Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Riflessioni > La Riflessione
 La Riflessione - Commenti sugli articoli della omonima rubrica presente su WWW.RIFLESSIONI.IT - Indice articoli rubrica


Vecchio 18-07-2007, 10.56.31   #1
webmaster
Ivo Nardi
 
L'avatar di webmaster
 
Data registrazione: 10-01-2002
Messaggi: 957
Arrow Quale amore? Quale felicità?

Apro questo thread per segnalare e offrire a tutti la possibilità di riflettere sul nuovo saggio pubblicato nella rubrica La Riflessione dal titolo: Quale amore? Quale felicità? di Domenico Pimpinella.
Il saggio è un testo in fieri, l’autore offre ai lettori l’occasione di partecipare alla sua composizione e quindi al suo sviluppo.

Dal saggio:

"…così dovrebbe essere pure per la società. Individui pluricellulari che mettono al servizio di un progetto comune le proprie qualità fino a che queste si fondono in un nuovo organismo capace di portare alla ribalta possibilità che nessuno di loro preso singolarmente può attuare".

"Un appello accorato a tutti gli uomini affinché abbraccino la causa del rinnovamento, dell’autocostruzione di individui di terzo ordine che un domani si possano ritrovare tutti identificati con una società di cui andare orgogliosi".
webmaster is offline  
Vecchio 19-07-2007, 10.59.38   #2
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
Originalmente inviato da webmaster

Dal saggio:

"…così dovrebbe essere pure per la società....


“Il suono irrealistico che hanno queste proposizioni è indicativo non tanto del loro carattere utopico, quanto dell’intensità delle forze che impediscono di tradurle in atto.” Recitava così H. Marcuse nel presentare, quasi ironicamente, ma non certo attraverso scarne argomentazioni, una civiltà che presa coscienza della maturazione cui è giunta, cominciava ad interrogarsi relativamente al suo futuro.
Nella concezione Freudiana, la storia dell’uomo è la storia della sua repressione che l’ha condotto dal principio del piacere al principio della realtà. Il passaggio dall’uno all’altro è traumatico per l’uomo che in tal caso si accorge di dover rinunciare ad un piacere pieno e completo ma che non offrirebbe garanzie per il suo futuro, in virtù di una più lunga e duratura sicurezza. Il principio degli impulsi biologici dev’essere sottomesso ed orientato verso l’eterna lotta primordiale per l’esistenza. La nostra società è dominata, oserei dire sempre più dominata, dal principio della realtà che nega all’uomo in maniera evidente l’appagamento di impulsi biologici che gli garantirebbero breve ma estrema soddisfazione, volgendo tutte le sue energie al raggiungimento del potere economico. Lo sviluppo della civiltà occidentale è la massima espressione della negazione dei sensi in virtù del potere economico che in tal caso garantisce all’uomo quella sicurezza su di una sua più lunga sopravvivenza.
Immaginare ora un nuovo tipo di società, lasciando inalterato il suo principio fondante, che come abbiamo visto è quello della realtà come da concetto Freudiano, non porterebbe a migliori risultati rispetto a quelli attuali. Fintantoché il dominio di questo principio prevarrà in maniera così netta sul piacere, l’immagine di una “giusta” società, verrà relegata fra le utopie. Qualsiasi buon proposito che appartiene alla nostra visione di società ideale come ad esempio la pace mondiale, la salvaguardia del pianeta, la fame nel mondo, non potrebbero essere attuati per molto tempo in quanto prima o poi l’orientamento verso il potere economico dettato dal principio fondante della realtà, condurrebbero l’uomo nuovamente in errore. Spetta a noi occidentali che abbiamo raggiunto il massimo livello di progresso, trovare una soluzione che conduca ad una più felice civiltà…noi ce lo possiamo permettere in quanto il principio della realtà è riuscito a dare ai nostri paesi i suoi massimi frutti. Regredire per progredire, facendo qualche passo indietro verso civiltà primordiali ove l’uomo era guidato dagli impulsi biologici del principio del piacere liberando quella parte di noi che in tutti questi millenni non si è mai staccata dall'uomo, ovverosia la nostra fantasia. Se avessimo la capacità di interrogarci obiettivamente sulla nostra vita ci accorgeremmo che siamo quasi esclusivamente forza lavoro, fattore totalmente incompatibile con il piacere, ad uso e consumo di una società orientata economicamente. Può l’uomo trovare la felicità in queste condizioni e nello spazio angusto che gli rimane nell’arco delle 24 ore? Troppe energie vanno sprecate per ottenere la sicura sopravvivenza ed il tutto va ovviamente a discapito di ciò che ci piace fare. L’eros (principio del piacere) è indubbiamente al primo posto ed essendo il piacere fondante è quello che c’ha rimesso più di tutti. Rimane nelle nostre fantasie in attesa di essere liberato e prosciolto dalla condanna cui è stato vittima nel passaggio al principio della realtà. Concludo questa mia introduzione con una domanda basilare ai fini della ricerca di una nuova felicità…sarebbe disposto l’uomo di oggi a regredire economicamente orientandosi verso tutte quelle forme di piacere che sono state finora da lui stesso demonizzate?

