Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Riflessioni > La Riflessione
 La Riflessione - Commenti sugli articoli della omonima rubrica presente su WWW.RIFLESSIONI.IT - Indice articoli rubrica


Vecchio 10-07-2011, 21.58.08   #31
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Si paure esterne o comunque fattori esterni all'uomo, alla sua natura, o se preferisci, al suo DNA. Ma allora il problema diventa quello di capire quali sono queste influenze e come esse sono penetrate nella nostra coscienza e, ulteriore passo, comprendere, se possibile, come disfare questa orrenda trama.
Comunemente si afferma: la tua è una domanda da un milione di euro e, come tale, non mi avventurerò in una spiegazione generale, ma mi fermo sul personale. Così potrò sempre affermare: per me è così per altri non so.
A mio modo di vedere, ho affermato che l'egoismo è frutto della paura, volendomi riferire a quella esistenziale, perché costretti, per il momento, a vivere "una vita al buio".
Ovvero: senza sapere il perché e il per come di questa nostra presenza. Non sembrerebbe ma, personalmente, questo mistero m’influenza moltissimo nel non essere sereno e fiducioso nel futuro. Premetto che professionalmente sono completamente realizzato, ma credo che sia proprio a causa dei quesiti esistenziali che ci poniamo che nasca l'equazione che porta all'egoismo. Ovvero: l'incognito = Paura, Paura = Egoismo. Se per un attimo ci soffermassimo sulla storia umana, a capo delle dittature o delle dinastie ci sono stati sempre i più paurosi, e gli ultimi comportamenti dei dittatori africani e arabi, a mio modo di vedere, ne sarebbero la conferma. Gheddafi è un discorso a parte, poiché ha compreso benissimo che l'occidente gli sta facendo pagare la strage dell'aereo fatto saltare dai suoi sicari e, quindi, sa perfettamente che l'unico modo per campare ancora qualche tempo, è quello di rimanere al suo posto.
Questo concetto del più pauroso sullo scranno più alto, è un po’ come la questione dei confini di un paese che, a forza di dilatarli per mantenere sempre più lontano i pericoli dal centro, alla fine si sono formati gli Imperi.
Come disfare l'orrenda trama? Bhe! Questo è comprensibile dall'assunto.

Ultima modifica di Tempo2011 : 11-07-2011 alle ore 14.08.05.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 13-07-2011, 17.40.18   #32
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
la tua è una domanda da un milione di euro
Se usassimo bene questi spazi comuni e se usassimo questi spazi per il bene comune, forse potremmo risolvere anche le domande da milioni di euro.
Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
.........l'egoismo è frutto della paura, volendomi riferire a quella esistenziale..........
Interessante la tua disanima sulla paura in genere e sulla paura esistenziale in particolare. Soprattutto se si pensa che l'ignoranza esistenziale è direttamente collegata alla non conoscenza di se stessi e all'ignoranza sulla nostra identità.

Spero sia chiara la relazione su conoscenza di se stessi e paura esistenziale. Se non so esattamente chi o cosa sono, non conosco neppure il mio posto ed il mio scopo nella vita e le mie relazioni con tutto ciò che mi circonda.

Ad esempio l'uomo in genere è esageratamente protettivo verso se stesso e distruttivo verso l'ambiente. Questo atteggiamento potrebbe variare se l'uomo realizzasse che l'ambiente che lo circonda è parte integrante della sua identità, cioè dell'”io sono”.

Se la chiarezza sulla nostra esistenza configurasse un soggetto che non è più separato da quello che lo circonda, (ed io credo sia così), l'uomo si metterebbe ad avere la stessa cura e lo stesso amore che ha per se stesso anche verso quello che lo circonda, altri esseri umani inclusi e questo sarebbe la fine dell'egoismo becero e distruttivo che invece opera nel mondo moderno.

Fermerei qui il discorso perché quello dell'identità e dei problemi esistenziali sono temi enciclopedici e farei un'altra domanda da un milione di dollari. Cosa o chi ci ha portati ad avere l'idea che oggi abbiamo di noi stessi? Oppure: chi o cosa ha gettato il velo dell'ignoranza su noi stessi e sulle nostre relazioni con la vita?
VanLag is offline  
Vecchio 15-07-2011, 23.05.22   #33
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
la tua è una domanda da un milione di euro
Citazione:
VanLag
Se usassimo bene questi spazi comuni e se usassimo questi spazi per il bene comune, forse potremmo risolvere anche le domande da milioni di euro.

