Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 16-11-2007, 10.32.36   #1
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Fantasie sessuali

Fantasie sessuali.


Ho già solo citato un articolo del Corriere della Sera, quale occasione per proporre il presente tema. Ma come sempre, le mie fonti ed esperienze sono anche altre, e per confrontarsi con certi argomenti in modo non frivolo, un articolo divulgativo da quotidiano, sia pure tra i migliori, ovviamente non sarebbe sufficiente. Inoltre mio uso è sempre commentare con osservazioni personali, altrimenti si tratterebbe solo di una piatta cultura di tipo libresco, anche se “erudita”. Scusate questa divagazione, ma qualcuno ha insinuato sulla validità dei miei riferimenti.



Ora mi riferisco a un sondaggio svolto recentemente negli Usa , riguardante 349 soggetti tra i 18 e 90 anni. Si scopre che il 98% degli uomini e l'80% delle donne usa la fantasia come afrodisiaco durante i rapporti sessuali, ma solo la metà degli uomini e un quarto delle donne raccontano poi le fantasticherie al partner. Chi non usa la fantasia ha un calo del desiderio.

Questo comportamento rientra nella norma per i sessuologi, tuttavia mi risulta che certe donne si sentono in colpa. E' stimolo usuale per i rapporti troppo ripetitivi, dove la creatività, se c'è mai stata, si è appiattita? Sì ma ci sono casi dove proprio, viceversa, una rassicurante, rituale abitudine tra partner di vecchia data diventa un'eccitante “riflesso condizionato” Mentre in una coppia ai primi incontri il sesso potrebbe non essere ancora soddisfacente, perciò il ricorso all'aiuto della fantasia.
Già per Freud il rapporto, in quanto “sociale”, comporta un reciproco adattamento e per altri pensatori si riduce a un autoerotismo imperfetto. Paradosso che illumina sulla rarità di una completa intesa sessuale.

Le fantasie in questione sono spesso strane e inconfessabili: qualcosa che nella realtà immediata non si otterrebbe. Non è vero che gli uomini si accontentano di pensare a certe star, e le donne a certi attori prediletti. Ed i concetti di gelosia e fedeltà diventano ancora più sfocati. So da sempre che la gelosia sul piano razionale è ingiustificata: vano è pensare di avere l'esclusività e il controllo assoluto di una persona ( e dei suoi pensieri!). Per quanto riguarda la fedeltà, come si possono dominare i desideri? La vostra compagna potrebbe fantasticare sul vicino più giovane, prestante e colto, ma anche su quello anziano, adiposo e ignorante, attratta dal “diverso da voi”. Lo stesso vale per gli uomini. Tanto imprevedibili sono gli scherzi che ci gioca l'immaginario erotico
arsenio is offline  
Vecchio 16-11-2007, 11.59.24   #2
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: Fantasie sessuali

Vabbè…mi tocca rincorrere l’Arsenio e le sue fantasie … ma che aveva l’altra discussione, più o meno analoga, che non andava?

C’è un forte legame tra la fantasia e la realtà. Io credo si preferisca scegliere una fantasia che se pur razionalmente irrealizzabile, nasconde sotto sotto una possibilità di realizzazione. Si tende quindi a fantasticare sull’amico/a piuttosto che su personaggi del cinema, su tendenze del partner che in qualche maniera, anche se mai dichiarate, si pensa potrebbero piacere. Sulla non comunicabilità convengo con chi afferma che la donna tende a trattenere per se le proprie fantasie mentre l’uomo spingerebbe di più sulla realizzazione delle stesse.
In un buon rapporto di coppia penso che la miglior cosa da fare sia quella di esporre, a letto (momento vulnerabile per i segreti ), le proprie fantasie, magari in maniera velata, per scoprire se corrispondono o possono interessare al partner. Trovata l’intesa, scoperto cioè che una fantasia è condivisibile da entrambi, questa avrà il potere di amplificare il piacere che se ne traeva da essa…proprio perché condivisibile.
L’assurdo è quando esistono forti ed analoghe fantasie condivisibili che per qualche nostra paura non vengono mai comunicate con il rischio/paradosso di trovarsi a guardare la TV sul divano ad 80 anni e scoprire che durante tutta la vita sessualmente attiva, marito e moglie tenevano gli stessi segreti.
Una volta trovata l’”immagine” piacevole per entrambi…beh…sapete come la penso…l’obiettivo successivo è la sua realizzazione!

