Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 22-02-2008, 19.48.10   #51
chlobbygarl
Lance Kilkenny
 
Data registrazione: 28-11-2007
Messaggi: 362
Riferimento: L'emancipazione femminile.

Citazione:
Originalmente inviato da senzanome
La conclusione della Mead fu che il disagio adolescenziale delle ragazze americane non era naturale ma appreso, dovuto agli aspetti culturali e non biologici.
Concluse inoltre che i comportamenti culturali possono sembrare così fissi e inalienabili da indurci a crederli, erroneamente, dati naturali, ed è questo che ha avuto maggior eco nella storia dell’antropologia.
passaggio a mio avviso fondamentale la distinzione tra culturale e biologico o genetico.L'imprinting dell'apprendimento ambientale è talmente forte che in presenza di determinate condizioni sociali fissate culturalmente l'equivoco, strumentale, di ascrivere tale imprinting alla genetica è frequente e celebre.Quando si dice che i due sessi hanno diversità neurofisiologiche e poi si osserva come le donne siano inspiegabilmente (se non con la genetica) meno presenti in alcuni settori del pensiero rispetto agli uomini si fa esattamente quanto sopra.
Si prende un dato che è ahimè culturale, per il quale cioè la desuetudine ad applicarsi a certi ambiti crea da sè la bassa partecipazione femminile a quegli ambiti, e lo si traduce come derivante da differenza biologica.
chlobbygarl is offline  
Vecchio 23-02-2008, 10.13.11   #52
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: L'emancipazione femminile.

Mi sembra la discussione più appriopriata per parlare di quel che ieri sera mi ha molto colpito. Sulla emittente ODEON hanno trasmesso "Rebus, questioni di conoscenza"

Parlavano di Maria Maddalena e mi sono ritrovata ad ascoltare di problematiche, idee, conoscenze che abbiamo già trattato più volte su questo forum.

Mi è sembrato doveroso riportare qualche pensiero che ho ascoltato ieri sera, visto che l'argomento è proprio la donna.

Maria Maddalena è probabile (ed io mi accorgo che è così) era la sposa di Gesù, il Suo completamento, la Sua completezza, l'armonia e l'amore che può nascere solo dall'unione di maschile e femminile.

Se il cattolicesimo non lo avesse oscurato, se non avesse eliminato anche fisicamente (pare che lo sterminio dei catari sia dovuto anche a quello) tutto quello che concerneva questa donna potentissima (spiritualmente), ora non saremmo qui a parlare di emancipazione femminile.

Se l'eterno femminino fosse cresciuto accanto al mascolino nella parità, nel rispetto, nell'amore ora non saremmo sull'orlo del disastro planetario.

Maria Maddalena ci avrebbe accompagnato, insieme a Gesù verso il cammino spirituale per eccellenza, verso la vita e non verso la distruzione attuale.

L'emancipazione femminile di oggi spesso non sa neppure cosa sia la femminilità. La donna per ritornare a galla non ha attinto alla propria indole, ma ha teso il proprio essere a diventare simile all'uomo, a divenire mascolina, a volte più mascolina dello stesso uomo.
E i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

L'invito ad ogni uomo ed ogni donna è quello di diventare INTERI, di accogliere e ascoltare dentro se stessi la parte maschile e quella femminile, per poter così vedere l'amico/amica davanti a noi e non il nemico/nemica.

Temo che sia la sola ed unica soluzione per impedire la distruzione globale della vita su questo pianeta.

La bistecca si taglia con coltello e forchetta, la vita si vive solo se c'è il sole e l'oscurità, l'amore si compie solo dove l'unione è consentita nella sua interezza. (ovviamente non mi riferisco ad un puro e meccanico atto sessuale)

Ce la faremo, ce la possiamo fare se ciascuno/ciascuna fa la propria parte.

con amore e speranza
Mary
Mary is offline  
Vecchio 24-02-2008, 09.48.57   #53
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: L'emancipazione femminile.

Citazione:
Originalmente inviato da senzanome
Per Mary.

Prendo spunto dal tuo ultimo post per aggiungere dell'altro.

