Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 05-01-2008, 22.45.54   #11
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Perchè viviamo?

Citazione:da Hava,
Lo scopo della vita? penso che ognuno di noi dovrebbe seguire lo scopo a lui piu' adatto, quello che lo soddisfa.
Io avrei risposto probabilmente piu' o meno come Veraluce perche' quello e' anche per me il modo di vedere la vita, un modo che non mi ha mai delusa.
E quando l'ho scoperto? Durante il parto di mio figlio, mentre le doglie si facevano gia' sentire, un'altra partoriente comincio' a gridare torcendosi dal dolore e dalla paura. Le sedetti accanto cercando di calmarla, e mio figlio venne alla luce senza che nemmeno ne facessi caso, tanto ero occupata con lei.
E' in quel momento che compresi quale sia lo scopo della mia vita.

Carissima Hava,io cerco di spiegarmi al meglio delle mie possibilità,ma purtroppo non posseggo una buona dialettica per cui noto che stento a farmi capire. Ma tu con l'esempio della dolce e bella esperienza che ci hai citato,sei venuta a darmi un aiuto per farmi capire meglio da voi.Io insisto col dire che l'essere umano dalla vita cerca la felicità,la gioia,ma non le felicità o le gioie effimere quotidiane,ma la somma di queste felicità e gioie intese come tentetivo di raggiungere il paradiso su questa terra.Da ricerche ed approfondimenti ho constatato che una alta maggioranza di persone ben pensanti,ottengono un maggior grado di felicità nel dare,nell'aiutare sopratutto moralmente il proprio prossimo,intendo dire alleviare le sofferenze altrui.che non nel ricevere.E non intendo dire solo materialmente come mi è già stato risposto da Veraluce(Spero che mi legga anche Lei).Prova un po' ad approfondire, poi mi dirai se condividi.Non intendo darsi per riceverne una ricompensa, ma essere in possesso di una certa educazione morale che ti fa' sentire dentro di te, nel profondo del tuo cuore il bisogno di dare,al contrario ne hai una sofferenza.Oltre a ciò, se dai ad una persona a te vicina,essendo facile,la soddisfazione che ne ricevi è relativa,ma se aumenta la difficoltà,(per assurdo riuscire ad amare un nemico,) la soddisfazione che ne scaturisce è senzaltro proporzionalmente maggiore.
Il più bell'esempio che abbiamo è di un Gesù Cristo che ha dato tutta la sua vita per salvare coloro che lo stavano uccidendo; Nessuno credo riuscirà a godere tanto.

Nel tuo esempio,il piacere,l'amore,spinto dal desiderio di aiutare l'altra mamma sofferente,è stato tanto grande che ha superato addirittura i dolori delle tue doglie.
Io credo che la nostra maggiore ragione di vita,stia nel tentativo di raggiungere il paradiso,inteso come sempre maggiore felicità.
Secondo me è l'amore che fa progredire il mondo,e se il mondo continua ad andare avanti è perchè in una buona maggioranza di umanità alloggia imperante ancora questo sentimento,specialmente in quel mondo che noi chiamiamo,incivile o sotto sviluppato,non ancora inquinato dal nostro esasperato materialismo e consumismo,alterante irresponsabilmente ogni armonia naturale. Ciao,un caro saluto espert37
espert37 is offline  
Vecchio 06-01-2008, 16.10.31   #12
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Perchè viviamo?

Citazione: da Veraluce,
Io ho sempre pensato che Gesù per amore abbia sofferto tanto (pianse e chiese al Padre se fosse stato possibile allontanare da lui quel calice di morte) e non ha cercato alcuna felicità per se stesso... Gesù non ha mai voluto nulla per sé... non amava gli altri per essere più felice lui... lui aveva la sua immutabile felicità nel Padre, che gli altri ricambiassero il suo amore oppure no... cosa si può dare di più a colui che ha già tutto? Io ho già tutto... anche se non riuscissi a fare la missionaria, non importa, amerò le persone che incontro ogni giorno... anche se non mi dovessero ricambiare, non importa... perché se cercassi qualcosa per me stessa (piacere, soddisfazione, etc) mi allontanerei da me stessa... ovvero dalla visione di Dio...
Quindi non posso dirti che cerco una mia soddisfazione nell'amare il prossimo (anche perché già in passato ci stavo rimettendo le mie misere penne per amare, e va bene così)... l'amore non è quello che ci dà solo felicità... tanti mistici ( e anche alcuni psicologi ) dicono che quanto più soffri, tanto più l'amore è vero... credo che forse è proprio così... forse per amare veramente si deve essere anche un bel pò autolesionisti... ma me lo posso permettere, il Signore mi sostiene! Per questo ti ripeto, nessuno mi può privare di niente, perché niente è mio... e perché già mi è stato dato tutto... Posso anche dirti che la vita mi ha fatto restare segregata in solitudine forzata per molto tempo... senza nessuno... e ti posso dire che l'amore di Dio era presente anche in quel contesto... non l'ho deciso io, è così... per la mia esperienza..