maxim is offline  
Vecchio 16-11-2007, 12.46.27   #3
marziettina
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-05-2007
Messaggi: 43
Riferimento: Fantasie sessuali

...è una cosa difficile da accettare.
Probabilmente è umano, ma come accettar che il tuo partner mentre fa sesso con te pensa ad altro?infondo non è come masturbarsi con il tuo corpo?
marziettina is offline  
Vecchio 18-11-2007, 11.20.24   #4
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: Fantasie sessuali

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
Vabbè…mi tocca rincorrere l’Arsenio e le sue fantasie … ma che aveva l’altra discussione, più o meno analoga, che non andava?

C’è un forte legame tra la fantasia e la realtà. Io credo si preferisca scegliere una fantasia che se pur razionalmente irrealizzabile, nasconde sotto sotto una possibilità di realizzazione. Si tende quindi a fantasticare sull’amico/a piuttosto che su personaggi del cinema, su tendenze del partner che in qualche maniera, anche se mai dichiarate, si pensa potrebbero piacere. Sulla non comunicabilità convengo con chi afferma che la donna tende a trattenere per se le proprie fantasie mentre l’uomo spingerebbe di più sulla realizzazione delle stesse.
In un buon rapporto di coppia penso che la miglior cosa da fare sia quella di esporre, a letto (momento vulnerabile per i segreti ), le proprie fantasie, magari in maniera velata, per scoprire se corrispondono o possono interessare al partner. Trovata l’intesa, scoperto cioè che una fantasia è condivisibile da entrambi, questa avrà il potere di amplificare il piacere che se ne traeva da essa…proprio perché condivisibile.
L’assurdo è quando esistono forti ed analoghe fantasie condivisibili che per qualche nostra paura non vengono mai comunicate con il rischio/paradosso di trovarsi a guardare la TV sul divano ad 80 anni e scoprire che durante tutta la vita sessualmente attiva, marito e moglie tenevano gli stessi segreti.
Una volta trovata l’”immagine” piacevole per entrambi…beh…sapete come la penso…l’obiettivo successivo è la sua realizzazione!


Maxim

Uso discernere tra fantasticherie in genere, fantasie sessuali, sogni onirici, sogni ad occhi aperti. Quest'ultimi contrastano beneficamente il grigiore quotidiano. Specie se prefigurano un evento verosimile, possibile , probabile. Sperato. Come un amore virtuale che può avere riscontro. In tal caso con ci sono veri e propri sogni notturni, fantasie sessuali, ma l'anticipazione di una progettualità.
Le fantasie sessuali sono spesso riferite a situazioni non a portata di mano, anche se si tratta non di un mitico attore, attrice, irraggiungibili, ma anche dell'amore con l'amica della moglie, con la vicina di pianerottolo, con la cassiera, con la commessa, con la badante, ecc non molto probabili. Così per le donne. Il tema è affascinante ed è possibile che lo sviluppi meglio.

arsenio is offline  
Vecchio 18-11-2007, 12.48.05   #5
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: Fantasie sessuali

Citazione:
Originalmente inviato da marziettina
...è una cosa difficile da accettare.
Probabilmente è umano, ma come accettar che il tuo partner mentre fa sesso con te pensa ad altro?infondo non è come masturbarsi con il tuo corpo?

Le amare verità sugli istinti e comportamenti radicati nella natura umana sono difficili da accettare. Fantasticare sul altri partner mentre si fa l'amore con quello ufficiale è a volte, come sai, un' autoerotica solitudine di coppia. Che può avere radici lontane.
Si può essere gelosi dei desideri espressi nei suoi sogni , di chi amiamo? No, se impariamo a non pretenderne l'esclusivo possesso per tutta la vita. Se cerchi la chimera di un amore bilaterale e totalizzante ( in pratica difficilissimo), ne soffri. La chiesa cataloga il solo desiderio tra i peccati. Ma oggi il “peccato” maggiore è l'insufficiente libido o la sua carenza.

arsenio is offline  
Vecchio 18-11-2007, 23.02.18   #6
sentieroluminoso
Ospite abituale
 
