Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 12-02-2009, 23.06.35   #11
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Quale religione è la vera?

Citazione:
Originalmente inviato da PLATARIS
A Van Lag, volevo dire che è verissimo che il panorama mondiale offre diverse soluzioni religiose, ma è vero che in quanto persone occidentali, non possiamo non prendere in considerazione Cristo!
Non dico questo per partito preso, ma perchè considerando che il nostro pensare, agire ecc... è tutto farcito di cultura greca-cristiana, non prendendo in considerazione questo binomio culturale finiamo per non prendere in considerazione neppure noi stessi!
grazie ciao.
Per quando mi riguarda ti assicuro che si può prescindere dalla nostra formazione culturale, anzi in un certo senso la ricerca vera inizia quando riusciamo ad uscire dal nostro guscio. Un pulcino per svilupparsi deve rompere il guscio che lo fascia altrimenti muore.

Poi quanto affermi fosse vero ne conseguirebbe che l’opera di tanti missionari cristiani in terre lontane, porterebbe i convertiti a non essere più in grado di prendere in considerazione neppure se stessi.

VanLag is offline  
Vecchio 13-02-2009, 14.30.24   #12
emmeci
Ospite abituale
 
L'avatar di emmeci
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 1,272
Riferimento: Quale religione è la vera?

Anakreon! Giustamente ricordi, con l’esempio dei Greci e dei Romani, che ci possono essere religioni “senza chiese”. E non solo sono d’accordo, ma credo addirittura che le chiese, con quello che dicono del divino e di come dobbiamo pensare e fare per assecondarlo, dissolvano quel lampo d’assoluto che tutti abbiamo dentro di noi - noi uomini senza qualità ossia semplici nello spirito. Tanto che si potrebbe perfino pensare che solo se non esistessero chiese, la fede potrebbe essere veramente fede, senza pericolo di soccombere davanti alle insidie del relativismo.
Ma si può arrivare a pensare, come mi pare tu suggerisca alla fine, che le forme di fede libere, inaspettate, annunciate magari per televisione, siano più prossime al vero di quelle suggellate nei catechismi? Sarà che io sono poco sensibile alle sirene della TV, ma ne dubito. Anche la televisione, in fondo, per molti assomiglia a un altare se non a una grande basilica. E non è detto che anche religioni predicate a mezzo TV non possano suscitare vampe di fondamentalismo, che unendosi al fondamentalismo sempre annidato nei discorsi politici, non possa diventare una miscela esplosiva.
emmeci is offline  
Vecchio 14-02-2009, 12.54.11   #13
Anakreon
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-06-2007
Messaggi: 297
Religioni e simulazioni.

Caro Emme Ci,

domandi:

[I"]Ma si può arrivare a pensare, come mi pare tu suggerisca alla fine, che le forme di fede libere, inaspettate, annunciate magari per televisione, siano più prossime al vero di quelle suggellate nei catechismi?". [/i]

Non Ti so dire alcunché circa le religioni annunziate "in televisione", per ciò semplicemente, che non ho alcuna consuetudine collo strumento.

Per altro non mi pare proprio che la verità o la falsità della religione d'un dio dipendano o dal modo dell'annunzio o dalla maggiore o minore libertà da sacerdoti o dottrine:
al più si può concedere che nessuno abbia ragione di simulare una religione privata sua; vice versa, molti possono avere molte ragioni di simulare una religione pubblica e comune.

Anakreon.
Anakreon is offline  
Vecchio 15-02-2009, 10.26.05   #14
Socrate78
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-05-2007
Messaggi: 107
Riferimento: Quale religione è la vera?

Non saprei dire quale sia la religione "vera", ma sicuramente l'Islam è, a mio avviso, quella che più si allontana dalla verità. Questo per molte ragioni. Innanzitutto, l'Islam identifica il dominio religioso con quello politico e giuridico,negando così il diritto all'autodeterminazione dei popoli:il territorio del mondo è per loro diviso in Casa dell'Islam (dove domina la legge islamica ) e in "Casa della guerra", termine che indica tutti quei territori non governati dai musulmani e dalla loro legislazione. Si tratta quindi di una forma di imperialismo peraltro non giustificato da nulla e pericolosissimo.
Del resto non è un caso che i paesi islamici sono prevalentemente tutti più o meno antidemocratici e ciò accade perchè l'identità del popolo arabo si è costruita attorno ad una demonizzazione del sapere umano, per cui solo il Corano ha valore di legge e tutti gli altri libri sono da rigettare in quanto falsi, ingannevoli e menzogneri. Di conseguenza ciò che un bravo islamico dovrebbe fare è obbedire ad un potere che, in quanto espressione di Allah, non può essere che giusto, anche se propone azioni assurde e criminali.
Socrate78 is offline  
Vecchio 15-02-2009, 16.35.24   #15
PLATARIS
Ospite
 
L'avatar di PLATARIS
 
Data registrazione: 08-02-2009
Messaggi: 7
Riferimento: Quale religione è la vera?

