Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 04-05-2003, 22.28.52   #31
Attilio
Ospite abituale
 
L'avatar di Attilio
 
Data registrazione: 07-08-2002
Messaggi: 375
Per Irene

Mi è piaciuto l'esempio pratico da te fatto.

Parlo in maniera del tutto personale:
mai a nessun amico ho chiesto di svolgere queste incombenze quotidiane. Per fare questo esistono quelli di cui tu non ti fidi, i conoscenti, a cui puoi rilasciare il giusto compenso.
Se un amico avesse bisogno di me in queste cose starebbe fresco, perchè di queste incombenze io me ne dimentico .
Quindi dal punto di vista mio personale, non ritengo questo esempio un fattore di valutazione dell'amicizia.

Amico è chi passa del suo tempo con me nei momenti più difficili, può anche capitare che in un momento non ci sia e non mi cambia: ci sarà in un'altro momento. O non ci sarà più: se l'ho definito amico è perchè almeno una volta l'ha fatto. Lo stesso vale per i momenti belli.
Amico è chi condivide con me le sue emozioni ed io le sue.
Amico è chi, anche una sola volta nella vita, mi fa sentire vivo stando con lui.

Leggendo ciò che scrivo sembra semplice avere amici, ma non è vero. Perchè quello che sta dietro queste parole è qualcosa di molto profondo e difficile da trovare.
Attilio is offline  
Vecchio 05-05-2003, 02.02.56   #32
tammy
Nuovo iscritto
 
L'avatar di tammy
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 1,287
after day

Effettivamente non ho mai scritto di mie esperienze dirette.
Dunque correva l'anno 1979 (da qui in poi conto gli smail sennò addio a tutti! è l'ultimo mio tentativo)
Conobbi la Sig. Vita (Santa Donna,Vicina di Casa alla quale non dispiacerebbe di sicuro un pò di pubblicità!) Santa Donna perchè dopo avermi incontrata sulla sua strada mi fece da baby sitter e da mamma, solo per la lontanza, senza mai chiedere una lira in cambio. In cambio ha da noi l'appellativo di nonna Vita a vita.....

Poi venne Santa Antonella (collega di lavoro)
Ella arrivò nel lontano 1995 quando mio marito ebbe un intervento cardiochirugico; non sò come, (mi fece i conti in tasca) ma Dio l'abbia in gloria, mi mise tra le mani una busta contenente Lit. 200.000; noi viviamo in prov. di Milano e il mio vivo e vegeto consorte è stato operato a Brescia. Quei soldi mi hanno permesso di andarlo a trovare tutte le sere. Io non ho chiesto nulla. Soldi restituiti. (sono orgogliosa I'm sorry)

Sono solo episodi della mia vita significativi all'interno del termine "amicizia", non mi chiedere cosa io abbia fatto per meritarli perchè non saprei rispondere.

Ciò che ho scritto, per me, nel termine della parola "amicizia", credo di averlo dimostrato. Un'amico/a è colui che comprende senza essere invadente e se può ti aiuta senza chiedere il tuo permesso. Lo fa e basta.

Le conoscenze, inoltre, rimangono tali finchè non si approfondiscono le proprie affinità intellettive e spirituali (mi dissocio dalla parola spirituale, ma non saprei come altro esprimerla in questo momento) e quantunque risultino affini...bè mi auguro sempre di non aver bisogno, ma dalle sole conoscenze ti ritrovi un'amicizia.
Come al solito mi son capita solo io! Tutta colpa dei due messaggi persi! uff..... che sudata

Insomma.. ognuno dà quel che può dare e l'altro prenda quel che può ricevere senza pretese!....ho fatto ancora del casino!

notte.....
tammy is offline  
Vecchio 05-05-2003, 11.09.11   #33
Paola
Ospite abituale
 
