Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 10-01-2006, 09.53.03   #11
lobelia
Utente bannato
 
Data registrazione: 28-07-2005
Messaggi: 448
Citazione:
Messaggio originale inviato da nonimportachi
L'Aura non esiste.

I macchinari che la fotografano (metodo Kirklian) fotografano anche l'aura di cacciaviti e stoviglie!

e anche quella che c'è in una fato che non fotografa niente. Inzomma, il metodo Kirlian è un trucco! già scoperto e molto ben conosciuto da due decenni. Chiunque può far la prova e farselo in casa, fotografarsi l'aura, quella del gatto e quella del bidè.....

Aggiungerei che mi sembra però grave che queste leggende circolino con una mistificante veste di fenomeno scientificamente provato.
Oltre a far perdere tempo ai gonzi e deviare in questo caso l'attenzione degli adulti sui loro bambini, mi sembra anche deturpante per le leggende stesse che sono belle proprio perchè nessuno in fondo ci crede, soprattutto per quelli che sperano siano vere.
Conosco personalmente uno scienziato di non primo pelo che ha passato la sua intera vita ad interessarsi di parapsicologia e non ha ancora smesso. Ha sperimentato in equipe con altri anche a livello internazionale ogni fenomeno gli venisse proposto e molti di quelli di cui veniva a conoscenza, con tutti i protocolli e le garanzie di una ricerca scientifica.
Si è anche avvalso del contributo dei più famosi illusionisti per imparare i trucchi più raffinati ed evitare di perdere tempo inutilmente, scremando il più possibile.
Ha personalmente assistito a pochi fenomeni ancora per lui inspiegabili, ma non avendo potuto ancora sottoporli a tutti i rigori della sperimentazione, non può certo esprimere alcun parere.
La sua ingenua e pervicace speranza di trovare prima o poi un fenomeno che superi ogni esperimento correttamente svolto e resti inspiegabile, non è però ancora stata soddisfatta.
Nel caso un giorno accadrà, ve lo dirò.
Lui stesso afferma che descrivere certe credenze con un linguaggio in uso alla ricerca scientifica, è solo mistificante e colpevole perchè a volte molto dannoso.
lobelia is offline  
Vecchio 10-01-2006, 10.56.36   #12
Donatella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-12-2005
Messaggi: 301
Citazione:
Messaggio originale inviato da Ricerca
Io ne ho sentito parlare e me ne sono interessata un pochino. Non sono giunta a nessuna conclusione particolare, se non al dubbio che sia più che altro un modo diverso di studiare l'infanzia... a volte il metodo di studio influenza il modo di vedere le cose. E' come se usassi un microscopio più potente per studiare i microbi scoprendone così di nuovi, c'erano anche prima ma non li vedevo.

Alcune cose le ho trovate molto interessanti, ma non ho trovato riscontri sui presunti poteri paranormali. Le altre caratteristiche possono benissimo essere vere e le cause possono essere semplicemente sociali o no, chi lo sa.
La cosa quanto meno curiosa su cui riflettevo è che il periodo in cui sarebbero "apparsi" coincide con la diffusione della televisione e del computer, quindi con un sovraccarico di informazioni e si sa che i bambini bevono come spugne...

L'unica cosa che forse può essere analizzata più o meno scientificamente è il colore dell'aura (rilevabile anche attraverso macchinari) per l'appunto color indaco.
A me è successo il contrario, nel senso che prima ho conosciuto bambini di questo tipo, successivamente ho capito il perchè del loro comportamento. Insomma, che si trattava di bambini indaco l'ho visto dopo. E in alcuno di loro, uno in particolare, ci sono forti caratteristiche paranormali.
Donatella is offline  
Vecchio 10-01-2006, 11.12.21   #13
Ricerca
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 14-01-2005
Messaggi: 386
Puoi fare un esempio di doti paranormali di questi bambini Donatella? Mi interessa...
Io conosco una bambina, decisamente particolare, che dice che lei vede al buio, ma ovviamente non ho mai potuto verificarlo... il mio scetticismo nasce dal fatto che ricordo bene l'enorme fantasia che avevo da piccola e non so bene cosa intenda lei per vedere al buio, dice che si ricarica gli occhi fissando una lampadina.