A Van Lag:
Credo anche io che per andare incontro ad altre persone di diversa formazione culturale ci sia bisogno di non fissarsi sul proprio pensiero, ma aprirsi all'altro per imparare a capirlo e stimarlo...
Tuttavia, ognuno di noi con il proprio nome porta una storia ed un modo di essere culturalmente ineludibile, così come anche l'ordine teleologico che diamo alle nostre vite, in parte, dipende da codesta storia personale, che lungi dall'essere un pericolo per il dialogo con altr culture, ne è proprio il fondamento. Come potremmo cogliere le belle differenze dell'altro se non avessimo una peculiarità culturale nostra? Se il punto di partenza nel dialogo con l'altro fosse il dimenticarmi chi sono, non avrei nessuna base su cui instaurare un dialogo, perchè se non ci fossero differenze il dialogo interculturale non avrebbe motivo di esistere e noi non potremmo cogliere le peculiarità che l'altro ci dona.

Per quanto concerne le missioni cristiane credo sia importante sapere che il cristianesimo, almeno nella sua confessione più antica, è una fede che è fatta per l'uomo non il contrario.
In breve, ogni uomo nella propria cultura e nel proprio modo di pensare può accogliere il vangelo! Il Vangelo è per l'uomo non l'uomo per il Vangelo.
Infatti ci sono molti riti liturgici, diverse concezioni teologiche che colgono ognuna una particolare sfumatura nel mìstero di Cristo(p.es l'oriente cristiano pone un maggior risalto all'aspetto mistico del cristianesimo, mentre l'occidente all'aspetto concreto...).
Se qualche volta nel corso dei secoli la religione cristiana è stata motivo di oppressione più che di scelta personale lo si deve, purtroppo, agli uomini che ne hanno tradito il senso, ma questa non è assolutamente la prassi, anzi il trvisamento perfetto.
Grazie ciao.
PLATARIS is offline  
Vecchio 15-02-2009, 17.02.21   #16
Anakreon
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-06-2007
Messaggi: 297
Religioni e misure.

Caro Figlio di Sofronisco,

affermi:

"Non saprei dire quale sia la religione "vera", ma sicuramente l'Islam è, a mio avviso, quella che più si allontana dalla verità.
(omissis) Il territorio del mondo è per loro diviso in Casa dell'Islam (dove domina la legge islamica ) e in "Casa della guerra", termine che indica tutti quei territori non governati dai musulmani e dalla loro legislazione. Si tratta quindi di una forma di imperialismo peraltro non giustificato da nulla e pericolosissimo.".


Nulla che descriva meglio lo stato dei popoli dell'orbe universo quale fu nei secoli passati, è nel presente e, per quel che si può congetturare, sarà anche nei futuri:
se la misura della verità d'una religione è codesta che proponi, quella di Maometto pare sia una religione veridica quanto mai nessun'altra.

Anakreon.
Anakreon is offline  
Vecchio 15-02-2009, 20.23.33   #17
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Quale religione è la vera?

Citazione:
Originalmente inviato da PLATARIS
A Van Lag:
Credo anche io che per andare incontro ad altre persone di diversa formazione culturale ci sia bisogno di non fissarsi sul proprio pensiero, ma aprirsi all'altro per imparare a capirlo e stimarlo...
Tuttavia, ognuno di noi con il proprio nome porta una storia ed un modo di essere culturalmente ineludibile, così come anche l'ordine teleologico che diamo alle nostre vite, in parte, dipende da codesta storia personale, che lungi dall'essere un pericolo per il dialogo con altr culture, ne è proprio il fondamento. Come potremmo cogliere le belle differenze dell'altro se non avessimo una peculiarità culturale nostra? Se il punto di partenza nel dialogo con l'altro fosse il dimenticarmi chi sono, non avrei nessuna base su cui instaurare un dialogo, perchè se non ci fossero differenze il dialogo interculturale non avrebbe motivo di esistere e noi non potremmo cogliere le peculiarità che l'altro ci dona.

Per quanto concerne le missioni cristiane credo sia importante sapere che il cristianesimo, almeno nella sua confessione più antica, è una fede che è fatta per l'uomo non il contrario.
In breve, ogni uomo nella propria cultura e nel proprio modo di pensare può accogliere il vangelo! Il Vangelo è per l'uomo non l'uomo per il Vangelo.
Infatti ci sono molti riti liturgici, diverse concezioni teologiche che colgono ognuna una particolare sfumatura nel mìstero di Cristo(p.es l'oriente cristiano pone un maggior risalto all'aspetto mistico del cristianesimo, mentre l'occidente all'aspetto concreto...).
Se qualche volta nel corso dei secoli la religione cristiana è stata motivo di oppressione più che di scelta personale lo si deve, purtroppo, agli uomini che ne hanno tradito il senso, ma questa non è assolutamente la prassi, anzi il trvisamento perfetto.
Grazie ciao.
Continua a sfuggirmi il perché ritieni che io occidentale non posso prescindere da Cristo, pena l’alienazione da me stesso, mentre trovi normale che, un Jainista, tanto per fare un esempio, lasci gli insegnamenti di Mahavira per il vangelo.