Citazione:
Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
.........l'egoismo è frutto della paura, volendomi riferire a quella esistenziale..........
Citazione:
VanLang
Interessante la tua disanima sulla paura in genere e sulla paura esistenziale in particolare. Soprattutto se si pensa che l'ignoranza esistenziale è direttamente collegata alla non conoscenza di se stessi e all'ignoranza sulla nostra identità. ../..

../.. Fermerei qui il discorso perché quello dell'identità e dei problemi esistenziali sono temi enciclopedici e farei un'altra domanda da un milione di dollari. Cosa o chi ci ha portati ad avere l'idea che oggi abbiamo di noi stessi? Oppure: chi o cosa ha gettato il velo dell'ignoranza su noi stessi e sulle nostre relazioni con la vita?
Certamente, non sarò io a poterti rispondere, anche se, qualche mezza idea ce l'ho anche io. Però la realtà che ci circonda è talmente evidente e consolidata che, non si può fare a meno di preoccuparsi. Allora diciamo che la mancanza d’identità è un male mondiale o, altrimenti, questa identità personale non esiste o è sovrastata dalla paura esistenziale.
Un esempio su tutti: è mai possibile che Dominique Strauss - Kahn, il presidente della Banca Mondiale, rinunci ad anni di studi, di sacrifici, di onorificenze, all'onore della propria famiglia e a quello del suo paese, per un banale rapporto sessuale con una semplice donna che, tra l'altro nemmeno conosceva?
Che cosa ci porta a pensare questo insignificante comportamento che, probabilmente, nemmeno il più semplice degli uomini avrebbe messo in atto?
Il fatto che lui non abbia previsto che la storia venisse fuori, non ha nessuna importanza, mentre è importante che lo abbia attuato.
Certamente è un solo esempio, ma tu sai benissimo che potremmo riempirci una biblioteca completa se li andassimo a elencare tutti, a incominciare da quei papi che proteggono i pedofili e poi sono beatificati, fino a vescovi e cardinali, con la stessa abominevole colpa che, poi, sono eletti papi. Ho elencato il primo episodio che più mi è rimasto impresso e il più recente.
Insomma, voglio dire, è possibile che questi capi di popoli e di genti di tutto il mondo, non abbiano sviluppato la conoscenza su se stessi e siano ignoranti sulla propria identità? Come potrai costatare,questa è un'altra di quelle domande da un milione di dollari, anche se svalutati.
Per il momento, due a uno in tuo favore e palla al centro.

Ultima modifica di Tempo2011 : 16-07-2011 alle ore 13.08.22.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 16-07-2011, 21.41.16   #34
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Certamente, non sarò io a poterti rispondere, anche se, qualche mezza idea ce l'ho anche io. Però la realtà che ci circonda è talmente evidente e consolidata che, non si può fare a meno di preoccuparsi. Allora diciamo che la mancanza d’identità è un male mondiale ../ ..

../ .. Ho elencato il primo episodio che più mi è rimasto impresso e il più recente.
Insomma, voglio dire, è possibile che questi capi di popoli e di genti di tutto il mondo, non abbiano sviluppato la conoscenza su se stessi e siano ignoranti sulla propria identità? Come potrai costatare,questa è un'altra di quelle domande da un milione di dollari, anche se svalutati.
Sei sicuro che per indagare l'egoismo prendere in esame la gamma dei potenti sia un metodo efficace?
Sicuramente l'egoismo dei potenti è un qualche cosa di evidente sia perché i potenti sono personaggi pubblici sia perché il male che fanno dall'alto dei loro scranni provoca danni ingenti sia morali/culturali che materiali. E non bastano a mitigare il male i pochi potenti in buona fede, come ad esempio il Mahatma Gandhi, Nelson Mandela, Evo Morales e pochi altri.
Indubbiamente il potere com'è oggi ha una “natura oscena”, (perifrasi rubata a Niki Vendola) ed il potente ha spesso un ego ipertrofico ed un narcisimo malato che ne motivano le perversioni.
Tra l'altro “ego ipertrofico” e “narcisimo” sono due segnali di molto poca conoscenza di se stessi.
Però, per tornare a bomba, torno a chiedere ed a chiedermi se l'esame sull'egoismo becero e distruttivo non vada indagato guardando tutta l'umanità e non solo una parte di essa e guardando i singoli uomini che questa umanità la compongono.
Un'altra cosa interessante in questo procedere può essere quello di vedere le culture del pianeta. Quella asiatica, quella occidentale, quella araba e la ormai scomparsa cultura pellerossa. Non che esista o sia mai esistita una società di “altruisti”, questo no; ma in alcune culture sembra che l'egoismo sia e soprattutto sia stato più, diciamo, “furbo” e se lasciate a loro stesse alcune culture avrebbero forse portato ad uno sviluppo diverso dell'uomo e della sua società. Purtroppo ai nostri giorni le culture sono ormai così inter-allaciate che l'influenza delle une sulle altre è ormai troppo avanzata e se esiste un germe dell'egoismo becero, questo è ormai stato diffuso in tutto il pianeta.