Carissima Veraluce,non capisco come mai, ogni volta che ti leggo,mi avvince un desiderio forte di doverti rispondere,probabilmente tra noi è nato uno strano feeling interlocutorio,ogni volta che ti ascolto aumenta in me la convinzione che, anche se su percorsi diversi,il nostro fine di vita non si distanzia di molto.
Cerco di rispondere ora al tuo intervento. La tradizione ci dice che Dio si è fatto uomo ed è venuto tra di noi per insegnarci il bene,l'amore per condurci sulla via della Grazia.Tutte le parabole,i miracoli,gli insegnamente che di Lui ci vengono tramandati,sono pieni di amore ed a fin di bene.Non riesco a capire allora lo scopo di quell'evento tanto negativo e cruento dove Lui,(come tu dici) ha sofferto moltissimo,rappresentato dalla Sua crocifissione,per poterci salvare,penso che,quale Onnipotente avrebbe potuto raggiungere il Suo scopo anche in altro modo:Non ti pare? Non si può forse pensare che lo abbia fatto con uno scopo ben preciso,per dimostrarci che la migliore via per raggiungere il paradiso stà nel donarsi al proprio prossimo? E a maggior difficoltà stà la via più breve per arrivarci? Lui ci ha mostrato il massimo,al quale noi dovremmo cercare di avvicinarci,sperando sempre di non arrivarci,perchè nella perfezione ci sarebbe la fine.
Nel donarti al tuo prossimo, non devi assolutamente aspetterti una ricompensa, (non è una operazione commerciale).Lui non l'ha fatto con questo intento,ma lo ha fatto,perchè spinto da quella forza interiore esistente in tutti coloro che vivono in amore nella grazia,e te da come ti esprimi sei tra questi,e non dirmi per favore che non provi nulla agendo in questo modo!!.

Ciao Veraluce,spero di non ricevere da te ancora troppe obbiezioni (Scherzo,se ce ne sono fammene pure,sono sempre bene accette).
espert37
espert37 is offline  
Vecchio 06-01-2008, 16.41.24   #13
feng qi
Ospite abituale
 
L'avatar di feng qi
 
Data registrazione: 15-10-2005
Messaggi: 560
Riferimento: Perchè viviamo?

Citazione:
Originalmente inviato da espert37
Carissima Maura,hai pienamente ragione,Forse dovevo completare la domanda con: Perchè viviamo,a qual fine,per quale scopo viviamo, cosa è che noi chiediamo alla nosta vita? Ciao,e grazie della correzione. espert 37

ho letto tutto il post è sebbene condivida le risposte filo-religiose, credo che possa esistere una risposta che sia valida non solo per chi crede ma anche per chi non crede, o meglio non crede secondo schemi assolutamente filo-religiosi.

Se davvero volevi coinvolgere il pubblico in una discussione, bastava la sola domanda "perché viviamo" per riempire un intero post.

Noi viviamo perché ci é data la vita, e lo scopo della vita é il vivere.

Se guardi le montagne o le nuvole e poni loro le stesse domande, la loro risposta é nel loro semplice, puro e perfetto Essere e Vivere.

Le elucubrazioni autocompiacentesi sulle motivazioni profonde del vivere che hai portato avanti, possono essere accettate o soltanto lette, ma non discusse, perché sono tue personali e basta.

Con ciò che tu ed altri avete affermato, che io condivido pienamente, voi escludete quasi un motivo di esitere anche per chi non crede.