Maternità e paternità vera e profonda è altro, e oggi con questa emancipazione femminile si sta rischiando di eguagliare il maschio anche nelle forme peggiori.

Ecco, a me questo discorso non piace. Maternità e paternità vera e profonda è altro. Fin qui ci sto, penso ci stiamo tutti.
il problema è quell'eguagliare, tra l'altro unito a quell'anche.

Sarebbe a dire che la donna vuole eguagliare il maschio. Sarebbe a dire cosa?
Può essere che se una donna fa una cosa, la fa perché lei, soggetto autonomo e consapevole, decide, sceglie volontariamente, si auodetermina e basta? Una donna in carriera è una donna che eguaglia il maschio?
Qui non ci sto.
Quell'anche poi che significa? Eguagliare anche nelle forme peggiori.
Ciò significa ancora dividere nettamente le cose: da una parte un principio buono, dall'altra un principio malvagio, principio femminile e principio maschile. Anche qui non ci sto.
Parlare delle donne sempre in riferimento al maschio, come se le donne non fossero soggetto.

E poi far seguire alla parola donna termini quali capacità ricettiva, possibilità di accogliere di proteggere, di creare.
Questi stessi termini sono stati utilizzati per discriminare le donne, gli angeli del focolare. Questi stessi termini sono stati utilizzati per creare miti e credenze, per tenere le donne buone a casa al prezzo della propria libertà, per mutilare la sessualità femminile.
Di questi stessi termini la donna si è servita per avere protezione, assicurarsi un posto nella società, per assicurarsi una posizione economica, per sopravvivere all'interno di una società in cui o si adeguava o moriva.

Oggi questi termini vengono utilizzati in altro senso. Ma in quale? Sopno davvero utili al raggiungimento della parità uomo-donna?
Che effetto hanno sul maschio? Sottolineare le differenze, differenze tutte buona da una parte e tutte cattive dall'altra, è davvero utile all'emancipazione femminile? Non rischiamo noi donne di ingabbiarci da sole nel solito ruolo che vuole la donna amorevole, pura, tenera, non aggressiva, accogliente? Non rischiamo di generalizzare, di colpevolizzare il maschio violento, aggressivo, menefreghista ecc ecc? Rischiamo di cristallizzarci in ruoli che non fanno bene nè alle donne nè agli uomini e che ci allontanano.
Stessa razza. Dentro ognuno di noi c'è già tutto, in misura, forma e modi diversi, ma c'è tutto.

.

La donna, oggi, tende (giustamente) a fare le stesse cose che fa un maschio e che un tempo (dieci venti anni fa) le erano vietate. Non è tanto nel fare le stesse cose del maschio il problema ma nel fare propri anche i comportamenti non corretti che l'uomo ha preteso di erigere a virtù: arrivismo, violenza, sopraffazione, intolleranza, sete di potere, superficialità....

Lungi da me il voler generalizzare, catalogare, schematizzare, formalizzare.

Bisogna guardare in faccia la realtà per quella che è. Solo così si può tentare di cambiarla.

Uomini e donne non sono uguali e non devono essere uguali, altrimenti avremmo una clonazione e non una diversificiazione. Le differenze devono unire e non dividere, nessuno deve tentare di sottomettere l'altro. E questo può essere compreso solo quando entrambi si riprendono la capacità di amare.

Se ami sai cosa fare e come comportarti. E guardi l'altro o altra con rispetto, lasci che la libertà di essere se stessa o se stesso non venga mai scalfita.

A me dispiace che i maschi si sentano avviliti, umiliati, bistrattati ma in una fase di cambiamento forse è inevitabile.
Dispiace anche che le donne, le giovanissime donne di oggi abbiano perso molto, tantissimo della propria femminilità.
La femminilità è una immensa ricchezza, come lo è la mascolinità.

Una mia amica si è ritrovata in una sala d'attesa per interruzione volontaria della gravidanza e ne è uscita inorridita mi ha detto: queste ragazzine che stavano per abortire scherzavano, ridevano come se stessero per entrare in un teatro di avanspettacolo.
Io non sono contro la 194 ma perchè so che l'aborto per una donna è quanto di più duro possa sperimentare.
Ma parlo di madri, parlo di donne che sono femmine dentro l'animo e che darebbero la loro vita per la propria creatura.