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Per il momento, due a uno in tuo favore e palla al centro.
Nessuna palla e nessun centro. Lasciamo questa immagine sportiva ai tifosi. Personalmente non vivo il dialogo come una competizione, anche se spesso, proprio in questo forum, mi ci hanno tirato per i capelli. Sarei invece felice di trovare qualcuno che mi indicasse, non dico delle soluzioni, ma almeno delle buone idee. Si buone idee per sprimacciare questo humus culturale nel quale siamo immersi che è ormai impaludato.
Poi mi piace pensare che mentre io e te parliamo altri seguendo il dialogo si sentano spinti ad intervenire portando altri apporti. Chissà che tra noi non ci sia chi ha le risposte alle domande da milioni di dollari e sia disposto a condividerle gratis.

VanLag is offline  
Vecchio 17-07-2011, 09.34.10   #35
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
VanLag
Sei sicuro che per indagare l'egoismo prendere in esame la gamma dei potenti sia un metodo efficace?
Sicuramente l'egoismo dei potenti è un qualche cosa di evidente sia perché i potenti sono personaggi pubblici sia perché il male che fanno dall'alto dei loro scranni provoca danni ingenti sia morali/culturali che materiali. E non bastano a mitigare il male i pochi potenti in buona fede, come ad esempio il Mahatma Gandhi, Nelson Mandela, Evo Morales e pochi altri.
Indubbiamente il potere com'è oggi ha una “natura oscena”, (perifrasi rubata a Niki Vendola) ed il potente ha spesso un ego ipertrofico ed un narcisimo malato che ne motivano le perversioni.
Tra l'altro “ego ipertrofico” e “narcisimo” sono due segnali di molto poca conoscenza di se stessi.
Non so se sarò in grado di rispondere a questa domanda però, tenendo in considerazione le "divine" qualità che bisognerebbero possedere per diventare papa, il pensiero è stato illuminante: quello è il migliore. Non a caso ho portato un esempio religioso "cristiano" e non laico/berlusconiano. Ovvero, di sicuro anche Silvio dovrebbe avere doti morali e dignità da vendere, per pretendere di occupare il posto che ha; ma a lui, però, non gli è venuto mai in mente di parlare di carità cristiana e nemmeno di applicarla; anzi no! L'ha fatto una sola volta con la nipote di Mubarak, poi mai più.
Per altro, ho portato l'esempio dei potenti per essere coerente con l'equazione che ho riportato e che vado a ripetere: l'ignoto Esistenziale = Paura, Paura = Egoismo. Con questa formuletta ne deriva che, più si è paurosi più tentiamo di aggrapparci in alto, proprio per paura di affogare nel mare esistenziale.
Citazione:
Però, per tornare a bomba, torno a chiedere ed a chiedermi se l'esame sull'egoismo becero e distruttivo non vada indagato guardando tutta l'umanità e non solo una parte di essa e guardando i singoli uomini che questa umanità la compongono.
Un'altra cosa interessante in questo procedere può essere quello di vedere le culture del pianeta. Quella asiatica, quella occidentale, quella araba e la ormai scomparsa cultura pellerossa. Non che esista o sia mai esistita una società di “altruisti”, questo no; ma in alcune culture sembra che l'egoismo sia e soprattutto sia stato più, diciamo, “furbo” e se lasciate a loro stesse alcune culture avrebbero forse portato ad uno sviluppo diverso dell'uomo e della sua società. Purtroppo ai nostri giorni le culture sono ormai così inter-allaciate che l'influenza delle une sulle altre è ormai troppo avanzata e se esiste un germe dell'egoismo becero, questo è ormai stato diffuso in tutto il pianeta.
Dal nostro "piccolo" sarebbe più facile indagare un quadratino per volta, ma se per analizzare l'egoismo dell'umanità intera ti riferisci all’ambiente delle culture, allora sono pienamente d'accordo con te.
A mio modo di vedere, guardando le culture di tutto il mondo, togliendo quella occidentale basata su una contrapposizione degli utili capitalistici e di una tecnologia devastante e inarrivabile, tutte le altre sono più a dimensione di uomo. Ovvero: più sostenibili e, quindi, più sopportabili.
Con questo che voglio affermare? Voglio dire che, più allontaniamo le possibilità o capacità dell'uomo dal mondo che lo circonda, più aumenta il disagio esistenziale, più aumenta la paura e, quindi, l'egoismo. Questo si può notare in tempi di globalizzazione, quando le culture a dimensione di uomo si mescolano con la bestia occidentale dello schiavismo consumistico; ecco allora che, sentendosi inadeguato, il pellerossa, inizia a prendere quelle abitudini che non riescono a sostenere con le proprie forze, e allora, in quel momento di confusione "identitaria" (forse quella cui parlavi tu), ecco che si attacca al collo di una bottiglia di whisky scadente.
Citazione:
Nessuna palla e nessun centro. Lasciamo questa immagine sportiva ai tifosi. Personalmente non vivo il dialogo come una competizione, anche se spesso, proprio in questo forum, mi ci hanno tirato per i capelli. Sarei invece felice di trovare qualcuno che mi indicasse, non dico delle soluzioni, ma almeno delle buone idee. Si buone idee per sprimacciare questo humus culturale nel quale siamo immersi che è ormai impaludato.
La mia non voleva essere una competizione VanLag, sopratutto con te che ho apprezzato ancor prima di entrare in questo forum, ma voler staccare per un attimo la spina da temi abbastanza impegnativi. In pratica, solo una tecnica per scendere dall'Universo e tornare a casa per ricaricare le batterie. Una dimensione umana per restare con i piedi ancorati alla terra.