maxim is offline  
Vecchio 23-07-2007, 19.50.39   #3
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

A questo punto del discorso spero cominci a delinearsi per molte persone, seppure in modo abbozzato, il tipo di progetto che vorremmo mettere in atto per passare dall’attuale diffusa condizione di egoismo ad una diffusa condizione d’amore.
(da Quale amore? Quale felicità? inizio del capitolo 3 - Dall’egoismo all’amore)


Io, a parte la bontà dell’esposizione e lo spessore culturale con cui è scritto il libro, trovo invece illuminante questa esposizione, di Domenico Pimpinella perché, secondo me, offre molti spunti alla comprensione dei meccanismi che ci costringono in un mondo che personalmente sento malformato. Cioè da qualche parte c’è qualche cosa di storto.

Ho già espresso più volte la mia ferma opposizione al teorema religioso dell’inevitabilità del male, secondo il quale il mondo è così, perché l’uomo sarebbe cattivo, peccatore, fallace e bla…bla…bla…

Che il mondo sia “così”, non ci piove, ma in quanto alle cause che hanno condotto l’uomo e la sua società ad essere in questo modo secondo me c’è da discutere ed indagare.

Basterebbe fare mente locale all’egoismo dell’uomo per accorgersi come questo egoismo non stia in realtà funzionando nell’uomo ne nelle società umane, infatti se funzionasse l’uomo si sarebbe costruito, naturalmente, un mondo più piacevole e meno faticoso…. Un mondo dove, scaxzi a parte, l’uomo avrebbe potuto indulgere nel gioco, nella leggerezza e nella ricerca del benessere, cercando il modo di averne sempre più. La nostra intelligenza sarebbe stata usata per potenziare, invece dei mezzi della distruzione e della guerra, quelli della ricerca del piacere, dell’edonismo. Anche se sembra paradossale ma proprio l’egoismo avrebbe dovuto condurci a condizioni di vita più piacevoli. Invece ciò che l’uomo ha fatto e fa è di esasperare la competizione ed il conflitto, la fatica ed il dolore…… E’ fin troppo lampante ad ogni mente critica che non sia chiusa nella rassegnazione e nella fatalità, che, da qualche parte, c’è un qualche cosa che non funziona. Un forza “maligna” che spinge l’uomo sempre verso maggiore sofferenza e questo contro il suo stesso interesse, contro la sua stessa volontà, contro il suo stesso sentire, contro la sua stessa natura.
Essere egoisti è quindi naturale, mentre essere avidi ed infinitamente assetati ed affamati di possessi materiali e morali è profondamente innaturale. Questa avidità ipertrofica non è qualche cosa che ci ha ordinato il medico, ma è il diretto derivato dalla scelta che abbiamo fatto sposando alcune filosofie e religioni piuttosto che altre. Comprendere e cambiare rotta si può a patto che non cediamo agli assiomi che ci raccontano che siamo brutti, sporchi e cattivi e che il dolore è la giusta punizione al nostro essere.

