Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 04-06-2002, 20.22.48   #11
Armonia
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 250
braccine POISON…………la tua analisi del testo mi ha sconvolta…. Eh si ho detto sconvolta, in quanto sono di sesso femminile e non maschile, spero che ciò non sia una delusione per te.
Hai psicoanalizzato il testo, ed hai tratto la conclusione tra l'altro errata, infatti hai detto:
Citazione:
Originally posted by POISON
Armonia tu mi sei sembrato il piu' smarrito,una persona che vive di ricordi di melanconia di ricordi che appesantiscono il cuore.Sei cosi' timoroso di vivere la tua esistenza che trasmetti angosci. ..........poison.

Scusa, mi spiace, ma devo deluderti per una seconda volta, non solo non sono di sesso maschile, ma non parlavo neppure di me, ma della società odierna, di ciò che succede sempre più spesso intorno a noi, la malinconia, la tristezza, il pessimismo, sono delle vere o proprie bufere dell'anima, soprattutto tra i giovani, si trattava solo di un thread , una discussione dove ognuno, poteva e può dire la sua in base anche a delle esperienze personali.
Troppo spesso e non ultimo ieri, arrivano in P.S giovani con dei seri problemi, causati dalla solitudine, problemi che spesso li fa sprofondare in forti crisi depressive, in crisi di identità, arrivano svuotati, con occhi che esprimono il loro disagio sociale, anche a causa della indifferenza di chi li circonda causa.
Quindi prima di sparare sentenze o giudizi, ti consiglio di rileggere attentamente, e possibilmente, fino in fondo l'argomento a cui vuoi rispondere, solo così potresti evitare pessime figure.

Ultima modifica di Armonia : 04-06-2002 alle ore 20.24.50.
Armonia is offline  
Vecchio 05-06-2002, 01.09.28   #12
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
P.S.?
Cosa vuol dire P.S.?

Ero proprio curioso di leggere la tua risposta
Me la sto proprio godendo!
Ciao
visechi is offline  
Vecchio 05-06-2002, 02.11.06   #13
Armonia
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 250
Citazione:
Originally posted by visechi
P.S.?
Cosa vuol dire P.S.?

P. S. = Pronto Soccorso


Citazione:
Originally posted by visechi

Ero proprio curioso di leggere la tua risposta
Me la sto proprio godendo!

Ora rispondi tu, dimmi in che senso te la stai "godendo"!
Sai......sono curiosa .... e poi si sa.... la curiosità è "femmina"
...... oh no!
Armonia is offline  
Vecchio 05-06-2002, 08.56.06   #14
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Niente... solo che ho letto l'intervento di Poison e ho avuto la sensazione che fosse andato un pò fuori tema... mi eraparso un pò aggressivo e volevo proprio vedere la tua risposta... anche la gaffe di crederti maschio l'ho trovata un pò curiosa, mi ha divertito la tua risposta.


Ciao
visechi is offline  
Vecchio 08-06-2002, 09.59.02   #15
POISON
 
Messaggi: n/a
si in effetti il fatto che sei donna in parte mi ha deluso devo essere sincero.(scherzo)
forse saro' andato fuori tema forse ho sbagliato a vedere te come la persona disperata ma il significato dell'intervento non deve cambiare.Sono veramente stanco di sentire gente lamentarsi,sono stanco di vedere gente in fila per prendere energia dal prossimo.Sono disgustato dalla mentalita' cattolica,da quella che e' la societa' dei perdenti,degli invidiosi,della gente che non riuscendo a restare a galla vuole portare a fondo con se chi sta nuotando.Sono stufo della societa' della compassione,della societa' della carita'.Eraclito affermava che l'armonia era il frutto dell'eterna guerra tra gli opposti.L'uomo non ha il coraggio di affrontare il cambiamento non ha il coraggio di essere artefice del cambiamento,della sua responsabilita'.quindi quando parli dei ragazzi del ps(tra cui sono stato anche io)io non discuto della loro sofferenza che e' reale ma delle cause di questa e del motivo per cui non risescono a trovare una soluzione.l'errore che non dobbiamo fare in alcun modo(ed e' per questo che non voglio parlarne proprio)e' compatirli perche' la compassione porta chi e' compatito a croggiolarsi nel suo stato significa dire alla persona che soffre"non c'e' bisogno che tu diventi forte risolveremo noi i tuoi problemi".Bisogna insegnare l' amor proprio,quel rispetto verso se stessi dettato in parte dall'orgoglio,dalla dignita' di ritenersi artefici delle proprie azioni e di affrontare anche il disprezzo di chi incontriamo nella nostra strada.Il problema cara armonia e' che oggi dopo 2000 anni di giudaismo non c'e' piu' concesso di disprezzare nessuno,siamo totalmente circondati daperbenissti cristiani di sorprendente mediocrita'.Non essere compassionevolia volte significa spronare,proporre un modo differente di pensare che a differenze di quello cristiano non ribadisce con la carita' la distinzione di status tra chi fa la carita' e chi la subisce tra chi soffre e chi invece nella sua magnanimita' puo' aiutare il prossimo.E' difficile a volte distinguere tra altruismo e autocompiacimento.bisogna aiutare chi ci si affianca nella strada proponendo un modello vitale un modello che parli di grandezza,di orgoglio e di responsabilita' per il nostro futuro.


