Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 27-01-2013, 23.38.00   #1
0xdeadbeef
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-12-2012
Messaggi: 381
Dal pensiero debole al pensiero breve

Che ne pensate del proliferare di strumenti quali "Facebook", "Twitter" e via discorrendo?
La brevità dei messaggi con cui è possibile comunicare con gli altri (che fa il paio, a mio avviso, con gli
sms dei cellulari) a me pare molto significativa. Quale "esposizione" potrà mai esservi in quelle poche parole?
Eppure tutti sembrano impazziti per queste cose (a me, francamente, paiono sciocchezze, e non lo dico per
"seriosità", visto che ho passioni, come il calcio, altrettanto se non maggiormente "nazional-popolari").
Conosco quarantenni (quarantenni...) che passano ore ed ore su questi "social network" a...taggare foto;
postare commenti risicati e, generalmente, idioti; richiedere "amicizie" e... insomma: a "costruirsi" tutto un
mondo di rapporti sociali virtuali.
Stendo un velo pietoso sui figli di costoro (anche perchè non vedo come potrebbero essere altrimenti, visti i
genitori): ho visto ragazzini che a distanza di due metri...comunicavano via Facebook, o Twitter, con i
cellulari (io li chiamo così, ma so che adesso si usa chiamarli a seconda della tecnologia che impiegano).
Ora, a parte questi estremi (sì, ma quanti sono...), anche i politici più in vista, persino il Papa, si sono
fatti questi "profili" da cui comunicano col mondo per tramite di pochissime parole (immagino che, nel loro
caso, vi sia una attenta e puntigliosa scelta dei termini "giusti").
Ma perchè succede tutto questo? Perchè la gente ha un orizzonte tanto "breve" (anche la vita in genere viene
vissuta secondo il principio del "qui ed ora")?
E.Morin dice che ogni crisi è crisi innanzitutto di conoscenza, ma io non sono molto d'accordo. E' troppo
semplicistico, io trovo, dare la colpa alla "solita" ignoranza. No, qui c'è qualcosa di altro; qualcosa che
io trovo connessa profondamente ad un nichilismo che ormai non trova più sbocchi.
All'epoca (sembra passato un secolo) del vattimiano "pensiero debole", la debolezza di quel pensiero era sì
sintomo di crisi, tuttavia obbligava a riflettere, a ponderare sul "perchè" di quella debolezza. Adesso no.
Il pensiero "breve" che "emana" da Twitter non ha bisogno di riflessione, non ha bisogno di chiedersi alcun
"perchè", non ha neanche bisogno di domandarsi se sia "debole" o meno, perchè nel momento in cui se lo dovesse
chiedere già sarebbe "oltrepassato" da un altro "tweet".
Non è solo Twitter a vivere qui ed ora, ma noi stessi.
0xdeadbeef is offline  
Vecchio 29-01-2013, 13.10.26   #2
Snikio
αγαπ&
 
Data registrazione: 01-01-2013
Messaggi: 29
Riferimento: Dal pensiero debole al pensiero breve

Perfettamente d'accordo.
Se nell'arte greca i tratti tipici rispecchiavano degli ideali stabili,
se nella storia ciò che è accaduto e a opera del modo di pensare umano,
se nella filosofia l'attenzione è indirizzata dalle richieste individuali ed della comunità, anche i socialnetwork sono il riflesso della condizione umana odierna, per cui sono molto poche le menti ad avere un alto distacco rispetto alla collettività di persone irrazionali. Tuttavia personalmente non condanno l'uso di questi metodi comunicativi, se pur sia, a mio parere, a scopo organizzativo.
Snikio is offline  
Vecchio 29-01-2013, 15.04.07   #3
Aggressor
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-07-2010
Messaggi: 405
Riferimento: Dal pensiero debole al pensiero breve

Da un punto di vista puramente pragmatico, mi pare che i socialnetwork siano utilizzati fondamentalmente come un passatempo. Cioè ci sono molti ragazzi che utilizzano dei passatempo come playtation, giochi al computer ecc., modi per staccare il cervello dagli affanni giornalieri (cosa che fa gola a chiunque, in generale, come vedere la tv). I solcialnetwork offrono la stessa possibilità, però ti gettano un po' di più, rispetto ai semplici giochi, in un mondo quasi reale, e così sono quotati anche da quelli che di base preferiscono non perdere il tempo dietro a realtà del tutto fittizie.

Poi ovviamente si può usare facebook, per esempio, per altri scopi diversi dal puro passatempo, ma questi vari aspetti si mischiano e confondono con quello dello svago, di solito anche se uno è determinato a seguire un fine puramente organizzativo.