Il libro di Pimpinella, (che stò leggendo), da molti input per vederci più chiaro nelle contraddizioni della nostra società ed indica nello stesso tempo, una possibile via di uscita basata su una filosofia e su una concezione della vita, che contrappone all’individualismo sfrenato dell’uomo antropocentrico, direi quasi per diritto divino, un uomo che abbia una maggiore consapevolezza sociale ed una visione più equilibrata di se stesso rispetto al cosmo.

VanLag is offline  
Vecchio 02-06-2008, 20.44.53   #4
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Si,caro maxim e caro van lag,sono con voi,prepotentemente con voi.L'uomo
non è solo corpo,la spiritualità ha fatto parte dell'uomo da quando ha cominciato a camminare sulle due gambe ed ho la piena convinzione che col tempo l'uomo riuscirà ad assembrare i due stati, Materia e spirito, ricchezza e moralità e formarne un connubbio armonioso con il quale vivere in beatitudine. IO SONO UN NULLA,MA TUTTI NOI SIAMO IL MONDO,per cui dobbiamo continuare a parlarci ed ascoltarci.
Ciao in amicizia espert37
espert37 is offline  
Vecchio 25-08-2008, 14.02.58   #5
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Un forza “maligna” che spinge l’uomo sempre verso maggiore sofferenza e questo contro il suo stesso interesse, contro la sua stessa volontà, contro il suo stesso sentire, contro la sua stessa natura.
Essere egoisti è quindi naturale, mentre essere avidi ed infinitamente assetati ed affamati di possessi materiali e morali è profondamente innaturale. Questa avidità ipertrofica non è qualche cosa che ci ha ordinato il medico, ma è il diretto derivato dalla scelta che abbiamo fatto sposando alcune filosofie e religioni piuttosto che altre.
Concordo sulla "forza maligna" na non su quello che l'ha fatta scaturire. Mi domando infatti come tu possa farla conseguire dall'aver sposato alcune filosofie e religioni piuttosto che altre.

Inoltre mi chiedo: quali sono viceversa quelle filosofie e quelle religioni che non susciterebbero l'avidità ipertrofica?

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Il libro di Pimpinella, (che stò leggendo), da molti input per vederci più chiaro nelle contraddizioni della nostra società ed indica nello stesso tempo, una possibile via di uscita basata su una filosofia e su una concezione della vita, che contrappone all’individualismo sfrenato dell’uomo antropocentrico, direi quasi per diritto divino, un uomo che abbia una maggiore consapevolezza sociale ed una visione più equilibrata di se stesso rispetto al cosmo.


E' un problema (dare all'uomo una visione più equilibrata di se stesso) la cui risoluzione non è stata nemmeno sfiorata dall'uomo. E dire che ci ha provato in molti modi. Eppure 4.000 anni circa di storia umana ci dimostrano che in nessun luogo ed in nessun tempo si è riusciti non dico a risolvere ma nemmeno arginare in maniera accettabile le pulsioni negative ed autodistruttive dell'umanità.

Al contrario oggi l'uomo dispone anche dell'asso di briscola (energia atomica) che, se giocato, può definitivamente disintegrare la nostra civiltà. E forse la vita stessa su questo pianeta.

Mi domando dunque come l'autore possa immaginare che l'umanità abbracci una non meglio precisata "filosofia e su una diversa concezione della vita".

Tutto ciò mi pare irrealizzabile.
freedom is offline  
Vecchio 26-08-2008, 20.02.49   #6
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
Originalmente inviato da freedom
Concordo sulla "forza maligna" na non su quello che l'ha fatta scaturire. Mi domando infatti come tu possa farla conseguire dall'aver sposato alcune filosofie e religioni piuttosto che altre.