Invece coloro i quali non credono (che poi sempre in qualcosa credono ) esprimono motivazioni sul vivere anche più vere e più semplici.

Io sto ancora elaborando una risposta, ma penso che il creato essenso manifestazione diretta del Divino, porti in se stesso pure e semplici tutte le risposte che ci servono.

Diceva Lao Tsi: " Le montagne azzurre sono montagne azzurre; le nuvole bianche sono da sè, nuvole bianche".

ovvero la semplice armonia di ogni essere vivente o meno, e la contemplazione di questa perfezione che muta incessantemente nel tempo, sono motivo e cagione di elevazione spirituale e risposte magnifiche.

Viviamo perché ci é stata data la vita, ed il fine supremo della nostra vita é il vivere.
Come poi decidiamo di vivere, é altra storia.

feng qi
feng qi is offline  
Vecchio 06-01-2008, 18.47.39   #14
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: Perchè viviamo?

Citazione:
Da Espert37:
e non dirmi per favore che non provi nulla agendo in questo modo!!.

Ciao Espert!
Ma certo che provo anch'io dei sentimenti... sono sempre un essere umano..
...e non credo in fondo di averti contraddetto nel tuo discorso, ma ho dato una mia interpretazione... relativa come la tua... a me piace anche la tua...
...e non cerco di convincerti della mia... anche perché non mi sembrano poi così diverse... so che confidi nell'amore come me, e tanto basta per comprenderci...


Citazione:
Da Feng qi:
Con ciò che tu ed altri avete affermato, che io condivido pienamente, voi escludete quasi un motivo di esitere anche per chi non crede.

Invece coloro i quali non credono (che poi sempre in qualcosa credono ) esprimono motivazioni sul vivere anche più vere e più semplici.


Ciao feng qi!
Non ho capito chi ha escluso un motivo di esistere per le persone che non credono... forse ci si è fraintesi...
Comunque, spero che non includi anche me in quegli "altri", perché io sinceramente non ho mai pensato una cosa del genere... per me credere o non credere sono solo dettagli... e non direi neanche che una persona, solo perché crede, esprime motivazioni sul vivere più vere di chi non crede, o viceversa, che è chi non crede ad esprimere motivazioni più vere etc... forse volevi solo rendere l'idea circa il fatto che non è detto che un non credente non possa avere delle motivazioni profonde? In tal caso sono d'accordo anch'io... infatti penso che non si possa giudicare dal credere o non credere se una persona ha delle motivazioni sul vivere "vere e semplici" (mi scuso per le ripetizioni...)... anzi, direi che non si dovrebbe giudicare mai... dovremmo guardare soltanto a noi stessi... almeno così la vedo io



Citazione:
Da feng qi:
Io sto ancora elaborando una risposta, ma penso che il creato essenso manifestazione diretta del Divino, porti in se stesso pure e semplici tutte le risposte che ci servono.

Condivido pienamente!

Buona serata a tutti!

P.S.:Volevo specificare che già prima di percepire Dio avevo già una predisposizione caratteriale naturale che mi faceva pensare prima al prossimo che a me stessa... per cui non è una cosa che riferisco ad una fede... è una cosa che mi appartiene dalla "nascita" (dico io)... anche se non avessi percepito Dio, sarebbe stata la stessa cosa per me... sono così, al naturale... e lo sarei anche se fossi atea... perché no?

Vi abbraccio
veraluce is offline  
Vecchio 06-01-2008, 21.45.52   #15
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Perchè viviamo?

Citazione da feng qi:
Noi viviamo perché ci é data la vita, e lo scopo della vita é il vivere.

Se guardi le montagne o le nuvole e poni loro le stesse domande, la loro risposta é nel loro semplice, puro e perfetto Essere e Vivere.

Le elucubrazioni autocompiacentesi sulle motivazioni profonde del vivere che hai portato avanti, possono essere accettate o soltanto lette, ma non discusse, perché sono tue personali e basta.

Con ciò che tu ed altri avete affermato, che io condivido pienamente, voi escludete quasi un motivo di esitere anche per chi non crede.

Invece coloro i quali non credono (che poi sempre in qualcosa credono ) esprimono motivazioni sul vivere anche più vere e più semplici.

Io sto ancora elaborando una risposta, ma penso che il creato essenso manifestazione diretta del Divino, porti in se stesso pure e semplici tutte le risposte che ci servono.