L'avatar di Paola
 
Data registrazione: 19-03-2003
Messaggi: 70
...non invadenza, dare aiuto senza chiedere il permesso....
ma come e quando capisco che invece, in quell'occasione non mi sono richiesti?...Mi spiego con un esempio: sempre più spesso mi capita di non sapere se la mano che tendo in realtà sia richiesta nel senso che mi pare in realtà ci sia bisogno solo di "un orecchio che accoglie lo sfogo", ma al di là di quello non c'è altro. Non mi si sta chiedendo un confronto, solo ascolto. E qui inizia la mia difficoltà a capire: è un rapporto che dura da anni, ci si conosce piuttosto bene e c'è oggi un'intesa che oso definire profonda. L'una può prevedere con un minimo scarto le reazioni e i pensieri dell'altra, che a seconda delle situazioni, è un vantaggio e un rischio. La sincerità con cui ho cercato di caratterizzare il rapporto è per me condizione fondamentale del dialogo e del confronto....eppure non è sempre così. Spesso mi sento in difetto perchè mi sembra di fare ciò che non mi è richiesto e dire ciò che non mi è domandato. La verità è che in amicizia non vedo perchè non si possa essere autentici, veri, trasparenti.
E' un discorso contorto... allora mi chiedo se a volte sia meglio tacere....
Paola is offline  
Vecchio 05-05-2003, 12.37.57   #34
visir
autobannato per protesta
 
L'avatar di visir
 
Data registrazione: 02-05-2002
Messaggi: 436
Amici e tesori.

Prima di domandarsi se esiste l'amicizia bisognerebbe rispondersi se si è capaci di essere veri amici.

A questo aggiungerei una buona manciata di anni (almeno 20) per poter così conoscersi/ perdonarsi/ deludersi/ riconciliarsi, come una pianta che cresce solo grazie alle stagioni (buone e cattive).

L'amicizia supera qualunque stereotipo poichè abbraccia il cuore dell'uomo.

Allora di un'amico amerò l'affidabilità e dell'altro l'inaffidabilità, poichè il sentimento è, e deve essere mosso dal cuore.
Cioè supera i nostri clichè, per fortuna.

L'amicizia disinteressata mi appare un'utopia almento all'inizio, ma in questo non vedo niente di male anche in Natura molte specie vivono in simbiosi e sono per così dire amiche.
Che c'è di male se alla prosperità di uno si unisce anche quella dell'altro a patto che non diventi il motore del rapporto.

Comunque penso che valga riflettere su come l'amicizia si misuri con la capacità di dare, ma cosa dare? e come darlo? è giusto essere grati solo per quello che ci pare a noi, e magari non apprezzare ciò che invece un'altro sà solamente darci?

A queste domande ogni amico deve rispondere per sé nel silenzio del propio sentimento.
visir is offline  
Vecchio 05-05-2003, 15.53.32   #35
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Uso il rosso perché il rosso è il colore che più mi si confà… nessuna replica… solo un gioco, ma intanto chiarisce… forse e me lo auguro.

L'amicizia, gentil rampollo,
è cosa seria e non di un pollo,

Io mai la vissi col torcicollo
Semplicemente come un bel gioco
Di cui mi lagno molto poco

anch'io, senza dubbio, stupida,
ed ingenua, conobbi la perfida,

Con me lei fu molto più che tepida
E mai l'ebbi a coglier così perfida,
Comunque, sappi, errasti il bersaglio
E di questo tuo ennesimo sbaglio
Io ti 'perdono' con animo gioioso.
Perché della vita son sempre più goloso

ed ormai inutile parola chiave:
"io ti comprendo, poi... almeno così parve,"
Non mi colse più di una volta,
la seconda sarei stata una stolta,
questa è la mia esperienza,
ma non si parla di conoscenza,
io parlo di amicizia,
quella "face to face", non fittizia,

Vivo senza troppa mestizia,
Ed anche di quel dono so far gran tesoro
Di cui oggi un po’ m'onoro

Orchè, la tua, telefonica sia,
scusa non è la mia,
e dunque perchè raccontarmi
quel che a me de meno può fregarmi?

Io vivo senza lagnarmi
Colgo sereno quanto san donarmi
Ho solo raccontato ciò che è per me
Quel che per te non è.
L'ho detto al mondo
Che in fondo in fondo
Saprà di questa mia gioia
Non trovar motivi di noia,
Si parla per ciarlare
E anche un po’ per testimoniare.
Sappi cogliere tu il vero senso
Di quel che intimamente penso,
Ma non voler da ciò recuperare
Altre tue esperienze amare.

