Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 24-08-2004, 16.45.14   #21
iris_1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-06-2004
Messaggi: 493
Re: per neman

Citazione:
Messaggio originale inviato da iris_1
Ma per linguaggio si può anche intendere un modo di esprimersi per cui, in questo senso, non sarebbe totalmente errato definire l'espressione dei propri sentimenti come 'linguaggio privato', no?

Ovvero una modalità di espressione assolutamente soggettiva che però, proprio per il suo carattere di soggettività, non può essere comunicato ad altri individui.

Ciao
iris_1 is offline  
Vecchio 24-08-2004, 16.48.55   #22
neman1
Ospite abituale
 
L'avatar di neman1
 
Data registrazione: 24-04-2004
Messaggi: 839
Re: per neman

Citazione:
Messaggio originale inviato da iris_1
Ma per linguaggio si può anche intendere un modo di esprimersi per cui, in questo senso, non sarebbe totalmente errato definire l'espressione dei propri sentimenti come 'linguaggio privato', no?

Mi viene da pensare che lo dici perche sei donna, per cui neccessiti di una communicaione emotiva per entrare in intimita' ed in sfere private. Non e' che i maschi non ne abbiano bisogno, pero'.... Ciao
neman1 is offline  
Vecchio 24-08-2004, 17.27.50   #23
neman1
Ospite abituale
 
L'avatar di neman1
 
Data registrazione: 24-04-2004
Messaggi: 839
Re: Re: per neman

Citazione:
Messaggio originale inviato da iris_1
Ovvero una modalità di espressione assolutamente soggettiva che però, proprio per il suo carattere di soggettività, non può essere comunicato ad altri individui.

Ciao

Magari non tutto in dettaglio ma l'essenziale si...sempre che si sia pronti ad aprire le "stanze segrete". O no? Agli altri ed a se stessi..... Ciao
neman1 is offline  
Vecchio 24-08-2004, 17.33.58   #24
iris_1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-06-2004
Messaggi: 493
Re: Re: per neman

Citazione:
Messaggio originale inviato da neman1
Mi viene da pensare che lo dici perche sei donna, per cui neccessiti di una communicaione emotiva per entrare in intimita' ed in sfere private. Non e' che i maschi non ne abbiano bisogno, pero'.... Ciao

Senti senti...
interessante quello che dici.... ma sii più chiaro... ovvero, cosa intendi per necessità di una comunicazione emotiva per entrare in intimità ed in sfere private?
E perché fai questa distinzione tra uomini e donne?

Ciao
iris_1 is offline  
Vecchio 24-08-2004, 17.38.22   #25
iris_1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-06-2004
Messaggi: 493
Re: Re: Re: per neman

Citazione:
Messaggio originale inviato da neman1
Magari non tutto in dettaglio ma l'essenziale si...sempre che si sia pronti ad aprire le "stanze segrete". O no? Agli altri ed a se stessi..... Ciao

Già... ma le sensazioni non possono essere spiegate, descritte, definite... possono essere percepite... ma tutto dipende dalla sensibilità di chi ti trovi difronte, dalla 'sintonia' che esiste tra due individui... quindi è solo una percezione di ciò che è realmente.
iris_1 is offline  
Vecchio 24-08-2004, 19.32.34   #26
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
iris, per poter capire le sensazioni degli altri bisogna aver una grande sensibilità (cioè entrare nei panni degli altri) ed aver provato sensazioni simili a lui.

comunque il linguaggio privato di W. non è quello di cui state parlando, ma non importa, è molto interessante anche la vostra discussione e sarò lieto di intervenire ogni tanto, e, soprattutto, ascoltarvi.

epicurus is offline  
Vecchio 25-08-2004, 11.28.50   #27
neman1
Ospite abituale
 
L'avatar di neman1
 
Data registrazione: 24-04-2004
Messaggi: 839
Re: Re: Re: per neman

Citazione:
Messaggio originale inviato da iris_1
Senti senti...
interessante quello che dici.... ma sii più chiaro... ovvero, cosa intendi per necessità di una comunicazione emotiva per entrare in intimità ed in sfere private?
E perché fai questa distinzione tra uomini e donne?

Ciao

Iris ed Epicurus, concordiamo in tre che ci vuole la sensibilita' per communicare sensazioni. La sensibilita' e' gia un fatto naturale che si puo sviluppare ulteriormente: la propria scienza che considera il proprio corpo umano per misurazioni certe, oppure amplificando il funzionamento, sensibilita' di captare di un senso particolare. Es.: i non vedenti, etc. Inoltre ci sono varie scienze esoteriche, alternative che hanno gia studiato predisposizioni, compatibilita' e funzionamento delle energie, informazioni che communiciamo, ma irrilevanti al momento, e anche pericolose per fidarsene per pura attrativita'.