Ultima modifica di Tempo2011 : 17-07-2011 alle ore 20.49.48.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 17-07-2011, 21.14.04   #36
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Per altro, ho portato l'esempio dei potenti per essere coerente con l'equazione che ho riportato e che vado a ripetere: l'ignoto Esistenziale = Paura, Paura = Egoismo.
I potenti sono espressione del nostro volere ed al tempo stesso sono quelli che guidano l'evoluzione nostra e delle nostre società. Forse è vero che esaminando loro e le loro vite possiamo trarre un quadro esaustivo per esaminare il nostro egoismo. Ma non riesco ad uniformarmi al tuo pensiero che i potenti sono i più paurosi.

Concordo invece sull'idea che l'ignoranza esistenziale sia collegata con l'egoismo ma, anche qui, non riesco a vedere fino a che punto. Nella mia esperienza è sicuramente vero che il “conoscitore di se stesso” non può essere egoista, ma questo sancisce automaticamente che il “non conoscitore di sé” deve per forza essere egoista?

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Dal nostro "piccolo" sarebbe più facile indagare un quadratino per volta, ma se per analizzare l'egoismo dell'umanità intera ti riferisci all’ambiente delle culture, allora sono pienamente d'accordo con te.
Ovvio che non possiamo indagare uno per uno l'egoismo di sei miliardi di esseri viventi ed è necessario generalizzare pur coi rischi che la generalizzazione contiene. I potenti come specchio dei sudditi o le società unite da un uguale humus culturale sono, secondo me, degli esempi di generalizzazioni praticabili.

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Con questo che voglio affermare? Voglio dire che, più allontaniamo le possibilità o capacità dell'uomo dal mondo che lo circonda, più aumenta il disagio esistenziale, più aumenta la paura e, quindi, l'egoismo.
Questo è un concetto importante. L'uomo che ha perso il contatto con la terra. L'uomo che ha perso i valori della civiltà contadina, senza capire con quali altri valori sostituirli se non con il “dio denaro”. E' un concetto che avendo tempo sarebbe interessante ampliare.


Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Questo si può notare in tempi di globalizzazione, quando le culture a dimensione di uomo si mescolano con la bestia occidentale dello schiavismo consumistico; ecco allora che, sentendosi inadeguato, il pellerossa, inizia a prendere quelle abitudini che non riescono a sostenere con le proprie forze, e allora, in quel momento di confusione "identitaria" (forse quella cui parlavi tu), ecco che si attacca al collo di una bottiglia di whisky scadente.
Il pellerossa di oggi che si attacca alla bottiglia di wisky è un superstite di una società e di una cultura, scomparse.
Per misurare la diversità della nostra cultura da quella dei pellerossa bisogna andare ai tempi di Colombo quando l'intrepido Cristoforo guardava divertito a questi selvaggi e pensava a come sarebbe stato facile farli schiavi per fare un dono alla regina Elisabetta e rubare le loro ricchezze. Mentre questi selvaggi guardavano ai nuovi arrivati con reale curiosità ed apertura di cuore. E questo non lo dico io ma è testimoniato da Bartolomeo de Las Casas, un prete al seguito di Colombo che poi prese le difese dei nativi americani.

Non ti sei mai chiesto perché nei film di fantascienza l'eventuale alieno è sempre mostrato come ostile, mostruoso e predatore?
E' una proiezione della nostra mente occidentale. L'alieno è ostile, mostruoso e predatore perché noi siamo stati ostili, mostruosi e predatori e lo siamo ancora. Ma questo dimostra solo che essere diversi è possibile.

VanLag is offline  
Vecchio 18-07-2011, 10.27.29   #37
jador
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-08-2009
Messaggi: 154
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione Tempo 2011
"A mio modo di vedere, ho affermato che l'egoismo è frutto della paura, volendomi riferire a quella esistenziale, perché costretti, per il momento, a vivere "una vita al buio".
Ovvero: senza sapere il perché e il per come di questa nostra presenza."

Il voler sapere il perche' e il per come di questa esistenza,a mio avviso, paradossalmente allontana dalla consapevolezza di essere un tutt'uno con ciò che esite.
Questa paura esistenziale nasce proprio dal sentirsi distinti dal mondo, da un senso si separativita', che l'ego combatte, per paura, con la sopraffazione verso i propri simili,con la competizione, con l'avidita', il materialismo, la distruzione dell'ambiente,
Un IO sempre ossessionato dall'"essere qualcosa" per la paura di non esistere, che non lascia spazio al "sentire", che ci separa sempre piu'.
Mi sembra piu' un eccesso di identita' personale che una mancanza della stessa.

Citazione VanLag
"Concordo invece sull'idea che l'ignoranza esistenziale sia collegata con l'egoismo ma, anche qui, non riesco a vedere fino a che punto. Nella mia esperienza è sicuramente vero che il “conoscitore di se stesso” non può essere egoista, ma questo sancisce automaticamente che il “non conoscitore di sé” deve per forza essere egoista?"

Non credo sia necessariamente egoista, nel senso stretto della parola, ma puo' esserlo nel senso che cio' che fa per amore, in realta' sia solo un modo per ottenere ricompensa se non dal punto di vista materiale, ma per una gratificazione del proprio ego.
jador is offline  
Vecchio 18-07-2011, 12.09.01   #38
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
Citazione:Originalmente inviato da Tempo2011
Per altro, ho portato l'esempio dei potenti per essere coerente con l'equazione che ho riportato e che vado a ripetere: l'ignoto Esistenziale = Paura. Paura = Egoismo.
[quote]
Citazione:
Originalmente inviato da [B
VanLag][/b]I potenti sono espressione del nostro volere ed al tempo stesso sono quelli che guidano l'evoluzione nostra e delle nostre società. Forse è vero che esaminando loro e le loro vite possiamo trarre un quadro esaustivo per esaminare il nostro egoismo. Ma non riesco ad uniformarmi al tuo pensiero che i potenti sono i più paurosi.

