Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 11-03-2005, 17.15.12   #21
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
Citazione:
Messaggio originale inviato da rodi

...
Rimango scettica al pensiero di esseri umani che possano fare del male per il gusto di farlo, o forse il gusto in superficie c'è pure ma ho sempre la grossa curiosità di comprendere quello che possa portare un essere umano ad un comportamento così poco umano.
L'uomo in fondo è un animale come tutti gli altri e l'istinto di fondo degli animali è quello di consentire il proseguimento della specie...

più o meno quello che scrivo qui
rodi is offline  
Vecchio 11-03-2005, 17.19.29   #22
Kannon
Utente bannato
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 2,116
Citazione:
Messaggio originale inviato da rodi
quello che ho già scritto...cioè che l'essere umano a volte ha degli atteggiamenti di violenza che non derivano dal dover difendere la propria vita, bensì da altri fattori che proprio qui stavamo cercando di comprendere

Si certo, il mio cioè era piuttosto di "ulteriore allargamento e dettaglio" del proprio pensiero, ovvero, entrare ancor più nello specifico proponendo anche altre idee o altro.

Comunque va bene, non ci addentriamo troppo ancora nella cosa, rimaniamo pure su questo tuo ultimo concetto. Questi strani atteggiamenti di violenza, propri dell'essere umano, ...

Ciao.
Kannon is offline  
Vecchio 12-03-2005, 23.38.08   #23
spada di fuoco
Ospite abituale
 
Data registrazione: 20-06-2003
Messaggi: 195
Re: violenze e prevaricazioni

Citazione:
Messaggio originale inviato da rodi
sono sempre stata propensa a pensare che...
Cercare di capire è forse giudicare?
Dal momento che giudichiamo, forse, vediamo solo quello che crediamo dovrebbe essere… quello che sono i nostri pregiudizi e con i pregiudizi è possibile capire? Infatti come potremmo capire se giudichiamo? cosa potremmo capire con i nostri pregiudizi?
Possiamo capire con il metro della nostra cultura ciò che è diverso dalla nostra cultura? Se così fosse, allora saremmo tutti uguali e se siamo tutti uguali allora forse potremmo essere anche come l’altro e quindi temere di poter fare ciò che nell’altro giudichiamo negativamente. Per cui il giudicare potrebbe forse essere il modo per giustificare a se stessi il fatto di non doverlo fare, sapendo che, forse, intimamente lo si vorrebbe?

Ma, forse, ognuno capisce solo quello che gli conviene capire…

Ciao
Spada di fuoco
spada di fuoco is offline  
Vecchio 13-03-2005, 14.47.15   #24
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
uffa spada!! ce ne fosse una d volta ke t capisco!!

cmq parlare serve anke a questo no'? se io mi trincero dietro i miei giudizi e reputo giusto o sbagliato qlksa e nn ne parlo nn mi metto in discussione allora sarei arrivata a un punto morto dell'esistenza
mentre se anke sbaglio o prendo per buono qlksa e lo esprimo e rendo partecipi gli altri delle mie considerazioni e prendo atto delle loro opinioni in proposito, anke solo esprimendo un parere e esponendolo alle critike
per me questo significa crescere
c sono troppe aree d ignoranza, e io c navigo in mezzo, e per questo cerco d sforzarmi il piu' possibile d colmare le mie lacune

anke solo parlando e aspettando ke la gente corregga i miei punti d vista o le mie ignoranze... ascoltando tutti ma naturalmente anke approfondendo i punti d vista altrui, nn subendoli passivamente

be poi se qlksina la so ... ebbe' ve la dovete sorbire voi ekkecavolo!
La_viandante is offline  
Vecchio 13-03-2005, 23.54.19   #25
spada di fuoco
Ospite abituale
 