ps. il mio è uno scetticismo interessato
Ricerca is offline  
Vecchio 10-01-2006, 11.45.00   #14
Donatella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-12-2005
Messaggi: 301
Citazione:
Messaggio originale inviato da Ricerca
Puoi fare un esempio di doti paranormali di questi bambini Donatella? Mi interessa...
Io conosco una bambina, decisamente particolare, che dice che lei vede al buio, ma ovviamente non ho mai potuto verificarlo... il mio scetticismo nasce dal fatto che ricordo bene l'enorme fantasia che avevo da piccola e non so bene cosa intenda lei per vedere al buio, dice che si ricarica gli occhi fissando una lampadina.

ps. il mio è uno scetticismo interessato
L'episodio che gli capita più frequentemente è quello di vedere luci.
Tempo fa le vedeva riflesse sul muro della camera da letto prima di addormentarsi e in un episodio gli è capitato anche in una casa non sua. Naturalmente non si trattava di luci che potevano provenire dall'esterno perchè la finestra era chiusa e la casa è in campagna. Queste luci cambiavano continuamente forma. Il fenomeno lo aveva spaventato al punto che appena si metteva a letto chiudeva gli occhi per non vedere nulla e nel giro di un po' di tempo non è più successo nulla.
Ora vede spesso bagliori che durano un attimo in alto, sul soffitto, ma non ha più paura, ne parla ogni volta che succede.
Un'altra delle sue caratteristiche è prevedere le cose. Lo fa per gioco, data la giovane età, ma gli è capitato di anticipare con precisione assoluta risultati di partite di calcio, per esempio.
Donatella is offline  
Vecchio 06-06-2007, 15.37.28   #15
cielomago
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 06-06-2007
Messaggi: 1
Riferimento: Bambini indaco

A volte mi sembra di schematizzare un po' troppo i bambini di oggi, sembra che debbano per forza appartenere ad un gruppo od essere nominati in un certo modo. In fondo, se andiamo ad analizzare bene, in ognuno c'e' una parte di bambino indaco.

Christian Miano
cielomago is offline  
Vecchio 11-06-2007, 10.45.11   #16
visir
autobannato per protesta
 
L'avatar di visir
 
Data registrazione: 02-05-2002
Messaggi: 436
Di tutti i colori....e il bimbo beige.

E' sempre interessante ascoltare queste strorie ove, in uno scenario apocalittico come quello che vive ognuno di noi, possa scorgere il bagliore di un futuro luminoso.
Se l'uomo non può vivere una realtà migliore può sempre sperarla o immaginarla, che male c'è?
Nessuno penso, a patto che si capisca il meccanismo che muove la nostra curiosità, la nostra immaginazione e soprattutto non si faccia confusione.

Personalmente evito come la peste i grandi sistemi, le grandi opere, i futuri cambiamenti epocali.
Se ne è parlato sempre e ugualmente non è mai successo nulla.
Gli uomini continuano a vivere come 10.000 anni fa, campano un po di più, ma vivono con minore intensità, alla fine è cambiato veramente poco.
Stessi problemi, stessi sogni, cambiano gli attori, ma la commedia.... ecc. ecc.
Penso che alla fine uno possa solo rispondere per se stesso e lì dovrebbe fermarsi...con umiltà.
Se un dio o la natura ci ha dato un corpo nel quale possiamo operare e non di più, un motivo ci sarà...
Cominciare e finire da se stessi sembra poco per alcuni, a me sembra già un impegno notevole per cui mi basta appena la vita che ci viene data.

Di attivazione genetica non ne so nulla, mi basta già la fatica che faccio a mettere ordine nel mio dna, nel mio cervello che scalpita come un mustang americano, nelle mie relazioni interpersonali (una Caporetto), mi sembra a volte di essere un extraterrestre! Io si!
Se parlo sinceramente di solito vengo preso per presuntuoso (per non dire quasi matto) quindi il più delle volte taccio.
Alla fine solo in me stesso trovo serenità e pace.
In questo autistico benessere (mah?) l'eco dell'onda new age non lambisce neanche i miei piedi, ma probabilmente sono sbagiato io...sarò un bimbo beige.

Non vorrei sembrare razionalista, materialista, assolutista e ci metto tutti gli "ista" di questo mondo, compreso taxista, ma io sento, molto forte, l'esigenza di capire me stesso e poi il mio simile (ma quello proprio vicino senza andare a prendere chi sa chi), diceva il detto arabo: spazza davanti alla tua casa e il mondo sarà pulito.
Troppo banale?
Troppo difficile?
Non infiamma il cuore e non inumidisce l'occhio?

