Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum in modalit solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS  - Utenti connessi

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
 Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
Vecchio 11-06-2006, 12.59.48   #31
r.rubin
pu anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
grazie fragola.
anch'io credo che Jung ci abbia visto giusto.

ma se la proizione non difensiva, e cos posso proiettare anche contenuti positivi, la proiezione o meglio gli inizi di proiezione sono una dinamica implicita a ci che inconscio. Cio l'inconscio in quanto inconscio tende a trasferirsi sul mondo "esterno" all'individuo. Dico giusto?
r.rubin is offline  
Vecchio 11-06-2006, 13.15.39   #32
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Tendenzialmente, tutti un po' proiettiamo (nel senso di inizio di proiezione) sempre. Ma non detto che ogni contenuto inconscio venga proiettato e che ogni percezione che abbiamo degli altri sia solo il frutto di una proiezione.
Ci vogliono le condizioni perch un contenuto venga proiettato e bisogna anche che ... la persona sia pronta ad integrarlo. Questa una visione telologica prettamente junghiana Per "noi", l'inconscio non qualcosa che rema contro e che crea solamente problemi e sintomi. E' una parte di noi che ci parla e tra le altre cose ci conduce in un processo ... individuativo. L'inconscio non ti obbliga ad affrontare un contenuto che non sei pronto ad affrontare. Ha una sua saggezza e non ci odia Non solo una cantina piena di pattume putrido, ma anche pieno di cose belle e preziose.
Poi il processo proiettivo cambia un po' a seconda dell'orientamento della persona. Insomma, se sei estroverso o introverso. (vedi la tipologia psicologica) Ma io le dinamiche degli estroversi non riesco mai a spiegarle con parole semplici, come accade con le cose che non si sono veramente profondamente comprese. Quindi mi astengo dallo scriverne, per ora.
Fragola is offline  
Vecchio 11-06-2006, 14.28.21   #33
fuoriditesta
Ospite abituale
 
L'avatar di fuoriditesta
 
Data registrazione: 19-03-2006
Messaggi: 169
Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
questo lo trovo interessante:"il ricevente reagisce con una controidentificazione proiettiva". Cosa significa? Che il vissuto del ricevente viene plasmato dall'identificazione proiettiva cos come della creta prende la forma dello stampino? Cio che il proiettore esercita sulla psiche dell'altro un influsso tale da renderlo simile al contenuto della proiezione?

in alcune patologie, in cui l'identificazione proiettiva (= proiettare le proprie parti negative e poi identificarsi con l'oggetto su cui si ha proiettato, in modo da poter esercitare un controllo sulle proprie parti negative "vomitate") viene usata in modo massiccio, colui che oggetto di tali proiezioni ha un vissuto molto intenso
fuoriditesta is offline  
Vecchio 11-06-2006, 15.10.52   #34
r.rubin
pu anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Citazione:
Messaggio originale inviato da Fragola
Tendenzialmente, tutti un po' proiettiamo (nel senso di inizio di proiezione) sempre. Ma non detto che ogni contenuto inconscio venga proiettato e che ogni percezione che abbiamo degli altri sia solo il frutto di una proiezione.
Ci vogliono le condizioni perch un contenuto venga proiettato e bisogna anche che ... la persona sia pronta ad integrarlo. Questa una visione telologica prettamente junghiana Per "noi", l'inconscio non qualcosa che rema contro e che crea solamente problemi e sintomi. E' una parte di noi che ci parla e tra le altre cose ci conduce in un processo ... individuativo. L'inconscio non ti obbliga ad affrontare un contenuto che non sei pronto ad affrontare. Ha una sua saggezza e non ci odia Non solo una cantina piena di pattume putrido, ma anche pieno di cose belle e preziose.
Poi il processo proiettivo cambia un po' a seconda dell'orientamento della persona. Insomma, se sei estroverso o introverso. (vedi la tipologia psicologica) Ma io le dinamiche degli estroversi non riesco mai a spiegarle con parole semplici, come accade con le cose che non si sono veramente profondamente comprese. Quindi mi astengo dallo scriverne, per ora.


questa visione dell'inconscio come amico mi piace, mi fa sentire un p meno sotto pressione, rispetto all'idea di un inconscio egoista e arrogante come quello di freud.


Mi sorto un altro dubbio. La questione questa: secondo Jung, nell'inconscio personale, nell'Ombra ad esempio, trovano posto
A) le parti di s considerate negative, oppure anche
B)le idee negative su di s, idee che potrebbero, quindi, anche non corrispondere a realt?
r.rubin is offline  
Vecchio 11-06-2006, 16.48.19   #35
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
questa visione dell'inconscio come amico mi piace, mi fa sentire un p meno sotto pressione, rispetto all'idea di un inconscio egoista e arrogante come quello di freud.


Mi sorto un altro dubbio. La questione questa: secondo Jung, nell'inconscio personale, nell'Ombra ad esempio, trovano posto
A) le parti di s considerate negative, oppure anche
B)le idee negative su di s, idee che potrebbero, quindi, anche non corrispondere a realt?

Eh, ci sarebbe da aprire tutto un dibattito sull'uso della parola "negativo". Se veramente qualcosa pu essere tutto negativo o tutto positivo.
Ma ho capito che cosa vuoi chiedermi.
L'ombra quello che non sai di te. Quello che non sai perch non vuoi saperlo. Perch inaccettabile. Un'idea un prodotto della coscienza. Certo, abbiamo a volte idee svalutanti di noi stessi, rappresentazioni mentali non corrispondenti a verit. Ma non quella l'ombra. L'ombra quello che succede, nel buio della soffitta, al ritratto di Dorian Gray.
Sarebbe in discorso lungo e bellissimo da fare. Anche la letteraura junghiana, soprattutto quella divulgativa, si occupa poco o male dell'ombra.
Fragola is offline  
Vecchio 11-06-2006, 17.12.55   #36
fuoriditesta
Ospite abituale
 
L'avatar di fuoriditesta
 
Data registrazione: 19-03-2006
Messaggi: 169
Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
questa visione dell'inconscio come amico mi piace, mi fa sentire un p meno sotto pressione, rispetto all'idea di un inconscio egoista e arrogante come quello di freud.

devo contestare: quella definizione di inconscio riferita a Freud non sta n in cielo n in terra, l'inconscio non n "egoista" n "arrogante".
Povero Freud, sempre mistrattato
fuoriditesta is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright Riflessioni.it