Comprendo il tuo sfogo!

Al momento son scevro da quest'osceno giogo
Un dì lei conobbi in un gran bel luogo
Ed ora abbiam l'arte per godere del piacere
Di evitarci l'insano mestiere
Che rende tutto opaco.
Son certo che non sarà uno svacco

Vorresti vederla… trova il luogo!
Io ho bisogno di un viso,
per affidar il mio sorriso,

Io quel sorriso colsi, che tosto tramutammo in riso
Il luogo c'è e lì sapremo rinnovare
Quel che dentro di te non sai trovare.
Non si tratta d'amare
Ma scambiamo emozioni
Senza sentirci con ciò coglioni [licenza poetica]

così da poter dir... "ti conosco..."
almeno sò che non sei un tipo losco,
certo parliamo di apparenza,
ma è pur sempre conoscenza,
e senza questa, ti garantisco,
potresti essere l'agente del fisco,
non t'invidio di sicuro,
ma rispetto il tuo animo puro.

Son certo che con te il mio agire non fu scuro.
Quel che di lei mi nutre non è certo apparenza
E' pieno di chiara luce che rende trasparenza
Ho scorto il suo animo sincero
Come lei colse il mio sereno
(non c'è la rima, ma in tema sono asino terreno)

La conseguenza...
rispetta la mia esperienza,

Io la tua rispetto con estrema limpidezza
Ma non far della mia un'insana sciocchezza,
So misurar me stesso,
Lo faccio alquanto spesso,
Non riesco a farlo con altri
Che sono troppo scaltri,
Io ingenuo, questo l'ho già detto,
Godo dell'altrui piacere, senza animo interdetto

per fortuna non siamo tutti uguali,
e non cercar parole oscure, tali,
da dover intraprendere una via,
che riconduca all'alchimia,
la formula non c'è,
con la stupidità e l'ignoranza
non andremo nemmeno in vacanza!

Spero d'aver risposto senza troppa altera arroganza,
Nel caso chiedo venia, l'intenzion non c'era
Questa è la mia storia, solo quella più vera.
Non cerco la via oscura
E non solleverò le mura
Che alle persone inibiscono
Quel che con la ragion non concepiscono
All'animo, solo a quello, sempre faccio appello
Mi basta un attimo, un momento piccolino
E quando questo è bello e certosino,
Mi so levare tanto di cappello
visechi is offline  
Vecchio 05-05-2003, 18.11.58   #36
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
per Visir:

L'amicizia non chiede... semplicemente si limita a vivere... di questo sono convinta.

Inoltre sono più che consapevole che l'interesse esiste... ma è l'interesse per ciò che la persona è a fare di un rapporto una vera amicizia.... in caso contrario è solo una conoscenza più ampia del comune....


per il mio gemellino:

Citazione:
Leggendo ciò che scrivo sembra semplice avere amici, ma non è vero. Perchè quello che sta dietro queste parole è qualcosa di molto profondo e difficile da trovare.


concordo in pieno con ciò che hai detto...e credo che quanto hai scritto sia il segreto della vera amicizia.....


Tammy e Visechi.... mi state facendo morire...hehehe cane e gatto heheheh
deirdre is offline  
Vecchio 05-05-2003, 18.27.49   #37
tammy
Nuovo iscritto
 
L'avatar di tammy
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 1,287
guarda.....



E che ti vivisezioni a fare?

tammy is offline  
Vecchio 05-05-2003, 20.35.52   #38
irene
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-11-2002
Messaggi: 474
Può esistere un'amicizia non ricambiata?
L'amore non ricambiato esiste,e lo sappiamo.
Perchè l'amore è moto dell'anima che non richiede,necessariamente,per sorgere,una risposta emotiva della stessa intensità...E' incantamento,è stupefazione...sempre viva e sempre rinnovata di fronte alla presenza,o anche al solo pensiero,della persona amata.
Per l'amicizia il discorso è diverso,a mio parere.
Mi sembra evidente che,senza voler assolutamente contabilizzare il "dare" e l' "avere",un minimum di reciprocità,e di continuità,siano necessari.
Si può considerare amica una persona ,a cui vogliamo bene,ma che ci considera e si ricorda di noi solo ed esclusivamente in assenza di altri amici,che ritiene più importanti?

