Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 10-11-2011, 09.13.52   #1
CVC
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-01-2011
Messaggi: 747
La morale dell'indifferenza

Non è molto che ho iniziato ad interessarmi di filosofia, in età scolastica frequentai un istituto tecnico, quindi, quel poco che so (o presumo di sapere) è frutto di un interesse spontaneo e di uno spirito autodidattico.
All'inizio ero attratto dalla filosofia più che altro perchè vedevo in essa uno strumento per fortificare la ragione, una sorta di tecnica del ragionamento. Successivamente leggendo un qualcosina in più ho cominciato ad inquadrare la materia dal punto di vista storico, come storia del pensiero, ed ho iniziato a sbirciare quà e là i vari sistemi maggiormente conosciuti e le maggiori differenze fra di essi.
Istintivamente, direi, la mia attenzione è stata calamitata dal polo ellenico, le correnti che hanno origine in quel periodo: cinismo, epicureismo, stoicismo. Nel riflettere sulle ragioni di ciò mi è parso di trovare una certa corrispondenza fra quel periodo e l'attuale. Là quelle correnti di pensiero furono effetto della caduta della polis e del suo spirito civico, dell'espansionismo cosmopolita alessandrino, qui stiamo vivendo le conseguenze della globalizzazione in cui vedo racchiuse le stesse paure e ansie per la caduta di valori secolari (il cristianesimo, le monete nazionali, la leadership economica occidentale) e lo stesso smarrimento di un individuo che non ha più certezze cui affrancarsi.
Le radici comuni delle correnti di quel periodo, l'autarchia e l'autocontrollo, che potrebbero rappresentare il rifugio dal caos (delle passioni sfrenate o autolesionismo), portano inevitabilmente
ai concetti di imperturbabilità e indifferenza.
Poi passando dalla bacheca aziendale in cui vengono esposte le comunicazioni sindacali mi capita di vedere appeso un foglio con un passo tratto da "Odio gli indifferenti" di Gramsci:
"L’indifferenza è il peso morto della storia. L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l’intelligenza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia promulgare le leggi che solo la rivolta potrà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare... "
Per Diogene cinico la vita basta a se stessa, per Gramsci no, deve essere impegno politico. Diogene cercava di limitare la vita allo stretto indispensabile, perchè è proprio di Dio il non aver bisogno di nulla, del saggio l'aver bisogno di poco. Ad Alessandro che gli diceva "Chiedimi quello che vuoi" rispose "Lasciami il mio sole" Estremizzò il suo punto di vista sino ad identificarsi con la vita animale, la vita naturale, la vita che si cura solo dei bisogni fisiologici-naturali. Ciò che differenzia l'uomo dall'animale, la civiltà, è vista come qualcosa di non naturale e superflua, e non lo scopo da perseguire.
Come giudichiamo l'indifferenza? Uno strumento per difenderci da brame incontrollate o "la materia bruta che strozza l'intelligenza?"
CVC is offline  
Vecchio 11-11-2011, 06.24.22   #2
variabile + fisso
fuori dal branco è bello
 
L'avatar di variabile + fisso
 
Data registrazione: 10-08-2011
Messaggi: 101
Riferimento: La morale dell'indifferenza

L'indifferenza al tuo 3D sarebbe già un male, mi affretto cominciando piano
Difendersi dai poteri forti con l'indifferenza è autolesionismo allo stato puro, sappiamo bene attraverso la storia, ma anche per esperienza, che la potenza di fuoco dell'egoismo, dell'individualismo, non ha limiti, mangia fin dove può, e l'indifferenza evidentemente è terreno fertile al quale dedicarsi. A maggior ragione in una società democratica, non solo non posso essere indifferente ma faccio il possibile perchè non lo siano nemmeno gl'altri (tra l'altro, se ti interessasse, su questo ho appena scritto qualcosa che potesse servire a qualche movimento politico e non, sulla qualità dell'elettorato).
variabile + fisso is offline  
Vecchio 11-11-2011, 13.43.29   #3
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: La morale dell'indifferenza

