Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 07-11-2005, 06.04.05   #11
Lord Kellian
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2005
Messaggi: 348
Concordo con te che questo dimostri la non esistenza di Dio. Il Dio come lo intendiamo noi infatti è nato in un ben preciso contesto storico.

Prima degli ebrei l'idea di un Dio unico non c'era quasi da nessuna parte. Le prime divinità in cui credeva l'uomo, e in cui da qualche parte crede ancora, erano le "personificazioni" di eventi naturali, il dio del sole, il dio della pioggia, ecc.

Ma ciò, è stato scritto in altre discussioni, non dimostra l'inesistenza di Dio. E' assurdo, per me, pensare che un Dio universale abbia scelto proprio gli ebrei per fare la sua rivelazione. Non si capisce perché non abbia detto a tutti i popoli la stessa cosa. Era per metterci alla prova? Era un Dio molto umano, che non credeva alla parola dei figli se questi non dimostravano oltre ogni dubbio di credere in lui? Doveva per forza rivelarsi a una piccola componenente dell'umanità in modo che i politeisti si convertissero un po' alla volta? Ma che razza di Dio è?

Infatti, come ha detto VanLag, gli ebrei credevano in un dio personale, nel senso di nazionale. Ancora al tempo di Gesù e ancora per i primi cristiani le divinità pagane non erano inesistenti, ma erano delle divinità malvage.

Vi è poi la lunga storia di come il Dio di Cristo sia diventato il nostro Dio. Tutto questo dimostra che l'idea di Dio, è appunto un'idea, che ha avuto un lunghissimo percorso storico di formazione.

Quando si parla dell'assoluto, dell'uno e del bene bisognerebbe sapere che queste sono idee nate nella testa degli uomini e che prima non c'erano. E sto parlando di idee che a noi sono così famigliari che molti di noi non le mettono neanche in discussione, tanto ci sono attaccati.

Ma di questo forse ne parleremo meglio nell'altra discussione "Dio esiste?", chi lo sa?
Lord Kellian is offline  
Vecchio 07-11-2005, 12.04.40   #12
alessiob
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 749
Non posso fare altro che quotare tutto lo scritto di VanLag.

Aggiungo questa curiosità: I nostri antenati primitivi, migliaia di anni fa si chiesero cosa fossero i sogni. Questi erano estremamente misteriosi per loro, perfino oggi non ne è ben spiegata la natura e la causa.

Pare che proprio dai sogni sia nato il concetto di una vita dopo la morte. Questa vita era quella dei sogni a cui si accedeva quando il corpo sembrava morto.

Dunque ecco la possibile ricercatissima risposta alla grande domanda dell'uomo: Da dove nasce in principio la religione?

Dai sogni.





Dormite bene, questa notte...
alessiob is offline  
Vecchio 07-11-2005, 16.24.50   #13
marcobiagini
Ospite
 
Data registrazione: 03-11-2005
Messaggi: 35
Citazione:
Messaggio originale inviato da Lord Kellian

Prima degli ebrei l'idea di un Dio unico non c'era quasi da nessuna parte. Le prime divinità in cui credeva l'uomo, e in cui da qualche parte crede ancora, erano le "personificazioni" di eventi naturali, il dio del sole, il dio della pioggia, ecc.

Ma ciò, è stato scritto in altre discussioni, non dimostra l'inesistenza di Dio. E' assurdo, per me, pensare che un Dio universale abbia scelto proprio gli ebrei per fare la sua rivelazione. Non si capisce perché non abbia detto a tutti i popoli la stessa cosa.


E' una domanda importante, a cui il cristianesimo dà una chiara risposta; Dio voleva preparare un popolo alla venuta del Suo Figlio, che avrebbe annunciato la vera salvezza a tutti i popoli.
Perchè questo annuncio fosse compreso e predicato a tutte le genti, era necessario che un popolo avesse acquisito la maturità morale e spirituale sufficente per comprendere il messaggio e predicarlo in modo corretto. Dio, essendo libero, ha liberamente scelto quale dovesse essere questo popolo.


Marco
marcobiagini is offline  
Vecchio 07-11-2005, 16.27.15   #14
Lord Kellian
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2005
Messaggi: 348
Non mi sembra che gli ebrei dimostrassero maturità. Infatti volevano lapdarlo, come tu stesso hai detto, e proprio loro non l'hanno riconosciuto e lo aspettano anciora!

