Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 31-12-2004, 12.09.02   #41
herzog
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-12-2004
Messaggi: 404
Talking fragola...dixit

"A prescindere dal fatto che se non hai un io ben strutturato non lo puoi annullare perchè non si può perdere qualcosa che non si ha ... se lo facciamo saltare in aria, poi cosa ci tiene insieme?
Io credo che quello cui bisognerebbe arrivare non è la distruzione dell'io, che ha la sua funzione precisa, ma alla disidentificazione dall'io. Che è un concetto paragonabile al "rapporto etico" di cui parlavo più sopra. Insomma, ho un nucleo di energia che mi da il senso dell'indentià e di continuità, ma non sono quella cosa. Quella e una mia funzione e mi serve, perchè se la distruggessi, dopo essermi alzata dal cuscino di meditazione non sarei nemmeno in grado di tornare a casa. E' una mia funzione ma io (nel senso di pronome) non sono il mio io! Uso il l'io per quello che serve. Come uso la bocca per mangiare ma non sono la mia bocca. Come uso le mie conoscenze per lavorare ma non sono un'impiegata, faccio l'impiegata. (tutte esempi scemi per dare un'idea della disidentificazione) "


Se non ho interpretato male...pienamente d'accordo...brava!
...attendo, però, sviluppi prima di intervenire, per non essere frainteso (o non aver frainteso)...
Herzog
herzog is offline  
Vecchio 31-12-2004, 15.54.21   #42
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
L' ego è un sogno ad occhi aperti.

L'ego, fondamentalmente, per "me", è un sogno ad occhi aperti.
E' un mito dell'immaginazione, è una identità reale ed irreale allo stesso tempo.
Esiste perchè dormiamo...sul piano della Consapevolezza.

La sua funzione, all'interno del sogno è forgiare un Universo di illusioni ed energie affinchè la Coscienza impersonale possa rivelare e manifestare l'infinita, incommensurabile, potenza Creativa esprimente Sè stessa.

Questo è un Gioco senza alcun senso personale, per cui
assolutamente incomprensibile allo stesso ego, protagonista nel sogno, che però può essere Riconosciuto allorchè il senso di separazione egoico diviene totalmente Consapevole di Sè a causa del Risveglio che la Coscienza stessa può far accadere...facendo venir meno l'identificazione che sta alla base dell'ego e la rappresentazione fittizia che ha di se stesso proiettata nel mondo creato da questo "meccanismo" coscienziale.

Mirror

Ultima modifica di Mirror : 31-12-2004 alle ore 16.05.13.
Mirror is offline  
Vecchio 31-12-2004, 19.50.29   #43
kantaishi
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2004
Messaggi: 1,885
Non esiste nessun ego.

Fondamento di tutte le religioni serie e cioè Buddhismo Mahayana,Taoismo di lao Tzu,Induismo di Samkara,Islamismo dei Sufi,Ebraismo di Sem Tov e Cristianesimo di Santa Teresa,è l'inesistenza dell'io.
L'io è un fenomeno che sembra reale ma non lo è.E' come il sole che gira attorno alla terra o la terra che sembra piatta.
Ma oggi,nell'era del computer,la cosa può essere spiegata in modo abbastanza semplice:
la realtà,la cosa vivente ,è paragonabile alle immagini inviate da una telecamera,mentre l'irreale sono le immagini archiviate dal computer.E ciò che chiamiamo "io"è una immagine archiviata nel cervello,non è una cosa vivente,è un fiore di plastica.
Una cosa reale deve essere vivente e in movimento e sempre diversa.
L'io invece è sempre uguale a se stesso e pertanto non è una cosa viva ma un idolo di pietra,di legno o di mega-pixels.
Idolatria vuol dire credere nell'io e quell'io ha i suoi rappresentanti nel mondo reale:il Papa,Bush,Rokefeller,il barone Rotschild ,Berlusconi ecc.

E cosa succede a chi capisce esattamente ciò che ho scritto?
Può subire un attacco cardiaco,una perdita di conoscenza o può semplicemente svenire per poi risvegliarsi come un essere privo dell'Io e cioè risorgere come Dio.

Capito perchè è quasi impossibile capire le cose semplicissime che ho scritto?

Buon anno,eternamente vecchio,mai nuovo,nell'eterna dimensione del vecchio,noioso Io.

Kantaishi il Vivente.

kantaishi is offline  
Vecchio 31-12-2004, 20.16.49   #44
kantaishi
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2004
Messaggi: 1,885
Inesistenza dell'ego 2.

