Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 29-12-2007, 22.49.14   #11
NebbiaINvalPadana
Ospite abituale
 
L'avatar di NebbiaINvalPadana
 
Data registrazione: 28-12-2006
Messaggi: 158
Riferimento: Analfabetismo emotivo

Umberto Galimberti ha descritto bene il problema. provo a metterlo dal mio punto di vista. oggi siamo massacrati dalle istituzioni famiglie, scuole, amici, televisione (sì è un'istituzione), su quello che dobbiamo fare. Ricevendo indicazioni palesemente contrastanti.

Abbiamo abituato i giovani ad agire come dei cani. Se riporti l'osso ti do il bisocottino. Abolendo la riflessione la valutazione di un lavoro o di un atto diventa quantitativo e non qualitativo.

Mi spiego meglio. Se in un tema a scuola la prof da "riflessioni sulla guerra" i ragazzi cominciano a sentirsi spaesati e chiedere agli altri cosa ne pensano, e il massimo che riescono a fare è rielaborare la posizione di qualcun altro.

Cioè l'importante è riempire la pagina con materiale ineccepibile sacirficando però la propria naturale posizione. Perchè? Perchè non ne hanno una.

E' molto evidente che la televiisone in particolare ci dica cosa ci fa stare male e cosa ci fa stare bene. ma vi pare possibile che tra gli 11 e i 20 anni ci siano frotte di ragazzine che piangono per amori epici durati magari una settimana?

Gente che pensa che il dolore che provano sia perchè "gli altri se ne fregano di me" o "il vero amore non esiste"? Ma è davvero così? Non è che magari sto male perchè sono pigro e non m'impegno? non è che magari non sono sincero con le persone e questo mi porta a pensare che anche gli altri siano bugiardi così da guardarli segretamente con occhi maligni?

Ha trionfato la superficialità e la trattazione superficiale di argomenti profondi. Naturalmente così i sentimenti vengono confusi disconosciuti e maltrattati.
Producendo sofferenze sempre maggiori.
NebbiaINvalPadana is offline  
Vecchio 30-12-2007, 01.53.42   #12
feng qi
Ospite abituale
 
L'avatar di feng qi
 
Data registrazione: 15-10-2005
Messaggi: 560
Riferimento: Analfabetismo emotivo


Condivido in pieno quanto sottolineato da nebbia. E racconto una cosuccia.

Quest'anno mio figlio che ha nove anni, ha dovuto fare un compitino per casa, per Religione.

Si trattava di disegnare una piramide della felicità. In cima stavano le cose che per eccellenza lo rendevano felice e più in basso via via le meno importanti.

In sostanza una piramide delle priorità.

Bene. Ho lavorato con mio figlio un pomeriggio per eviscerare dal suo giovane io non solo le cose basilari alla sua felicità, ma soprattutto per spiegargli cosa é in senso strettamente pratico la felicità.

E meno male che ho già cominciato a lavorare su questo concetto in me, da qualche anno se no avrei fatto come tutte le altre mamme che hanno fatto scrivere ai loro figli ciò che il maestro di Religione avrebbe gradito leggere.

E' stato un buon lavoro perché poi mio figlio era eccitato e non finiva di farmi domande..però é stato per me un campanello d'allarme: devo sempre stimolare me stessa e lui che cresce, a sentirsi e capirsi e collegarsi con se stessi, sempre, se no ci si "disallinea" da se stessi e ci si aliena.

Baci
feng qi
feng qi is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it