Citazione:
Originalmente inviato da variabile + fisso
L'indifferenza al tuo 3D sarebbe già un male, mi affretto cominciando piano
Difendersi dai poteri forti con l'indifferenza è autolesionismo allo stato puro, sappiamo bene attraverso la storia, ma anche per esperienza, che la potenza di fuoco dell'egoismo, dell'individualismo, non ha limiti, mangia fin dove può, e l'indifferenza evidentemente è terreno fertile al quale dedicarsi. A maggior ragione in una società democratica, non solo non posso essere indifferente ma faccio il possibile perchè non lo siano nemmeno gl'altri (tra l'altro, se ti interessasse, su questo ho appena scritto qualcosa che potesse servire a qualche movimento politico e non, sulla qualità dell'elettorato).

Di fatto, nemmeno io avevo compreso come ci si può difendere dai poteri forti e sbagliati o dall'egoismo, con l'indifferenza. CVC, dovresti essere più preciso in questo passaggio. Mentre, se l’indifferenza sia un capestro per l’intelligenza non mi riesce di pensarlo, poiché colui che è intelligente agirebbe.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 11-11-2011, 18.41.09   #4
benedetto
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-03-2007
Messaggi: 173
Riferimento: La morale dell'indifferenza

Esistono secondo me due grandi categorie di indifferenza. Quella di pensiero e basta e quella di azione. I seguaci del primo tipo sono pochi, mentre quelli del secondo sono molti.
Questo differenziale mette in luce tutta l'ipocrisia del nostro tessuto sociale tanto da poterla additare (l'ipocrisia) come una delle cause dell'esistenza di un così alto livello di indifferenza. Le persone sarebbero cioè poco credibili e questo fatto contribuirebbe ad alimentare un sentimento generale di fine misantropia. Va da sè che anche colui che è sopraffatto non abbia una dovuta attenzione in termini di non indifferenza.
Ciao.
benedetto is offline  
Vecchio 12-11-2011, 12.34.08   #5
CVC
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-01-2011
Messaggi: 747
Riferimento: La morale dell'indifferenza