Se emancipazione femminile vuol dire pietrificare il proprio cuore, allora preferisco la mia schiavitù e mi libererò in altro modo.

Hai scritto entro ognuno di noi c'è già tutto, in misura, forma e modi diversi, ma c'è tutto.
E' un pensiero che condivido al 200 per cento. Spero solo che maschi e femmine si decidano ad attingervi a piene mani e farne dono agli altri.

buona domenica
Mary is offline  
Vecchio 24-02-2008, 09.56.38   #54
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: L'emancipazione femminile.

Citazione:
Originalmente inviato da vero
Ciao Mary,concordo appieno con quanto scritto da te,parole piene di sagezza e consapevolezza..
Il fatto assai meno evidente secondo me è che ,di certe nozioni,concetti,presenza a se stesso e consapevolezza,per essere inanzitutto se stessi,e sereni,per poi essere in "grado"(anche la parola non conviene) di mettere figli al mondo,ma in modo responsabile,non solo per il latto materiale,certo necessario,bensi per l'evoluzione psicologica,l'aiuto o assistenza ai nostri figli..tutto questo è un cammino che ,spessissimo non s'inizia da giovane coppia,ma ben più tardi,ognuno avendo i suoi tempi,che rispetto come tali,ma che,se iniziato prima..farebbe molto meno danni ai figli,anche se sempre fatti senza intenti di nuocere loro,ma solo perché inconsapevoli..
Non è mai troppo tardi,lo so,ma è tempo sprecato in una certa misura,sai,come se bisognasse riavvolgere il nastro per un "nuovo "inizio,quando si potrebbe fare sin dall'adolescenza,ma purtroppo,ancora troppe persone non se ne accorgono,nemmeno la scuola,che ha anche lei un ruolo da svolgere,a mille miglia da quello che compie per ora,ossia..riempire le menti di concetti..spesso non indispensabili,tralasciando certe cose molto più importanti....secondo me..
cordialmente
véronique


A chi lo dici?!

Si impara sulla pelle dei figli e poi non sai più che fartene dell'esperienza fatta.

Spero che un giorno nelle scuole pubbliche ci sia un'ora dedicata alla vita, alla crescita, alla conoscenza del senso della vita. Che si possa insegnare a vivere da maestri capaci magari relegando in qualche angolo il nozionismo puro, o quello di una storia che non è capace di insegnare.

Un'ora di lezione dedicata al "imparare dagli errori propri e degli altri" dove il bullismo maschile e femminile venga privato della propria linfa vitale.

La vita si impara vivendo, ma una mappa da portare con sé non sarebbe poi tanto male.

Sono certa che quando i due sessi si saranno riappacificati le guerre saranno solo un ricordo.

Il predominio maschile, il patriarcato imperante è la benzina che alimenta ogni sorta di guerra e violenza.
Se fosse al potere una donna (una vera donna) non manderebbe mai a morte ii propri figli in una stupida guerra.
Mary is offline  
Vecchio 24-02-2008, 19.19.32   #55
kore
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-07-2007
Messaggi: 343
Riferimento: L'emancipazione femminile.

Cara Mery,
anche io mi sono ritrovata ad accompagnare un'amica e il suo compagno per un'interruzione di gravidanza.
Io però non ho visto le ragazzine scherzare. Una piangeva disperata, un'altra è scappata via (forse ci aveva ripensato), tutte le altre, a esclusione della mia amica e di altre due donne sposate, erano SOLE. E non perché fossero single!
La cosa mi ha amareggiata tantissimo. Comunque...
Non tutte le donne realizzano subito dopo il test di gravidanza che stanno per diventare madri. La natura ci ha dato 9 mesi di tempo per riorganizzare la nostra identità e introdurci in una nuova dimensione del nostro essere donne, quella materna. A volte 9 mesi non bastano, ci vuole più tempo prima che scocchi quella scintilla d'amore che ci lega per sempre alla nostra creatura. E lo stesso vale per i padri, anche loro hanno bisogno,a volte, di più tempo. Non siamo tutti uguali, non maturiamo tutti allo stesso modo e negli stessi tempi.
Io non penso che le ragazzine che la tua amica ha visto avessero il cuore così indurito, forse non si rendevano ben conto di quello che stava succedendo, forse scherzavano spavaldamente per mettere a tacere i dubbi o il dolore, ma non possiamo essere sicuri che tra qualche giorno, mese o anno quel dolore messo a tacere con la chiacchiera, non riaffiori.
kore is offline  
Vecchio 25-02-2008, 15.23.51   #56
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: L'emancipazione femminile.

