Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 31-05-2006, 22.25.22   #11
romolo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 13-11-2005
Messaggi: 278
"Langue" e "parole"

Le parole non sono suoni inarticolati che si caricano di significato solo in rapporto alle circostanze e alla soggettività di chi le pronuncia. Le parole hanno significato intinseco, per cui voler bene non è lo stesso che amare e desiderare. Anche il verbo "vivere", per esempio, varia da persona a persona, ma ha un significato sostanziale che è lo stesso per tutti gli utenti dello stesso sistema linguistico.
romolo is offline  
Vecchio 31-05-2006, 22.47.57   #12
Lucy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 212
Debbo darti raggione, romolo.
Pero secondo me lo significato intinseco di "Ti amo" è minimalissimo e lo significato unico grande.
Amare non è amare. Tutti amano di modo speciale e unico.
E anche penso che la stessa persona non ama della stessa manera persone diverse.
Spero di essere stato chiaro. (o stata chiara??? )
Lucy is offline  
Vecchio 01-06-2006, 00.12.41   #13
romolo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 13-11-2005
Messaggi: 278
vagiti

Lo significato minimalissimo s'accorda con lo significato unico e grande, alla manera che amare non è amare. E la clarità dello tuo sermone con la tua va di conserva.
romolo is offline  
Vecchio 01-06-2006, 00.22.27   #14
Lucy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 212
Non ho capito bene, ma ho riso molto!

Ciao e buona notte!
Lucy is offline  
Vecchio 03-06-2006, 20.51.55   #15
feng qi
Ospite abituale
 
L'avatar di feng qi
 
Data registrazione: 15-10-2005
Messaggi: 560
Citazione:
Messaggio originale inviato da turaz
tutto dipende dalla consapevolezza di chi pronuncia tali espressioni.
se presupponiamo che l'AMORE sia incondizionato (e ciò è frutto a mio parere di un'evoluzione notevole) i due termini sono pressochè equivalenti.
ma data l'inconsapevolezza di base insita nell'uomo (frutto di non conoscenza piena di se stessi) in primo luogo non si sa cosa è l'AMORE.
E da qui parte tutto.
L'AMORE non è PROIEZIONE ad esempio.
Ma quasi tutti "proiettano" i loro desideri egoici sulla persona che dicono di amare.
Questa distorsione cosa provoca?
provoca il fatto che le persone non sanno quello che stanno vivendo.
Provoca confusione e spesso paura...
e quel "ti voglio bene" molto spesso è frutto di paura...
paura del legame... che in realtà maschera paura di se stessi (causa la non conoscenza piena)
e di rimando quel "Ti amo" detto a volte molto superficialmente... diventa più che altro un modo (egoico) di mettere a tacere le proprie paure e quelle del partner senza porsi troppe domande... su cosa stia alla "fonte" di tale espressione...
--------------

daccordissimo con te.

Tra l'altro secondo me quando una persona ha già una certa consapevolezza dei moti del suo cuore, le due frasi diventano l'una sinonimo dell'altra e la cosa veramente importante e ciò che si trasmette all'oggetto del proprio affetto, senza fallire.

un saluto
feng qi
feng qi is offline  
Vecchio 04-06-2006, 12.12.36   #16
Pantera Rosa
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 08-03-2006
Messaggi: 290
Re: Differenza tra TI AMO e TI VOGLIO BENE

Citazione:
Messaggio originale inviato da Armonuim
nel rapporto di coppia qualcuno dice ti amo anche con leggerezza
altri solo ti voglio bene e magari intendono esprimere un sentimento più grande di quello che qualcuno esprime con ti amo.

indipendentemente dal nome voi come descrivereste i due sentimenti?

per me è importante sapere le vostre opinioni

grazie

Il " ti amo" non l'ho detto mai a nessuno nella mia vita, non perchè non ami, ma perchè questa frase mi risulta artificiale, da film sentimentale.

Dico "ti voglio bene", ma di solito quando voglio comunicare il mio amore lo faccio col le coccole e il solletico, scherzo... prendo in giro.

Insomma lo comunico più così. Mi sembra più genuino.

Ultima modifica di Pantera Rosa : 04-06-2006 alle ore 12.19.01.
Pantera Rosa is offline  
Vecchio 04-06-2006, 14.10.04   #17
Armonuim
Ospite abituale
 
L'avatar di Armonuim
 
Data registrazione: 30-12-2005
Messaggi: 52
grazie a tutti per la collaborazione
Armonuim is offline  
Vecchio 04-06-2006, 21.48.07   #18
Antigone
Ospite
 
L'avatar di Antigone
 
Data registrazione: 18-03-2006
Messaggi: 33


indipendentemente dal "senso" che ognuno di noi mette nelle parole e dal contesto che queste parole aiuta a significare mi sovviene un pensiero a leggervi....
.... perchè è così difficile dire, parlare, comunicare i propri sentimenti positivi e le proprie emozioni belle alle persone che in teoria dovrebbero esserci più care?
è come se fosse diventato normalissimo mandare affa...... qualcuno, ma difficilissimo dire a colui/lei che amo due parole così semplici e così dense

capisco che a volte le parole appena dette risultino più vuote di quanto noi volessimo, chè non si riesce a far entrare l'infinito nel finito delle lettere edei suoni, ma c'è un ma, domani potrei non potertelo dire più "ti amo" allora, senza inflazionarlo, talora te lo sussurro.
Antigone is offline  
Vecchio 04-06-2006, 22.09.33   #19
Mati
Ospite
 
Data registrazione: 22-01-2006
Messaggi: 35
Sinceramente credo che sia "ti amo" che "ti voglio bene" nascano in un rapporto d'amore e non di amicizia.
Amare una persona significa attrazione, passione, rispetto; è un sentimento fortissimo che ha bisogno di essere ricambiato per vivere.
Quando vuoi bene a qualcuno desideri sinceramente che quel qualcuno stia bene, in qualsiasi situazione, anche se il suo bene potrebbe voler dire stare lontano da te. E' una grande prova di forza; per questo non penso che possa esistere in un rapporto di semplice amicizia.

Ciao
Mati is offline  
Vecchio 05-06-2006, 11.41.56   #20
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
Citazione:
Messaggio originale inviato da Antigone


indipendentemente dal "senso" che ognuno di noi mette nelle parole e dal contesto che queste parole aiuta a significare mi sovviene un pensiero a leggervi....
.... perchè è così difficile dire, parlare, comunicare i propri sentimenti positivi e le proprie emozioni belle alle persone che in teoria dovrebbero esserci più care?
è come se fosse diventato normalissimo mandare affa...... qualcuno, ma difficilissimo dire a colui/lei che amo due parole così semplici e così dense

capisco che a volte le parole appena dette risultino più vuote di quanto noi volessimo, chè non si riesce a far entrare l'infinito nel finito delle lettere edei suoni, ma c'è un ma, domani potrei non potertelo dire più "ti amo" allora, senza inflazionarlo, talora te lo sussurro.

per "paura"...e disabitudine.
La prima di se stessi la seconda legata ai mancati "insegnamenti" ricevuti e interiorizzati sin dall'infanzia.
"gli errori dei padri che ricadono sui figli"
turaz is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it