Diceva Lao Tsi: " Le montagne azzurre sono montagne azzurre; le nuvole bianche sono da sè, nuvole bianche".

ovvero la semplice armonia di ogni essere vivente o meno, e la contemplazione di questa perfezione che muta incessantemente nel tempo, sono motivo e cagione di elevazione spirituale e risposte magnifiche.

Viviamo perché ci é stata data la vita, ed il fine supremo della nostra vita é il vivere.
Come poi decidiamo di vivere, é altra storia.
Innanzi tutto, grazie per avermi risposto.
Carissimo feng qi, Mi raccomando,non prendarla come polemica,ma vorrei precisarti che condivido pienamente con te quando dici che il fine supremo della vita è il vivere,questo lo è per tutto il genere animale, ma all'umano,"Portroppo forse", gli è capitato addosso un'intelletto che lo rende un poco differente dal resto del suo genere,per cui se questo umano,credente o non credente,"nessuno escluso" agisce,pensa,si preoccupa,ecc.ecc.quale è lo scopo di tutte queste azioni? che cosa ne vuol ricavare? E' la risposta a questo che io vado in cerca.
PS.constatato che viviamo in una società attuale che lascia un poco a desiderare,la mia ricerca ha lo scopo di promuovere un tentativo per poterla migliorare. Potrai dirmi che è un'utopia,ma io cerco comunque. Ciao espert37
espert37 is offline  
Vecchio 08-01-2008, 11.39.59   #16
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Perchè viviamo?

Citazione Da Veraluce:
Ma certo che provo anch'io dei sentimenti... sono sempre un essere umano..
...e non credo in fondo di averti contraddetto nel tuo discorso, ma ho dato una mia interpretazione... relativa come la tua... a me piace anche la tua...
...e non cerco di convincerti della mia... anche perché non mi sembrano poi così diverse... so che confidi nell'amore come me, e tanto basta per comprenderci.

Carissima Veraluce,con questo tuo intervento, mi hai fatto capire dove probabilmente sta il mio errore.Tu mi dici che hai dato la tua interpretazione e non cerchi di convincermi di questa,mentre io invece essendo convinto della mia interpretazione,a costatando che seguendola mi fa' stare bene,sono spinto a cercare di imporla anche agli altri;A volte è' più forte di me,e penso che l'errore stia proprio in questo,mi hai dato la convinzione che mi devo moderare,ed accettare pessivamente anche le interpretazioni degli altri.
Ciao e tante grazie espert37
espert37 is offline  
Vecchio 08-01-2008, 14.37.31   #17
ZioZen
Ospite
 
L'avatar di ZioZen
 
Data registrazione: 06-01-2008
Messaggi: 12
Riferimento: Perchè viviamo?

Provo a mettere giù la domanda secondo me, e proverei a scomporla in altre due... spero mi perdonerete...
Perché esiste la Vita?
mi sono trovato anche io di fronte a questa domanda e per quanto riguarda la mia esperienza personale, non ha mai aperto dei canali profondi dentro di me che mi facessero sentire la possibilità di percorrere una strada verso risposte plausibili, che si avvicinassero, secondo il mio punto di vista del momento, il più possibile alla Realtà.
Quando ho cominciato ad indagare in maniera più consapevole, mi sono trovato di fronte a dimensioni di spazio e tempo prive di significato sotto l'aspetto dello spazio e del tempo come noi occidentali li concepiamo secondo i nostri schemi e il nostro linguaggio alquanto lineare, e mi ha procurato una certa leggerezza il percepire che, di fronte a certe domande, probabilmente è meglio non cercare risposte, forse perché, almeno per i miei schemi, accetto pienamente che a certe Domande io sia troppo piccolo per trovare certe Risposte.
In questo, la condivisione con alcuni pensieri di radice orientale mi hanno aiutato a percorrere un tragitto centrando l'obiettivo sul percorso stesso, piuttosto che sulla meta.
Restare sempre nel qui e ora. Intendiamoci, sempre con un occhio a possibili sviluppi del futuro, ma non perdendo mai di vista la centralità del momento.
Invece, una domanda che mi ha sempre toccato fin nel profondo, l'ho letta su una roccia, ed era scritta a bomboletta: io proprio io, perché?
Ha sempre innescato un meccanismo, o meglio, un dinamismo, che mi sono ritrovato di fronte giorno per giorno, mese per mese, anno per anno, momento per momento nella mia vita tutta.
Poter agganciarmi, o riagganciarmi, alla mia natura profonda, desideri, soddisfazioni, sconfitte, idee, ideali, rapporti intra e interpersonali, ho sempre cercato la strada che procurasse una vibrazione profonda che mi dicesse "tu sei nato per questo". Immagino che, se dovessi rinascere, e se sapessi già in anticipo lo svolgimento del resto della mia vita, questo è ciò che continuerei ancora a scegliere, e non potrei pensare qualcosa di diverso.
Cosa faccio forse è di poca rilevanza, ma credo che sia fondamentale sentire che in qualsiasi momento la vita ci insegna, ed ogni momento è buono per restituire quello che ci è dato.
Forse non ha risposto al "perché", ma mi soddisfa il "come".
ZioZen is offline  
Vecchio 08-01-2008, 23.32.29   #18
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Perchè viviamo?