Proviamo a ragionare sull'attualità. In tutto il mondo c'è una parte di popolazione che si ritiene indignata dall'establishment politico-economico, i cosiddetti "indignati" appunto. Non entro nel merito delle loro proteste, mi soffermo sul significato della parola indignato, ossia un senso di disprezzo ispirato da cose indegne. Ciò significa, in pratica, che c'è una sostanziosa parte della popolazione mondiale che giudica indegno e suscettibile di disprezzo il comportamento politico-economico degli ultimi anni nelle democrazie in cui viviamo. Questo è un comportamento contrario all'indifferenza, è l'atteggiamento di chi si accorge che le cose non vanno e prende posizione.
Il resto della popolazione mondiale cosa fa? Parte di essi potrebbero non essere d'accordo con gli indignati e ritenere che le istituzioni democratiche stiano facendo comunque del loro meglio per superare questa fase di transizione che può essere considerata come dipendente da cause contingenti
come il riassestamento degli equilibri economici derivante dall'affermarsi di nuove realtà economiche come la Cina e l'India per esempio. E gli altri, cosa fanno? Non si indignano, non difendono l'operato dei governi: sono indifferenti.
Forse quando è stato pensato il concetto di democrazia ci si è dimenticati di una clausola, la democrazia è il governo del popolo, ma quando il popolo si mostra indifferente come fa a governare se stesso? Oppure dando per assunto che è impossibile pretendere che ogni singolo cittadino di una democrazia si sente impegnato attivamente nella politica, ci si potrebbe chiedere qual'è il limite di indifferenza sopportabile perchè una democrazia possa considerarsi tale?
Paradossalmente assistiamo in questi giorni alla debacle proprio di quello stato che alla democrazia ha dato i natali. La Grecia è stata il posto dove è nata l'idea di democrazia, l'idea di polis era quella di uno stato dove il diritto valesse per tutti e ognuno potesse partecipare liberamente alla vita politica al punto che l'idea di realizzazione coincidesse con la costruzione del bene comune.
L'imperialismo spazzò via tutto questo ed i filosofi, non potendo più aspirare a contribuire con il loro pensiero al bene pubblico (a Roma in età imperiale i filosofi vennero addirittura cacciati dallo stato) si sono rifugiati nell'ideale dell'uomo saggio, colui che di fronte all'avidità ed alle sfrenatezze dei potenti reagisce con l'indifferenza, mira a raggiungere l'imperturbabilità, si rende impermeabile alla venialità di un epoca che non può cambiare. Può solo rifugiarsi in se stesso ed impedire che cause esterne possano corrompere la rettitudine dei costumi con cui intende vivere. Costumi che sono dati dalla sua filosofia di vita e dalla riflessione e non dalla necessità di appagare brame di potere, avidità, lussuria o sfrenatezza.
Tornando agli indignati forse non dovrebbero indignarsi tanto con le istituzioni quanto con l'indifferenza di chi dovrebbe stare dalla loro stessa parte.
O forse dovrebbero indignarsi con i cosiddetti "falsi bisogni" che hanno contribuito a portarci in questa situazione di disagio economico.
In questo senso, l'indifferenza verso i falsi bisogni, crati ad uso e consumo del consumismo, potrebbe essere un arma per ricondurre la nostra vita sociale in una dimensione più etica, dato che per il futuro si pronostica la necessità di economizzare le risorse. La popolazione mondiale aumenta, le risorse no. Un modo per creare più ricchezza potrebbe essere quello di diminuire i bisogni, stabilire la differenza fra bisogni reali e bisogni falsi, la soddisfazione dei quali produce ricchezza per pochi e povertà per molti.
Io credo ci sia bisogno di qualcuno che predichi l'indifferenza verso i falsi bisogni e i falsi ideali che confondono l'uomo.
Quanto all'entrare nel merito di cosa sono e che conseguenze hanno i falsi bisogni e i falsi ideali, credo occorrerebbe un'altro tropic.
CVC is offline  
Vecchio 13-11-2011, 08.58.52   #6
benedetto
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-03-2007
Messaggi: 173
Riferimento: La morale dell'indifferenza

Caro CVC, meglio qualcosa che niente, ma andare in piazza indignandosi è proprio troppo poco per qualificare questo atteggiamento come qualcosa che esprima una non indifferenza. Ma il problema non è questo. La realtà è sempre giusta, cioè è sempre giustificata. Se esiste una cultura dell'indifferenza questa sarà causata da qualcosa. Ora, nel mio intervento precedente ho individuato nell'ipocrisia una causa, ma sicuramente ve ne sono altre. Se penso ad una persona che viene aggredita per strada sotto gli sguardi indifferenti della gente, potrei introdurre, oltre all'ipocrisia, anche la paura. E' evidente che nel nostro modo di concepire la vita l'indifferenza entra, se non come un valore, almeno come una conseguenza di un valore.
Ciao
benedetto is offline  
Vecchio 14-11-2011, 09.08.17   #7
CVC
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-01-2011
Messaggi: 747
Riferimento: La morale dell'indifferenza