Data registrazione: 20-06-2003
Messaggi: 195
Citazione:
Messaggio originale inviato da La_viandante
uffa spada!! ce ne fosse una d volta ke t capisco!!
Ti ringrazio della tua gentilezza… ma forse volevi dire che non mi esprimo proprio bene, anzi, forse peggio.
Credo che altri lo pensano, ma tu lo dici… forse perché non sai cosa ma senti qualcosa… che è oltre le parole che scriviamo
Cosa è il giudizio? Esiste un unico giudizio? Se così fosse perché non la pensiamo tutti allo stesso modo? E se tutti pensassimo allo stesso modo come dovremmo pensare? Esattamente come noi vorremmo… come ognuno… e quindi qual’è quello giusto? Quello di ognuno…
E se anche esistesse un unico modo di giudicare… che vita sarebbe?
Forse il problema… non è giudicare, ma come giudichiamo.
Giudicare vuol dire accettare o negare… bene o male… è scegliere tra assolvere o condannare… Ma sulla base di cosa?
Possiamo giudicare solo paragonando, vero? E cosa paragoniamo? Quali sono i nostri termini di paragone? Sono qualcosa di naturale o qualcosa di acquisito? Se fosse naturale non ci sarebbe bisogno di giudicare… semplicemente sarebbe così… Se invece, come temo ma spero di sbagliarmi, è acquisito… come l’abbiamo assimilato? Dall’educazione, dalla cultura, dalle regole sociali, dalla morale, dalla religione… da quello che la società in cui viviamo ci ha detto che deve essere… tanto che ogni società ha i suoi termini di paragone, di confronto, per giudicare, vero?
Ma allora qual è quello giusto? Forse quello che al momento ci conviene che sia, determinato dalla nostra esperienza accumulata, tanto da farci credere che la nostra sia quella vera, mettendoci così in conflitto con quanti non la pensano come noi…
Questo non vuol dire che non dovremmo giudicare, ma solo come, credo, ma potrei errare, essere consapevoli del nostro giudicare. Poi ognuno può continuare a fare quello che sta facendo, ma lo farà in maniera, spero, più consapevole… sapendo cosa è il giudizio, prendendolo per quello che è e non per quello crediamo debba essere…
Citazione:
cmq parlare serve anke a questo no'? se io mi trincero dietro i miei giudizi e reputo giusto o sbagliato qlksa e nn ne parlo nn mi metto in discussione allora sarei arrivata a un punto morto dell'esistenza
… o forse sapresti già tutto quello c’è da sapere…
Se così fosse non saresti qui adesso, come me del resto, quindi forse entrambi dubitiamo di ciò che crediamo… ed è, forse, il dubbio che ci mette in moto verso il confronto con gli altri, mettendoci in relazione: per ciò che crediamo di essere, o per quello che siamo?
Citazione:
mentre se anke sbaglio o prendo per buono qlksa e lo esprimo e rendo partecipi gli altri delle mie considerazioni e prendo atto delle loro opinioni in proposito, anke solo esprimendo un parere e esponendolo alle critike
per me questo significa crescere
Ed è quello che sembra stiamo facendo… ognuno dice come la pensa… argomentando ciò che pensa…
Il confronto non vuol dire scontro, ma, forse, incontro… Ed è con questo spirito che, lo spero, ognuno qui esprime le proprie opinioni, anche nell’eventualità che queste possano essere sbagliate, adottando quelle dell’altro se le si ritiene migliori delle proprie.
Citazione:
c sono troppe aree d ignoranza, e io c navigo in mezzo, e per questo cerco d sforzarmi il piu' possibile d colmare le mie lacune
Non credi che, forse, la consapevolezza della propria ignoranza sia già… essere pieni? Se fossimo pieni come potremmo riempirci ancora? Forse… solo se si è vuoti possiamo riempirci…
Citazione:
anke solo parlando e aspettando ke la gente corregga i miei punti d vista o le mie ignoranze... ascoltando tutti ma naturalmente anke approfondendo i punti d vista altrui, nn subendoli passivamente
Forse.. si subisce ciò che non si capisce, ma se lo si capisce.. non lo si subisce, semplicemente ne diventiamo parte anche noi… in quanto l’opinione dell’altro diventa nostra.
Citazione:
be poi se qlksina la so ... ebbe' ve la dovete sorbire voi ekkecavolo!
Forse… sai più di quello che vuoi far credere, perché senti ciò che non dici…
Temo di essere ancora confuso nelle mie esposizioni, ma ho tutto il tempo per poter migliorare… con l’aiuto degli altri.

