Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 08-05-2006, 21.25.23   #1
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
Amore materno.

Sto leggendo un libro di autrice americana------Lionel Shriver---"we need to talk about Kevin".
Una madre parla apertamente dei suoi sentimenti per il figlio e di un'insolita relazione.
Tra il bambino Kewin e la mamma 37enne si sviluppa un sentimento d'odio reciproco gia' dalla nascita.
Il piccolo rifiuta il latte materno e strilla per giornate intere causando uno stato di depressione della madre e lo sfacelo della vita matrimoniale dei genitori.
Kewin che si rivela come psicopatico, all'eta' di 15 anni organizza una sparatoria nella sua scuola e uccide molti dei suoi compagni, viene condannato ed incarcerato.
La mamma non riuscira' a liberarsi dai sensi di colpa e dalle accuse da parte della famiglia e vicinato.
Se tali sentimenti fra madre e figlio gia' dal momento della nascita sono possibili?
hava is offline  
Vecchio 08-05-2006, 23.32.15   #2
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Sarebbe interessante capire quale è la causa e quale l'effetto. Se la madre non riusciva ad amare il figlio perchè era uno psicopatico o se il figlio è diventato psicopatico perchè non è stato amato.

Comunque sì. Non è affatto detto che aver tenuto un bambino nella pancia e averlo partorito faccia nascere automaticamente l'amore. L'amore per un figlio, come tutti gli amori, si impara. L'amore materno non è istintivo. Esiste un istinto materno ma ha ben poco a che fare con l'amore. Se l'amore fosse un istinto, vivremmo in un mondo ben diverso!!
Fragola is offline  
Vecchio 09-05-2006, 08.56.37   #3
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
Si, e' possibilie un rifiuto da parte della madre verso il figlio dopo la nascita, spesso sentiamo parlare di depressione post partum e in questo tipo di depressione si prova anche odio e senso di colpa verso il bambino....penso comunque che dipenda dal nostro equlibrio interiore, da come abbiamo abbiamo vissuto la gravidanza, ...l'amore verso un figlio e' l'amore piu' naturale del mondo, e' un amore che nasce dal momento in cui lo concepisci, in certi momenti puoi provare qualsiasi tipo di sentimento verso di lui, ma anche questo e' un passaggio naturale...comumque quando leggi questi articoli...pensi a donne non sane psicologicamente e di riflesso trasmettono al figlio un non equlibrio...



Vaniglia
Vaniglia is offline  
Vecchio 09-05-2006, 12.57.12   #4
fuoriditesta
Ospite abituale
 
L'avatar di fuoriditesta
 
Data registrazione: 19-03-2006
Messaggi: 169
quando il bambino nasce, ha già alle spalle ben 9 mesi di vita e la comuniazione tra madre e figlio (e non solo tra loro 2) inizia proprio in questi 9 mesi, tanto ke oggi si fanno ricerche perfino sulla "psicologia prenatale".
fuoriditesta is offline  
Vecchio 11-05-2006, 11.20.04   #5
fuoriditesta
Ospite abituale
 
L'avatar di fuoriditesta
 
Data registrazione: 19-03-2006
Messaggi: 169
Re: Amore materno.

Citazione:
Messaggio originale inviato da hava
Tra il bambino Kewin e la mamma 37enne si sviluppa un sentimento d'odio reciproco gia' dalla nascita.
Il piccolo rifiuta il latte materno e strilla per giornate intere causando uno stato di depressione della madre e lo sfacelo della vita matrimoniale dei genitori.

io tirerei via il termine "reciproco" ; alla nascita, al limite è la madre ke può provare sentimenti di odio verso il figlio, non certo il figlio ke... è appena nato!!! il bambino ha BISOGNO ed è ATTACCATO alla madre, e la cerca altrimenti non può sopravvivere.

il rifiuto del latte materno non è quindi un comportamento normale, è sicuramente motivato da un "cattiva madre" (termine winnicottiano) ke non sa riconoscere i bisogni del bambino;

dopotutto, il bambino quando nasce ha già vissuto 9 mesi a contatto con la madre, ke può amarlo o odiarlo, e il bambino rispodne a questi sentimenti, ke sente in modo molto chiaro attraverso canali fisiologici; non solo, i sentimenti positivi o negativi da parte della masre nei confronti del bambinoi iniziano addirittura prima del concepimento e si sviluppano x tutta la gestazione, la madre infatti ha in mente un "bambino immaginato", ossia una rappresentazione del bambino nella propria mente, carica di sentimenti.
fuoriditesta is offline  
Vecchio 11-05-2006, 11.51.28   #6
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
E' cio' che si ritiene generalmente incolpando la madre : il bambino non e' capace di odiare. Ma la psicologia e la criminologia moderne ammettono l'esistenza di una psicopatia congenita, e questo e' probabilmente il caso del piccolo Kewin.
hava is offline  
Vecchio 11-05-2006, 14.18.07   #7
psyca
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-09-2005
Messaggi: 41
tutto vero, non solo i bambini sono capaci di sentirci quando sono nel pancione ma percepiscono i sentimenti degli adulti anche se essi non li esprimono apertamente.
Vi racconto un episodio accaduto ieri: il mio bambino di soli tre anni mi ha richiesto un fiore da portare ad una sua amichetta. gli ho domandato perchè tale gesto, e lui tutto distinto ha risposto con tutta naturalezza perchè è bella.
Ecco questo per me è un esempio di elaborazione dell'amore che vive e che respira.
psyca is offline  
Vecchio 11-05-2006, 14.28.55   #8
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da hava
E' cio' che si ritiene generalmente incolpando la madre : il bambino non e' capace di odiare. Ma la psicologia e la criminologia moderne ammettono l'esistenza di una psicopatia congenita, e questo e' probabilmente il caso del piccolo Kewin.

Se la madre non lo avesse odiato fin dalla nascita, potrei prendere in considerazione l'idea. Ma se un bambino cresce nutrendosi dell'odio della madre, il fatto che sviluppi una siciopatia o una psicopatia non mi pare automaticamente attribuibile alla sua costituzione genetica!! I geni possono semmai determinare una predisposizione. Ma è l'ambiente che concorre alla sua manifestazione.

Diverso per alcune forme di psicosi per cui si può presumere una determinazione genetica. Ma, da quanto scrivi, mi pare che non sia questo il caso.


Ultima modifica di Fragola : 11-05-2006 alle ore 14.38.16.
Fragola is offline  
Vecchio 11-05-2006, 14.36.16   #9
fuoriditesta
Ospite abituale
 
L'avatar di fuoriditesta
 
Data registrazione: 19-03-2006
Messaggi: 169
Citazione:
Messaggio originale inviato da hava
Ma la psicologia e la criminologia moderne ammettono l'esistenza di una psicopatia congenita, e questo e' probabilmente il caso del piccolo Kewin.



la criminologia non fa testo, xke adotta teorie elaborate da altre discipline, quindi non elabora teorie proprie;
a ke teorie ti riferisci in particolare della psicologia moderna?
fuoriditesta is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it