Facciamola ancora più semplice:
quando guardi la televisione puoi vedere immagini registrate oppure immagini in diretta come il telegiornale.
Ora noi possiamo paragonare il Reale al telegiornale e l'irreale al film registrato nella videocassetta o nel DVD.
Quando tu guardi il commentatore del telegiornale vedi una persona viva,mentre,quando guardi il film registrato,tu vedi gente nel passato,gente che non è vivente in questo momento .
Oppure:
per dire"io"tu devi pescare nell'archivio del cervello degli avvenimenti che vanno dalla tua infanzia a oggi,altrimenti,senza nessuna memoria,non esiste nessun io.Ma quegli avvenimenti sono irreali perchè non attuali.
Il passato non esiste perchè è già passato e il futuro non esiste perchè deve ancora venire.E,senza passato e senza futuro,non puoi dire:"Io".Chi sarebbe costui?
Esistono le onde del mare?No perchè esiste solo l'acqua e l'acqua in movimento,viene chiamata onda.Saresti capace di portarti a casa un'onda del mare e metterla in frigo?
Con l'acqua non puoi farlo ma con la fantasia sìuoi inventarti un ego con certe caratteristiche(non fisiche)e congelarlo per tutta la vita.
Concludiamo:cosa succederebbe se si potesse sovrapporre un filmato a "striscia la notizia"?Vedresti un gran caos,vero?
Vedresti la Hunziger con davanti un tizio che spara col mitra,tratto dal film:"Terminator",poi vedresti Schwarzenegger con sulla pancia Ezio Greggio.
Succederebbe ciò che succede realmente al cervello umano con dentro l'Io.
Povera umanità!

Buon anno,
sempre vecchio,
mai nuovo,sempre in compagnia
del noioso,insulso Io.

kantaishi.
kantaishi is offline  
Vecchio 01-01-2005, 12.18.06   #45
Kim
Utente bannato
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 1,288
Io non potrei certo risponderle...comunque è un capolavoro il suo
complimenti...davvero...

Buon anno
Kim is offline  
Vecchio 01-01-2005, 18.01.47   #46
Paolo77
Ospite abituale
 
L'avatar di Paolo77
 
Data registrazione: 20-12-2003
Messaggi: 480
Ma cosa l'hanno inventato a fare l'ego?
Paolo77 is offline  
Vecchio 01-01-2005, 18.53.52   #47
ancient
Ospite abituale
 
L'avatar di ancient
 
Data registrazione: 10-01-2003
Messaggi: 758
Citazione:
Messaggio originale inviato da Paolo77
Ma cosa l'hanno inventato a fare l'ego?

pare sia una stazione di transito obbligatoria...
ancient is offline  
Vecchio 02-01-2005, 11.08.44   #48
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Citazione:
Messaggio originale inviato da Paolo77
Ma cosa l'hanno inventato a fare l'ego?

L'ego è una sorta d'incantesimo che ci trasmettiamo l'un l'altro credendoci, sostenendolo reciprocamente.
E' una convenzione cristallizzata di cui si è persa la Consapevolezza.
Noi lo abbiamo inventato e ce lo teniiamo ben stretto.
Da sempre è il più grande dei tabù...che non si vuole e può svelare.
atisha is offline  
Vecchio 02-01-2005, 11.47.38   #49
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
L’Ego è un’invenzione umana nata assieme ad un’altra invenzione cioè “dio”. Il secondo, cioè “dio”, è stato creato dall’uomo proprio per mutuare e rafforzare un qualche cosa di finto, cioè il suo Ego, in un gioco di riflessione esponenziale, nella quale le due entità false si incrementano e si gonfiano all’infinito.

L’assenza di Ego si misura con l’umiltà. Ego ipertrofici diranno certamente “io so e tu non sai”, io sono illuminato e tu no.
VanLag is offline  
Vecchio 02-01-2005, 12.23.37   #50
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Sono pienamente daccordo che l'ego sia una invenzione che una convenzione umana, una ricreazione permanente, di cui non si ha e non si ha più consapevolezza, per fini funzionali alle regole del"gioco" della vita.

Non sono daccordo, invece, sul fatto di misurare l'assenza del senso dell'ego riferito all'umiltà (soprattutto se poi questi, l'ego, è cosciente di essere umile).

Per me, invece, è la totale padronananza e riconoscimente del senso dell'ego, la completa disidentificazione che può dirsi "assenza dell'ego".
Solo l'attore che sa di essere, che ha Consapevolezza di essere attore-spettatore-regista (nei panni di qualsiasi maschera-ego) e che sa che sta "recitando", creando, svolgendo una "parte", è fuori dal gioco, liberato, padrone del meccanismo che lo fa perdere nello psicodramma umano, nella tragicomica commedia infinita degli ego.

A proposito di Dio...
se non c'è l'io non c'è nemmeno Dio o, per me, sarebbe meglio dire: c'è solo Dio... chiamalo come vuoi.
Mirror is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it