Citazione:
Originalmente inviato da benedetto
Caro CVC, meglio qualcosa che niente, ma andare in piazza indignandosi è proprio troppo poco per qualificare questo atteggiamento come qualcosa che esprima una non indifferenza. Ma il problema non è questo. La realtà è sempre giusta, cioè è sempre giustificata. Se esiste una cultura dell'indifferenza questa sarà causata da qualcosa. Ora, nel mio intervento precedente ho individuato nell'ipocrisia una causa, ma sicuramente ve ne sono altre. Se penso ad una persona che viene aggredita per strada sotto gli sguardi indifferenti della gente, potrei introdurre, oltre all'ipocrisia, anche la paura. E' evidente che nel nostro modo di concepire la vita l'indifferenza entra, se non come un valore, almeno come una conseguenza di un valore.
Ciao
Io vedo una grande differenza fra dire che la realtà è sempre giusta e che è sempre giustificata.
Dire che una cosa è giusta significa cercare di stabilire una moralità oggettiva riguardo a quella cosa, dire che una cosa è giustificata invece presuppone un'interpretazione soggettiva.
Ad esempio noi diciamo che a natale è giusto mangiare i capponi, ma possiamo pretendere che anche i capponi pensino che sia giusto?
Condivido che l'indifferenza sia la conseguenza di un valore, ma un dato valore deve essere rapportato alle circostanze della vita. Ad esempio io posso pensare che il coraggio sia un valore, ma fra fare paracadutismo ad alta quota o gettarsi fra le correnti di un fiume per salvare qualcuno rischiando la propria vita, benchè siano indubbiamente entrambi atti di coraggio, c'è una differenza di significato.
Il coraggio è la causa, lo sprezzo del pericolo (atto di indifferenza) è l'effetto. Ma nel caso del paracadutismo lo sprezzo del pericolo è "pagato" dal dimostrare a se o ad altri di non avere paura, nel caso del fiume dalla volontà di salvare un proprio simile.
Noi parliamo in entrambi i casi di coraggio, ma questo coraggio è a sua volta un effetto di una causa: l'autoaffermazione o la solidarietà.
Allo stesso modo tendiamo a pensare al coraggio come ad un valore positivo, ma è un atto di coraggio anche andare a fare una rapina in banca.
Per farla breve, non basta parlare di valori, bisogna stabilirne la priorità. Dato che noi consideriamo tutti i valori, in generale, come cose positive, ci troviamo in difficoltà quando le contingenze di una situazione ci portano a dover dare priorità ad un valore rispetto ad un altro. Per affermare un valore dobbiamo essere indifferenti ad un altro.
Che la realtà sia sempre giustificata possiamo pensarlo (dietro ad un effetto ci dovrà pur essere una causa), per dire che sia sempre giusta dovremmo prima comprenderla (se ciò è umanamente possibile) se non vogliamo giudicare a caso.
CVC is offline  
Vecchio 14-11-2011, 14.03.39   #8
benedetto
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-03-2007
Messaggi: 173
Riferimento: La morale dell'indifferenza

Caro CVC mi sono proprio spiegato male. Chiedo venia
Dicendo che la realtà è sempre giustificata, intendevo dire che ha sempre una ragion d'essere. Allora, qual è la ragione per cui nel mondo si manifesta l'indifferenza a livelli tali da poter allarmare?, da poter parlare di cultura dell'indifferenza?
Ho individuato come causa l'ipocrisia dilagante che porta a non fidarci del prossimo e quindi a chiuderci a riccio. Ho individuato la paura anche se non ne sono troppo convinto.
Ho poi detto: “E' evidente che nel nostro modo di concepire la vita l'indifferenza entra, se non come un valore, almeno come una conseguenza di un valore.”
Avrei dovuto dire: “E' comunque evidente che nel nostro modo etc, etc ...” e dicendo così invitavo solo qualcuno a suggerire qualcosa d'altro, o anche non, rispetto a quello che avevo individuato.
Col termine valore volevo significare che vi è qualcosa nel nostro concepire la vita che è pregnante (che ha valore, che ha efficacia) al punto di indurre una cultura dell'indifferenza. L'ipocrisia resta per me la maggiore indiziata.
In ogni caso non sarà facile sradicare questa cultura dell'indifferenza.
Tra le altre cose, mi sa che ci son dentro anch'io, anche se non mi reputo un ipocrita.
Ciao
benedetto is offline  
Vecchio 21-11-2011, 03.47.30   #9
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: La morale dell'indifferenza

