Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 21-06-2004, 19.49.07   #21
dawoR(k)
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2003
Messaggi: 876
"Per chi comprende veramente,non ha nessuna importanza chi è colui che parla ma che cosa dice."

...a patto che dica
cose "veramente" comprensibili

eh-eh
caro alieno
e a dire il vero
comprendo molto bene
le cose di cui parli
abituato come sono
a ricominciare ogni giorno
da zero
e senza alcuna pretesa
di poter così
ritenere la mia coscienza
qualcosa di empirico

w.
dawoR(k) is offline  
Vecchio 21-06-2004, 20.17.51   #22
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Re: Come ci si arriva?

Citazione:
Messaggio originale inviato da kantaishi
Salve,
ma non ci si arriva tramite la mente,tramite il ragionamento aristotelico,ci si arriva tramite la meditazione.
Esempio:i testi delle piramidi.
Nei testi delle piramidi l'Autore dice che Faraone è il creatore di tutto ciò che esiste ma,dopo tre righe viene fuori che Faraone è figlio di Orione.Giri pagina e trovi che il demiurgo Ptah ha dato forma a tutto ciò che esiste nell'universo e,dopo tre righe vien fuori che Ptah è figlio di Osiride e di iside.
Come si spiega tutto ciò?
L'Autore presuppone che colui che legge sia una persona intuitiva,illuminata,una persona che non dà nessuna importanza alla logica.
L´idea che "una persona intuitiva, illuminata". dà "nessuna importanza alla logica" è erronea.
L´intuizione può dare a un uomo tanta sagezza, ma se lui è capace di spiegare intellettualmente per gli altri ciò che intuisce, dipende da quanto è sviluppata la sua capacità intellettiva.

A me sembra ovvio che gli autori dei testi di cui parli siano stati molto poco "illuminati". Cheope è ovviamente stato creato molto tempo fà, ma non penso che i testi nei tempi egiziani sono della stessa età.
Citazione:
Così riguardo al tempo-spazio:il nulla è il creatore attuale di tutto ciò che esiste......e.....lo hanno detto Rubbia e Weinberg e,se lo hanno detto loro.....Per chi comprende veramente, non ha nessuna importanza chi è colui che parla ma che cosa dice.
Io studio solo me stesso, e non so chi siano Rubbia e Weinberg.
Citazione:
io vedo che Gesù Cristo dice stronzate mentre Kabir e Saraha dicono supreme verità.
Gesù aveva la completa coscienza cosmica ed era il più altamente evoluto individua finora incarnato sulla terra e le sue parabole e suoi detti contengono verità assolute. Ma naturalmente si deve aver raggiunto un certo grado intellettivo per essere capace di vedere le verità, altrimenti queste verità possano apparire per l´individuo incosapevole, essendo "stronzate". Però con l´andar del tempo, durante ancora delle incarnazioni, anche lui svilupperà la facoltà di distinguere le stronzate dalla sagezza.
Ciao

Ultima modifica di Rolando : 21-06-2004 alle ore 20.21.16.
Rolando is offline  
Vecchio 21-06-2004, 21.55.49   #23
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Citazione:
Messaggio originale inviato da Rolando
Infatti un „oggetto“ non può nemmeno esistere fuori dallo spazio.tempo. Un „oggetto“ è sempre per definizione limitato, cioè ha estienzione nello spazio e esiste per un certo perido di tempo. Tutti gli „oggetti“ esistono quindi dentro la dimenzione dello spazio-tempo.
L´io invece non ha nessun limite, nessun´estenzione ne spaziale ne temporale, ma ovviamente esiste tuttavia, siccome altrimenti l´esperienza della vita, cioè l´esperienza degli oggetti creati, non avrebbe potuto esistere.
Visto che tutti gli oggetti costituiscono solo vari tipi di movimenti, e un movimento in se stesso non può sperimentare niente, e cio nonostante l´esperienza della vita esiste, diviene chiaro che esite qualcosa oltre degli oggetti o die movimenti.

Ciò che sperimenta o vive la vita deve quindi esistere in „un altro modo“ che gli oggetti, e l´unico modo oltre il mondo degli oggetti spazio-temporali, è l´eternità e l´infinità.
Quindi l´io è infinito ed eterno.