Per essere precisi, i potenti non sempre sono stati il frutto della volontà popolare; ma questo non centra con i nostri contenuti.
Ho affermato che sono più paurosi poiché prima di essere potenti, fanno del tutto per diventarlo, spinti dal proprio egoismo, dettato dalla paura che alberga in loro. Un esempio cui possiamo assistere in diretta televisiva è quello rappresentato dal nostro Presidente del Consiglio. Ovvero: In qualsiasi paese del mondo occidentale, un Presidente del Consiglio si sarebbe dimesso dal proprio incarico, solo perché, in un momento di distrazione, si era dimenticato di pagare il biglietto del tram. Mentre il nostro ha calpestato la propria dignità, quella della sua famiglia e del suo paese, pur di rimanere in quel posto super protetto dalle insidie esistenziali. In tal senso ho solo costruito la buccia esterna della storia, ma se guardi dentro, vi sono tanti contenuti e ragioni per ritenere la mia ipotesi meritevole di riflessione.
Citazione:

VanLag
Concordo invece sull'idea che l'ignoranza esistenziale sia collegata con l'egoismo ma, anche qui, non riesco a vedere fino a che punto. Nella mia esperienza è sicuramente vero che il “conoscitore di se stesso” non può essere egoista, ma questo sancisce automaticamente che il “non conoscitore di sé” deve per forza essere egoista?

Perdonami VanLag ma, questa tua precisazione evidenzia ancora di più che, il conoscitore di se stesso ha "attenuato" la paura esistenziale, mentre il non conoscitore è ancora in completa balia della stessa. Purtroppo quelli che riescono a conoscere se stessi, da quello che possiamo vedere intorno a noi, sono una striminzita minoranza; per questo l'egoismo è dilagante e distruggente.
Citazione:
Ovvio che non possiamo indagare uno per uno l'egoismo di sei miliardi di esseri viventi ed è necessario generalizzare pur coi rischi che la generalizzazione contiene. I potenti come specchio dei sudditi o le società unite da un uguale humus culturale sono, secondo me, degli esempi di generalizzazioni praticabili.
Ho parlato di quadratini e non di singolo. Per altro, mi sembra che è quello che ho descritto.
Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Dal nostro "piccolo" sarebbe più facile indagare un quadratino per volta, ma se per analizzare l'egoismo dell'umanità intera ti riferisci all’ambiente delle culture, allora sono pienamente d'accordo con te.
Con questo che voglio affermare? Voglio dire che, più allontaniamo le possibilità o capacità dell'uomo dal mondo che lo circonda, più aumenta il disagio esistenziale, la paura e, quindi, l'egoismo.
Citazione:
VanLag
Questo è un concetto importante. L'uomo che ha perso il contatto con la terra. L'uomo che ha perso i valori della civiltà contadina, senza capire con quali altri valori sostituirli se non con il “dio denaro”. E' un concetto che avendo tempo sarebbe interessante ampliare.

Non si riferiva specificatamente alla civiltà contadina, ma a quelle culture che vivono ancora secondo un canone accettabile per l'uomo e non in una dimensione che superi le proprie possibilità, sia conoscitive sia fisiche.
Ti porto un esempio: pomposamente si afferma che l'uomo è andato sulla Luna, benissimo, ma dei sei miliardi di umani che vivono su questa terra, quanti sarebbero capaci di andare sulla Luna? Comprendi quale importanza voglio dare anche al gap tecnologico che separa la stragrande umanità da una striminzita maggioranza di alieni?
In pratica, tra i primi e i secondi vi è un divario di quattrocento anni di differenza tecnica. Allora mi riferivo a quelle civiltà, sopratutto africane e orientali che hanno vissuto, per motivi vari, a dimensione delle possibilità umane. Ora che stanno vivendo anche loro la globalizzazione, tramite l'emigrazione forzata, sono presi da quell'angoscia esistenziale, né più né meno di quanto prenda a noi. Eppure quando erano nel loro paese quest’angoscia era solo preoccupazione per la mancanza di cibo, di acqua, di malattie ecc. Nel momento in cui si sono inseriti nei paesi occidentali, l'angoscia è diventata veramente"angoscia".
Per altro, non credo che questi emigranti, quando erano nel loro paese, avessero tutti la consapevolezza di se stessi: eppure non avevano l'angoscia esistenziale dell'uomo occidentale.
Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Questo si può notare in tempi di globalizzazione, quando le culture a dimensione di uomo si mescolano con la bestia occidentale dello schiavismo consumistico; ecco allora che, sentendosi inadeguato, il pellerossa, inizia a prendere quelle abitudini che non riescono a sostenere con le proprie forze, e allora, in quel momento di confusione "identitaria" (forse quella cui parlavi tu), ecco che si attacca al collo di una bottiglia di whisky scadente.
Citazione:
VanLag
Il pellerossa di oggi che si attacca alla bottiglia di wisky è un superstite di una società e di una cultura, scomparse.
Per misurare la diversità della nostra cultura da quella dei pellerossa bisogna andare ai tempi di Colombo quando l'intrepido Cristoforo guardava divertito a questi selvaggi e pensava a come sarebbe stato facile farli schiavi per fare un dono alla regina Elisabetta e rubare le loro ricchezze. Mentre questi selvaggi guardavano ai nuovi arrivati con reale curiosità ed apertura di cuore. E questo non lo dico io ma è testimoniato da Bartolomeo de Las Casas, un prete al seguito di Colombo che poi prese le difese dei nativi americani.