Citazione da Zio Zen,

Provo a mettere giù la domanda secondo me, e proverei a scomporla in altre due... spero mi perdonerete...
Perché esiste la Vita?
mi sono trovato anche io di fronte a questa domanda e per quanto riguarda la mia esperienza personale, non ha mai aperto dei canali profondi dentro di me che mi facessero sentire la possibilità di percorrere una strada verso risposte plausibili, che si avvicinassero, secondo il mio punto di vista del momento, il più possibile alla Realtà.
Quando ho cominciato ad indagare in maniera più consapevole, mi sono trovato di fronte a dimensioni di spazio e tempo prive di significato sotto l'aspetto dello spazio e del tempo come noi occidentali li concepiamo secondo i nostri schemi e il nostro linguaggio alquanto lineare, e mi ha procurato una certa leggerezza il percepire che,----- -di fronte a certe domande, probabilmente è meglio non cercare risposte, forse perché, almeno per i miei schemi, accetto pienamente che a certe Domande io sia troppo piccolo per trovare certe Risposte.------
In questo, la condivisione con alcuni pensieri di radice orientale mi hanno aiutato a percorrere un tragitto centrando l'obiettivo sul percorso stesso, piuttosto che sulla meta.
Restare sempre nel qui e ora. Intendiamoci, sempre con un occhio a possibili sviluppi del futuro, ma non perdendo mai di vista la centralità del momento.
Invece, una domanda che mi ha sempre toccato fin nel profondo, l'ho letta su una roccia, ed era scritta a bomboletta: io proprio io, perché?
Ha sempre innescato un meccanismo, o meglio, un dinamismo, che mi sono ritrovato di fronte giorno per giorno, mese per mese, anno per anno, momento per momento nella mia vita tutta.
Poter agganciarmi, o riagganciarmi, alla mia natura profonda, desideri, soddisfazioni, sconfitte, idee, ideali, rapporti intra e interpersonali, ho sempre cercato la strada che procurasse una vibrazione profonda che mi dicesse "tu sei nato per questo". Immagino che, se dovessi rinascere, e se sapessi già in anticipo lo svolgimento del resto della mia vita, questo è ciò che continuerei ancora a scegliere, e non potrei pensare qualcosa di diverso.
Cosa faccio forse è di poca rilevanza, ma credo che sia fondamentale sentire che in qualsiasi momento la vita ci insegna, ed ogni momento è buono per restituire quello che ci è dato.
Forse non ha risposto al "perché", ma mi soddisfa il "come".

Banvenuto caro ZioZen, mi piace molto il tuo modo di riflettere e sopratutto di cercare, secondo me, non ti devi fermare di fronte a certi perchè, prova sempre a darti una risposta, anche se sbagliata, la porterai sempre nella memoria per poterla migliorare.La nostra vita ha già una risposta.Relativa al nostro prossimo che ci circonda,(Pensa se fosti solo al mondo,che noia sarebbe!!)perciò la mia è domanda è relativa a me e questo mio prossimo,nel quale c'è la fonte della mia felicità.Tutte le religioni di questo mondo,occidentali od orientali hanno lo stesso fine comune;(se giustamente interpretate)quello di insegnare in qualche modo a vivere in armonia a tutta l'umanità. ciao e complimenti, Vorrei proseguire per spiegarmi meglio, ma è quasi mezzanotte e stò crollando dal sonno, Scusami
espert37 is offline  
Vecchio 09-01-2008, 01.43.59   #19
ZioZen
Ospite
 
L'avatar di ZioZen
 
Data registrazione: 06-01-2008
Messaggi: 12
Riferimento: Perchè viviamo?