[quote=kore]

Carissima kore, ti ringrazio.

Deve essere sicuramente come dici tu, ne sono convinta. Avevo bisogno di sentirmelo dire.

Essere donna è cosa meravigliosa, ma non basta il dono ricevuto bisogna anche saperlo coltivare.

Per troppo tempo la donna ha lasciato in mano ad altri la gestione della propria vita, ed ha commesso un gravissimo errore. Forse andava fatto, forse occorreva anche questa esperienza. Forse.

E non solo la donna ma ciascun individuo deve farsi carico del proprio cammino senza alcuna delega.

Spero che entrambi i sessi si liberino dalle credenze nefaste, mortali che hanno minato l'esistenza stessa dell'umanità.
Che smettano finalmente di credere in questo o quello e rimboccandosi le maniche comincino a scoprire come si vive, che cos'è la vita, che ci stiamo a fare qui.

Come in una crisi familiare che si mette un punto e si ricomincia dalla esperienza maturata sin lì.
Gesù diceva che non si può mettere una toppa nuova su di un vestito logoro, nè del vino novello in una giara vecchia.

Ci vuole tanto coraggio ad abbandonare ciò che porta malessere ma che ben conosciamo. Lo sconosciuto ci fa tremare, ci angoscia anche se è un cammino di vita.
Mary is offline  
Vecchio 25-02-2008, 17.40.55   #57
iulbrinner
Utente bannato
 
Data registrazione: 25-10-2007
Messaggi: 303
Riferimento: L'emancipazione femminile.

Citazione:
Le donne sono uguali agli uomini Mary, siamo esseri umani....
Non tutti gli uomini credono che la forza bruta possa primeggiare su tutto e la usano. Non tutti, così come non tutte le donne non alzano spade....
Non c'è bisogno di innalzare le donne a chissà cosa, dotarle di chissà quale potere, dichiararle regine o altro.
Come non c'è nessun bisogno di pensare che l'aggressività, la cattiveria, la voilenza, la prepotenza e chi più ne ha più ne metta sia appannaggio esclusivo degli uomini.
Apparteniamo alla stessa razza.
E non so neanche se sia il caso di dire viva le donne e viva gli uomini.
Lodevoli, dal mio punto di vista, queste affermazioni di pari dignità etica che risultano, peraltro, controcorrente rispetto al pensiero dominante (anche tra i partecipanti di questo forum, direi).
Citazione:
Non c'è bisogno di comprendere il "potere femminile" per vedere.
E quale "potere femminile"?
Facciamo un'ipotesi: il "potere sessuale"?
Citazione:
Che l'uomo fisicamente sia più forte della donna è un dato di fatto. In una società fondata su un'economia industriale e sull'uso delle macchine, la forza fisica non ha più la rilevanza che aveva in passato.
Ma prima, caspiterina, ce l'aveva per forza e come se ce l'aveva.
Cos'é questo se non un dato di differenziazione biologica tra i generi che ne ha condizionato storicamente i ruoli?
E come si concilia questo assetto di pensiero con l'ostinata pretesa - appresso quotata - di voler ricondurre le diversità sessuali a meri "comportamenti culturali"?
Citazione:
....i comportamenti culturali possono sembrare così fissi e inalienabili da indurci a crederli, erroneamente, dati naturali, ed è questo che ha avuto maggior eco nella storia dell’antropologia.
La ricerca etno-antropologica condotta dalla Mead - la parte che viene menzionata - dimostra solo che una comunità relativamente isolata da influenze culturali e religiose esterne vive assegnando ai comportamenti umani (sessualità compresa) valori diversi dai nostri o da quelli di altri mondi culturali.
Nulla ci dice sull'origine dei comportamenti, che rimangono saldamente ancorati - ricerche alla mano - alle necessità biologicamente fondate e sessualmente diversificate degli esseri umani.
I discorsi sui valori attengono - sì - alle determinanti culturali che influenzano i comportamenti stessi ma non ne possono rimuovere, in alcun modo, le determinanti biologiche.
Oscurare questo elementare dato di fatto serve a non vedere ciò che non si vuole vedere: ossia che uomini e donne sono sostanzialmente differenziati, con tutte le conseguenze relative in chiave di ruoli, orientamento alla vita, possibilità materiali, etc...
Citazione:
Le ragazze vivevano serenamente la loro giovinezza alternando ai doveri della casa i piaceri del sesso....
Se fosse emerso che nelle isole Samoa erano le donne a dedicarsi alla pesca ed alle costruzioni e gli uomini alla casa ed alla famiglia, allora i risultati della ricerca avrebbero potuto indurre ad assegnare alla "cultura" una funzione determinante nello sviluppo dei ruoli e dei comportamenti sessuali; ma non è così, neanche alle isole Samoa degli inizi novecento.
iulbrinner is offline  
Vecchio 25-02-2008, 21.38.54   #58
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: L'emancipazione femminile.