Certamente...io sono per il basso profilo quello che passa da un cuore ad un cuore, semplicemente.

Non vorrei che, amici, per rimirare le stelle si pestasse la cacca sul marciapiede.

Un bacione multicolor a tutti
visir is offline  
Vecchio 12-06-2007, 18.55.38   #17
demaservice
Ospite
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 12
Riferimento: Bambini indaco

Citazione:
Originalmente inviato da Essere
Io penso di essere una bambina indaco , e voi ?
Bambini Indaco” sono anticonformisti rispetto ad ogni sistema, precoci, intuitivi, creativi, innovatori, sensitivi. Faticano ad accettare metodi educativi tradizionali e rifiutano a priori l’autorità di genitori e insegnanti. Troppo spesso a questi bambini vengono diagnosticati disturbi dell’apprendimento e dell’attenzione e iperattivismo. A volte vengono narcotizzati con psicofarmaci per frenare la loro esuberante energia, giudicata eccessiva.


Ecco una lista contenente dieci fra i più comuni tratti dei Bambini Indaco:

• Vengono al mondo con un senso di regalità (e spesso si comportano di conseguenza).

• Hanno la sensazione di "meritare di essere qui" e sono sorpresi quando gli altri non lo condividono.

• L'autostima per loro non costituisce un problema.

• Spesso sono loro stessi a dire ai loro genitori "chi sono".

• Hanno problemi con l'autorità assoluta (che non dà spiegazioni né scelte).

• Si rifiutano di fare determinate cose, ad esempio, fare la fila è difficile per loro.

• Diventano frustrati se costretti a interagire in sistemi orientati ritualisticamente, che non richiedono il ricorso al pensiero creativo.

• Spesso intravedono un modo migliore per fare le cose, sia a casa che a scuola, il che li fa sembrare dei "demolitori di sistemi" (non si conformano a nessun sistema).

• Appaiono antisociali, a meno che non siano circondati da persone simili a loro.

• Se non hanno intorno persone con una consapevolezza simile alla loro, spesso si chiudono in se stessi, avendo la sensazione che nessun altro essere umano li capisca.

• La scuola spesso rappresenta per loro una prova estremamente difficile a livello sociale.

• Non rispondono alla disciplina che instilla il "senso di colpa" (del tipo "Aspetta di vedere cosa succede quando torna a casa tuo padre e vede cosa hai fatto").

• Non sono timidi nel farvi sapere ciò di cui hanno bisogno.

Si, conosco il termine "bambino indaco", ci sono degli sinonimi anche: bambini egoisti, bambini viziati, bambini egocentrici ecc.
demaservice is offline  
Vecchio 19-06-2007, 01.24.32   #18
T-Dragon
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-06-2005
Messaggi: 130
Riferimento: Bambini indaco

Citazione:
Originalmente inviato da Ricerca
Io ne ho sentito parlare e me ne sono interessata un pochino. Non sono giunta a nessuna conclusione particolare, se non al dubbio che sia più che altro un modo diverso di studiare l'infanzia... a volte il metodo di studio influenza il modo di vedere le cose. E' come se usassi un microscopio più potente per studiare i microbi scoprendone così di nuovi, c'erano anche prima ma non li vedevo.

Alcune cose le ho trovate molto interessanti, ma non ho trovato riscontri sui presunti poteri paranormali. Le altre caratteristiche possono benissimo essere vere e le cause possono essere semplicemente sociali o no, chi lo sa.
La cosa quanto meno curiosa su cui riflettevo è che il periodo in cui sarebbero "apparsi" coincide con la diffusione della televisione e del computer, quindi con un sovraccarico di informazioni e si sa che i bambini bevono come spugne...

L'unica cosa che forse può essere analizzata più o meno scientificamente è il colore dell'aura (rilevabile anche attraverso macchinari) per l'appunto color indaco.
Forse non ti è chiaro che l'eranovismo è rigorosamente ascientifico.

Comunque, per quanto avevo sentito dei bambini indaco... non si tratta d'altro che di un modo per dire a un bambino comunissimo: "sei speciale".

La maggior parte delle definizioni, infatti, riguardano tratti affatto ordinari.
Al più, tratti comuni ai bambini un po' problematici o "asociali".
Nel qual caso a maggior ragione fa comodo dire: "sei speciale".
T-Dragon is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it