Emozioni-intimita'? ehehe.....Iris, generalmente (es.) quando uno ti offende...riversi alla persona cio che provi, o filtri l'emozione attraverso la mente facendo glielo capire? La stessa cosa anche per le adulazioni....sei abbastanza disinvolta a rispondere liberamente a chiunque o solo a chi decidi di aprire le porte? Ecco....
Ora, ammetto ho fatto una distinzione tra i poli forse un po' affrettata, causata dallo rispondere impulsivamente ad una serie di associazioni radicate in me....per l'abitudine di non aver mai intrapreso un rapporto d'intimita' senza o dovermi o volermi coinvolgere anche emotivamente con una donna. Quindi per esperienza reputo la communicazione emotiva una priorita' femminile, anche del lato femminile ( che non vuol dire effeminatezza) in ogni uomo. Ciao
neman1 is offline  
Vecchio 25-08-2004, 14.30.08   #28
iris_1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-06-2004
Messaggi: 493
Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
comunque il linguaggio privato di W. non è quello di cui state parlando, ma non importa, è molto interessante anche la vostra discussione e sarò lieto di intervenire ogni tanto, e, soprattutto, ascoltarvi.

Scusa Epicurus se ci siamo discostati dal tema iniziale ( )...
tornando in tema, in un post ho scritto che, secondo me, il linguaggio privato, così come lo intende W., non può esistere... ho riletto ciò che ho scritto e lo confermo nuovamente.

Per poter creare un linguaggio è necessario, ogni volta che richiamiamo un termine in esso contenuto, aver ben chiaro a cosa ci si riferisce... con il linguaggio privato questo non è possibile, perché non siamo in grado di conservare la memoria di una sensazione e quindi di richiamare il termine che la definisce... quindi, come hai detto tu, se dovesse accadere, sarebbe solo un caso. Concordi?
iris_1 is offline  
Vecchio 25-08-2004, 14.58.03   #29
iris_1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-06-2004
Messaggi: 493
Re: Re: Re: Re: per neman

Citazione:
Messaggio originale inviato da neman1
Emozioni-intimita'? ehehe.....Iris, generalmente (es.) quando uno ti offende...riversi alla persona cio che provi, o filtri l'emozione attraverso la mente facendo glielo capire? La stessa cosa anche per le adulazioni....sei abbastanza disinvolta a rispondere liberamente a chiunque o solo a chi decidi di aprire le porte?
Ogni volta che mi trovo a dover comunicare le mie sensazioni, pensieri ecc nei confronti di una persona, non cerco mai di elaborarli per cercare di 'far capire', ma cerco di trasmetterlli proprio nello stesso modo in cui li provo, perché credo che l'elaborazione di una sensazione attraverso la mente non faccia altro che 'falsare' la sensazione stessa... è difficile da spiegare il modo in cui lo faccio, forse perché in fondo non lo saprei spiegare neanche a me stessa ed è anche vero che il mio modo così 'naturale' di manifestare ciò che provo mi crea spesso degli enormi problemi... più mi avvicino alla consapevolezza del mio modo di essere (consapevolezza che sicuramente non otterrò mai completamente, quindi è più corretto parlare di accettazione probabilmente) e più capisco il perché quando ogni persona che mi conosce allo stesso tempo dice di pensare a me come ad un 'enorme punto interrogativo'... fino a poco tempo fa restavo malissimo nel vedere come potevo sconvolgere le persone che avevo difronte, ne restavo enormemente dispiaciuta, adesso invece sorrido e credo che dovrei imparare a veicolare meglio la mia sensibilità (ma non con la mente) per trovare un modo meno traumatico (per gli altri) di manifestare le mie sensazioni.
Tutto questo per dirti che la mente ha ben poco a che fare con le sensazioni e che non vi è motivo di sfruttarla per cercare di definirle, comunicarle, spiegarle, perchè se cerchiamo di utilizzarla per tale scopo procediamo per la strada sbagliata... anche se questa è solo la mia opinione.

Citazione:
Ecco....
Ora, ammetto ho fatto una distinzione tra i poli forse un po' affrettata, causata dallo rispondere impulsivamente ad una serie di associazioni radicate in me....per l'abitudine di non aver mai intrapreso un rapporto d'intimita' senza o dovermi o volermi coinvolgere anche emotivamente con una donna. Quindi per esperienza reputo la communicazione emotiva una priorita' femminile, anche del lato femminile ( che non vuol dire effeminatezza) in ogni uomo. Ciao

Ma perché dobbiamo attribuire la sensibilità ad una caratteristica femminile, all'esser donna, o al lato femminile che c'è anche in ogni uomo?
La sensibilità non è forse una caratteristica umana presente in ognuno di noi che non ha niente a che vedere con il maschile o il femminile e che può essere più o meno sviluppata in un individuo indipendentemente dal sesso?
iris_1 is offline  
Vecchio 25-08-2004, 15.04.46   #30
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Citazione:
Messaggio originale inviato da iris_1
Scusa Epicurus se ci siamo discostati dal tema iniziale ( )...
tornando in tema, in un post ho scritto che, secondo me, il linguaggio privato, così come lo intende W., non può esistere... ho riletto ciò che ho scritto e lo confermo nuovamente.

Per poter creare un linguaggio è necessario, ogni volta che richiamiamo un termine in esso contenuto, aver ben chiaro a cosa ci si riferisce... con il linguaggio privato questo non è possibile, perché non siamo in grado di conservare la memoria di una sensazione e quindi di richiamare il termine che la definisce... quindi, come hai detto tu, se dovesse accadere, sarebbe solo un caso. Concordi?

no ci sono problemi...

concordo e ribadisco che questo risultato dimostra che l'ipotizzare (come fece cartesio) che possa esistere solo una persona che dialoga con se stesso è impossibile.

epicurus is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it