Come l´interazione fra l´io e la materia ha luogo, è interessant e deve essere oggetto de ricerca. Ma penso che abbia a che fare con il dire che il mondo fisico in un senso è “illusione”.
Ciao

non farti fregare dalle parole: ho detto che "oggetto" intendendolo nel senso più lato possibile.

allora vediamola così: ogni cosa se ha "contatto" con una dimensione spaziotemporale viene inevitabilmente temporalizzata.

in più penso che definire il mondo fisico come "illusione" sia solo un modo per liberarci di un sacco di problemi, ma ciò è illegittimo: abbandoniamo ciò che abbiamo di fronte per cose che ipotiziamo solo, e che difficilmente riusciamo a comprendere.

se il mondo fisico, illusione o no, è nello spazio-tempo, ciò è un dato di fatto.
comunque ci sarebbe l'illusione che è spaziotemporale e quindi se l'Io la percepisce anch'essa diverrà essere spaziotemporalizzabile.

tutto ciò è inevitabile

ciao

P.S. comunque (come già faccio intendere in altri post) vedo l'Io come insieme di percezioni, esattamente come lo concepiva Hume. ma ho voluto comunque seguirti nella tua ipotesi...
epicurus is offline  
Vecchio 21-06-2004, 22.11.10   #24
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
x kantaishi: Il punto di vista del buon senso

Citazione:
Messaggio originale inviato da kantaishi
Salve,
ma non ci si arriva tramite la mente,tramite il ragionamento aristotelico,ci si arriva tramite la meditazione.
Esempio:i testi delle piramidi.
Nei testi delle piramidi l'Autore dice che Faraone è il creatore di tutto ciò che esiste ma,dopo tre righe viene fuori che Faraone è figlio di Orione.Giri pagina e trovi che il demiurgo Ptah ha dato forma a tutto ciò che esiste nell'universo e,dopo tre righe vien fuori che Ptah è figlio di Osiride e di iside.
Come si spiega tutto ciò?
L'Autore presuppone che colui che legge sia una persona intuitiva,illuminata,una persona che non dà nessuna importanza alla logica.

una tesi incoerente (contenente 'a' e 'non a') non potrà mai esser vera.

l'intuito serve per avere il lampo di genio, che poi la razionalità deve sfruttare.

se ci si affida all'irrazionalità e alle favole allora è meglio che non ci prendiamo troppo sul serio.

chi non dà nessuna importana alla logica è meglio che stia zitto, è questo non è un rimprovero o un castigo moralmente lecito (che sia mai) bensì la naturale conseguenza di ciò che afferma.

la tua meditazione dovrebbe farti concordare con quello che dico, anche se in palese contrasto con ciò che affermi, perchè (come tu dici) la via della logica non è assolutamente importante.

ciao
epicurus is offline  
Vecchio 22-06-2004, 19.56.53   #25
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
non farti fregare dalle parole: ho detto che "oggetto" intendendolo nel senso più lato possibile.

allora vediamola così: ogni cosa se ha "contatto" con una dimensione spaziotemporale viene inevitabilmente temporalizzata.
Forse è appunto ciò che succede, l´eternità si fonda gradualmente in spaziotempo, ma siccome l´io rimane assoutamente fisso, nonostante il fatto che l´esperienza della vita cabia costantemente, è ovvio che questa "trasformazione" ha luogo in modo tale che l´"eternità" rimane "non toccato".
Citazione:
in più penso che definire il mondo fisico come "illusione" sia solo un modo per liberarci di un sacco di problemi, ma ciò è illegittimo: abbandoniamo ciò che abbiamo di fronte per cose che ipotiziamo solo, e che difficilmente riusciamo a comprendere.
se il mondo fisico, illusione o no, è nello spazio-tempo, ciò è un dato di fatto.
comunque ci sarebbe l'illusione che è spaziotemporale e quindi se l'Io la percepisce anch'essa diverrà essere spaziotemporalizzabile.
tutto ciò è inevitabile
Si anche se il mondo fisico è illusione non significa che non esiste ma solo che non è quello che sembra essere.

Citazione:
ciao

P.S. comunque (come già faccio intendere in altri post) vedo l'Io come insieme di percezioni, esattamente come lo concepiva Hume. ma ho voluto comunque seguirti nella tua ipotesi...
Grazie per la compagnia, Ciao
Rolando is offline  
Vecchio 22-06-2004, 23.00.50   #26
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
l´eternità si fonda gradualmente in spaziotempo, ma siccome l´io rimane assoutamente fisso, nonostante il fatto che l´esperienza della vita cabia costantemente, è ovvio che questa "trasformazione" ha luogo in modo tale che l´"eternità" rimane "non toccato"

non condivido...

Grazie per la compagnia, Ciao

grazie a te, ciao
epicurus is offline  
Vecchio 28-06-2004, 14.11.52   #27
odos
Ospite abituale
 
L'avatar di odos
 
Data registrazione: 26-06-2004
Messaggi: 367
Ciao a tutti.

