Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 04-01-2004, 01.09.07   #11
Woodstock
Ospite abituale
 
L'avatar di Woodstock
 
Data registrazione: 10-12-2003
Messaggi: 48
Citazione:
Messaggio originale inviato da Catharsis
diciamo che ormai abbiamo uno schema del sapere umano così settoriale che una figura così vaga come il filosofo non ha più senso

Io direi invece che, proprio perché il sapere si è andato necessariamente settorializzando - la mole di scoperte e di nuovi concetti ha reso necessaria una parcellizzazione - la figura del filosofo dovrebbe essere quella di colui che recupera i dati salienti di ogni scienza per ricondurli a un'unità del sapere stesso. E un'unità del sapere ha senso solo laddove unico diventa anche il suo scopo. Anche riscoprire quel'è questo scopo unico e fondamentale del sapere dovrebbe essere compito del filosofo. Una nuova teleologia, insomma.
Woodstock is offline  
Vecchio 05-01-2004, 14.35.06   #12
wakkokid
Wakko Kid
 
L'avatar di wakkokid
 
Data registrazione: 26-12-2003
Messaggi: 7
Per Dunadan

Citazione:
Voglio dire che, io vedo la filosofia non come una disciplina che da sola non serve a nulla mentre affiancata alle scienze serve a molto.


Con una sfumatura differente, è quello che volevo dire. La filosofia serve per dare coerenza formale alla scienza. Chi può garantire, ad esempio, che il metodo sperimentale è quello giusto? Solo un modo di pensare, solo la filosofia.

Per quanto riguarda la separazione tra le scienze e la filosofia, non era mia intenzione farla così netta. La filosofia la ritengo anzi uno scalino al di sopra di tutte le altre scienze: tutte sono filosofie, solamente sono ristrette in un ambito, e quindi non incappano tanto quanto la Filosofia nel problema della contraddizione della Filosofia stessa: anche la matematica (o la geometria) è, di per sè una filosofia. E anche la matematica (o la geometria) ha di per sè le sue contraddizioni: le rette parallele si incontrano all'infinito?

Ciao,
wakkokid is offline  
Vecchio 05-01-2004, 16.01.39   #13
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Bah il filosofo è importante tanto quanto
uno psicologo o-o uno scienziato o-o un sociologo o-o uno scrittore o fate voi.
certo se questo mi parla ancora di aria e fuoco dovrei dargli una pala e un carrello di carbone, ma ciò non è più possibile e allora mi toccherà mettergli in mano una paletta e in bocca un fischietto (così che potrà realizzare il suo ideale di filosofo contemplatore).
il punto è che non è la tunica ad aver senso ma colui che la veste.
una persona inutile è inutile anche se veste sapientemente.
una persona con buone idee è utile con qualsiasi veste.
r.rubin is offline  
Vecchio 05-01-2004, 16.35.06   #14
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Citazione:
le rette parallele si incontrano all'infinito?


Avevo vent'anni quando ho lasciato i miei genitori, e son partito, con i miei pochi stracci e una laurea in filosofia.

Avevo da parte cento soldi, Quantità Infinitesimale ma sufficiente: non li ho sperperati nei salotti, a pensare al nulla o all'infinito, ma li ho investiti: così ho preso il treno, son partito, e sono arrivato.
Ora dirigo le Ferrovie dello Stato, e penso a quanto il mondo è cambiato, dalla locomotiva alla navicella spaziale.

Fra poco uscirà il mio libro, dove racconto la mia storia, e molte teorie sul mondo e l'universo:
edizioni Parabole: "riflessioni su bisogni, possibilità e necessità; e sulle loro relazioni: come farle coincidere?"
r.rubin is offline  
Vecchio 06-01-2004, 23.13.08   #15
Cavalier3rrantE
Ospite
 
Data registrazione: 06-01-2004
Messaggi: 21
Un filosofo può sopravvivere?

Ma secondo voi un filosofo così caratterizzato, come colui che aiuta a fondere il sapere settorizzato, che teorizza modelli di pensiero che guidino la vita dei propri simili, può ancora esistere in una società consumistica e capitalistica come questa? dove nessuno più ci chiede di ragionare e anzi i fà di tutto per render le persone il più possibile a esseri non-pensanti e asservite al dio denaro. Oggi come oggi credete che una laurea in filosofia possa aprire qualche porta e permettere a chi ama questa disciplina di riuscire a trovare un impiego decente dopo la laurea? Io son abbastanza pessimista, tutti i miei conoscenti laureati in filosofia sono finiti a fare i bibliotecai o impiegati da qualche parte non riuscendo a trovare la soddisfazione che cercavano e campando con uno stipendio assai misero. Consigliereste a qualcuno di scegliere la facoltà di filosofia?
Cavalier3rrantE is offline  
Vecchio 06-01-2004, 23.46.21   #16
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Ma il filosofo dell'antichità, di cosa viveva?
r.rubin is offline  
Vecchio 07-01-2004, 14.37.02   #17
Knacker
Epicurus' very son
 
L'avatar di Knacker
 
Data registrazione: 26-12-2003
Messaggi: 375
Exclamation Filosofo non è chi è laureato in filosofia!

Se tutti i laureati in filosofia fossero filosofi, saremmo già giunti alla verità!

No, il Filosofo non è colui che ha studiato. Filosofo è colui che ha capito! E' ben diverso.
Knacker is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it