Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 15-02-2008, 11.44.29   #21
chlobbygarl
Lance Kilkenny
 
Data registrazione: 28-11-2007
Messaggi: 362
Riferimento: "Prostituirsi" tra analisi e sintesi!

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Se siamo d'accordo su questo... siamo d'accordo su tutto!
Io avevo preso molto letteralmente quell ' "assolutamente libera".
"assolutamente libera", Donella, non può avere altra accezione che quella inquadrata dai vincoli di sopravvivenza biologica e psichica, quindi mangiare e vestirsi ma certo lavorare per farlo!Quindi l'ambito di analisi è/era la plausibilità dell'ipotizzare la libertà di scegliere quel mestiere al pari di un altro, dato per acquisito un certo tasso di compromesso etico trasversale a tutti i gruppi umani e spesso misconosciuto ad arte dai medesimi.

Citazione:
Anzi, torno ad un tema che hai sollevato più volte : così tanto ci credo che trovo una gran perdita, in termini di cultura-psicologia-etica-cammino di libertà il fatto che chi lo fa non giri a testa alta e guardando LEI dall'alto in basso la prostituta-moglie-bene-per-sola-convenienza oppure il dirigente che si sente "a posto" perchè in cambio di tutto sè stesso raccatta il premio partita del volo premio in Thailandia.
le cose divengono...piano piano.

Citazione:
Poi, però, resta da stabilire da quale posizione (per me è dal basso verso l'alto) tutti costoro debbano guardare chi vive la libertà (per me superiore) di chi dice "io resto io".
non posso che quotarti

Citazione:
E... tra il rapinatore e la prostituta, a parità di "libertà"... il rapinatore vince in dignità e ardimento. Laddove... tra il truffatore e la prostituta....proprio non cè storia: il truffatore vince in intelligenza, ironia, senso di sè, senso del mondo-degli umani-della vita, genialità del rapporto mezzo-fine....praticamente il top!
psicologicamente forse, ma etica-mente proprio no!

Citazione:
Vero che rapinatore e truffatore, ove smascherati, finiscono sotto processo, mentre la prostituta no.Ma non vorrei che il concetto di libertà si riducesse solo a questo.
il concetto di libertà in questa tua declinazione viene definito a partire dal quadro normativo di riferimento.
Se certamente non solo quanto è legge è etico
allo stesso modo quanto non sia concesso da legge abbastanza spesso non lo è, etico!

prendo atto favorevolmente e divertito della tua proiezione, forse tipicamente femminile o semplicemente tua personale, per il "ladro etico" o 'peggio' per il ladro "dritto", un novello robin hood, protagonista di un possibile thread sulla differenza tra lex ed ethos (pathos?)
chlobbygarl is offline  
Vecchio 17-02-2008, 00.53.35   #22
Miky
Ospite
 
Data registrazione: 09-02-2008
Messaggi: 7
Riferimento: "Prostituirsi" tra analisi e sintesi!

Citazione:
Originalmente inviato da chlobbygarl
dunque Miky però accetti l'idea che costei esista come figura iconica e che accanto al criminale sfruttamento delle prostitute ne esistano, di queste, che lo fanno per scelta "libera" (il virgolettato rispetta il senso conoscitivo del topic)
Aspetta, per non fraintendere, volevo dire che io odio chi decide di prostituirsi, ma ho pietà di chi viene costretto e non critico chi viene costretto come invece potrei fare con chi lo ha per hobby.

Citazione:
è una provocazione o ritieni che il tuo maschio che va a puttane non ti tradisca?
e poi, preferiresti che costui andasse a puttane o che ricorresse ai video porno?
Non è una provocazione, però la puttana è il lavoro più antico del mondo...
Comunque, io non vado a puttane :

Tu preferisci che il tuo uomo si veda video porno o lo faccia con la tua amica?



SEDNA (SOno un uomo, SEDNA è il nome di UN pianeta, IL pianeta, MASCHILE)
Miky is offline  
Vecchio 17-02-2008, 14.00.05   #23
chlobbygarl
Lance Kilkenny
 
Data registrazione: 28-11-2007
Messaggi: 362
Riferimento: "Prostituirsi" tra analisi e sintesi!