L'avatar di sentieroluminoso
 
Data registrazione: 18-04-2007
Messaggi: 60
Riferimento: Fantasie sessuali

Io ho vivo di solito due tipologie di fantasie, quelle che io chiamo "tecniche" e quelle reali. Essi differiscono per tempi, utilizzo ed intensità. Le fantasie sessuali tecniche sono immagini, ricordi, particolari stimolanti che si sovrappongono a volte nella mia mente a quello che sto vivendo con il mio partner, non riguardano nessuno in particolare se non un ipotetico personaggio non specificabile, la situazione che immagino ha qualche punto in comune con quella che sto vivendo ed hanno per me il solo scopo di focalizzare la concentrazione. Tutto ciò avviene però con molta velocità, questi processi mentali di supporto sono irrazionali e rari, in genere non dico al mio partner cosa mi passa per la testa perchè non ha per me nessuna importanza (le persone che immagino sono solo figuranti), spesso non ricordo neanche che sia avvenuto, mentre rimangono impresse tutte le sensazioni belle con il mio uomo. Le fantasie invece che spesso condivido hanno come protagonista l'oggetto reale dei miei desideri, sono quelle che cerco di realizzare quando è possibile e di cui mi piace parlare, è molto intimo condividere un desiderio. Spesso le realizzo, alcune sono molto semplici, ma per me hanno un potere incredibile, ad esempio una situazione che spesso mi fa perdere la ragione sono gli inseguimenti. Mi piace da morire l'idea di inseguirsi, in due auto, in autostrada o altrove, stiamo andando entrambi a casa, e cerchiamo di far presto perchè abbiamo voglia di stare insieme, controlliamo lo specchietto, uno si ferma ad aspettare l'altro o vediamo chi corre di più, se l'altro riesce a raggiungerti, è allegro e divertente e per me, molto stimolante.
sentieroluminoso is offline  
Vecchio 20-11-2007, 10.08.55   #7
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: Fantasie sessuali

Citazione:
Originalmente inviato da sentieroluminoso
Io ho vivo di solito due tipologie di fantasie, quelle che io chiamo "tecniche" e quelle reali. Essi differiscono per tempi, utilizzo ed intensità. Le fantasie sessuali tecniche sono immagini, ricordi, particolari stimolanti che si sovrappongono a volte nella mia mente a quello che sto vivendo con il mio partner, non riguardano nessuno in particolare se non un ipotetico personaggio non specificabile, la situazione che immagino ha qualche punto in comune con quella che sto vivendo ed hanno per me il solo scopo di focalizzare la concentrazione. Tutto ciò avviene però con molta velocità, questi processi mentali di supporto sono irrazionali e rari, in genere non dico al mio partner cosa mi passa per la testa perchè non ha per me nessuna importanza (le persone che immagino sono solo figuranti), spesso non ricordo neanche che sia avvenuto, mentre rimangono impresse tutte le sensazioni belle con il mio uomo. Le fantasie invece che spesso condivido hanno come protagonista l'oggetto reale dei miei desideri, sono quelle che cerco di realizzare quando è possibile e di cui mi piace parlare, è molto intimo condividere un desiderio. Spesso le realizzo, alcune sono molto semplici, ma per me hanno un potere incredibile, ad esempio una situazione che spesso mi fa perdere la ragione sono gli inseguimenti. Mi piace da morire l'idea di inseguirsi, in due auto, in autostrada o altrove, stiamo andando entrambi a casa, e cerchiamo di far presto perchè abbiamo voglia di stare insieme, controlliamo lo specchietto, uno si ferma ad aspettare l'altro o vediamo chi corre di più, se l'altro riesce a raggiungerti, è allegro e divertente e per me, molto stimolante.

Ciao sentiero luminoso. Mi pace la tua disponibilità alle fantasie, sia in coppia, sia in solitudine. Ora ti espongo in breve la mia concezione della fantasie sessuali. Concordando che bisogna a essere sempre in due a condividerle.