Citazione:
Originalmente inviato da iulbrinner
....
La ricerca etno-antropologica condotta dalla Mead - la parte che viene menzionata - dimostra solo che una comunità relativamente isolata da influenze culturali e religiose esterne vive assegnando ai comportamenti umani (sessualità compresa) valori diversi dai nostri o da quelli di altri mondi culturali.
Nulla ci dice sull'origine dei comportamenti, che rimangono saldamente ancorati - ricerche alla mano - alle necessità biologicamente fondate e sessualmente diversificate degli esseri umani.
I discorsi sui valori attengono - sì - alle determinanti culturali che influenzano i comportamenti stessi ma non ne possono rimuovere, in alcun modo, le determinanti biologiche.
Oscurare questo elementare dato di fatto serve a non vedere ciò che non si vuole vedere: ossia che uomini e donne sono sostanzialmente differenziati, con tutte le conseguenze relative in chiave di ruoli, orientamento alla vita, possibilità materiali, etc...

Se fosse emerso che nelle isole Samoa erano le donne a dedicarsi alla pesca ed alle costruzioni e gli uomini alla casa ed alla famiglia, allora i risultati della ricerca avrebbero potuto indurre ad assegnare alla "cultura" una funzione determinante nello sviluppo dei ruoli e dei comportamenti sessuali; ma non è così, neanche alle isole Samoa degli inizi novecento.


Concludendo! va tutto bene?
è tutto ok?
i risultati di questa cultura o se vogliamo chiamarlo comportamento biologico è soddisfacente?
possiamo tranquillamente proseguire su questa strada?
i frutti sono stati copiosi?
i risultati estremamente positivi?
le aspettative evolutive ottimali?
i progressi indiscutibili?

Bene, benissimo forse vengo da un altro pianeta e non capisco le menti umane.

La mia visuale che chiameremo giustamente utopistica, della vita vuole guardare in faccia la realtà e riflettere sui risultati raggiunti, per imparare dagli errori e modificarli. Il mio ideale aspira alla libertà degli individui maschi e femmine, e al progresso di entrambi, con l'aiuto reciproco verso il futuro.

Molti anni fa mi ritrovai ad osservare per caso un padre e il figlio che uscivano da un supermercato. Il bimbo di cinque o sei anni aveva in mano una borsa della spesa che per lui doveva essere enorme e per il padre una piccola cosa. Fianco a fianco si avviarono verso l'auto. Il figlio porse al padre la sua "pesante" borsa ed il padre con infinito amore e attenzione la prese e la depose nel bagliaglio accanto alle sue voluminose e pesanti.
Differenze di forza evidente fra i due ma non di amore e attenzione e rispetto.
Ecco la forza della donna è come quella di quel bambino: possente.
E la forza dell'uomo grande anche quella ma che si fa piccola accanto a quella del bambino, e insieme diventano una forza immensa che può sorreggere l'intero universo.

