.03   #8
logos
Ospite
 
L'avatar di logos
 
Data registrazione: 01-05-2008
Messaggi: 25
Riferimento: Cosa ne pensate? [domande filosofiche]

Ogni domanda segue una risposta e di conseguenza la risposta diventa domanda, la filosofia non è materia di prova ma di esortazione, cercare, camminare, raggiungere, ma cosa raggiungere se in un continuo divvenire tutto ci pare nuovo e splendidamente affascinante caratterizzato da una continua incertezza che ci spinge a cercare la "verità"..........
pur quanto tu possa camminare mai potrai raggiungere i confini dell'anima.......perchè forse "verità" intesa come conoscenza di sè.
logos is offline  
Vecchio 04-05-2008, 00.25.39   #9
Majeroni
Ospite
 
Data registrazione: 02-05-2008
Messaggi: 5
Riferimento: Cosa ne pensate? [domande filosofiche]

Concordo con logos. E' la ricerca della verità, che "nobilita". Non ti crucciare sull'esistenza di essa... non esiste.
Se esiste non la puoi immaginare.
Se la puoi immaginare non la puoi comprendere.
E via dicendo. Per te non deve fare differenza.
Però non puoi neanche dire che chi è sicuro di qualcosa è un perdente.
Non si può essere completamente sicuri, ma si possono avere ragionevoli certezze. Poi per brevità colloquiale, per abitudine, carattere o necessità, queste "ragionevoli" si devono trasformare in "assolute".
Prova a metterle in dubbio. Se non ti riesce, ed eppure non ti convince, tanto meglio! Avrai qualcosa su cui nobilitarti per sempre!
Majeroni is offline  
Vecchio 06-02-2011, 20.56.00   #10
femmefatale
Cioraniana Incrollabile
 
L'avatar di femmefatale
 
Data registrazione: 04-07-2010
Messaggi: 154
Riferimento: Cosa ne pensate? [domande filosofiche]

Citazione:
Originalmente inviato da =burba=
Ciao, ho 17 anni e a volte mi diverto a scrivere i miei pensieri... Non ho mai consultato libri o persone esperte in materia di filosofia, sinceramente non pensavo che quello che scrivevo potesse esserlo stato e ancora non ne sono convinto, me lo hanno detto quelli che hanno letto...
Volevo sapere da voi se i ragionamenti e le connessioni logiche sono sensate o se faccio solo un gran casino... grazie.

"Esiste la verità?
Perchè dovrei aver bisogno di certezze? E' una via malata di essere curiosi! Il punto di domanda è il mio migliore amico. Quando lo uso apro le strade della conoscenza. Non mi interessa più sapere dove finiscono, ma piuttosto aprirne tante e avere un'idea generale di quello che mi offre la vita, senza per forza sceglierne una, girare su una rotatoria che diventa sempre più grande, sempre più strade.
Che abbia senso tutto questo?
Sembra una domanda che può far cadere il resto del discorso, può farti pensare che le strade non servono a niente, senza un obbiettivo, senza una fine, ma dall'altra parte questa non è che un'altra strada aperta.
Se anche l'affermazione che contrasta il mio pensiero lo accresce, ho trovato la verità? troppa presunzione? coraggio?
E chi lo sa...
Se terminassi qui mi arrenderei, se continuassi ad aprire nuove strade starei provando a trovare la verità...
Che fare?
Continuare all'infinito ad ingrandire la rotatoria? Ma chi dice che sia infinito? Potrebbe essere che la nostra testa sia come un circuito elettronico con un grande ma limitato numero di possibilità di ragionamento. Nessuno può dirlo, perchè nessuno ci è mai arrivato, alla verità. Anche un'affermazione inconfutabile non è verità. Perchè?? Ovvio, perchè chi è sicuro che la nostra umana visione delle cose sia quella giusta, quella vera? Io credo che chi è sicuro di qualcosa sia un perdente. Ne sono sicuro."

io invece mi consumo gli occhi leggendo libri e introduzioni filosofiche.
più che la verità, io partirei dal chiedersi se esiste un senso.
a questo trascinarsi, all'esserci.qui e ora e domani.
perchè a seconda che tu creda che esista o no un senso puoi chiederti poi se esiste anche la verità. (o tutti gli altri ideali che ti vengono in mente).

io non credo affatto che esista un senso.e neppure il divenire.quindi mi è indifferente che esista o no la verità, l'amore, ecc, ciò che vi pare...

io sono sicura di me stessa e di ciò che dico perchè sono solipsista.
per me è vero solo ciò che io ritengo vero, sono vera solo per come mi percepisco (l'ho capito questo concetto leggendo Jean Amery) come mi percepisce il mondo esterno, mi è indifferente.
e poi io sono il mio tutto, e ho fondato tutto solo sulla parte di me stessa che volevo, e questo lo devo a Stirner.
femmefatale is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it