Citazione:
Originalmente inviato da Miky
Tu preferisci che il tuo uomo si veda video porno o lo faccia con la tua amica?
SEDNA
evita provocazioni gratuite però, realmente non avevo capito che tu fossi uomo (non era ovviamente una provocazione la mia, che senso avrebbe avuto mai?!), il nick e il non aver mai letto tuoi messaggi mi hanno tratto evidentemente in inganno, mentre invece io ho scritto anche in questo thread di essere uomo:
Citazione:
Originalmente inviato da chlobbygarl
Cara Donella ( sì sono un uomo!)...

Citazione:
Aspetta, per non fraintendere, volevo dire che io odio chi decide di prostituirsi, ma ho pietà di chi viene costretto e non critico chi viene costretto come invece potrei fare con chi lo ha per hobby.
ok.Perchè "odi" e quale critica specifica muovi a chi sceglie di prostituirsi con quella libertà relativamente assoluta di cui parlavamo prima.
chlobbygarl is offline  
Vecchio 17-02-2008, 17.41.58   #24
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: "Prostituirsi" tra analisi e sintesi!

Citazione:
Originalmente inviato da chlobbygarl
"assolutamente libera", Donella, non può avere altra accezione che quella inquadrata dai vincoli di sopravvivenza biologica e psichica, quindi mangiare e vestirsi ma certo lavorare per farlo!Quindi l'ambito di analisi è/era la plausibilità dell'ipotizzare la libertà di scegliere quel mestiere al pari di un altro, dato per acquisito un certo tasso di compromesso etico trasversale a tutti i gruppi umani e spesso misconosciuto ad arte dai medesimi.

.............................. .

prendo atto favorevolmente e divertito della tua proiezione, forse tipicamente femminile o semplicemente tua personale, per il "ladro etico" o 'peggio' per il ladro "dritto", un novello robin hood, protagonista di un possibile thread sulla differenza tra lex ed ethos (pathos?)

Stavo giocosamente forzando il ragionamento verso l'assurdo, quando affermavo che rapinatore e truffatore, sulla via dell'ascesa verso la "libertà" sono sempre sopra la prostituta, e con piacere ho visto che ne hai colto perfettamente la giocosità.

Però, se vogliamo trarne qualcosa di "utile" (credo sempre che dal gioco e dalle estremizzazioni per assurdo sia possibile cogliere tanti spunti di riflessione quanti se ne traggono da ragionamenti seriosi), ti faccio notare che quando mi parli di "libertà di scegliere un mestiere piuttosto che un altro, dato per acquisito un certo tasso di compromesso etico".... volendo l'ipotesi del rapinatore e del truffatore ci son dentro tutte!
Anzi, era proprio partendo da quel presupposto che, alla fin fine, volevo soltanto dire: attenzione! Tu ti fermi a metà strada, ma se questa strada la percorriamo tutta... dove andiamo a finire?
Poichè il riferimento etico non è definibile se non in rapporto ad una qualche filosofia/ideologia.... potrei ben dirti che PER ME totalmente anti-etico è il quadro di riferimento condiviso (notoriamente molto più "attento" alla proprietà e alla morale che non alla persona) quando trova "accettabile" (non sanzionandolo) il mercato del proprio corpo per MANGIARE purchè non dia pubblico scandalo (infatti il matrimonio è la forma perfetta, che fa contenti stato e chiesa), e trova invece "inaccettabile" l'attentato con destrezza o con acume portato all'altrui patrimonio.

Per cui : in assoluto... se passando su questa terra mi ritrovo convinta che ci siano un mare di cosine interessanti alle quali non intendo rinunciare anche perchè nessuno ha saputo convincermi che al filgio del re spettano per diritto divino mentre io son nata per fargli da pubblico e così solo aumentarne il godimento.... nel momento in cui mi prendo la libertà di prendermi quante più cosine possibile.... non avrei dubbi che sono più "libera" nel prenderle con destrezza o acume di quanto potrei mai esserlo vendendo una parte di me! E lo sono per almeno due gradini in più : 1) sono libera da riferimenti etici e normativi cui non riconosco alcuna valenza sostanziale; 2) anzichè vendermi (che credo sia sempre terribilmente mortificante).... GIOCO! ...d'azzardo, ma gioco!!!!

