Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 06-08-2005, 12.14.06   #21
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
credo che ad ogni parola come ad esempio matematichese, sarebbe utile chiedere cosa intendi per... e cosi' via per capire a ogni segno che informazione soggettiva vogliamo far passare, ma sarebbe comunque una discussione infinita, e non sempre ci viene il dubbio che l'altro abbia voluto dire qualcosa di differente da quello che abbiamo recepito
di sicuro non e' un grande problema almeno finche' non insorgono conflittualita' che si sono erette su fraintendimenti, e come dici tu e' difficile anche a livello cosciente scindere il contenuto dall'emozione del messaggio, anche perche' spesso del contenuto non ci importa ma e' a livello relazionale che si discute
cmq era tanto per parlare, la soluzione esiste ma e' impossibile da mettere in pratica quindi immagino che saremo sempre tanti personaggi pirandelliani che lo si sappia o meno
La_viandante is offline  
Vecchio 08-08-2005, 14.04.59   #22
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
viand io non sarei così pessimista : è vero che siamo sempre soggetti alla possibilità di essere fraintesi e di fraintendere, ma è anche vero che nella maggioranza dei casi la comunicazione raggiunge il suo obiettivo (magari con una interpretazione corretta quanto basta per scopi pratici, senza pretendere perfezioni metafisiche).
non è affatto vero che la chiarificazione dei segni da noi usati "sarebbe comunque una discussione infinita", infatti per raggiungere buoni standard ci comunicazione non penso sia necessario spingerci tanto oltre. Infatti, se speculando teoreticamente ci pare impossibile come possa avvenire scambio di informazioni tra agenti, nella pratica possiamo vedere come questo processo funzioni bene.

Per il perchè (e il come) funzioni, rimando a Davidsono e alla sua teoria dell'interpretazione (una rivisitazione della teoria della traduzione di Quine).


epicurus
epicurus is offline  
Vecchio 08-08-2005, 20.59.51   #23
Aristocle1986
Ospite
 
Data registrazione: 29-07-2005
Messaggi: 18
Siamo ancora lontani anni luce dalla problematica che ho sollevato, colpa dell'incomunicabilità della mia scoperta... peccato.
Aristocle1986 is offline  
Vecchio 09-08-2005, 11.24.46   #24
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Smile esempio di cattiva comunicazione, e non che la comunicazione non funziona mai

Citazione:
Messaggio originale inviato da Aristocle1986
Siamo ancora lontani anni luce dalla problematica che ho sollevato, colpa dell'incomunicabilità della mia scoperta... peccato.

Ciao Aristocle, non penso che sia dovuto alla tua scoperta, credo piuttosto - molto più banalmente - che tu non ti sia spiegato bene, infatti i tuoi interventi sono stati brevissimi, pochi e non indicavano nessuna strada da seguire.

Apri il topic così:

Allora? Avete trovato soluzione per il mio problema (che è poi quello dell'intera umanità...) circa l'incomunicabilità???

senza approfondire minimamente. Catharsis propone la psicoanalisi e tu rispondi supersinteticamente:

La psicoanalisi non c'entra un cazzo, non voglio un'umanità sulla falsa riga di Zeno Cosini

senza spiegare il perchè. La Viandante suggerisce di intraprendere la strada della matematica per risolvere il problema, e tu rispondi ancora una volta brevemente, ma anche enigmaticamente:

Ottima questa tua proposta... ad ogni modo il cielo è sempre più blu e resterà per sempre blu... Sei una fan di Rino anche tu?

Catharsis ti suggerisce un link in cui si è parlato di qualcosa di analogo, e tu rispondi:

Ma la viandante in più è una fan del mitico Rino Gaetano... più di così? Tu Catharsis ti eri perso nei meandri di proposte assurde

Io ti propongo la teoria dell'interpretazione di Davidson. Così dopo vari apporti dai forumisti sul punto (ma non il tuo), tu scrivi:

Nessuno mi ha ancora risposto... come filosofi lasciamo piuttosto a desiderare... non trovate?

Io e viand ti rispondiamo che ti abbiamo risposto (o almeno ci abbiamo provato), al contrario di quello che dici tu; poi continuiamo il nostro discorso sulla matematica. Gest O interviene anche lui, suggerendo che "la comunicazione si fonda innegabilmente sulla metafora e sulla suggestione." Continua il dibattito tra me e la viand, e poi tu posti il messaggio che ho quotato sopra.