Volevo intromettermi nella discussione sperando di non sembrare indiscreto.
Credo che si debba considerare qualcosa che dai vostri botta e risposta rimane nascosto, e cioé il fatto che la filosofia in questo ultimo secolo ha fatto molta strada e ha detto cose che non si possono non tenere in considerzioni, (se capire ci interessa veramente). Ragionare con concetti quali logica, intelligenza, soggetto, oggetto, spaziotempo e veritá assoluta, risulta qualcosa di improponibile dopo tutto quello che si é detto nella produzione filosofica novecentesca; esso é il risultato di un pregiudizio non esplicitato che ci costituisce da circa 2 millenni e si chiama metafisica. Bene, questi pregiudizi sono il tema di tutti i pensatori piú produttivi del nostro secolo e di quello precedente e fiumi di parole sono stati scritti in merito. Io consiglierei senza intento polemico di leggersi qualcosa, e ricordarsi che dietro ogni "veritá" che enunciamo, c'é sempre l'utilizzo di certi strumenti concettuali storici (motivo per cui non ha piú senso parlare di veritá assolute), persino in quello che sto dicendo in questo momento, che non é altro che utilizzare ció che di "considerevole da pensare" e ragionevole si é presentato nella nostra epoca storica.

Ciao a tutti



odos is offline  
Vecchio 28-06-2004, 14.22.19   #28
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
ciao odos, come avrai gia` capito condivido quello che dici.

per me la questione non e` esiste o meno la verita` assoluta, bensi` tale concetto e` senza senso, un segno che non e` legato ad simbolo (alla Wittgenstein).

ciao
epicurus is offline  
Vecchio 28-06-2004, 16.55.33   #29
odos
Ospite abituale
 
L'avatar di odos
 
Data registrazione: 26-06-2004
Messaggi: 367
Ancora ciao.

Credo di capire cosa intendi quando dici che il concetto di veritá assoluta sia senza senso e credo di trovarmi d'accordo, peró vorrei esplicitare un pó questo pensiero. In realtá, come credo tu sappia un senso ce l'ha, e anche preciso. Io sono abbastanza convinto che sia difficile pensare un essere fuori dal linguaggio. Il significato del concetto di assoluto é giá tutto contenuto nel suo uso linguistico e nulla di piú. Quando accostiamo il termine veritá e quello di assoluto, vogliamo indicare uno stato di cose, metafisicamente parlando, oggettivo (cioé che si contrappone ad un soggetto che muta), atemporale (cioé valido in modo eterno) e ab-soluto appunto, cioé sciolto da qualsiasi determinazione che la limiti. Questi sono i principali caratteri della veritá assoluta. E in questo senso é chiaro che una tautologia rispetta tutti questi caratteri (quindi essa é propriamente veritá assoluta). Peró bisogna sapere anche che questo concetto non é sempre stato presente nella storia del pensiero umano: in occidente questo concetto si é originato, detto sommariamente, man mano che si é istituita la pratica della scrittura e la parola (o il simbolo) appare per la prima volta indipendente dal contesto orale dal quale aveva avuto origine. Questo concetto ha una storia e questa storia è rinvenibile nel linguaggio. Nel linguaggio noi troviamo giá tutto il nostro modo di "vedere il mondo" o detto in altri termini, il darsi dell'essere di epoca in epoca, e il nostro linguaggio é il linguaggio della metafisica, cioé di quel pensiero che si fonda proprio su presupposti quali soggetto, oggetto, logica, razionalitá, obbiettivitá e tutto ció che di fondante in modo "ab-soluto" siamo in grado di concepire. Tutto questo per dire che se crediamo che la veritá assoluta sia qualcosa che deve esserci per forza, indipendente da qualsiasi presupposto, da qualsiasi linguaggio storico, per cui domandare sulla veritá assoluta sia legittimo e ovvio, abbiamo giá compromesso il nostro domandare a tal riguardo.
Un ultima cosa: non si puó dire che sperimentare la vita (come si diceva sopra) sia una veritá assoluta, e questo non solo perché i caratteri di cui sopra non sono presenti, ma perché piú "empiricamente", se tra cento anni per "esperire la vita" si intenderá qualcosa di diverso e ci si "dimenticherá" (non si riuscirá piú a vedere) l' uso linguistico che se ne fa oggi (cosa che é giá accaduta con tutti i concetti fondamentali del nostro sapere), semplicemente quella veritá non sará piú affatto assoluta e succederá quello che ancora noi facciamo leggendo i nostri antenati pensatori dicendo: "che ingenui, non avevano capito che.....", e noi lo sappiamo bene cosa volgiamo dire quando diciamo che noi sperimentiamo la vita.

Spero di stimolare dubbi e perplessitá, ne viene fuori sempre qualcosa di bello.

Saluti a tutti
odos is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it