Io non uso i solcialnetwork, ma non perché non mi piace di svagare e staccare la spina, perché questo lo faccio comunque in altri modi, ma li ho provati e mi pare che questo giocare con interazioni sociali, così mal gestite da programmi compiuterizzati semplicissimi, possa portare tanti fraintendimenti, distorzioni del reale. è un approccio di cui non mi fido, anche per la leggerezza che acquistano le parole quando entrano nella rete, che spesso leggere non sono..
Aggressor is offline  
Vecchio 29-01-2013, 16.42.48   #4
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Riferimento: Dal pensiero debole al pensiero breve

Citazione:
Stendo un velo pietoso sui figli di costoro[..]
Ma perchè succede tutto questo? Perchè la gente ha un orizzonte tanto "breve"
(anche la vita in genere viene
vissuta secondo il principio del "qui ed ora")?

All'epoca (sembra passato un secolo) del vattimiano "pensiero debole", la debolezza di quel pensiero era sì
sintomo di crisi, tuttavia obbligava a riflettere, a ponderare sul "perchè" di quella debolezza. Adesso no.
Il pensiero "breve" che "emana" da Twitter non ha bisogno di riflessione, non ha bisogno di chiedersi alcun
"perchè", non ha neanche bisogno di domandarsi se sia "debole" o meno

Penso che questa realtà esisteva già prima di facebook twitter e compagnia..
L’ “orizzonte breve” non è che la voce di chi si affaccia a tentare visioni sfiorate,
domande che spingono.. Non è esattamente la coscienza di sé né la volontà di comunicazione reale..
Sono i giochi di chi cammina e sbircia un po’ come “funzionano le cose”..
Peccato che le cose “funzionano”.. come le facciamo individualmente funzionare..
Le osterie hanno chiuso.. i bar non sono proprio la medesima cosa.. comunità reali –se non si creano- non ci sono.. il parco è fisicamente limitato.. le palestre idem.. “la rete” sembrerebbe rispondere bene al desiderio di simulazione di essere.. (un po’ come la piscina col mare per tentare un bagnetto)..
gyta is offline  
Vecchio 29-01-2013, 16.50.32   #5
green&grey pocket
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-01-2013
Messaggi: 331
Riferimento: Dal pensiero debole al pensiero breve

sicuramente appartiene al nichilismo.

la dimensione sociologica che sorprende è la capacità di indirizzamento del politically correct che parte dal basso(e non più dall'alto) visto il numero impressionante di dati che vi scorre. Questo lo ascolatavo su qualche striscia di pochi minuti di commento.Credo di ricordare che il politically correct è ciò che si impone come glamour (con il suo corredo di celebrità e lustrini)

francamente preferisco il nichilismo del forum, che almeno mi permette di cercare di strutturarmi e di mantenere se possibile questa forma mentis nella lunga corsa verso l'inabissamento.
chissà nella vita reale (dove si fanno alla fine i conti del proprio esser nel mondo) potrebbe essere utile, e forse come alcuni sostengono salvificante (diciamo con carmelo bene meglio: consolante).

di certo twitter consegna ostaggi e inermi di fronte al grande nulla.
ma immagino ogni generazione contiene in sè almeno il 99,9etc% di questi soggetti inconsapevoli. (ma questo è il mio moralismo cieco e che cerco di combattere ogni tanto, dovresti anche tu mauro ).
green&grey pocket is offline  
Vecchio 29-01-2013, 17.29.50   #6
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Riferimento: Dal pensiero debole al pensiero breve

n.b:

Le sfaccettature effettive sono molteplici.. dipende da dove vogliamo illuminare..
Da una determinata angolazione, direi oggettivamente centrale,
è una sorta di gioco di potere riservato a chi non ha coscienza reale del proprio potere
e di chi di questa incoscienza ne fa strumento per il proprio.
Se da una parte è vero che la rete internettiana è e si affaccia fondamentalmente libera
dall’altra le falle del cosiddetto “Sistema” (o “maturazione emotiva mentale media”) ripropongono se stesse ovunque.
gyta is offline  
Vecchio 29-01-2013, 19.35.46   #7
variabile + fisso
fuori dal branco è bello
 
L'avatar di variabile + fisso
 
Data registrazione: 10-08-2011
Messaggi: 101
Riferimento: Dal pensiero debole al pensiero breve