Certe patologie di coppia sono dovute alla mancanza di una comunicazione intima e confidenziale tra amanti- amici.I sogni sono desideri,i desideri sono progetti d'amore. Non devono ridursi solamente a fantasie solitarie per compensare le frustrazioni sociali; se non quali anticipazioni da elaborare per essere ben preparati nell'ipotesi che si realizzino. Nella realtà concreta si deve essere capaci di esplorarsi reciprocamente il corpo nei minimi dettagli e conoscere l'arte delle carezze. Le fantasie devono comprendere anche quelle da mettere in pratica con la complicità del partner. Non importa se stravaganti, purchè siano decolpevolizzate e condivise. Realizzare una fantasia fa sciogliere certi nostri chiodi fissi piantati nella testa.
Oggi siamo anestetizzati da troppi stimoli e abbiamo bisogno d'immagini mentali personalizzate,per uscire dalla tetraggine quotidiana. Il sesso non dev'essere pulsione istintuale frettolosamente appagata; eros si alimenta di trasgressioni. Conta un linguaggio afrodisiaco, perchè le parole si traducono in immagini. Ad esempio l'intimità che si può creare in Rete attraverso due menti collegate, è indescrivibile. L'assenza del corpo distraente in tal caso esalta la spiritualità sessuale,e la creatività maschile e quella femminile si fondono . Fino all'esplosione di orgasmi mentali.

Perturba sempre l'assenza di un corpo, non la sua presenza. (Freud)

arsenio is offline  
Vecchio 20-11-2007, 12.01.22   #8
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: Fantasie sessuali

Citazione:
Originalmente inviato da arsenio
Ciao sentiero luminoso. Mi pace la tua disponibilità alle fantasie, sia in coppia, sia in solitudine. Ora ti espongo in breve la mia concezione della fantasie sessuali. Concordando che bisogna a essere sempre in due a condividerle.

Certe patologie di coppia sono dovute alla mancanza di una comunicazione intima e confidenziale tra amanti- amici.I sogni sono desideri,i desideri sono progetti d'amore. Non devono ridursi solamente a fantasie solitarie per compensare le frustrazioni sociali; se non quali anticipazioni da elaborare per essere ben preparati nell'ipotesi che si realizzino. Nella realtà concreta si deve essere capaci di esplorarsi reciprocamente il corpo nei minimi dettagli e conoscere l'arte delle carezze. Le fantasie devono comprendere anche quelle da mettere in pratica con la complicità del partner. Non importa se stravaganti, purchè siano decolpevolizzate e condivise. Realizzare una fantasia fa sciogliere certi nostri chiodi fissi piantati nella testa.
Oggi siamo anestetizzati da troppi stimoli e abbiamo bisogno d'immagini mentali personalizzate,per uscire dalla tetraggine quotidiana. Il sesso non dev'essere pulsione istintuale frettolosamente appagata; eros si alimenta di trasgressioni. Conta un linguaggio afrodisiaco, perchè le parole si traducono in immagini. Ad esempio l'intimità che si può creare in Rete attraverso due menti collegate, è indescrivibile. L'assenza del corpo distraente in tal caso esalta la spiritualità sessuale,e la creatività maschile e quella femminile si fondono . Fino all'esplosione di orgasmi mentali.
Perturba sempre l'assenza di un corpo, non la sua presenza. (Freud)

Quoto l’Arsenio!
Una puntualizzazione sulla comunicabilità delle fantasie sessuali. E’ sempre molto difficile esternare il nostro intimo e la paura di essere giudicati dal partner gioca un ruolo determinante sull’incomunicabilità. Quando le fantasie riguardano esclusivamente la coppia è già molto più semplice esprimere le proprie tendenze mentre quando queste fuoriescono dall’ambito familiare e assumono contorni più o meno “stravaganti”, la maggior parte delle volte si tacciono. Una coppia è sostenuta da delicati equilibri; non parlo di legame ma di comportamenti ed abitudini che contribuiscono alla serenità della coppia stessa. Finchè tutto fila liscia si preferisce, a volte, non toccare argomenti che potrebbero diventare scottanti e ledere alcuni delicati equilibri interni. E’ soprattutto la donna che tende a mantenere l’unità per una continuazione nelle abitudini che sorreggono tutta la famiglia. Osare una comunicazione sessuale, scusatemi la ripetizione del termine “stravagante”, fa molta paura. E’ indubbio come sia preferibile rischiare l’equilibrio affrontando l'argomento quando si ha una certa sicurezza sulla propria vita di coppia. Tuttavia siamo ancora in una fase dalla quale è possibile rimediare la comunicazione. La fantasia viene generalmente ben tollerata proprio perché si sa che di fantasia trattasi. Se attraverso una buona complicità di coppia è quindi possibile arrivare a comunicare le nostre più intime fantasie, il vero salto di “qualità” (badate bene…salto senza ritorno) consiste nel trasformare una fantasia condivisa in realtà. Anche in questo caso ci sono diversi gradi di “accettazione”. La voglia di sperimentare “cose diverse” ma condivisibili è più facilmente realizzabile se le “stravaganze” riguardano i componenti la coppia…qui veramente mi risulta difficile comprendere la non comunicabilità di certe coppie ed i motivi che spingono alla non realizzazione di un qualcosa voluto da entrambi.
Di difficile attuazione pratica invece sono le fantasie (sottintendo…condivise) ove sia prevista partecipazione di persone estranee alla coppia e per le quali è necessario veramente riprogrammare il cervello di entrambi, resettandolo da gelosia e possesso fisico…ma non solo! Nell’immagine mentale della coppia deve delinearsi la figura che vede gli altri partecipanti persone estranee in tutto e per tutto alla coppia e che “servono” ad essa per portare a compimento quella determinata fantasia. In tal caso l’amore si fa sempre ed esclusivamente fra i componenti la coppia e subentra l’aspetto giocoso, ironico, divertente dei propri momenti intimi. Risulta essenziale che nell’immagine mentale di entrambi si configuri quel tipo di rapporto intimo come un innocente, ingenuo e semplice gioco di coppia.
Mi rendo conto che partire dalla semplice comunicazione per arrivare a trasformare la coppia in un’unica persona non sia affatto semplice.