E poi questa idea di un Dio che sceglie un popolo è come quella di un giocatore che sceglie le proprie armate a Risiko. Chiedo scusa ai credenti, ma per me è semplicemente ridicola.
Lord Kellian is offline  
Vecchio 07-11-2005, 16.39.17   #15
marcobiagini
Ospite
 
Data registrazione: 03-11-2005
Messaggi: 35
Citazione:
Messaggio originale inviato da Lord Kellian
Non mi sembra che gli ebrei dimostrassero maturità. Infatti volevano lapdarlo, come tu stesso hai detto, e proprio loro non l'hanno riconosciuto e lo aspettano anciora!

E poi questa idea di un Dio che sceglie un popolo è come quella di un giocatore che sceglie le proprie armate a Risiko. Chiedo scusa ai credenti, ma per me è semplicemente ridicola.


Una parte degli ebrei voleva lapidarlo, ma una parte invece comprese il Suo messaggio, e questo fu sufficente, come la storia dimostra, alla diffusione del cristianesimo.
La storia dimostra che il tempo ed il luogo furono certamente scelti bene.

Non vedo nessuna logica nel tuo paragone con risiko; da parte mia trovo ridicolo il fatto che tu possa trovare ridicola l'idea di scegliere un popolo; la storia certamente insegna che questo ha funzionato per la diffusione del cristianesimo, e questo è un fatto oggetivo che non credo tu possa contestare.

Marco
marcobiagini is offline  
Vecchio 07-11-2005, 16.44.33   #16
Lord Kellian
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2005
Messaggi: 348
Si ha funzionato, lo ammetto. Però sono stati tutta una serie di popoli ellennizati e romanizzati ad accettare e a fare del cristianesimo una potenza sulla terra.

E poi il papa deve chiedere scusa ancora adesso per tutto quello che hanno fatto di male i cristiani...

E in fine non mi sembra che il messaggio abbia attecchito per l'umanità intera, che "indubbiamenta" è tutta figlia dello stesso Dio. Molti lo rigettano e molti preferiscono altre divinità.

Il futuro è incerto ma la Chiesa è sicuramente in crisi.

Come si fa?
Lord Kellian is offline  
Vecchio 07-11-2005, 16.52.47   #17
marcobiagini
Ospite
 
Data registrazione: 03-11-2005
Messaggi: 35
Citazione:
Messaggio originale inviato da Lord Kellian
Si ha funzionato, lo ammetto. Però sono stati tutta una serie di popoli ellennizati e romanizzati ad accettare e a fare del cristianesimo una potenza sulla terra.

E poi il papa deve chiedere scusa ancora adesso per tutto quello che hanno fatto di male i cristiani...

E in fine non mi sembra che il messaggio abbia attecchito per l'umanità intera, che "indubbiamenta" è tutta figlia dello stesso Dio. Molti lo rigettano e molti preferiscono altre divinità.

Il futuro è incerto ma la Chiesa è sicuramente in crisi.

Come si fa?

Il fatto che la diffusioone del cristianesimo nel mondo sia passata prima attraverso la conversione di popoli ellenizzati e romanizzati è del tutto irrilevante. Il fatto poi che i cristiani abbiano commessi molti errori e peccati nella storia è una conseguenza del libero arbitrio; essere cristiani non significa non essere più liberi di peccare. Anche il fatto che molti rigettino il messaggio cristiano è una conseguenza del libero arbitrio.

Alla tua domanda finale, non posso che rispondere che da parte mia posso solo continare a testmoniare la mia fede,

ciao,

marco
marcobiagini is offline  
Vecchio 07-11-2005, 16.57.44   #18
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da marcobiagini
E' una domanda importante, a cui il cristianesimo dà una chiara risposta; Dio voleva preparare un popolo alla venuta del Suo Figlio, che avrebbe annunciato la vera salvezza a tutti i popoli……
C’è poco di storico ed anche di filosofico nella tua affermazione. Ciò che credi è certamente da rispettare, però dovresti essere cosciente che non può esserci nessun dialogo su una tale affermazione.

VanLag is offline  
Vecchio 07-11-2005, 17.02.09   #19
marcobiagini
Ospite
 
Data registrazione: 03-11-2005
Messaggi: 35
Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
C’è poco di storico ed anche di filosofico nella tua affermazione. Ciò che credi è certamente da rispettare, però dovresti essere cosciente che non può esserci nessun dialogo su una tale affermazione.



E allora?
marcobiagini is offline  
Vecchio 07-11-2005, 17.05.21   #20
nexus6
like nonsoche in rain...
 
L'avatar di nexus6
 
Data registrazione: 22-09-2005
Messaggi: 1,770
forse dovresti aprirti un pò di più in un forum come questo

nexus6 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it