Credevo fosse chiaro che il paragone con i nativi americani del passato ben rappresentasse l'impatto devastante che ha avuto subito dopo "l'incontro" con le culture europee.
Citazione:
VanLag
Non ti sei mai chiesto perché nei film di fantascienza l'eventuale alieno è sempre mostrato come ostile, mostruoso e predatore?E' una proiezione della nostra mente occidentale. L'alieno è ostile, mostruoso e predatore perché noi siamo stati ostili, mostruosi e predatori e lo siamo ancora. Ma questo dimostra solo che essere diversi è possibile.
Che significa: "essere diversi è possibile"?
Tempo2011 is offline  
Vecchio 18-07-2011, 21.57.39   #39
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Perdonami VanLag ma, questa tua precisazione evidenzia ancora di più che, il conoscitore di se stesso ha "attenuato" la paura esistenziale, mentre il non conoscitore è ancora in completa balia della stessa. Purtroppo quelli che riescono a conoscere se stessi, da quello che possiamo vedere intorno a noi, sono una striminzita minoranza; per questo l'egoismo è dilagante e distruggente.

Faccio il pignolino: Il conoscitore di se stesso non ha “attenuato” la paura esistenziale. Diciamo che l'ha dissolta nella consapevolezza di sé o nella consapevolezza in genere. Ma qui il discorso di fa lungo e complesso ed anche fuorviante.
E' vero che i conoscitori di se stessi sono pochissimi e non è pensabile che il mondo si trasformi perché tutti hanno risolto i loro dubbi esistenziali conoscendo la loro vera natura quindi, se volgiamo lavorare sull'egoismo occorre un altro approccio. Io credo che dobbiamo lavorare sull'humus culturale che ha formato le nostre società, almeno se è vero che una società diversa è possibile.

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Non si riferiva specificatamente alla civiltà contadina, ma a quelle culture che vivono ancora secondo un canone accettabile per l'uomo e non in una dimensione che superi le proprie possibilità, sia conoscitive sia fisiche.

Dal neolitico, (3000 - 4000 a.c.) da quando cioè l’uomo si trasformò da cacciatore in agricoltore, a circa duecento anni fa, uno stesso tipo di società, cioè la società contadina è stata la nostra realtà e i valori ad essa connessi hanno permeato le nostre vite.
Circa duecento anni fa, ingenti cambiamenti hanno mutato il nostro modo di vivere di relazionarci. Grandi masse di popolazione sono migrate dalla campagna alle città. L’elettricità ha trasformato la notte in giorno. Il vapore ed il petrolio hanno messo in moto le macchine e le macchine hanno aiutato l’uomo a costruire, ponti, viadotti, autostrade, grattacieli, ferrovie, porti, centri commerciali, etc. Navi, aerei, treni ed automobili, hanno reso possibili in poche ore spostamenti che precedentemente richiedevano mesi se non anni. La carta stampata, la radio e la televisione ci hanno portato in casa mondi lontani ed i computer ed i cellulari ci hanno aperto la strada ad una pluralità di comunicazioni che i nostri avi neppure potevano immaginare.
Forse l'angoscia che tu tanto bene evidenzi nasce da questo cambiamento così radicale, cambiamento per il quale, fra l'altro, non abbiamo nel nostro DNA le informazioni per affrontarlo e gestirlo. Non angoscia esistenziale, quindi, ma angoscia per un futuro arrivato troppo in fretta.


Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Che significa: "essere diversi è possibile"?
E' possibile cambiare l'humus culturale. Ma per farlo occorre un qualche cosa di simile a quello che la psicanalisi fa con l'individuo. Cioè un popolo dovrebbe avere ed incoraggiare degli anticorpi, (degli studiosi), che guardino in maniera critica al proprio passato, alla propria storia, per riconoscere tutto il male fatto e subito, al fine di rielaborarlo per superarlo in maniera da non farlo e non subirlo più.
Andare avanti con così tanto male irrisolto porterà l'uomo all'auto-distruzione come del resto stà già avvenendo.


Citazione:
Originalmente inviato da jador
Non credo sia necessariamente egoista, nel senso stretto della parola, ma puo' esserlo nel senso che cio' che fa per amore, in realta' sia solo un modo per ottenere ricompensa se non dal punto di vista materiale, ma per una gratificazione del proprio ego.

Può esserlo si, ma può anche essere altruista perché si è creato in qualche modo una scala di valori che lo porta al bene, inteso in senso lato.

VanLag is offline  
Vecchio 20-07-2011, 07.09.39   #40
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011.
Perdonami VanLag ma, questa tua precisazione evidenzia ancora di più che, il conoscitore di se stesso ha "attenuato" la paura esistenziale, mentre il non conoscitore è ancora in completa balia della stessa. Purtroppo quelli che riescono a conoscere se stessi, da quello che possiamo vedere intorno a noi, sono una striminzita minoranza; per questo l'egoismo è dilagante e distruggente.
Citazione:
VanLag
Faccio il pignolino: Il conoscitore di se stesso non ha “attenuato” la paura esistenziale. Diciamo che l'ha dissolta nella consapevolezza di sé o nella consapevolezza in genere. Ma qui il discorso si fa lungo e complesso ed anche fuorviante.
E' vero che i conoscitori di se stessi sono pochissimi e non è pensabile che il mondo si trasformi perché tutti hanno risolto i loro dubbi esistenziali conoscendo la loro vera natura quindi, se volgiamo lavorare sull'egoismo occorre un altro approccio. Io credo che dobbiamo lavorare sull'humus culturale che ha formato le nostre società, almeno se è vero che una società diversa è possibile.
Dal neolitico, (3000 - 4000 a.c.) da quando cioè l’uomo si trasformò da cacciatore in agricoltore, a circa duecento anni fa, uno stesso tipo di società, cioè la società contadina è stata la nostra realtà e i valori ad essa connessi hanno permeato le nostre vite.
Mi trova d'accordo sul fatto che la consapevolezza personale, essendo circoscritta a pochi ed essendo una prerogativa della casualità, non potrà mai essere l'arma vincente per cambiare il mondo, ma essa resta solo come testimonianza di cosa si potrebbe attuare con essa.
Contemporaneamente, sono d'accordo sul fatto che si debba lavorare sulle culture esistenti nel mondo e, in questo senso avevo iniziato a scavalcare la cultura contadina che, come sappiamo, per eccellenza è a dimensione di uomo, mettendo in campo quelle che hanno continuato a mantenere quella dimensione, anche dopo il parziale tramonto di quella cultura. Sono poche, sono tante? Non so rispondere a questa domanda; però mi sembra che esistano e andrebbero studiate, elaborate e applicate, poiché la cultura occidentale basata solo sui meccanismi d’interesse privato utilitaristico, con un piccolo accenno solidaristico, non avrà, ed è giusto che sia così, uno sbocco universalmente valido e umano. Per altro, non è il futuro che è arrivato troppo in fretta, ma semplicemente la tecnologia che, come la consapevolezza di se stessi, è una prerogativa per pochi eletti. Non per niente ho portato l'esempio dell'uomo sulla Luna.
Citazione:
VanLag
E' possibile cambiare l'humus culturale. Ma per farlo occorre un qualche cosa di simile a quello che la psicanalisi fa con l'individuo. Cioè un popolo dovrebbe avere ed incoraggiare degli anticorpi, (degli studiosi), che guardino in maniera critica al proprio passato, alla propria storia, per riconoscere tutto il male fatto e subito, al fine di rielaborarlo per superarlo in maniera da non farlo e non subirlo più.
Andare avanti con così tanto male irrisolto porterà l'uomo all'auto-distruzione come del resto sta già avvenendo.
Insieme alla tecnica da te indicata, io aggiungerei che per iniziare necessiterebbe, sopratutto, la volontà di attuarla.
Tempo2011 is offline  

 

« - | Islam e ragione »


Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it