Siamo ancora lontani anni luce dalla problematica che ho sollevato, colpa dell'incomunicabilità della mia scoperta... peccato.

Visto il tema, ho voluto analizzare quello che è qui successo (e la tua frase) per mostrare come in realtà - di solito - la comunicazione avvenga in modo efficacie. in questo caso ci sono stati delle riflessioni, ma tu non ci hai saputo indirizzare verso quello che ti interessava: non ci dicevi dove sbagliavamo, e noi scrivevamo ma non davi a vedere interessa per questo, infatti non hai praticamente mai risposto direttamente ad un nostro post. Quindi l'incomunicabilità si è qui verificata perchè hai postato troppo brevemente, non hai mai chiarito cosa andanvi cercando, e non hai quasi mai risposto esplicitamente ai nostri post. Quindi ci sono accortezze che bisogna evitare se si vuole che la comunicazione avvenga, infatti non è vero che ogni comunicazione è impossibile, ma non è neanche vero che le persone possano leggere nel pensiero altrui.


epicurus

Ultima modifica di epicurus : 09-08-2005 alle ore 11.28.41.
epicurus is offline  
Vecchio 09-08-2005, 22.04.08   #25
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
Re: esempio di cattiva comunicazione, e non che la comunicazione non funziona mai

[Messaggio originale inviato da epicurus [/i]
Ciao Aristocle, non penso che sia dovuto alla tua scoperta, credo piuttosto - molto più banalmente - che tu non ti sia spiegato bene, infatti i tuoi interventi sono stati brevissimi, pochi e non indicavano nessuna strada da seguire.

Apri il topic così:

Allora? Avete trovato soluzione per il mio problema (che è poi quello dell'intera umanità...) circa l'incomunicabilità???

senza approfondire minimamente. Catharsis propone la psicoanalisi e tu rispondi supersinteticamente:

La psicoanalisi non c'entra un cazzo, non voglio un'umanità sulla falsa riga di Zeno Cosini

senza spiegare il perchè. La Viandante suggerisce di intraprendere la strada della matematica per risolvere il problema, e tu rispondi ancora una volta brevemente, ma anche enigmaticamente:

Ottima questa tua proposta... ad ogni modo il cielo è sempre più blu e resterà per sempre blu... Sei una fan di Rino anche tu?

Catharsis ti suggerisce un link in cui si è parlato di qualcosa di analogo, e tu rispondi:

Ma la viandante in più è una fan del mitico Rino Gaetano... più di così? Tu Catharsis ti eri perso nei meandri di proposte assurde

Io ti propongo la teoria dell'interpretazione di Davidson. Così dopo vari apporti dai forumisti sul punto (ma non il tuo), tu scrivi:

Nessuno mi ha ancora risposto... come filosofi lasciamo piuttosto a desiderare... non trovate?

Io e viand ti rispondiamo che ti abbiamo risposto (o almeno ci abbiamo provato), al contrario di quello che dici tu; poi continuiamo il nostro discorso sulla matematica. Gest O interviene anche lui, suggerendo che "la comunicazione si fonda innegabilmente sulla metafora e sulla suggestione." Continua il dibattito tra me e la viand, e poi tu posti il messaggio che ho quotato sopra.

Siamo ancora lontani anni luce dalla problematica che ho sollevato, colpa dell'incomunicabilità della mia scoperta... peccato.

Visto il tema, ho voluto analizzare quello che è qui successo (e la tua frase) per mostrare come in realtà - di solito - la comunicazione avvenga in modo efficacie. in questo caso ci sono stati delle riflessioni, ma tu non ci hai saputo indirizzare verso quello che ti interessava: non ci dicevi dove sbagliavamo, e noi scrivevamo ma non davi a vedere interessa per questo, infatti non hai praticamente mai risposto direttamente ad un nostro post. Quindi l'incomunicabilità si è qui verificata perchè hai postato troppo brevemente, non hai mai chiarito cosa andanvi cercando, e non hai quasi mai risposto esplicitamente ai nostri post. Quindi ci sono accortezze che bisogna evitare se si vuole che la comunicazione avvenga, infatti non è vero che ogni comunicazione è impossibile, ma non è neanche vero che le persone possano leggere nel pensiero altrui.


epicurus
[/quote]





Hai centrato in pieno il problema dell'incomunicabilita'!



Vaniglia
Vaniglia is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it