P.s.: sottinteso che il mio idolo è sempre colui/colei che sa trovare la propria libertà nel provare divertita indifferenza verso diversi oceani di cosine inutili anche quando imperdibili per i più, l'apologia del truffatore non è tutta mia!
Il capitolo sul reato di truffa, e particolarmente la figura del delinquente truffatore, sono tra le pagine più belle ed interessanti che puoi trovare nei migliori manuali di Diritto Penale: insigni Penalisti...quando scrivono del truffatore... si sciolgono in cotanta malcelata ammirazione dell'intelligenza innanzitutto... che ti vien quasi il dubbio ch'abbiano un pizzichino di invidia. Voglio dire: che il truffatore sia l'uomo libero per eccellenza (finchè non lo beccano i tutori di "é mioooooo "), colui che con sola intelligenza plasma il suo mondo, non è una visione solo personale mia.
donella is offline  
Vecchio 17-02-2008, 23.33.45   #25
Miky
Ospite
 
Data registrazione: 09-02-2008
Messaggi: 7
Riferimento: "Prostituirsi" tra analisi e sintesi!

Citazione:
Originalmente inviato da chlobbygarl
evita provocazioni gratuite però, realmente non avevo capito che tu fossi uomo (non era ovviamente una provocazione la mia, che senso avrebbe avuto mai?!), il nick e il non aver mai letto tuoi messaggi mi hanno tratto evidentemente in inganno, mentre invece io ho scritto anche in questo thread di essere uomo:



ok.Perchè "odi" e quale critica specifica muovi a chi sceglie di prostituirsi con quella libertà relativamente assoluta di cui parlavamo prima.
Non avevo letto che fossi uomo, scusa...
Secondo me la donna vale tanto, come descrive il dolce sitlnovismo, la donna è l' angelo che scende dal cielo per salvare noi uomini, rozzi e bruti. Una donna che non ha rispetto di se stessa e si dona senza difficoltà non rispetta ciò che dovrebbe essere la dignità femminile e la superiorità nell' eleganza, il mistero della donna.
Non so te, ma vedere una donna nuda è meno eccitante di vedere la medesima donna nuda ma con un sottile velo che la copre, che lascia trasparire qualcosa, ma non tutto, o per lo meno non per bene. Noi siamo attirati dal mistero.



SEDNA
Miky is offline  
Vecchio 27-02-2008, 00.43.26   #26
individuo
Ospite abituale
 
L'avatar di individuo
 
Data registrazione: 09-09-2006
Messaggi: 184
Riferimento: "Prostituirsi" tra analisi e sintesi!

Secondo me si lede la propria dignità quando ci si prostituisce in generale e non solo " dandola via...", insomma ogni qualvolta in cui ci si piega a qualcosa che si è obbligati a fare.

C'è chi fa la prostituta e non si sente umiliata e chi si sentirebbe nel farla, c'è chi si sentirebbe umiliato a dire che lavora in fabbrica, per cui si trova un lavoro più dignitoso, trovando lavoro in un ufficio buttando dentro dati nel pc, fiero di poter dire che lavora da un commercialista, o in banca allo sportello a contare soldi anichè incapsulare vasetti.
individuo is offline  
Vecchio 27-02-2008, 10.16.15   #27
pallina
...il rumore del mare...
 
Data registrazione: 15-01-2007
Messaggi: 279
Riferimento: "Prostituirsi" tra analisi e sintesi!

La mia riflessione sarà probabilmente OT ma penso che una donna che sceglie, decide, in totale libertà e autonomia, di fare il lavoro di prostituta, sia caratterialmente una donna molto sicura di sè e soprattutto certa di poter bastare a se stessa. Nel senso che: dando per scontato che non abbia alle spalle nessuno che la sfrutta, lei sa che potrebbe avere una relazione sentimentale solo con un uomo altrettanto "libero" da preconcetti e pregiudizi quanto lei, che ritenga il suo un lavoro come un altro. A meno che ovviamente non lo tenga nascosto... e se così fosse allora "veramente libera" forse non lo sarebbe...
Dubito che possa esistere un uomo con una mentalità così aperta.....
pallina is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it