Citazione:
CVC
Proviamo a ragionare sull'attualità. In tutto il mondo c'è una parte di popolazione che si ritiene indignata dall'establishment politico-economico, i cosiddetti "indignati" appunto. Non entro nel merito delle loro proteste, mi soffermo sul significato della parola indignato, ossia un senso di disprezzo ispirato da cose indegne. Ciò significa, in pratica, che c'è una sostanziosa parte della popolazione mondiale che giudica indegno e suscettibile di disprezzo il comportamento politico-economico degli ultimi anni nelle democrazie in cui viviamo. Questo è un comportamento contrario all'indifferenza, è l'atteggiamento di chi si accorge che le cose non vanno e prende posizione.Il resto della popolazione mondiale cosa fa?
Credo che quando un milione di persone scende in piazza, quel milione d’indignati rappresenta il pensiero di molti milioni di cittadini che non protestano, per un’infinità di motivi: primo fra tutti l'età, le malattie, i doveri da svolgere, gli impegni inderogabili ecc. In ogni modo, per rispondere con altri argomenti alla tua domanda, mi viene d'affermare che, quando in una famiglia la testa dei genitori non funziona, i figli li seguono comunque. Ovvero: se per primo sono i politici, le istituzioni, le organizzazioni, gli eserciti ecc., a livello mondiale, ad applicare l'indifferenza, le popolazioni tendono a lasciarsi trascinare dall'esempio. Magari questo discorso globale è più complicato da spiegare, poiché vi è un’infinità di fattori che fanno sì che gli atteggiamenti d’indifferenza siano addirittura "diplomatici", come quando Gheddafi ci sparò alcuni missili che raggiunsero le coste di Lampedusa. Oppure, la domanda che ci si pone davanti all'intervento in Libia: perché si è intervenuti lì e in altre Nazioni come la Siria no? Eppure anche lì vi sono stati, fino ad oggi, tremila e duecento morti ecc. In ogni modo, vi sono altri tipi d’indifferenza che, addirittura, paventano l'ingiustizia e che sono rappresentativi per tutti. Per esempio: guardiamo l'indifferenza con cui si stanno comportando le Nazioni di tutto il mondo, con in testa la NATO, l'ONU, la FAO e i Tribunali internazionali compresi, nei confronti del problema palestinese-israeliano. Ovvero: in questa situazione vediamo un popolo sovrano, quello palestinese, che pian piano è stato invaso da migliaia d’israeliani, provenienti da tutto il mondo, e che, grazie alla forza militare acquisita da questi ultimi, è stato schiavizzato. Bene! L'indifferenza delle Nazioni di tutto il mondo e di quelle associazioni internazionali come: l'alleanza atlantica, l'ONU ecc. è arrivata a un punto tale che, pur condannando gli israeliani per il loro comportamento disumano, nei confronti di questo popolo, alla fine non fanno nulla affinché quel genocidio termini. L'indifferenza è diventata talmente grande e grave che, lo stato d'Israele si permette di ignorare decine di risoluzioni emanate dall'ONU a favore dei palestinesi e, addirittura, ultimamente, gli israeliani sono stati denunciati e condannati dai tribunali internazionali, per crimini di guerra, per la strage di 800 civili sotto le bombe al fosforo, di cui quattrocento erano bambini da zero a sedici anni. Ebbene, la sentenza e relative condanne sono avvenute, ma la situazione è rimasta invariata sotto l'indifferenza assoluta di tutto il mondo. Termino col ricordare la strage di un milione di uomini avvenuta in pochissimo tempo, nei confronti dei Tutsi da parte degli Hutu.
Come vedi, gli episodi d’indifferenza globale sono tanti e tutti gravi, e non credo che aiutino le popolazioni a non applicare la propria indifferenza che, in alcuni casi, diventa quasi un’indifferenza abulica. Ovvero, l'indifferenza da rassegnazione e da impotenza.

Ultima modifica di Tempo2011 : 21-11-2011 alle ore 21.54.01.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 22-11-2011, 08.57.05   #10
CVC
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-01-2011
Messaggi: 747
Riferimento: La morale dell'indifferenza