cmq se vado fuori tema scusatemi ma non ho mai il tempo di ricorreggere perche' navigo a pagamento,scrivo di getto.....

vieschi spero tu in parte mi comprenda.




 
Vecchio 08-06-2002, 22.52.42   #16
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Citazione:
Originally posted by POISON
.Sono disgustato dalla mentalita' cattolica,da quella che e' la societa' dei perdenti

Ti prego, non taccarmi i perdenti... io, li adoro! Mi vanto di far parte della schiera dei perdenti... Soprattutto, se per essa intendiamo l'antagonista del superuomo... Io non sono cattolico, ma anche se lo fossi stato odierei e disprezzerei con tutto il mio essere il SUPERUOMO... Non purtroppo,POISON, non riesco a condividere molto della tua risposta....


Ho promesso che eviterò, per il futuro, interventi lunghi...


Ciaovieschi spero tu in parte mi comprenda.




visechi is offline  
Vecchio 09-06-2002, 09.48.01   #17
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
x Funghetto

Io dico che se vuoi cambiare qualcosa devi prima vederla. Parlo per esperienza. Non è che vedendo la realtà di colpo puoi trasformarla come più ti pare e piace.
Vedendo la realtà per quella che è e non per quella che immaginavi fosse, senti di aver strappato una sbarra della tua prigione.
A volte noi ci crediamo liberi, e crediamo anche gli altri liberi di decidere della propria vita. Ma non è così, non sempre è così. Non vediamo i condizionamenti subiti, i traumi che abbiamo dimenticato, le dipendenze invisibili.
Così possiamo autocommiserarci, piangerci addosso, ritenerci vittime del fato o di Tizio o di Sempronio, ma non riusciamo a comprendere né noi stessi né gli eventi che stiamo vivendo o abbiamo vissuto.

E ci vuole fegato per mutare la propria condizione, qualunque essa sia. Perché anche chi si trova nel dolore e nella sofferenza teme il cambiamento che non conosce.
Io, per per poter sbirciare dentro me stessa ho dovuto fare un durissimo e doloroso lavoro.
La mia psicoterapeuta un giorno ha detto: "Solo i forti sono in grado di chiedere aiuto. I deboli non riescono a farlo".
Così ho scoperto che io che mi sentivo debole, fallita, paurosa, vittima, in verità ero molto forte.
Per questo, ora, non giudico e critico nessuno. L'apparenza è spesse volte ingannatrice. Se a malapena conosciamo noi stessi come possiamo giudicare e criticare?!
La sola cosa che possiamo fare è imparare ad aiutare gli altri e noi stessi. Cosa difficilissima. Ma non impossibile. Si impara volta per volta, alla luce del vero amore.

Ciascuno di noi ha le proprie prove a superare, la sola cosa che possiamo fare e incoraggiarci gli uni con gli altri.
Chi ha superato per primo un'aspra roccia può porgere la mano a chi viene dopo, e accettare che l'altro la rifiuti e tenti da solo. Ma può anche dirgli sta attento qui e lì. Ma anche in questo caso l'altro è libero di seguire i consigli o meno. E se sbaglia non si deve dargli addosso. Ciascuno deve essere libero di affrontare la propria prova. Anche perché le conseguenze ricadono principalmente su se stessi.
Ciao
Mary is offline  
Vecchio 09-06-2002, 17.15.05   #18
Attilio
 
Messaggi: n/a
Ciao Armonia,
i temi da te proposti sono molto profondi, richiedono una ricerca dentro di se per trovare gli argomenti corretti. Non sono bravo come te ad esprimermi ma provo a dire la mia...
Molte volte mi sono trovato a dover combattere stati di umore nero per nulla, qualche volta aspetto che mi passi, altre volte identifico le cause e riesco ad allontanarli. Penso che le ricette date da Kaytenn siano buone, certo è molto difficile seguirle e basta un po’ di smarrimento per perdere passi avanti fatti con fatica.

