Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 06-02-2006, 17.26.52   #1
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
cos'è la filosofia?

c'è una definizione che non sia "amore per il sapere"?
r.rubin is offline  
Vecchio 06-02-2006, 17.36.58   #2
Heraclitus
Panta rei...
 
L'avatar di Heraclitus
 
Data registrazione: 28-01-2006
Messaggi: 181
La filosofia è chiedersi
*che cos'è l'esistenza,
*che cos'è la conoscenza
*che cos'è il bene.

ciao
Heraclitus is offline  
Vecchio 06-02-2006, 17.37.22   #3
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Re: cos'è la filosofia?

Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
c'è una definizione che non sia "amore per il sapere"?

Ciao rubin...
quella che tu riporti... più che una definizione... è l'etimologia del termine, e nulla di più...
Per una definizione... il discorso è assai complicato... alcuni dicono che ogni filosofo definisce la filosofia a suo modo...

Ma in ogni caso...
non credo che sia male dirti la seguente cosa...
La definizione molto all'osso da parte di Platone e Aristotele era questa: scienza dei principi e delle cause prime.

Per più dettagli... potrei trascriverti ciò che ha detto Enrico Berti a riguardo... ma ora non ho voglia...


Elia

Ultima modifica di Elijah : 06-02-2006 alle ore 17.39.43.
Elijah is offline  
Vecchio 06-02-2006, 17.37.56   #4
ottavio3
Ospite
 
L'avatar di ottavio3
 
Data registrazione: 06-02-2006
Messaggi: 38
dubbio

Non stai forse escludendo la verità a una delle possibili risposte?!?
ottavio3 is offline  
Vecchio 06-02-2006, 17.48.27   #5
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Citazione:
Messaggio originale inviato da Heraclitus
La filosofia è chiedersi
*che cos'è l'esistenza,
*che cos'è la conoscenza
*che cos'è il bene.

ciao

perchè "cos'è il bene", e non "cos'è il piacere?"
r.rubin is offline  
Vecchio 06-02-2006, 17.50.19   #6
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Re: dubbio

Citazione:
Messaggio originale inviato da ottavio3
Non stai forse escludendo la verità a una delle possibili risposte?!?

forse che anche chiedersi perchè la filosofia cerca la verità è filosofia?
r.rubin is offline  
Vecchio 06-02-2006, 17.57.49   #7
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Citazione:
Messaggio originale inviato da Elijah
alcuni dicono che ogni filosofo definisce la filosofia a suo modo...

per questo chiedevo.

Citazione:
La definizione molto all'osso da parte di Platone e Aristotele era questa: scienza dei principi e delle cause prime.

lasciamo che sia la tradizione a decidere cosa merita di essere indagato? non è limitante?

come se l'accademia di belle arti stabilisse quali figure meritano di essere dipinte da un giovane pittore..
r.rubin is offline  
Vecchio 06-02-2006, 20.06.37   #8
nora
Ospite
 
Data registrazione: 03-02-2006
Messaggi: 6
la filosofia studia il piacere, non lo esclude......
nora is offline  
Vecchio 06-02-2006, 20.34.40   #9
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
problem solving/dissolving

Per quando riguarda che cosa sia la filosofia, credo che vi siano due modi distinti di rispondere, ossia 2 modi di intendere la domanda.

Il primo e` piu` storicista (descrittivista): la domanda riceve risposta mostrando i nomi dei filosofi e le loro opere. Così si prende atto di un dato di fatto.

Il secondo e` piu` normativista: nel senso che si vorrebbe dice cosa dovrebbe essere un certo modo di intendere e fare filosofia.
dire che la filosofia è amare il sapere è - oltre che vado - scorretto, perchè troppo pomposo: la filosofia non dovrebbe essere intesa come un'attività sacra e slegata dal mondo, bensì dovrebbe essere considerata come una disciplina come molte altre, quindi essa si serve di risultati provenienti da diversi ambiti e continua ad indagare e corregersi.
'Filosofia' per me e` un'attivita` di problem-solving, e anche e soprattutto di problem-dissolving, di un dominio di problemi denominati 'problemi filosofici'. che cosa ci debba stare in questo calderone di problemi non è certo fissabile a priori e sicuramente esso è mutabile nel tempo (vedi i problemi filosofici che diventano scientifici, e viceversa).


epicurus
epicurus is offline  
Vecchio 06-02-2006, 23.05.05   #10
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
ultimamente la penso così:

I miei v i s s u t i, sono causati dall'i n t e r p r e t a z i o n e delle mie percezioni.
L'interpretazione è attribuzione di s i g n i f i c a t o ai fenomeni percepiti.
Il significato è il risultato di r e l a z i o n i t r a i d e e.

La filosofia è l'esplorazione dei diversi paesaggi mentali, mondi di significato, e la sperimentazione dei relativi modi di vivere.

Tenendo presente che il pensiero verbale segue proprie regole logiche, l'attività filosofica esplorativa non è fantasticheria.
E non lo è anche per un altro motivo: mentre la fantasticheria resta relegata nel mondo della fantasia, con scarsi influssi sulla realtà vissuta, il pensiero "esplorativo" influenza radicalmente il modo di concepire e vivere la realtà.

La cosa diventerebbe interessante se, a uguali modi di concettualizzare il mondo, corrispondessero uguali vissuti per tutti gli uomini. (non so se sia così).

La filosofica come chimica del pensiero: se unisco l'idea x e l'idea y risulta il vissuto G. E via così.
Potrebbe risultarne una guida turistica per esseri umani gettati nel mondo.


Lo scoglio più grande è questo: anche queste ricette possono essere considerate fantasie.
In questo modo non si calerebbero nella realtà e non genererebbero dei vissuti.
Perchè questo salto riesca serve una buona dose di convinzione: ad esempio uno studente di liceo può studiare platone, capire che per platone il mondo reale è il riflesso del mondo delle idee. Ma una cosa è capire, più o meno, come la pensava platone, ma senza credere che la sua visione fosse vera. Un'altra è essere convinti della visione del mondo di platone, e di conseguenza viverla in prima persona come verità.

Anzi, con questo esempio andiamo ancora meglio: una cosa è capire che i cristiani credono in Dio. Ma uno non ci crede, crede nel big bang, nella casualità di tutto, nella materia eccetera. Un'altra è credere in Dio, e allora in mondo viene illuminato di una luce mistica.

Insomma, bisognerebbe trovare la ricetta della fede..
r.rubin is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it