Citazione:
Originalmente inviato da espert37

Banvenuto caro ZioZen, mi piace molto il tuo modo di riflettere e sopratutto di cercare, secondo me, non ti devi fermare di fronte a certi perchè, prova sempre a darti una risposta, anche se sbagliata, la porterai sempre nella memoria per poterla migliorare.La nostra vita ha già una risposta.Relativa al nostro prossimo che ci circonda,(Pensa se fosti solo al mondo,che noia sarebbe!!)perciò la mia è domanda è relativa a me e questo mio prossimo,nel quale c'è la fonte della mia felicità.Tutte le religioni di questo mondo,occidentali od orientali hanno lo stesso fine comune;(se giustamente interpretate)quello di insegnare in qualche modo a vivere in armonia a tutta l'umanità. ciao e complimenti, Vorrei proseguire per spiegarmi meglio, ma è quasi mezzanotte e stò crollando dal sonno, Scusami

Ti ringrazio del benvenuto. In effetti mi sono appena iscritto su invito di un caro amico, ed è il primo post che lancio.

Provo a spiegarmi meglio.
Il mio percorso io lo reputo come un caso, cioè non mi sono mai sentito un "predestinato" fin dalla nascita per percorrere una strada (il chirurgo, il musicista, il calzolaio, l'attore).
E mi sono trovato a percorrere, volente o nolente, la mia vita.
Non avendo vocazioni o attitudini, almeno così palesi in giovane età, mi è nata spontanea la domanda: ma allora che ci faccio qui? perché vivo? e perché la vita? non avendo trovato risposte, se non il fatto stesso che ero vivo, ho proseguito, a volte speranzoso, a volte scoraggiato.
Mi sono trovato di fronte miriadi di incontri, con me stesso, con gli altri, con gli oggeti, con il tutto.
E' solo attraverso l'incontro con altre persone, che avevano fatto percorsi prima di me, che ho avuto l'opportunità che mi mostrassero il loro percorso, cosa li aveva portati ad essere lì, come ci erano arrivati, e perché.
Una cosa che reputo fondamentale è il confronto, e ho cominciato a confrontarmi, a rapportarmi con chiunque. Fortuna ha voluto che trovassi anche persone che avessero fatto un cammino notevolmente più avanti del mio, e percependomi con uno sguardo interiore che certamente hanno sviluppato ampiamente, mi mostrassero un possibile cammino che, se mi interessava, se vibrava profondamente, necessitava di strumenti e di abilità da perseguire.
Come se, silenziosamente, attraverso le loro esperienze, mi comunicassero dove ero, e come avrei potuto continuare, coerentemente e correttamente con me stesso.
Un po' per caso, un po' credo di no, come scrivevo sopra ho cominciato un percorso intrapersonale (di sé con se stesso) ed interpersonale (di sé con gli altri), fino ad arrivare, detto proprio in pilloline, a percepire la vita come una rete di collegamenti, in cui tutto è collegato con tutto.
Hai perfettamente ragione quando dici: che noia se fossimo soli! non soltanto per le nostre emozioni, ma per il nostro stesso sostentamento.
La vita è fatta da chi ci impacchetta gli spaghetti nei cartoni, da chi ci fa crescere le arance, le trasporta e le vende, da chi procura il legno, lavora e prepara i mobili, da chi ci prepara un DVD, da chi costruisce penne e, se ci giriamo intorno, non c'è una sola cosa che non sia fatta dalla collaborazione di uomini e donne (e non solo).
Nata come è nata non lo so, ma la collaborazione è diventata il fulcro della mia vita, fino a quando, diversi anni fa, ho deciso prima di dedicare me stesso al prossimo, a provare a capire il suo cammino, e a provare a sostenerlo nel proseguire, in un doppio scambio, perché mi sono sentito io stesso aiutato a proseguire.
Spiegandolo qui ancora in pilloline, il passo successivo è stato insegnare agli altri ciò che continuamente, in maniera sempre rinnovata, mi viene dato.
E non conosco mezzo migliore dell'insegnare per continuare a sperimentare ed imparare.
La tua domanda, perché la vita, può darti la direzione di viverla nel come.
Al contrario, per me la vita mi ha indicato prima il come viverla, e il come ha risposto al perché, ma solo come tappa consecutiva: la relazione di sé con gli altri.
Da qualsiasi parte scali la montagna, comunque la meta pare essere sempre quella.
Il mio precedente post, in realtà, aveva il tuo stesso significato: non è importante se trovi una domanda a cui non sai rispondere, intanto prosegui...il tempo e le esperienze provvederanno.
Volevo solo significare che, a volte, il dedicarsi agli altri è una scoperta che arriva ad un certo punto della propria vita, ed è quindi una tappa fondamentale, come un punto di arrivo per una nuova partenza. Ma bisogna prima arrivarci a tale conclusione, per poi ripartire!
Ovviamente non è così per tutti. Questa è solo la mia esperienza.
ZioZen is offline  
Vecchio 09-01-2008, 10.03.58   #20
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: Perchè viviamo?

