Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 08-07-2004, 12.19.45   #1
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
P.n.c.

se una frase e` incoerente allora e` sicuramente falsa?

il principio di non contraddizione e` la condizione necessaria per la verita` di una proposizione?

vi anticipo che la mia risposta e` affermativa, ma voi cosa ne pensate?
epicurus is offline  
Vecchio 08-07-2004, 13.30.26   #2
iris_1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-06-2004
Messaggi: 493
Re: P.n.c.

Se un enunciato contiene in sé delle affermazioni che sono in contraddizione tra loro... conseguentemente le due affermazioni si annullano e l'enunciato perde la sua validità.
iris_1 is offline  
Vecchio 08-07-2004, 13.57.13   #3
iris_1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-06-2004
Messaggi: 493
Re: Re: P.n.c.

Citazione:
Messaggio originale inviato da iris_1
Se un enunciato contiene in sé delle affermazioni che sono in contraddizione tra loro... conseguentemente le due affermazioni si annullano e l'enunciato perde la sua validità.

Mi viene in mente un enunciato che ho scritto in un post nella discussione "vita o morte?" che è un perfetto esempio di ciò che affermo:

"La morte toglie ogni libertà
La vita, infatti, è il necessario presupposto della libertà,
essa implica la possibilità di cambiare scelta
quanto alle proprie personali decisioni.
Ma la morte esclude inequivocabilmente questa possibilità.
Dunque essa è contro la libertà.
Essere libero però significa anche scegliere di morire."

Mettendo da parte il significato di questo ragionamento e considerandolo soltanto dal punto di vista sintattico:
libertà -> capacità di scelta
capacità di scelta -> scegliere di morire
morte -> annulla la libertà di scelta
l'enunciato perde validità.

Ciao
iris_1 is offline  
Vecchio 12-07-2004, 12.35.19   #4
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
ma c'e` qualcuno in questo forum che nega la validita` di tale principio?
epicurus is offline  
Vecchio 12-07-2004, 12.41.21   #5
iris_1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-06-2004
Messaggi: 493
Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
ma c'e` qualcuno in questo forum che nega la validita` di tale principio?

Probabilmente no

Però se qualcuno negasse questa validità sarebbe interessante valutare anche il suo punto di vista... mi sembra strano che tutte le persone che scrivono in questo forum siano d'accordo!

iris_1 is offline  
Vecchio 12-07-2004, 12.45.18   #6
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Ma la vita è piena di contaddizioni...la logica limita il pensiero...
sisrahtac is offline  
Vecchio 12-07-2004, 14.05.01   #7
leibnicht
Ospite abituale
 
L'avatar di leibnicht
 
Data registrazione: 06-09-2003
Messaggi: 486
Il principio è valido, ma

limitatamente ai fenomeni oggetto di osservazione sperimentale.
Su di un piano logico formale non classico A e nonA possono costituire una miscela di stati ugualmente dotati di verità e debbono essere supposti due, o più, "mondi possibili" in cui le realtà di A e di nonA possono essere in ogni caso "scambiate".
Il mondo possibile "escluso" dall'osservazione non cessa di esercitare i suoi effetti sul sistema composto da A e nonA.
Il principio di n.c. non è valido neppure nella fenomenologia delle attività di coscienza (si pensi alle figure "ambigue", come caso elementare), laddove i casi A e nonA possono esercitare un effetto congiunto nella formazione dei processi percettivi e, maggiormente, in quelli decisionali.
La logica classica, che lo contempla, non esaurisce che un ambito vasto, ma parziale, della realtà fenomenica, ambito dentro il quale conserva una piena validità.
leibnicht is offline  
Vecchio 12-07-2004, 20.53.37   #8
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Citazione:
Messaggio originale inviato da Catharsis
Ma la vita è piena di contaddizioni...la logica limita il pensiero...

Citazione:
Messaggio originale inviato da leibnicht Il principio di n.c. non è valido neppure nella fenomenologia delle attività di coscienza (si pensi alle figure "ambigue", come caso elementare), laddove i casi A e nonA possono esercitare un effetto congiunto nella formazione dei processi percettivi e, maggiormente, in quelli decisionali.[/b]

si osserva che la vita è piena di contraddizioni perchè:

1) devi tener conto che la coerenza deve esser applicata allo stesso istante, ovviamente.

2) il nostro linguaggio genera continuamente proposizioni indeterminate, non nel senso logico di Goedel, bensì per la vaghezza dei termini.

3) si assumono dei principi generici falsi che possono indurre a credere ad una incoerenza della vita. tipo: "Il suicidio è una contraddizione perchè la vita non può essere non-vita" o cose del genere.

4) naturalmente si può pensare illogicamente, questo è ovvio, ma non si può afferrare a pieno il concetto illogico (ci si fa una idea parziale logica, un'altra parziale logica in contrasto con l'altra e si unisce artificialmente, ma non si apprezza veramente l'illogicità: infatti le immagini ambigue si presentano con una certa 'oscillanza')


epicurus is offline  
Vecchio 13-07-2004, 13.04.12   #9
leibnicht
Ospite abituale
 
L'avatar di leibnicht
 
Data registrazione: 06-09-2003
Messaggi: 486
Sulle immagini ambigue

Devi tenere conto, caro Epicurus, che esse sono, in generale, esercizi grafici volutamente indirizzati a mettere in evidenza l'ambiguità della forma.
La psicologia della Gestalt le elaborò allo scopo di rendere particolarmente evidente un fenomeno altrimenti sfuggente nella elaborazione delle percezioni nella vita quotidiana.
Dalle ricerche svolte in questo settore discesero, infatti, i messaggi c.d. "subliminali", spesso impiegati a scopo persuasivo nel mondo della comunicazione pubblicitaria.
Si prova, cioè, che di norma la figura "altra" nelle immagini ambigue, è scartata soprattutto in virtù dei riferimenti inconsci che essa può evocare nel soggetto: il processo di scelta è attivo, anche se inconsapevole.
L'"oscillazione" di cui parli è il caso limite, possibile, ma di solito indotto dallo sperimentatore che invita il soggetto ad individuare la forma non appercepita.
La latenza di lettura è sempre più ampia rispetto alla lettura di un'immagine standard (non ambigua) il che denota l'effetto "shock" di rimozione della forma esclusa.
Come si vede, poi, dagli effetti dei messaggi subliminali, tale esclusione non cessa affatto di rendersi operante nelle scelte effettive del probando, oppure nelle valenze e nei valori riconosciuti alla immagine esplicita.
leibnicht is offline  
Vecchio 13-07-2004, 16.29.15   #10
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Ma se una cosa è diversa solo a cambiare il punto di osservazione!Basta cambiare sistema di riferimento e la vostra logica se ne va alle cozze...tutto è niente, le cose piccole sono anche grandi ecc...un oggetto è rosso, ma se spengo la luce non è più rosso...e qualsiasi calcolo matematico se non uso il sistema decimale risulta diverso....ogni sistema di riferimento ha una sua logica,ma tutto è appunto niente...convenzioni su convenzioni...o forse no? E la logica è dentro o fuori di noi? L'uomo cerca di emulare la logica di ciò che sta fuori,ma nonb si rende conto che avrà sempre un limite,avrà sempre un vincolo...se stesso,e la "fallibilità" (o meglio,non-universalità) della sua mente e dei suoi sensi...
sisrahtac is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it