Attilio e Visir hanno avuto delle parole molto belle,molto toccanti,sull'amicizia.
Ma ho apprezzato moltissimo anche la testimonianza personale di Tammy,che ha saputo mettere bene in luce come l'amicizia possa esplicitarsi anche in termini di aiuto e sostegno "concreto",senza nulla pretendere...e nulla contabilizzare.Con delicatezza,attenzione,e rispetto.
Buona serata a tutti.

Ultima modifica di irene : 05-05-2003 alle ore 20.38.56.
irene is offline  
Vecchio 05-05-2003, 21.47.46   #39
Attilio
Ospite abituale
 
L'avatar di Attilio
 
Data registrazione: 07-08-2002
Messaggi: 375
Per Irene
Amicizia non corrisposta, si credo possa esistere.
D'altronde sto imparando che a questo mondo tutto può esistere, anche ciò che sembra più assurdo ed inverosimile.

Vedo l'amicizia come un moto del cuore, come già ti ho spiegato la vedo un pò diversamente da te.
Quindi può darsi che io mi affezioni a qualcuno e le stia vicino, può darsi che quel qualcuno (per molteplici problemi suoi, alcuni dei quali magari mi hanno attratto a lui) poco si curi del mio affetto ed aiuto nei suoi confronti, così stà a me capire la situazione se veramente voglio starle vicino. Se poi passati i suoi problemi mi riconoscerà ok, va bene, altrimenti è andata così... sarò dispiaciuto ma ho seguito il mio istinto, di cui ultimamente mi fido.

Mi incazzerei solo se questo mio "assistito" vede che lo aiuto, capisce che sono un pollo e se ne approfitta il più possibile per poi non salutare neanche. Ma qui non si parla di amicizia non corrisposta, si parla di avvoltoi.

Per la mia gemellina:
ne sono convinto...
Attilio is offline  
Vecchio 06-05-2003, 16.42.13   #40
Paola
Ospite abituale
 
L'avatar di Paola
 
Data registrazione: 19-03-2003
Messaggi: 70
Amicizia non corrisposta...
Per esperienza mi viene da dire istintivamente che può esistere, ma di fatto è un'amicizia camuffata e totalmente snaturata...quindi una non-amicizia.
A me è capitato di avere un'amica che sapevo non essere proprio definibile tale, ma che nonostante questo ho rispettato e stimato come tale, pur sapendo che invece ciò che metteva in atto rispetto a noi molto poco similea ciò che io ritengo "Amicizia"...una sorta di utilitarismo camuffato con finto interessamento sincero....
Credo che quando si incappa in rapporti amicali di questa strana natura e li si riconosce, prima o poi la vera natura emerge...attraverso le piccole cose o anche attraverso comportamenti eclattanti....Io sono rimasta mlto delusa, pur sapendo la verità, e mi dispaice ancora adesso perchè ho creduto che un giorno ci sarebbe stato un salto di qualità...
Riflettendoci, penso che un'amicizia caratterizzata da dinamiche come queste, in realtà sia la tipologia più facile da incontrare e sperimentare, è quella più superficiale, quella in cui almeno una delle due persone non si giocano nel rapporto con anche quella gratuità che invece è tipicamente degli amici....
E' vero che si passa per questa fase quando ci si trova di fronte a qualcuno totalmente da scoprire, per cui occorre metterla in conto agli albori di una nuova conoscenza. Con questo non sono qui a dire che che l'ipocrisia e l'utilitarismo siano condizione fondamentale e imprescindibile: anzi, proprio per niente. Voglio dire che nella scoperta del nuovo, per autodifesa anche a volte, è naturale che non ci si butti a pesce o ci si ponga come un libro aperto, o come dei fratelli perchè non lo si è. L'amico è un dono...da conquistare....
Paola is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it