Freedom, credo non sia un mistero ne per te, ne per altri che hanno seguito alcune mie esposizioni nel forum il fatto che io abbia un giudizio abbastanza negativo sulle religioni in genere e sul cristianesimo in particolare. A quest’ultimo ho sempre imputato ed imputo la responsabilità di avere risvegliato nell’uomo le peculiarità peggiori, come appunto un egoismo ipertrofico e lo ha fatto attraverso le sue idee .
Cosa altro poteva portare infatti l’idea di essere “il popolo eletto da Dio”, se non ad un orgoglio razziale con tutto quello che ne consegue?
E questa è un’idea che dal popolo ebraico si è diffusa a tutti i componenti delle religioni monoteiste e, che ponendoci al centro dell’universo ci ha fatti sentire autorizzati a distruggere non solo i nostri simili ma il pianeta stesso, come tu stesso evidenzi più sotto……. Ma quell’egoismo ipertrofico non è nella natura, sappiamo benissimo dalla storia che in quel particolare periodo la classe dirigente ebraica aveva bisogno di amalgamare il popolo attorno ad un’identità nazionale molto forte e, senza nessuno scrupolo, lo ha fatto usando la religione e strumentalizzando Dio.

Cosa poteva portare l’idea di essere i conoscitori della verità rivelata se non ad un’arroganza ed ad un’intolleranza senza fine. Come potrei io, essere umano, vedere una superiorità su ogni altro essere umano, o anche su ogni altro essere vivente, se non avessi quell’orgoglio che mi deriva dalla presunzione di conoscere la verità? Potrei essere violento ed incauto se mi sentissi parte di un’umanità “persa” che, cosciente della sua piccolezza, cerca con umiltà la verità?

Citazione:
Originalmente inviato da freedom
Inoltre mi chiedo: quali sono viceversa quelle filosofie e quelle religioni che non susciterebbero l'avidità ipertrofica?
E' un problema (dare all'uomo una visione più equilibrata di se stesso) la cui risoluzione non è stata nemmeno sfiorata dall'uomo. E dire che ci ha provato in molti modi. Eppure 4.000 anni circa di storia umana ci dimostrano che in nessun luogo ed in nessun tempo si è riusciti non dico a risolvere ma nemmeno arginare in maniera accettabile le pulsioni negative ed autodistruttive dell'umanità.

Al contrario oggi l'uomo dispone anche dell'asso di briscola (energia atomica) che, se giocato, può definitivamente disintegrare la nostra civiltà. E forse la vita stessa su questo pianeta.

Mi domando dunque come l'autore possa immaginare che l'umanità abbracci una non meglio precisata "filosofia e su una diversa concezione della vita".

Tutto ciò mi pare irrealizzabile.
Quando dici in nessun luogo ed in nessun secolo valuti una storia costellata da guerre di conquiste, sfruttamento e prevaricazione che è quella che studiamo nelle scuole. E’ la storia dell’occidente.

Ci raccontano gli antropologi che gli indiani d’America dopo avere ucciso un animale pregavano e chiedevano scusa al suo spirito. Ci raccontano che pigliavano dalla terra solo lo stretto necessario per vivere. Ci raccontano che li abbiamo chiamati selvaggi, ma i veri selvaggi ancora una volta eravamo noi, gli invasori, guarda caso cristiani, che per rubare loro la terra non abbiamo esitato a perpetrare il genocidio di un popolo.

I tanto biasimati cinesi rei, davanti all’occhio occidentale, di molte colpe, sottolineate con enfasi iperbolica in tutti i telegiornali durante le ultime olimpiadi, hanno vissuto da sempre su un fazzoletto di terra pur essendo da soli quasi il 25 % della popolazione del pianeta. Dimmi perché, forti della loro supremazia numerica, non hanno conquistato, invaso, depredato e dominato il resto del mondo, come i loro civilissimi fratelli d’occidente? Eppure avrebbero avuto ben ragione di cercare degli sfoghi al loro territorio ma probabilmente l’invasione, la conquista ed il dominio non era nel loro DNA o se vuoi nella loro storia, o se vuoi ancora, nei loro archetipi.
Una cosa simile si può dire del quasi miliardo di Indiani dell’India anche loro compostamente immobili nella loro nazione.

Per il resto che dire: Le filosofie nuove ben vengano anche se sarà dura decalcificare un qualche cosa che ormai è diventato parte integrante dell’uomo moderno stesso. Ben venga ogni idea propositiva che ci aiuti a ritrovare la strada smarrita.