Ciao
spada di fuoco
spada di fuoco is offline  
Vecchio 14-03-2005, 09.49.53   #26
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
l'unica cosa ke so e' di non sapere ed e' la fonte suprema d saggezza, ne sono fiera perke' ki presume d sapere tutto, nn si sforzera' d andare oltre il proprio naso, ma la forza di questa frase sta anke nell'ammetterlo

tanti anke sapendolo d non sapere nn lo ammetterebbero mai difendendo a spada tratta le certezze ke hanno senza poter appurare , per loro stessi, se siano vere o false

nelle mie insicurezze io mi ritengo fortunata

cmq credo ke la cosa meno sbagliata nn sia decretare cosa e' giusto o meno ma dare spazio a tt le possibili opinioni e accettare ke esistano le dfferenze, ma pacificamente, non con la tolleranza, proprio accettarle in toto
La_viandante is offline  
Vecchio 14-03-2005, 11.06.47   #27
Massimo Farnesi
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 12-03-2005
Messaggi: 1
Smile Re: violenze e prevaricazioni

Citazione:
Messaggio originale inviato da rodi
sono sempre stata propensa a pensare che spesso la violenza che alcune persone dimostrano nei riguardi di altre sia originata da una prevaricazione o violenza che a loro volta hanno subito.
In un meccanismo di eventi nei quali è difficile scindere nettamente chi sia vittima e chi carnefice e in cui spesso i ruoli tra le due parti si invertono.

Poco fa discutendo qui sul forum mi è di nuovo venuto spontaneo non riuscire a dare la colpa di atti terroristici solo a chi li compie, ma anche alle situazioni che portano alcune persone, troppo prevaricate, ad avere una reazione uguale e contraria rispetto a quella che devono subire.

Mi piacerebbe che questo stimolo potesse portarci ad un discorso allargato su questo argomento...

Rabbia, violenza, Aggressività e risentimenti vari che chiunque scarica verso l'altro altro non sono che punti deboli non coscienti che l'inconscio mostra all'interlocutore che poi altro non è che noi stessi...L'uomo nasconde i punti deboli esposti e mostra quelli sconosciuti, indi non è così tanto animale, poiché un animale che mostra sempre i denti mostrando però i fianchi, è un animale che non vivrà a lungo. Comprendendo gli "Adolf Hitler" che sono in noi e ciò che ci fa uscire dai gangheri si può, a mio avviso ritornare alla radice animale che trascende bene e male per vivere in Pace...

Ultima modifica di Massimo Farnesi : 14-03-2005 alle ore 11.22.23.
Massimo Farnesi is offline  
Vecchio 14-03-2005, 22.22.08   #28
dani62
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 26-11-2004
Messaggi: 245
Re: Re: violenze e prevaricazioni

Citazione:
Messaggio originale inviato da Massimo Farnesi
Rabbia, violenza, Aggressività e risentimenti vari che chiunque scarica verso l'altro altro non sono che punti deboli non coscienti che l'inconscio mostra all'interlocutore che poi altro non è che noi stessi...

L'ho già scritto in un altro post. No, l'ho pensato una vita, ma adesso non più. La violenza e i meccanismi che innesta, non nascondono affatto debolezza. Il violento nella sua manifestazione vuole con determinazione ferire profondamente, sopraffare col tono di voce, impaurire l' interlocutore. Naturalmente, dopo essersi scaricato, e qui ognuno ha i suoi tempi, diventa tranquillo e sereno, accondiscendente e comprensivo, scusandosi si....ma se magari noi non lo facevamo irritare coi nostri modi di fare. Manda all'esterno persino la colpa del suo comportamento inqualificabile. Naturalmente tutto questo si ripete con un andamento sinusoidale finche noi li giustifichiamo...credendo che siano deboli. In realtà mettono in atto il loro meccanismo comunicativo, la violenza verbale (e stiamo parlando di chi non alza le mani!).
Che ne dici Massimo?


dani62 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it