Non è la supremazia dell'uno sull'altra o viceversa a far crescere l'umanità, ma è l'equilibrio fra forze diverse a rendere grande l'umanità.
Mary is offline  
Vecchio 26-02-2008, 11.16.59   #59
iulbrinner
Utente bannato
 
Data registrazione: 25-10-2007
Messaggi: 303
Riferimento: L'emancipazione femminile.

Citazione:
Concludendo! va tutto bene?
è tutto ok?
i risultati di questa cultura o se vogliamo chiamarlo comportamento biologico è soddisfacente?
possiamo tranquillamente proseguire su questa strada?
i frutti sono stati copiosi?
i risultati estremamente positivi?
le aspettative evolutive ottimali?
i progressi indiscutibili?
Al contrario, va tutto male secondo me, perché in nome dell'emancipazione femminile si vogliono ignorare i dati di realtà (differenze sessuali comprese), oscurarne il senso, continuare in una irresponsabile opera di colpevolizzazione del mondo maschile e di santificazione astratta ed immotivata di quello femminile, nonché costringere gli uomini a vivere inginocchiati per espiare presunte colpe storiche ed etico-morali o per favorire le "forze" femminili.
I frutti copiosi, i risultati positivi, le aspettative ottimali ed i progressi indiscutibili sono questi. Altro che forza comune e solidale, il tema dell'emancipazione femminile si lega indissolubilmente allo sforzo di sopraffazione etica delle donne (e di alcuni "maschi" stracolmi di fedelissimo zelo) sugli uomini.
iulbrinner is offline  
Vecchio 26-02-2008, 15.35.54   #60
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: L'emancipazione femminile.

Citazione:
Originalmente inviato da iulbrinner
Al contrario, va tutto male secondo me, perché in nome dell'emancipazione femminile si vogliono ignorare i dati di realtà (differenze sessuali comprese), oscurarne il senso, continuare in una irresponsabile opera di colpevolizzazione del mondo maschile e di santificazione astratta ed immotivata di quello femminile, nonché costringere gli uomini a vivere inginocchiati per espiare presunte colpe storiche ed etico-morali o per favorire le "forze" femminili.
I frutti copiosi, i risultati positivi, le aspettative ottimali ed i progressi indiscutibili sono questi. Altro che forza comune e solidale, il tema dell'emancipazione femminile si lega indissolubilmente allo sforzo di sopraffazione etica delle donne (e di alcuni "maschi" stracolmi di fedelissimo zelo) sugli uomini.

Spero di sbagliarmi ma credo che la tua risposta sia la..... risposta alla domanda: "perchè il mondo va così tanto male?"

Ai miei interrogativi hai levato gli scudi contro il "potere" femminile, contro il tentativo delle donne di liberarsi dal giogo di millenni.

Cosa ha prodotto (in tutta onestà) il patriarcato in più di duemila anni?

Non che io stia facendo una campagna in favore del matriarcato anche se la storia insegna che ove ha messo radici ha reso la guerra non una "inevitabile" necessità.

Non deve più esserci nessun "fedelissimo zelo" nè da parte della donna nè da quella dell'uomo.

Manca del tutto la capacità di provare, immaginare, percepire, fantasticare sull'amore vero.
Una persona che è capace di amare non vedrà mai l'altro o altra come inferiore o superiore. MAI.

Non ha ragion d'essere una supremazia femminle o maschile che sia. Se vogliamo la vera pace, il vero progresso, la vera evoluzione.

Quando due veri sportivi competono, lo sconfitto stringe sempre la mano al vincitore. Con rammarico certo, ma già pensa che la prossima volta farà meglio.

La competizione fra i due sessi deve, dovrebbe essere costruttiva, propositiva, positiva non da nemici incalliti.
Un marito che ritiene e tratta la propria moglie come un essere inferiore che gli deve obbedienza e sottomissione sta già preparando il seme del risentimento e della guerra.
Così, allo stesso modo, una moglie che tratti il marito come un oggetto da manovrare a piacimento sta coltivando la dissoluzione.

Tutto il male (visibile o invisibile) che facciamo ci ritorna indietro o lo mettiamo in un cassetto per sfamare i nostri figli.
Mary is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it