VanLag is offline  
Vecchio 16-02-2009, 12.12.12   #18
molca25
Utente bannato
 
Data registrazione: 11-02-2009
Messaggi: 7
Riferimento: Quale religione è la vera?

Stabilire quale sia la VERA religione è molto semplice, basta fare solo un ragionamento che è questo. Ammettiamo che Dio avesse tolto l'identità a tutte quelle persone che hanno fondato le diverse religioni nel mondo. Se Dio avesse tolto l'identità a Maometto, scrittore del Corano, quella religione non ci sarebbe stata per il semplice motivo che Maometto senza l'identità non avrebbe potuto fondare la propria religione. Se Dio avesse tolto l'identità a Budda non ci sarebbe il Buddismo perchè Budda senza identità non sarebbe più Budda e non avrebbe potuto fondare la propria religione. La stessa cosa sarebbe accaduta al fondatore dei Testimoni di Geova e quindi neanche quella religione sarebbe esistita ecc ecc.. Ma cosa sarebbe accaduto se Dio avesse tolto l'identità a Cristo? non sarebbe accaduto niente per il motivo che Cristo non parlava per se stesso ma diceva quello che Dio gli rivelava perciò il Vangelo ci sarebbe stato ugualmente a differenza delle altre religioni. Cristo, senza la propria identità, resta sempre colui che parla per bocca di Dio e non per propria bocca come tutti gli altri, questo dimostra che il Vangelo è la Vera religione cioè la religione voluta da Dio e dettata da Dio.
molca25 is offline  
Vecchio 16-02-2009, 14.14.53   #19
Loris Bagnara
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-03-2008
Messaggi: 146
Riferimento: Quale religione è la vera?

Citazione:
Originalmente inviato da molca25
Stabilire quale sia la VERA religione è molto semplice, basta fare solo un ragionamento che è questo. Ammettiamo che Dio avesse tolto l'identità a tutte quelle persone che hanno fondato le diverse religioni nel mondo. Se Dio avesse tolto l'identità a Maometto, scrittore del Corano, quella religione non ci sarebbe stata per il semplice motivo che Maometto senza l'identità non avrebbe potuto fondare la propria religione. Se Dio avesse tolto l'identità a Budda non ci sarebbe il Buddismo perchè Budda senza identità non sarebbe più Budda e non avrebbe potuto fondare la propria religione. La stessa cosa sarebbe accaduta al fondatore dei Testimoni di Geova e quindi neanche quella religione sarebbe esistita ecc ecc.. Ma cosa sarebbe accaduto se Dio avesse tolto l'identità a Cristo? non sarebbe accaduto niente per il motivo che Cristo non parlava per se stesso ma diceva quello che Dio gli rivelava perciò il Vangelo ci sarebbe stato ugualmente a differenza delle altre religioni. Cristo, senza la propria identità, resta sempre colui che parla per bocca di Dio e non per propria bocca come tutti gli altri, questo dimostra che il Vangelo è la Vera religione cioè la religione voluta da Dio e dettata da Dio.
Molca25, prima di dare la stura a tutta l'indignazione (filosofica) che monta e ribolle dentro di me, vorrei sentirti dire cosa intendi per "togliere l'identità", giacché non mi è per nulla chiaro.
Inoltre, spero ancora di aver frainteso il tuo intervento e di non avervi colta la sottile ironia che ne rovescerebbe il significato.
Grazie.
Loris
Loris Bagnara is offline  
Vecchio 16-02-2009, 17.52.59   #20
PLATARIS
Ospite
 
L'avatar di PLATARIS
 
Data registrazione: 08-02-2009
Messaggi: 7
Riferimento: Quale religione è la vera?

A Van Lag:
Parlando del non negare se stessi io non voglio dire che non si possa rifiutare Cristo.
Infatti, una persona occidentale può aderire ad un altra relig., ma non può prescindere da Cristo. In altre parole io posso diventare Janista, ma solo dopo aver scelto questa relig. come "migliore" per me partendo però dal mio essere storico, e quindi in quanto occidentale, incanalato in un contesto sociale che risente dell'influenza del cristianesimo.
Insomma, non posso diventare Buddhista o altro prescindendo( FACENDO FINTA DI NON CONOSCERLO) da Cristo.
Allo stesso modo un buddhista non può accettare il vangelo senza accoglierlo nella sua vita, che è appunto la vita di un orientale...

Insomma, lasciare gli insegnamenti di un maestro per aderire a quelli di un altro, non vuol dire prescindere dal primo maestro. Per lasciare un insegnamento, infatti, bisogna comunque averlo preso in considerazione, altrimenti come si fa a lasciarlo.
Grazie ciao.
PLATARIS is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it