VanLag is offline  
Vecchio 27-08-2008, 13.44.00   #7
Spaitek
Ospite
 
Data registrazione: 26-08-2008
Messaggi: 13
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

La felicità non è fare tutto ciò che si vuole, ma volere tutto ciò che si ha. (Nietzsche)
Spaitek is offline  
Vecchio 27-08-2008, 21.18.15   #8
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Cosa poteva portare l’idea di essere i conoscitori della verità rivelata se non ad un’arroganza ed ad un’intolleranza senza fine. Come potrei io, essere umano, vedere una superiorità su ogni altro essere umano, o anche su ogni altro essere vivente, se non avessi quell’orgoglio che mi deriva dalla presunzione di conoscere la verità? Potrei essere violento ed incauto se mi sentissi parte di un’umanità “persa” che, cosciente della sua piccolezza, cerca con umiltà la verità?
E' nato prima l'uovo o la gallina? E' nato prima l'egoismo ipertrofico da cui sono scaturite le deviazioni umane (comprese le deviazioni di ottime religioni e altrettanto ottime filosofie) o le deviazini umane sono il frutto di religioni e filosofie sbagliate?

Non ne arriveremo mai a capo. Rispetto la tua opinione ma non la condivido. Ti invito solo a riflettere su una frase di un libro di Rosseau che mi rimase scolpita per sempre nell'anima. E ne è passato di tempo............la frase è estratta da un libro (di cui non ricordo il nome) che trattava la problematica della proprietà privata. Ero nella mia fase anarchica.........

La frase pressapoco diceva: "quale fu il primo uomo che circondò un appezzamento di terreno con una barriera?"

Chi fu quell'uomo lì non lo sapremo mai ma sappiamo che in quell'epoca non c'erano grandi filosofie e nemmeno grandi religioni..........

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Quando dici in nessun luogo ed in nessun secolo valuti una storia costellata da guerre di conquiste, sfruttamento e prevaricazione che è quella che studiamo nelle scuole. E’ la storia dell’occidente.

Ci raccontano gli antropologi che gli indiani d’America dopo avere ucciso un animale pregavano e chiedevano scusa al suo spirito. Ci raccontano che pigliavano dalla terra solo lo stretto necessario per vivere. Ci raccontano che li abbiamo chiamati selvaggi, ma i veri selvaggi ancora una volta eravamo noi, gli invasori, guarda caso cristiani, che per rubare loro la terra non abbiamo esitato a perpetrare il genocidio di un popolo.

I tanto biasimati cinesi rei, davanti all’occhio occidentale, di molte colpe, sottolineate con enfasi iperbolica in tutti i telegiornali durante le ultime olimpiadi, hanno vissuto da sempre su un fazzoletto di terra pur essendo da soli quasi il 25 % della popolazione del pianeta. Dimmi perché, forti della loro supremazia numerica, non hanno conquistato, invaso, depredato e dominato il resto del mondo, come i loro civilissimi fratelli d’occidente? Eppure avrebbero avuto ben ragione di cercare degli sfoghi al loro territorio ma probabilmente l’invasione, la conquista ed il dominio non era nel loro DNA o se vuoi nella loro storia, o se vuoi ancora, nei loro archetipi.
Una cosa simile si può dire del quasi miliardo di Indiani dell’India anche loro compostamente immobili nella loro nazione.


Quello che scrivi, caro VanLag, rafforza, ahimè, la mia convinzione che nell'uomo c'è e tende a prevalere il male. Mi domando infatti: gl'indiani d' Americasono stati distrutti (e parliamo di una civiltà!); i cinesi e gli indiani, dopo lunga e ardua resistenza si sono "piegati" al nostro modello di sviluppo e hanno abbracciato i nostri valori più infimi. Il soldo, il potere a tutti i costi. E, con l'aiuto di uno spietato sfruttamento della mano d'opera e di una capacità dittatoriale quasi senza freni, ci stanno surclassando.

Tempo verrà che terranno in pugno gli Usa ed il mondo intero..........

Sempre che i russi, altro popolo che ha abbracciato l'egoismo ipertrofico "rovinavita", lo permettano.........

