Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 05-10-2006, 18.41.38   #1
Nuvoletta
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-09-2006
Messaggi: 51
come è possibile (non riuscire a piangere)

Ciao, ho da poco perso una persona a cui volevo bene ma a cui tuttavia non parlavo tanto. Era un'insegnante di musica e per me è stata importante in un periodo particolarmente buio della mia vita. Non è che si parlava tanto, ci si capiva di più con gli sguardi, io penso che tante volte le parole dette non siano così importanti.
Il punto è questo: ho perso questa persona che non vedevo da molto tempo e non sono ancora riuscita a piangere benchè mi senta immensamente triste. Come si può spiegare una cosa del genere? forse sono diventata insensibile oppure ho paura di ritrovarmi debole e non riuscire a combinare nulla. In passato sono stata sempre così e tutti mi dicevano di non essere pessimista, di essere forte, di non piangere. Ebbene, forse sono diventata così ma sto ancora peggio. Inoltre, un'altra cosa che non riesco a capire e che mi fa soffrire: non c'è nulla da fare, mi vergogno troppo a piangere davanti a qualcuno, le poche volte che l'ho fatto mi sono sentita uno schifo perchè ho suscitato la commozione in chi mi vedeva.
Grazie in anticipo per le risposte.
Nuvola
Nuvoletta is offline  
Vecchio 05-10-2006, 22.23.39   #2
senzanome
Ospite abituale
 
L'avatar di senzanome
 
Data registrazione: 17-04-2006
Messaggi: 163
Riferimento: come è possibile (non riuscire a piangere)

Citazione:
Originalmente inviato da Nuvoletta
forse sono diventata insensibile.

e chi l'ha detto che chi piange è sensibile e chi non piange non lo è?
senzanome is offline  
Vecchio 06-10-2006, 03.07.23   #3
mandi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 22-06-2006
Messaggi: 57
Riferimento: come è possibile (non riuscire a piangere)

E' possibile nuvoletta, non fartene un cruccio! In quasi 35 anni ne ho passate credimi e le volte che ho pianto le conto su una mano. Non é detto che perché uno non pianga sia meno sensibile di altri, o che senta meno le proprie sensazioni, secondo me si tratta solamente di una maniera diversa di reagire. Magari chi piange ha lo sfogo lì al momento e poi avanti si và, qualcun altro, se pur non piangendo, porta più a lungo dentro di sè un tale dolore. Quando meno te lo aspetti succede.... Un abbraccio
mandi is offline  
Vecchio 06-10-2006, 09.40.07   #4
pascal
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2006
Messaggi: 41
Riferimento: come è possibile (non riuscire a piangere)

Citazione:
Originalmente inviato da Nuvoletta
Ciao, ho da poco perso una persona a cui volevo bene ma a cui tuttavia non parlavo tanto. Era un'insegnante di musica e per me è stata importante in un periodo particolarmente buio della mia vita. Non è che si parlava tanto, ci si capiva di più con gli sguardi, io penso che tante volte le parole dette non siano così importanti.
Il punto è questo: ho perso questa persona che non vedevo da molto tempo e non sono ancora riuscita a piangere benchè mi senta immensamente triste. Come si può spiegare una cosa del genere? forse sono diventata insensibile oppure ho paura di ritrovarmi debole e non riuscire a combinare nulla. In passato sono stata sempre così e tutti mi dicevano di non essere pessimista, di essere forte, di non piangere. Ebbene, forse sono diventata così ma sto ancora peggio. Inoltre, un'altra cosa che non riesco a capire e che mi fa soffrire: non c'è nulla da fare, mi vergogno troppo a piangere davanti a qualcuno, le poche volte che l'ho fatto mi sono sentita uno schifo perchè ho suscitato la commozione in chi mi vedeva.
Grazie in anticipo per le risposte.
Nuvola


non sei insensibile perchje hai scritto a questo forum e si vede che sei triste
non hai pianto perche ora sei cresciuta e perchè non pensavi + ormai a questa professoressa di music
il dolore se ne andrà lo stesso,+ lentamente ma se ne andrà


un'altra cosa,dimenticavo,se ti sei sentita uno schifoquando piangevi vuol dire che non eri interessata per ciò in cui piangevi,perchè senno non te ne sarebbe fregato niente delle persone che ti vedevano.posso anche sbagliarmi,non ti conosco.
pascal is offline  
Vecchio 06-10-2006, 14.03.00   #5
Lucy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 212
Riferimento: come è possibile (non riuscire a piangere)

Sono d´accordo con senzanome.

Io piango raramente, ma certamente non sono insensibile.

1. Quando ero piccola, nella scuola abbiamo letto un libro italiano "Il cane che viaggiava con i treni". Alla fine il cane muore per salvare una piccola ragazza.
Leggendo questo frammento una altra bambina ed io piangevamo sempre. Odiavo ma non potevo cambiarlo. Noi due abbiamo fatto divertimento per gli altri bambini, che non piangevano.

2. La stessa cosa occorre oggi quando vedo un film molto triste. So che non è vero, però non posso trettenermi. Odio quando la gente può vedermi, nel cinema per esempio.