La malinconia ha vari modi di presentarsi.
Quelli che chiamo positivi sono stati di malessere provocati da avvenimenti che a ragione ci rendono tristi per un determinato tempo tipo la perdita di un caro, l’allontanamento di un amico o altro; li chiamo positivi non perchè mi fa piacere che ci siano ma perchè quando ci sono vuol dire che la persona è viva e sensibile dentro mentre a volte i più duri ed orgoliosi sempre presenti e forti spesso nascondono un freddo vuoto dentro di se, le manca un cuore vivo (e purtroppo sono tanti ora...). Proprio la sensibilità della persona apparentemente fragile aiuta poi la stessa ad uscirne cominciando ad apprezzare altre realtà, stringere nuovi rapporti e nutrire il proprio spirito con diverse esperienze per piccole o grandi che siano.
Quelli negativi invece sembrano senza via di uscita, molte volte partono da un avvenimento scatenante, un’apparente banalità, ma che nasconde dietro di se molti affronti non superati ed a cui si dà troppo peso, potrebbe essere anche una risposta un po’ più brusca del solito di qualcuno... (per questo quando si parla con gli altri bisogna sempre portate molta attenzione alle conseguenze). Non c’è un perchè sono senza via di uscita, mancano di una causa e, probabilmente, non essendoci la causa si fatica anche a trovare una soluzione. Secondo me vanno superati con un atto di volotà, accantonati e basta (la fai facile mi direte, lo so che non lo è).

Grandi parole quelle di Madre Teresa, degne di chi ha saputo donare la propria vita ai più alti livelli del sacrificio.

Devo dire che chi ha bisogno di aiuto molte volte non è chi lo chiede troppo insistentemente o chi si autocommisera sempre, bensì chi tiene tutto dentro di se ostentando una serenità non propria. L’unica cosa in cui concordo co Poison è quindi questa: non dovrebbero esserci tante persone che si autocommiserano, ce ne sono troppe che piangono davanti a tutti e, poi, si scopre lo facevano apposta.
Nei limiti delle mie possibilità sto vicino il più possibile a chi vive intorno a me (anche se ammetto di non essere di compagnia perchè non parlo mai presto sempre attenzione), mi auguro sempre di non buttare il mio tempo. So che in genere non è mai tempo buttato quello passato dialogando.

La malinconia e la tristezza fanno parte della ns vita, come la gioia e l’amore, bisogna darle il peso che le spetta e nulla di più.

Ciao a tutti: Attilio.
 
Vecchio 13-06-2002, 16.48.34   #19
Armonia
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 250
Citazione:
Originally posted by POISON
cmq se vado fuori tema scusatemi ma non ho mai il tempo di ricorreggere perche' navigo a pagamento,scrivo di getto.....


Non sei il solo a navigare a pagamento.
Chi di più chi di meno, tutti paghiamo la nostra bolletta per collegarci in internet.






X Attilio
Grazie
Armonia is offline  
Vecchio 14-06-2002, 23.41.50   #20
spyder
Ospite
 
Data registrazione: 06-06-2002
Messaggi: 33
ho applicato..

le cinque regole di Kaiten......ed alla lunga mi sono stancato di tanta " Algebricita' ".....e sono qui'!

Ho tutto quello che quel teorema poteva darmi...

una gran famiglia....,il nostro giusto posto nella societa',insomma ...siamo perfino invidiati....ma..

Madre Teresa ....anche e soprattutto...ha stimolato ulteriormente la mia tristezza ... da quando ho cominciato
interessarmi al suo operato mi sono accorto di quanto io sia stato superficiale , se pur naturalmente molto predisposto alla carita'..quanto tempo ho buttato....quanto avrei potuto fare...quanto poco potro' fare..

Dall'immagine di "quella " Donna ho tratto l'immagine del mio Uomo ideale:

Colui che sa' annientarsi davanti al piu'misero dei suoi simili !

Ero partito per raccontare ad Armony un momento di"tristezza" una bufera,ma associare le mie seghe mentali,a questo punto,mi sembra propio offensivo per Madre Teresa ed anche per tutti voi
Ciao bacio!! e Bravi ! perche' siete davvero analitici.
spyder is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it