Su facebook devo dire di aver notato qualcosa di particolarmente diffuso, ovvero, la tendenza al voler andare daccordo, per mia sensazione, un andare d’accordo forzato, poco genuino, una sorta di perbenismo, ipocrisia, potrà sembrare banale ma perché non vi è il tasto “non mi piace” ? E’ un problema far sapere che un determinato stato non piace ? Funziona così: se mi piace lo faccio sapere, se non mi piace ometto, più semplicemente. Ho notato che se si condivide un’idea se ne parla, diversamente, non ci si rende partecipi, cosa orribile !! Io trovo che sia molto più stimolante parlare con chi la pensa diversamente che trovarsi a discutere con chi ci sostiene, tuttavia, ciò che mi rende ancor più triste, è la tendenza alla generalità con la quale si affrontano i discorsi, si evita quanto più possibile di volerci vedere dentro nelle cose, ma questo succede anche al di fuori di un socialnetwork.
Ti dirò, prima ancora che ignoranza e nichilismo, una deriva psicologica, l’inconscio che elabora a nostra insaputa, bombardati dalla sottocultura televisiva, ecco che forse ricado nella medesima generalità che io stesso accuso, ma non saprei dire molto di più. Mi chiedo: siamo ad un punto di non ritorno ?
variabile + fisso is offline  
Vecchio 02-02-2013, 21.59.26   #8
0xdeadbeef
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-12-2012
Messaggi: 381
Riferimento: Dal pensiero debole al pensiero breve

@ Tutti voi
L'aspetto che più mi interessa, in questi "socialnetwork", è appunto la brevità dei discorsi che vi si fanno.
Dicevo che anche i politici più in vista hanno il loro profilo (sembra che non averlo limiti, e molto, quelle
possibilità di trovare "consenso" così appetite dai politici). Persino il Papa ce l'ha...
Naturalmente, non che io pensi di dare particolari "colpe" ai socialnetwork. Semplicemente, i socialnetwork
riflettono quella che è la nostra società: la società che io definisco del "qui ed ora"; la società del
disimpegno intellettuale (da qui la brevità dei messaggi); dello slogan ben congegnato; la società del "fast think".
Abbiamo visto, durante quella che è stata definita la "Primavera Araba", come i socialnetwork abbiano assunto
un ruolo di primo piano. E' stato attraverso i socialnetwork che i giovani hanno potuto organizzarsi, ed
operare in vista del rovesciamento delle dittature.
Una volta però rovesciate le dittature, la debolezza (ma io parlerei di una vera e propria irrilevanza) della
società del "fast think" è apparsa in tutta la sua immanenza. Ed ecco allora che gruppi politicamente organizzati
hanno preso il potere ri-creando condizioni forse peggiori di quelle che i giovani dei socialnetwork avevano
combattutto.
Un qualcosa di simile, anche se certamente con toni meno drammatici, sta succedendo in Europa. Dove "movimenti"
sorti dalla "rete" si sono affacciati alla politica (o vi si stanno affacciando) privi di un solido retroterra
"ideologico" (assumo questo termine non nel senso negativo che gli viene generalmente dato), e con modalità
che si stanno rivelando alquanto discutibili dal punto di vista della "democraticità".
Noto però che Variabile+Fisso aggiunge un altro aspetto interessante: in certi socialnetwork non c'è l'opzione
per dire: "non mi piace".
E' vero: c'è una tendenza (sciocca) ad andare tutti d'accordo, e se qualcosa non trova la generale approvazione
viene semplicemente ignorata (o "epurata", con riferimento a certi movimenti politici di cui dicevo sopra).
Io credo vi sia, nella nostra società, un inquietante tendenza alla rimozione di quello che viene definito
"conflitto".
La società dei "polli in batteria" non riesce più nemmeno a pensare che un qualcosa possa essere oggetto di
opinioni e di interessi diversi. Io trovo sia anche per questo che non vi è più approfondimento delle questioni:
che bisogno c'è di "approfondire" quando già sappiamo di essere tutti d'accordo?
Certi "tweet" mi ricordano le parole che, in ogni tempo, pronunciano gli autocrati: brevi, secchi, di sapore
propagandistico e sempre studiati nella loro "medietà". Tutto il contrario che nella democrazia, ove al contrario
gli argomenti devono essere "noiosamente" sviscerati in tutti i loro aspetti, al fine di cercare di appianare;
di sintetizzare; di arrivare ad un necessario compromesso.
La democrazia non può perciò essere "fast", ma è solo e necessariamente "slow"; perchè la democrazia non solo assume
implicitamente l'idea del "conflitto", ma ne fa il suo fondamento assoluto.
In definitiva, anche il pensiero "breve" che sgorga dai vari Twitter e Facebook ci parla di una decadenza, che
io ritengo ormai irreversibile, della democrazia.
Se ben ci pensate, è proprio nella "brevità" del discorso che si è infranto il sogno, pur democratico, dei giovani
arabi.
un saluto ed un ringraziamento a coloro che hanno risposto a questo post.
0xdeadbeef is offline  
Vecchio 03-03-2013, 13.31.10   #9
Koirè
Ospite
 