maxim is offline  
Vecchio 22-11-2007, 09.38.32   #9
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: Fantasie sessuali

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
Quoto l’Arsenio!
Una puntualizzazione sulla comunicabilità delle fantasie sessuali. E’ sempre molto difficile esternare il nostro intimo e la paura di essere giudicati dal partner gioca un ruolo determinante sull’incomunicabilità. Quando le fantasie riguardano esclusivamente la coppia è già molto più semplice esprimere le proprie tendenze mentre quando queste fuoriescono dall’ambito familiare e assumono contorni più o meno “stravaganti”, la maggior parte delle volte si tacciono. Una coppia è sostenuta da delicati equilibri; non parlo di legame ma di comportamenti ed abitudini che contribuiscono alla serenità della coppia stessa. Finchè tutto fila liscia si preferisce, a volte, non toccare argomenti che potrebbero diventare scottanti e ledere alcuni delicati equilibri interni. E’ soprattutto la donna che tende a mantenere l’unità per una continuazione nelle abitudini che sorreggono tutta la famiglia. Osare una comunicazione sessuale, scusatemi la ripetizione del termine “stravagante”, fa molta paura. E’ indubbio come sia preferibile rischiare l’equilibrio affrontando l'argomento quando si ha una certa sicurezza sulla propria vita di coppia. Tuttavia siamo ancora in una fase dalla quale è possibile rimediare la comunicazione. La fantasia viene generalmente ben tollerata proprio perché si sa che di fantasia trattasi. Se attraverso una buona complicità di coppia è quindi possibile arrivare a comunicare le nostre più intime fantasie, il vero salto di “qualità” (badate bene…salto senza ritorno) consiste nel trasformare una fantasia condivisa in realtà. Anche in questo caso ci sono diversi gradi di “accettazione”. La voglia di sperimentare “cose diverse” ma condivisibili è più facilmente realizzabile se le “stravaganze” riguardano i componenti la coppia…qui veramente mi risulta difficile comprendere la non comunicabilità di certe coppie ed i motivi che spingono alla non realizzazione di un qualcosa voluto da entrambi.
Di difficile attuazione pratica invece sono le fantasie (sottintendo…condivise) ove sia prevista partecipazione di persone estranee alla coppia e per le quali è necessario veramente riprogrammare il cervello di entrambi, resettandolo da gelosia e possesso fisico…ma non solo! Nell’immagine mentale della coppia deve delinearsi la figura che vede gli altri partecipanti persone estranee in tutto e per tutto alla coppia e che “servono” ad essa per portare a compimento quella determinata fantasia. In tal caso l’amore si fa sempre ed esclusivamente fra i componenti la coppia e subentra l’aspetto giocoso, ironico, divertente dei propri momenti intimi. Risulta essenziale che nell’immagine mentale di entrambi si configuri quel tipo di rapporto intimo come un innocente, ingenuo e semplice gioco di coppia.
Mi rendo conto che partire dalla semplice comunicazione per arrivare a trasformare la coppia in un’unica persona non sia affatto semplice.