3. La cosa terribile è che qualche volta quando commincio a piangere non posso più smettere fino alla fine del giorno.
Accade forse una volta per cinque anni, per fortuna, altrimenti andrei da uno psychiatra.
Per esempio è accaduto alcuni anni fa da un dentista. Lui aveva un carattere robusto ed io per un motivo banale ho comminciato a piangere. Non potevo smettere più. Mi lasciava sola, ho provato la respirazione, ho recitato mentalmente le poesie, niente da fare.
Il dentista ha probabilmente pensato che io fossi una squilibrata, una pazza.

Allora preferisco non piangere.
Ci sono altri modi di sfogo.
Lucy is offline  
Vecchio 06-10-2006, 16.37.50   #6
Mr.Chakra
Ospite abituale
 
L'avatar di Mr.Chakra
 
Data registrazione: 27-09-2006
Messaggi: 64
Lightbulb Riferimento: come è possibile (non riuscire a piangere)

Perchè è obbligo piangere per una persona scomparsa che ci stava a cuore?
Chi l'ha scritto!?!?!
è vero che piangere pre questa persona indica che ti stava a cuore... ma il pianto o meno non farà cambiare i tutoi sentimenti che hai in questo periodo... Ti dico che se sai veramente quello che provi in questo periodo e per questa persona... allora basta... non è importante il pianto...
Inutile prendere spunto dallo stereotipo della persona adoolorata dalla morte di un caro che si strappa i capelli...
Mr.Chakra is offline  
Vecchio 06-10-2006, 17.12.13   #7
Lucy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 212
Riferimento: come è possibile (non riuscire a piangere)

Ci sono paesi, dove si paga delle persone che vengono alla sepoltura e si lamentano. Dico sul serio. Ho letto in un libro russo.
La familia di un uomo ricco può pagare molte donne che si lamentano.
E una usanza ufficiale. Forse non si fa molto più.
Lucy is offline  
Vecchio 06-10-2006, 18.54.43   #8
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: come è possibile (non riuscire a piangere)

Vedrai che un giorno,al momento giusto,piangerai...tanto,tanto ..adesso sei un
pò bloccata.Con il tempo riuscirai a buttare fuori..perchè è importante che tu possa in qualsiasi modo buttare fuori il tuo dolore.
klee is offline  
Vecchio 06-10-2006, 19.43.25   #9
Nuvoletta
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-09-2006
Messaggi: 51
Riferimento: come è possibile (non riuscire a piangere)

Citazione:
Originalmente inviato da pascal
non sei insensibile perchje hai scritto a questo forum e si vede che sei triste
non hai pianto perche ora sei cresciuta e perchè non pensavi + ormai a questa professoressa di music
il dolore se ne andrà lo stesso,+ lentamente ma se ne andrà


un'altra cosa,dimenticavo,se ti sei sentita uno schifo quando piangevi vuol dire che non eri interessata per ciò in cui piangevi,perchè senno non te ne sarebbe fregato niente delle persone che ti vedevano.posso anche sbagliarmi,non ti conosco.

no, invece ci pensavo. La pensavo spesso anche perchè sapevo che era malata. Volevo andare a trovarla ma suo marito non lasciava entrare nessuno in casa e al telefono non ce la passava mai (anche perchè non poteva parlare); mi è rimasto un grande vuoto dentro perchè quando è morta ero in vancanza a più di 1000 km di distanza, non l'ho saputo subito e soprattutto non sono potuta andare al suo funerale. Credo che se ci fossi andata avrei affrontato la cosa in un altro modo, avrei avuto modo di rendermi conto che non c'è più. Invece sono stata tanti giorni a pensare che se n'era andata e a non riuscire a dire nulla, a non rendermene conto veramente. E ancora adesso è così, non me ne rendo bene conto, pur avendo visto per ben due volte la sua tomba. Sento solo la sua voce da soprano nelle orecchie in tutti i canti che solitamente intonava e spesso la sogno in un modo confuso.
Il problema è che forse ho paura di piangere, forse ho assunto fin troppo questa aria da "dura" per ragioni di lavoro e non riesco più a lasciarmi andare.
Mi sono sentita uno schifo in altre situazioni quando piangevo perchè sono diffidente e temo che le persone non mi capiscano come io vorrei, ma ti assicuro che le cose per cui ho pianto erano importanti.
Nuvoletta is offline  
Vecchio 06-10-2006, 19.45.02   #10
Nuvoletta
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-09-2006
Messaggi: 51
Riferimento: come è possibile (non riuscire a piangere)

Citazione:
Originalmente inviato da mandi
E' possibile nuvoletta, non fartene un cruccio! In quasi 35 anni ne ho passate credimi e le volte che ho pianto le conto su una mano. Non é detto che perché uno non pianga sia meno sensibile di altri, o che senta meno le proprie sensazioni, secondo me si tratta solamente di una maniera diversa di reagire. Magari chi piange ha lo sfogo lì al momento e poi avanti si và, qualcun altro, se pur non piangendo, porta più a lungo dentro di sè un tale dolore. Quando meno te lo aspetti succede.... Un abbraccio

Grazie mille per le tue parole
Nuvoletta is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it