Citazione:
Da ZioZen:
Al contrario, per me la vita mi ha indicato prima il come viverla, e il come ha risposto al perché, ma solo come tappa consecutiva: la relazione di sé con gli altri.

Ciao e benvenuto ZioZen!
Vorrei porgerti una domanda, giusto per capire un pò di più... secondo te la costruzione, l'esplicarsi di una armoniosa relazione con gli altri non origina da un equilibrato rapporto con sé stessi? Ovvero, mi spiego meglio: non è importante saper star bene da soli, per poter intessere equilibrati rapporti interpersonali con gli altri?


Citazione:
Da ZioZen:
Hai perfettamente ragione quando dici: che noia se fossimo soli! non soltanto per le nostre emozioni, ma per il nostro stesso sostentamento.

E vorrei esprimermi sulla "noia"... (mantenendo ovviamente tutto il rispetto per la collaborazione umana...)
Secondo me la vita è noiosa quando siamo noiosi noi... quando sono i nostri occhi che non sanno trovare "bellezza" in ciò che guardano, etc... gli altri non sono qui per soddisfare il nostro bisogno di essergli utili, di fargli da "infermieri" morali o psicologici... non sono qui per alleviare la nostra noia...
Dovrei pensare che se naufragassi su un'isola deserta la mia vita non avrebbe più dignità soltanto perché sarei sola? I nostri bisogni pseudo-altruistici non sono il senso della nostra vita... almeno non della mia... se aiuto qualcuno non penso che lo faccio per soddisfare un bisogno o per provare un piacere personale o per non annoiarmi... innanzitutto non lo sto neanche aiutando, ma compio delle azioni che nascono spontaneamente... senza fine o scopo, ma come modo naturale di essere... Ci piace quando ci sentiamo le guide degli altri, quando facciamo la parte dei salvatori... invece se facciamo qualcosa per qualcuno gli diamo solo ciò che è già suo... tu come la pensi ZioZen?

Citazione:
Da ZioZen:
Volevo solo significare che, a volte, il dedicarsi agli altri è una scoperta che arriva ad un certo punto della propria vita, ed è quindi una tappa fondamentale, come un punto di arrivo per una nuova partenza. Ma bisogna prima arrivarci a tale conclusione, per poi ripartire!

Per te è stata una scoperta il dedicare la vita agli altri... per me (e non soltanto per me) invece è stato diverso... questo per dire che magari si è sin da piccoli predisposti a dare sé stessi in ogni senso, e poi ad un certo punto della vita ti accorgi che sei tu che sei così... come per dire dalla "nascita"... per cui non c'è punto d'arrivo per una nuova partenza... ma c'è solo un punto di partenza...
...non può essere anche così?

Ovviamente ho qui espresso sempre e soltanto un pensiero dettato dal mio percorso personale... non generalizzabile e nel pieno rispetto di quello altrui...

P.S.: Molto bello il tuo cammino ZioZen... spero che continuerai ad "aprirti" sotto questo punto di vista.

Pace & Amore a voi
veraluce is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it