Complicità,chiarezza, rispetto per le esigenze e il limiti di entrambi, per la diversa sessualità di genere, devono essere alla base dell'erotismo di coppia, tuttavia sono da distinguere le perversioni hard, il sesso di gruppo, lo scambio di coppia o di mogli. Le fantasie dovrebbero avere la lievità del gioco, qual'è in fondo l'amore, dove sconfinano l'uno nell'altro finzione e verità, trasgressive in quanto fuori dagli schemi abitudinari. A fantasie e loro estreme realizzazioni, si ricorre quando il rapporto a due è già fallito.

arsenio is offline  
Vecchio 23-11-2007, 11.42.24   #10
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: Fantasie sessuali

Citazione:
Originalmente inviato da arsenio
Complicità,chiarezza, rispetto per le esigenze e il limiti di entrambi, per la diversa sessualità di genere, devono essere alla base dell'erotismo di coppia, tuttavia sono da distinguere le perversioni hard, il sesso di gruppo, lo scambio di coppia o di mogli. Le fantasie dovrebbero avere la lievità del gioco, qual'è in fondo l'amore, dove sconfinano l'uno nell'altro finzione e verità, trasgressive in quanto fuori dagli schemi abitudinari. A fantasie e loro estreme realizzazioni, si ricorre quando il rapporto a due è già fallito.


Sapessi come ti comprendo…fino a poco tempo fa avrei scritto le stesse identiche cose!

Riflettendoci …è impossibile che una coppia stabile ed apparentemente affiatata arrivi all’estremizzazione delle fantasie sessuali, specialmente se queste comprendono partecipazione di terzi, senza credere che non si sia rotto un qualcosa in quel fondamentale equilibrio d’unione. Ci deve per forza essere qualcosa che non va…l’ultima spiaggia cui far approdare un’unione che da li a breve sarà destinata a naufragare nell’oceano dell’indifferenza fino all’inevitabile separazione. Sesso di gruppo, perversioni hard, scambio (con penetrazione) di mogli e mariti…entrambi bsex per l’occasione, il cui terribile demone del sesso ha preso il sopravvento sui valori e sulla morale di questa nostra civilissima società. Un groviglio di corpi la cui immagine non può certo far pensare ad una intesa di coppia e che sembra mirare piuttosto ad un orgasmo dopo l’altro.

Riflettendoci un po’ di più …o meglio, avendo le basi per provarci…quell’inferno dantesco descritto prima, immagine collettiva di sesso che rispecchia come possa venire vissuta la sessualità anche all’interno della singola coppia, quindi anche in noi stessi, assume contorni e sfaccettature assai differenti, se non opposti. La complicità e l’intesa che danno luogo alla materializzazione di certe fantasie mirano alla coppia, quindi al rispetto dei ruoli e dei limiti presenti in ognuno di noi. Il “gioco” raffinato di coppia difficilmente da luogo ad uno scambio completo di partner (pur non escludendolo)…è un gioco di seduzione e sensualità ove oltre all’amicizia che lega più persone che sedute ad esempio attorno ad un tavolo per una cena, sanno cogliere aspetti e vivere momenti che piacevolmente coinvolgono, mai in maniera morbosa, sempre molto cerebrale, quella sessualità che solitamente non viene pienamente goduta per problemi…quali problemi?...voi sapete senz’altro meglio di me!

Ciò che quindi l’Arsenio cataloga come “perversioni hard” possono essere vissute da altri come la ciliegina sulla torta dopo un pranzo matrimoniale che non può che essere, affinché si arrivi a quella ciliegina, sempre molto lauto, mai pesante, molto sereno. Godendo di determinate esperienze, la visione sulla qualità sessuale (mai fondamentale ma molto importante) della vita di coppia, assume visioni alquanto diverse da quelle “normalmente” tenute e che per qualcuno potranno risultare “strane”. A certi livelli ci si potrà rendere conto che la vera “perversione” consiste nei tradimenti, nelle veloci scappatelle, nel far l’amore con il proprio partner una volta ogni 15 giorni senza avere la capacità di aggiungere mai alcun condimento a quella minestra che, a volte, fatica ad andar giù.

maxim is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it