E sempre che il terrorismo islamico non faccia prima un bel bing bang. Ma stavolta non con gli aereoplani ma con l'atomo.........
freedom is offline  
Vecchio 31-08-2008, 12.30.56   #9
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
Originalmente inviato da freedom
Tempo verrà che (i cinesi), terranno in pugno gli Usa ed il mondo intero..........
Perché pensi che i Cinesi vorranno tenere in pugno il mondo intero? Perché pensi che vorranno dominarlo e sottometterlo?

Forse perché non vuoi e non puoi concepire un altro essere senziente che abbia presupposti filosofici diversi dai tuoi. Ma è la cultura dell’uomo-dio, quello che si è auto-eletto speciale a fondare la sua civiltà su sfruttamento e prevaricazione.

So che non vuoi e non puoi condividere quello che dico ma se vuoi trovare l’origine del male devi cercarla “in casa tua” perché sei tu che vedi e quindi materializzi, il male. Se vuoi trovare una soluzione al male, all’egoismo, devi cercarla in “forme pensiero” profondamente diverse da quelle che hai sempre considerato normali e migliori, devi trovare delle “forme pensiero” che non pongano l’uomo al centro dell’universo …… lì è l’origine dei nostri guai.

VanLag is offline  
Vecchio 01-09-2008, 18.06.55   #10
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Riferimento: Quale amore? Quale felicità?

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Perché pensi che i Cinesi vorranno tenere in pugno il mondo intero? Perché pensi che vorranno dominarlo e sottometterlo?
Non è un mio pensiero. E' una realtà che è sotto gli occhi di tutti. Quando gran parte del debito pubblico Usa è in mano a cinesi e arabi che conclusioni possiamo trarre?

Quando una nazione lotta per la supremazia economica a tutti i costi, dimenticandosi dei valori fondanti del concetto di uomo, valore che, fra l'altro, la filosofia a cui si richiamano abbraccia, che conclusioni possiamo trarre?

Non trovi amaro come il fiele che la Cina comunista (lo si dichiara ancora?) è diventato il Paese che sfrutta di più la mano d'opera? Il peggior capitalismo che potevamo immaginare in Cina è diventato realtà........
Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Forse perché non vuoi e non puoi concepire un altro essere senziente che abbia presupposti filosofici diversi dai tuoi.
Bè......un pò ingeneroso da parte tua........e anche non aderente alla realtà. Posso concepire tutte le filosofie che vuoi ma c'è una cosa che certamente non posso concepire e cioè un uomo la cui natura sia diversa dalla mia.

E adesso rispondimi pure che la mia natura è cattiva e la tua no!

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Ma è la cultura dell’uomo-dio, quello che si è auto-eletto speciale a fondare la sua civiltà su sfruttamento e prevaricazione.
E' questo il nostro disaccordo: tu pensi che il male sia un fattore culturale. Io penso che sia connaturato all'essere umano. Ma sia ben chiaro: non ho mai affermato che sia giusto arrendersi al male. Viceversa credo sia saggio cercare di vincerlo.

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag

So che non vuoi e non puoi condividere quello che dico ma se vuoi trovare l’origine del male devi cercarla “in casa tua” perché sei tu che vedi e quindi materializzi, il male.
L'ho cercata (l'origine) in casa mia e, ahimè, l'ho trovata. L'ho tuttavia trovata anche nelle altrui case. L'ho trovata, in definitiva, nella natura umana. Ma, come ho detto, lungi da me l'idea di arrendermi. Ma, ancor più lungi, l'idea di attribuire l'origine del male a filosofie e religioni.

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Se vuoi trovare una soluzione al male, all’egoismo, devi cercarla in “forme pensiero” profondamente diverse da quelle che hai sempre considerato normali e migliori, devi trovare delle “forme pensiero” che non pongano l’uomo al centro dell’universo …… lì è l’origine dei nostri guai.


Più che creare forme-pensiero benefiche mi accontento di non fare troppi danni e, quando mi è possibile, dare una mano.
freedom is offline  

 

« - | Islam e ragione »


Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it