L'avatar di Koirè
 
Data registrazione: 26-12-2012
Messaggi: 111
Riferimento: Dal pensiero debole al pensiero breve

Non demonizzo queste cose perchè trovo che a volte un breve e preciso messaggio di 140 parole fà più effetto di un proliferare di lettere....discorsi.....etc... ...non sò a volte questi messaggi brevi sono fulmini a ciel sereno(naturalmente stò molto generalizzando ma capita che sia così)
Koirè is offline  
Vecchio 03-03-2013, 16.35.55   #10
Soren
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-05-2009
Messaggi: 164
Riferimento: Dal pensiero debole al pensiero breve

Visto che uso in dosi massicce facebook per comunicare e sono ancora nella fascia maggiormente incriminata nell'uso del messaggio breve e decisamente poco significativo... vorrei condividere qui le mie riflessioni sociologiche sull'argomento, visto che ne trovo l'occasione.

In passato per contattare amici e conoscenti per i "geeks" come me c'erano strumenti molto efficienti e "intimi" come msn, che permetteva messaggistica instantanea privata, se si voleva uscire a fare qualcosa, farsi una partita online, in un attimo si poteva contattare chi di rispetto, e faceva parecchio comodo.
Ora usano tutti facebook invece ed anch'io mi sono adeguato siccome la chat mi fa comodo per lo stesso motivo per cui usavo prima msn... ma non ho parole per l'uso che la gente ne fa... condivide di tutto, ogni foto che abbia il minimo contenuto umoristico, ogni frase che gli sembra degna di essere appesa sulla propria bacheca per fare i profondi ( quando ovviamente è di qualcun'altro! ), lo stato medio riguarda una qualsiasi cavolata o avvenimento insignificante, alla fine la gente per scambiare due parole come si deve usa sempre la messaggistica privata ( i PM ), purtroppo avere un account di facebook è un po' come avere un'identità virtuale in una stanza con tutte le persone che si conoscono, e la propria immagine deve essere più o meno consona a quella di ogni relazione che abbiamo ( virtualmente o realmente ) con queste persone per essere valida, o almeno la tendenza generale è di restringere i propri post in un range di stupidità e superficialità che possa non turbare nessuno, siccome nessuno, stando in una stanza con tutte le persone che conosce, vorrebbe farsi guardare da tutti mentre dibatte con qualcuno, a causa dell'ovvio impatto sulla propria immagine. Risultato, il livello medio di una conversazione pubblica su facebook è il più basso del range di livelli di conversazioni che una persona può sostenere, cioè il più insignificante possibile per "buona norma", così come chiunque uscendo di casa cerca di vestirsi in maniera casuale per non doversi sentire gli occhi della folla addosso. Su facebook e cioè nelle comunicazioni il principio vale ancora di più trattandosi di input verbali anziché visivi ed essendo presenti un gran numero delle persone verso le quali adattiamo la nostra immagine. Di migliaia di puttanate che ho letto fin'ora non ne ho mai commentata nessuna per non dovermi trovare nella situazione di apparire il noioso/precisino di turno, e mi rendo conto che su facebook vige lo stesso principio che vale per le persone che vanno sul palco televisivo: fingere, pretendere ( nel senso di fingere ), fingere. Ciò che di educativo c'è è che da ottimi spunti di riflessione sui patterns e trends comunicativi tra le varie fasce o parti micro o macro della società. Ancora oggi dopo due anni non mi stanco di scorrere la home per vedere cosa la gente decide di pubblicare sul proprio profilo sotto gli occhi di tutti... in un certo senso è una miniera di informazioni, è il massimo picco del trash normativo e culturale che oggi infuria in occidente, e come tale è un enorme risorsa gratuita per qualunque ricerca macrosociologica ( nazionale e continentale ). è il pascolo, la massa, che finalmente si mostra senza veli nella sua essenza a chiunque voglia guardare. Non è poco. ( Per massa non intendo "l'insieme delle persone conformiste e superficiali", siccome uso il termine in maniera poco dispregiativa voglio precisare, ma piuttosto la superficie comune povera di cultura di una larga parte della popolazione... il resto della persona su facebook non esce... pena perdersi nella superficie ).
Soren is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it