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Credo che quando un milione di persone scende in piazza, quel milione d’indignati rappresenta il pensiero di molti milioni di cittadini che non protestano, per un’infinità di motivi: primo fra tutti l'età, le malattie, i doveri da svolgere, gli impegni inderogabili ecc. In ogni modo, per rispondere con altri argomenti alla tua domanda, mi viene d'affermare che, quando in una famiglia la testa dei genitori non funziona, i figli li seguono comunque. Ovvero: se per primo sono i politici, le istituzioni, le organizzazioni, gli eserciti ecc., a livello mondiale, ad applicare l'indifferenza, le popolazioni tendono a lasciarsi trascinare dall'esempio. Magari questo discorso globale è più complicato da spiegare, poiché vi è un’infinità di fattori che fanno sì che gli atteggiamenti d’indifferenza siano addirittura "diplomatici", come quando Gheddafi ci sparò alcuni missili che raggiunsero le coste di Lampedusa. Oppure, la domanda che ci si pone davanti all'intervento in Libia: perché si è intervenuti lì e in altre Nazioni come la Siria no? Eppure anche lì vi sono stati, fino ad oggi, tremila e duecento morti ecc. In ogni modo, vi sono altri tipi d’indifferenza che, addirittura, paventano l'ingiustizia e che sono rappresentativi per tutti. Per esempio: guardiamo l'indifferenza con cui si stanno comportando le Nazioni di tutto il mondo, con in testa la NATO, l'ONU, la FAO e i Tribunali internazionali compresi, nei confronti del problema palestinese-israeliano. Ovvero: in questa situazione vediamo un popolo sovrano, quello palestinese, che pian piano è stato invaso da migliaia d’israeliani, provenienti da tutto il mondo, e che, grazie alla forza militare acquisita da questi ultimi, è stato schiavizzato. Bene! L'indifferenza delle Nazioni di tutto il mondo e di quelle associazioni internazionali come: l'alleanza atlantica, l'ONU ecc. è arrivata a un punto tale che, pur condannando gli israeliani per il loro comportamento disumano, nei confronti di questo popolo, alla fine non fanno nulla affinché quel genocidio termini. L'indifferenza è diventata talmente grande e grave che, lo stato d'Israele si permette di ignorare decine di risoluzioni emanate dall'ONU a favore dei palestinesi e, addirittura, ultimamente, gli israeliani sono stati denunciati e condannati dai tribunali internazionali, per crimini di guerra, per la strage di 800 civili sotto le bombe al fosforo, di cui quattrocento erano bambini da zero a sedici anni. Ebbene, la sentenza e relative condanne sono avvenute, ma la situazione è rimasta invariata sotto l'indifferenza assoluta di tutto il mondo. Termino col ricordare la strage di un milione di uomini avvenuta in pochissimo tempo, nei confronti dei Tutsi da parte degli Hutu.
Come vedi, gli episodi d’indifferenza globale sono tanti e tutti gravi, e non credo che aiutino le popolazioni a non applicare la propria indifferenza che, in alcuni casi, diventa quasi un’indifferenza abulica. Ovvero, l'indifferenza da rassegnazione e da impotenza.
Io credo che stiamo vivendo un epoca di grandi cambiamenti soprattutto dal punto di vista geopolitico. La storia non può essere raccontata in tempo reale. Gli storici sostengono che per essere obbiettivi riguardo ad un evento storico deve passare del tempo, saremmo ben poco obbiettivi se apprendessimo le vicende della seconda guerra mondiale leggendo i giornali di quel tempo.
Un quadro più obbiettivo del periodo che stiamo vivendo l'avranno gli storici del futuro. Io a livello intuitivo percepisco che siamo in un epoca di grandi cambiamenti, se le generazioni che ci hanno preceduto, quelle degli anni 60/70, si sono impegnate nel sociale perchè credevano di poter migliorare la società, al giorno d'oggi, vedendo il senso di precarietà che accompagna tutte le istituzioni (chiesa, stati, finanza, sindacati, ecc), io credo che si debba ricercare il bene nell'individuo. Se vedessi intorno a me una società perlomeno consapevole di se stessa, potrei concepire l'idea di me stesso come essere sociale. Ma dato che vedo solo una società che brancola nel buio e vede cadere uno dopo l'altro i suoi valori davanti ai suoi occhi, preferisco essere indifferente verso queste istituzioni che cadono a pezzi e preoccuparmi del mio bene come individuo, cercare in me quei valori che non trovo all'esterno.
CVC is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it